Oggi è 21/09/2019

Cultura

L’utilizzo aggressivo della parola nei media come strumento di persuasione del debole

Sdoganata l’idea che mitezza, umiltà e gentilezza siano sinonimo di caratteristiche umane perdenti, da delegare ai più sfigati

Pubblicato il 26 agosto 2019

L’utilizzo aggressivo della parola nei media come strumento di persuasione del debole

Soffrire di insonnia ciclica credo non sia per nessuno una passeggiata di salute. Per quanto mi riguarda le notti parzialmente insonni che trascorro inerme, stesa sul letto, immersa nell’oscurità, rappresentano la mia personale “croce e delizia”. Croce perché la mancanza di sonno acuisce una mia già evidente caratteristica: la distrazione, ovvero quel perenne status di sottile e delizioso ottundimento che mi conferisce un’aura da sognatrice con la “testa fra le nuvole”. Delizia perché essa spesso diventa per me una forma di contemplazione, ove i pensieri prendono un corso diverso e danno vita a riflessioni gradevoli, più o meno profonde e interessanti. 

Stamattina all’alba, in penombra, con lo sguardo rivolto oltre la finestra, a cercare il meraviglioso risveglio di un mare piatto e tranquillo, mi sono soffermata a riflettere sul motivo per cui io non riuscissi a ricordarmi un solo mio atto di gratitudine, fine a se stessa, offerto a uno sconosciuto o a una sconosciuta, senza un motivo, anche apparente, che lo giustificasse.

Mi sono posta “il dilemma” se il mio essere sostanzialmente adattabile, sempre pronta a ringraziare chi mi offre il suo supporto, fosse di per sé un elemento sufficiente per fare di me una persona appagata, in parziale pace con sé stessa e, di conseguenza, empatica e gentile.

Il modello dominante che emerge in quest’epoca, così esposta ma anche così incerta e frammentaria, è quello offerto, non dalla pacatezza e dalla cortesia, ma, al contrario, da un’arroganza  capillarmente diffusa e sempre più invasiva, che, per certi versi, ci accomuna un po’ tutti.

Nessuno è esente da istanti di pura e alienante agitazione, il più delle volte, avendo perfino parecchi e validi motivi per avallarne le ragioni. Spesso si sostiene che il fatto di essere sfrontati o troppo diretti, sfiorando la maleducazione, non sia solo colpa nostra. Si afferma che sia dovuto alla circostanza umana dello sfogo o, meglio, della difesa. Ecco allora come offesa e difesa rappresentino una caratteristica comune: la diffidenza. La paura di prendere in carico l’altro, di scendere serenamente a patti con le sue idee, il suo carattere, le sue peculiarità e i suoi atteggiamenti. Chi non la pensa come me diventa un “nemico” e, dunque, scagliarmi su di lui, infierendo con invettive forti e urlate (anche quando sono scritte), diventa perfettamente legittimo. 

Se ci fermassimo un attimo a riflettere, quasi tutti scopriremmo quanto, sovente, appariamo maggiormente pronti a fruire delle  parole, per usarle come arma, rispetto all’utilizzo consolatorio e pacificatore che, attraverso esse, si potrebbe promuovere in tante circostanze. Un esempio calzante è determinato dal fatto che molti pubblicano con soddisfazione, incessantemente e impunemente giudizi irresponsabili sui social, contro questo o quel soggetto, percepiti come antagonisti… uno specchietto per le allodole dove dirottare una rabbia sorda, che cela ben altre e recondite cause. 

L’aggressione verbale diventa, allora, l’altra faccia di una medaglia coniata con la stessa sostanza delle frustrazioni, dell’inconsapevolezza, delle fragilità umane.

L’arroganza non più come elemento distintivo di un fare intollerante e deleterio, ma come protezione e rivalsa: una sorta di guscio simile a quello della lumaca, dove chiudersi o aprirsi al mondo, a fasi alterne. 

Ciò espone molti individui a una vulnerabilità talvolta sconvolgente, ove l’unico mezzo di rivalsa è costituito dalle parole, usate come il carro armato di una guerra tra tristi e contrapposte solitudini. Senza calcolare, però, che è proprio il “come” si usano le parole la chiave di volta che ci espone maggiormente al giudizio della collettività e alla gogna mediatica, poiché dice di noi molto di più di quanto non dicano le parole stesse. Non esiste nulla di più esplicito e aggressivo della violenza di chi si sente debole. Persino nella blanda analisi politica che elaboriamo dal divano di casa, quando osserviamo i vari politici ospiti dei talk show televisivi, diventa relativamente semplice individuare chi tra i partecipanti si sente maggiormente in pericolo. Solitamente è colui che si scalda eccessivamente, che cerca di sovrastare, parlando sopra gli altri. Quello, apparentemente forte e determinato, che si esprime in maniera assoluta, senza dare spazio all’interlocutore. Quello seduto in punta di sedia, pronto a scagliarsi contro chi tema possa contraddirlo, con pericolose evidenze di fatti reali e concreti.

