Violenza all’ospedale Ingrassia, si potrà accedere muniti di pass

Due episodi in due giorni, potenziato il servizio di vigilanza affidato alla Mondialpol

PALERMO – È stato potenziato il servizio di sicurezza all’interno dell’Ospedale Ingrassia di Palermo. Dopo l’escalation di violenza nei confronti di medici e personale sanitario e di danneggiamenti, l’Asp corre ai ripari.

In soli due giorni si erano registrati due episodi, ora è stato potenziato ulteriormente il servizio di vigilanza affidato alla Mondialpol. Una seconda unità sarà operativa nei reparti giudicati a rischio tra i quali l’area del pronto soccorso.

Il direttore del presidio ospedaliero dell’Ingrassia, Antonino Di Benedetto, ha anche annunciato un’altra novità. Presto ogni persona che entrerà all’interno del nosocomio, che sia un paziente o un suo parente, sarà identificato con un pass.

Il provvedimento soddisfa i sindacati ma non del tutto. Angelo Collodoro, vicesegretario del regionale del sindacato dei medici Cimo, chiede adesso altre misure strumentali per “conformarsi alle raccomandazioni ministeriali sulla sicurezza e sulla prevenzione degli atti di violenza nei confronti degli operatori sanitari”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.