Buono libri scolastici, attivate le procedure per l’anno 2019/20. Ecco tutto ciò che c’è da sapere

L’istanza di partecipazione dovrà essere presentata entro il 30 settembre 2019

MONREALE – Sono state attivate le procedure per l’erogazione degli stanziamenti destinati alla fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo per le famiglie con basso reddito anche per l’anno scolastico 2019-2020. I beneficiari dei fondi sono gli studenti delle scuole secondarie di primo e di secondo grado, statali e paritarie, il cui nucleo familiare abbia un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) pari o inferiore a 10.632,94 €.

Per la valutazione della situazione economica dei cittadini richiedenti prestazioni  sociali agevolate come questa, la normativa prevede che possa avvenire attraverso la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), i cui periodi di validità sono però cambiati. L’ISEE rilasciato dal 1° gennaio 2019 al 31 agosto 2019 sarà valido fino al 31 dicembre 2019, mentre l’ISEE rilasciato dal 1° settembre 2019 al 31 dicembre 2019 scade il 31 agosto 2020.

Saranno valutate solo le attestazioni ISEE senza omissioni o difformità, pena l’esclusione. Se il dichiarate non è in possesso dell’attestazione ISEE dovrà inserire nella domanda il numero di protocollo e la data di presentazione DSU, in modo che gli enti locali possano acquisire l’attestazione tramite l’INPS. I beneficiari del contributo dovranno conservare copia della documentazione di spesa relativa ai libri di testo per almeno 5 anni, in caso fosse necessario esibirla su richiesta dell’amministrazione. In caso contrario si rischia la decadenza dei benefici.

L’istanza di partecipazione deve essere presentata esclusivamente presso l’Istituzione scolastica frequentata entro e non oltre il 30 settembre 2019. Le scuole interessate dovranno poi trasmettere le domande ai comuni di residenza entro il 31 ottobre 2019.

Gli stanziamenti saranno accreditati direttamente ai comuni, che stabiliranno le modalità di concessione dei contributi e li erogheranno sulla base dei criteri o dell’importo di spesa dichiarato.

Oltre alla compilazione della domanda, in cui va dichiarato il valore ISEE, i richiedenti (padre, madre o tutore dell’alunno/a) dovranno allegare fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale del genitore o tutore richiedente, fotocopia dell’attestazione ISEE e fotocopia del codice IBAN. Gli studenti ripetenti della stessa classe dovranno chiedere il contributo solo per i libri di testo diversi dall’anno precedente.

È possibile scaricare la domanda cliccando qui.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.