Questo perché ormai è stata del tutto sdoganata l’idea (priva di buon senso) che la mitezza, l’umiltà e la gentilezza siano sinonimo di caratteristiche umane perdenti, da delegare ai più sfigati. In realtà la gentilezza, espressa attraverso un linguaggio pacato, può, invece, diventare il contributo fondamentale al progresso sociale di tutte le donne e di tutti gli uomini che amano assumersi la responsabilità fondamentale di veicolare, intorno a loro, un modo civile e decoroso di essere e di agire, che miri alla persuasione. Ed è proprio la persuasione l’unica boa che può aiutarci ad approdare, senza patimenti, a qualsiasi scopo ci siamo prefissati, più di qualunque protesta o richiesta arrogante, magari ammantata di quella sottile forma di ipocrisia nota come “il politicamente corretto”.

Star bene con se stessi significa diventare tolleranti e autorevoli, ma diventare tolleranti e autorevoli, oltre a risultare essenziale per il nostro benessere, ci permette di posizionarci in zona di sicurezza. 

Metterci in sicurezza, infatti, significa proteggerci. Significa che nessuna parola, anche la più oltraggiosa, può riuscire a farci male, senza il nostro avallo. Significa diffondere quella tranquillità determinata e coraggiosa per bonificare il terreno comune, dall’inutile veleno sparso. Significa adoperarsi per la verità, per evitare che la mala erba della calunnia e del risentimento metta radici e produca i frutti avvelenati di una barbarie tanto violenta, quanto inestirpabile. 

Questo perché, a lungo andare, la ferita inferta brucia di più di quella subita…ma il veleno versato, anche dopo un tardivo pentimento, fa il suo corso urticante che non conosce antidoto. 

LA VIPERA CONVERTITA 

“Appena che la Vipera s’accorse

d’ esse vecchia e sdentata, cambiò vita.

S’era pentita? Forse.

Lo disse ar Pipistrello : — Me ritiro

in un orto de monache qui intorno,

e farò penitenza fino ar giorno

che m’esce fòri l’ultimo sospiro.

Così riparerò, con un bell’atto,

a tanto male inutile ch’ho fatto…

— Capisco : — je rispose er Pipistrello —

la crisi de coscienza è sufficente

per aggiustà li sbaji der cervello:

ma er veleno ch’hai sparso fra la gente,

crisi o nun crisi, resta sempre quello.”

Trilussa

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Vedere la tv dove vuoi: ecco le soluzioni per auto e camper

    Cultura

    La vacanza in camper è sinonimo di avventura, viaggio, paesaggi visti in corsa, familiarità, divertimento. Il camper ti dà la possibilità di avere una casa mobile, di spostarti come preferisci e di organizzare la vacanza come vuoi. Montagna, mare, città d’arte o tutte queste cose insieme. Per..

    Continua a Leggere

  • Ieri a Monreale la gara ciclistica intitolata a Felice Gimondi e al medico Isidoro Giangreco

    Cultura

    Una serata di sport ieri sera per le vie di Monreale dove è andata in scena la gara ciclistica intitolata a Felice Gimondi, leggenda del ciclismo italiano. Un’occasione per ricordare anche il medico monrealese Isidoro Giangreco, grande appassionate del mondo delle due ruote, scomparso a causa di ..

    Continua a Leggere

  • I Love Monreale, dopo il red carpet di piazza Vittorio Emanuele folla di gente per I 4 Gusti

    Cultura

    [gallery ids="118388,118386,118385"] MONREALE - Dopo il red carpet di piazza Vittorio Emanuele, calcato dalle Miss e dai Mister di I Love Monreale che hanno portato in passerella le collezioni autunno inverno made in Italy di alcune delle bout..

    Continua a Leggere

  • Processo PANTA REI: 3 secoli di carcere per 32 mafiosi di Borgo Vecchio, Villabate e Bagheria

    Cultura

    [gallery ids="118143,118144,118145,118146,118147,118148,118149,118150,118151,118152,118153,118154,118155,118156,118157,118158,118159,118160,118161,118162,118163,118164,118165,118166,118167,118168,118169,118170,118171,118172,118173,118174"] PALERMO - I giudici di Appello hanno emesso un sentenza p..

    Continua a Leggere

  • Milano capitale della moda: Salvo Lo Coco al “Milano Fashion week”

    Cultura

    [gallery ids="118372,118373"] Sono questi i tre elementi che messi insieme, daranno una delle settimane più importanti dell’anno; la presentazione delle collezioni dei brand più prestigiosi nazionali ed internazionali della primavera-estate 2020. Una settimana,..

    Continua a Leggere

  • Spettacolo, moda e bellezza: piena la piazza vestita a festa per I Love Monreale (LE FOTO DEI MODELLI)

    Cultura

    [gallery ids="118188,118189,118190,118191,118192,118193,118194,118195,118196,118197,118198,118199,118200,118201,118202,118203,118204,118205,118206,118207,118208,118209,118210,118211,118212,118213,118214,118215,118216,118217,118218,118219,118220,118221,118222,118223,118224,118225,118226,118227,118228..

    Continua a Leggere

  • Monreale, da oggi al Circolo di Cultura Italia la Mostra Pittorica Personale dell’artista Katia Cirrincione

    Cultura

    MONREALE - Alle ore 18,00 di oggi, presso il Circolo di Cultura Italia a Monreale, il presidente Claudio Burgio e il consigliere comunale Santina Alduina inaugureranno la Mostra Pittorica Personale dell’artista Katia Ci..


  • Scomparsa Mons. Bommarito, Arcidiacono: “Lascia un’eredità indelebile nella formazione umana delle generazioni degli anni ’60

    Cultura

    Molto cordoglio tra tanti monrealesi per la scomparsa di Mons. Luigi Bommarito, un uomo che ha contribuito alla loro formazione. Il Sindaco Arcidiacono a nome dell’amministrazione Comunale, del Consiglio Comunale e della cittadinanza esprime il proprio cordoglio alla famiglia Bommarito. "Apprez..


  • Ratto in via Roma in pieno giorno, ucciso con una scopa. Panico fra i passanti

    Cultura

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2019/09/ratto1.mp4"][/video] MONREALE - Scompiglio questa mattina in via Roma, a ridosso dell'area pedonale, dove a partire già da ieri sera commercianti e passanti han..


  • Don Gino Bommarito, aperta a Terrasini la camera ardente

    Cultura

    TERRASINI - Aperta questa mattina la camera ardente presso la chiesa degli Agonizzanti di Terrasini per l’ultimo saluto a Mons. Luigi Bommarito. Per tutta la giornata previsto un lungo afflusso di gente. Di Mons. Bommarito in tanti, tra colo..


  • Monreale. Vuoi diventare scrutatore o presidente di seggio elettorale? Aperti i termini per presentare la domanda

    Cultura

    MONREALE - Tutti gli elettori ed elettrici del Comune di Monreale, che desiderano l’iscrizione nell’albo unico comunale delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale, dovranno presentare domanda al Sindaco del Comune d..


  • Italia Viva? Silvio Russo: “No, appartengo e rimango nel Pd”. E a Monreale i democratici si riorganizzano

    Cultura

    MONREALE - C’è chi resta nel PD, c’è chi va via e chi invece è in attesa di capire se seguire Matteo Renzi nel suo nuovo partito Italia Viva. Sono in tutto 30 i deputati e i senatori necessari al rottamatore per formare due gruppi autonomi..


  • Acquedotto Consortile Biviere: il sindaco Arcidiacono nomina Maria Grazia D’Amico componente del CDA

    Cultura

    MONREALE - Avviato anche a Monreale lo Spoil System. Il sindaco, Alberto Arcidiacono, sta cominciando a mettere mano agli incarichi di sottogoverno. A partire da quelle dei CDA degli enti partecipati dal comune, saranno una qu..


  • A Monreale il Catasto degli incendi e il “Salotto”, OK del consiglio alle due proposte del M5S

    Cultura

    Catasto degli incendi e "Salotto monrealese", il Consiglio Comunale approva all'unanimità le due proposte presentate dal presidente della Commissione Bilancio, il consigliere del M5s Fabio Costantini.

    Ogni anno, il territori..


  • Ignazio Davì: “La mia un’appartenenza ormai “storica” al Partito Democratico, ma a Monreale impegnato con il Movimento Il Mosaico”

    Cultura

    Riceviamo e pubblichiamo: Gentilissimo Direttore, in riferimento al Suo articolo "Divorzio in casa Pd. Ma Davì, Giannetto e Russo restano fedeli ai dem" mi preme chiarire la mia posizione per onestà intellettuale e per evitare fraintendimenti in riferimento all'assenza di dichi..


  • È morto monsignor Luigi Bommarito, aveva 93 anni

    Cultura

    TERRASINI - È morto monsignor Luigi Bommarito, ex Arcivescovo di Catania. Nato l’1 giugno 1926 a Terrasini in provincia di Palermo, aveva 93 anni. Come detto, è stato Arcivescovo di Catania dal 1° giugno 1988 al 7 giugno 2002 quando si ritirò per raggiunti limiti di età tornando nella sua cit..


  • Gli ex amministrativi ATO Pa2 devono essere assunti dalla Srr, la Regione accelera

    Cultura

    Una raffica di incontri con le Srr per verificare il rispetto della normativa in tema di personale, di gestione del servizio e di impianti. Ora la Regione vuole accelerare nel percorso per l’attivazione delle


  • In piazza Guglielmo lo spettacolo di ballo della scuola World Latin

    Cultura

    MONREALE - Stasera spettacolo in piazza Guglielmo, dalle 21 in poi gli allievi della scuola di ballo ASD World Latin dei maestri gemelli Mirko e Sharon Cardì, con la collaborazione del maestro di danza classica e moderna Fanara, si esibiranno a ..