Grisì, accorpamento delle classi classi prima e terza media inferiore. Assessore Giannetto: “Ci stiamo attivando per trovare una soluzione”

Giuliano (Forza Italia): “Notizia sconfortante e inaccettabile, disagi a livello didattico e logistico”

GRISÌ (Monreale) – Le classi prima e terza media inferiore della scuola di Grisì verranno accorpate nell’anno scolastico 2019/2020. È l’ufficio scolastico provinciale a dare la notizia che ha allarmato i cittadini della frazione monrealese. A mostrare molta preoccupazione il consigliere comunale di Forza Italia, Antonella Giuliano: “Una notizia sconfortante e assolutamente inaccettabile. Un provvedimento inopportuno e inaccettabile poiché comporterebbe non pochi disagi sia a livello didattico (i ragazzi infatti dovrebbero sviluppare due programmi diametralmente diversi nella stessa classe con ovvio aggravio di tempi ed energie di apprendimento, soprattutto con riguardo ai ragazzi della classe terza che, oltre a dover sostenere l’esame finale, dovranno anche aver modo e tempo di orientare i loro futuri percorsi di studi) sia a livello logistico considerate le dimensioni delle classi.

Antonella Giuliano – Forza Italia

Potenzialmente si potrebbero venire a creare negli alunni costretti, ob torto collo, a seguire in contemporanea due programmi, confusione o, peggio, lacune che inevitabilmente si porteranno nel prosieguo del loro percorso scolastico.

Considerato che la frazione di Grisi è una piccola realtà territoriale che, in ragione delle sue dimensioni e della sua posizione geografica, soffre già di enormi disagi sia dal punto di vista amministrativo che scolastico, un provvedimento del genere non può che aggravare una situazione non certo idilliaca che i ragazzi e i loro genitori vedranno dunque ulteriormente aggravarsi.

Sulla scorta di tutte queste considerazioni mi sono personalmente attivata attraverso i miei referenti di Forza Italia, per cercare di trovare una soluzione alternativa”.

Il consigliere di Forza Italia lancia un invito al Sindaco e all’amministrazione comunale ad attivarsi di concerto le opposizioni “al fine di scongiurare l’applicazione di questo iniquo provvedimento che, ribadisco senza timore di smentita, penalizzerebbe i nostri ragazzi e, di riflesso, tutta la nostra comunità”.

L’assessore alla pubblica istruzione Rosanna Giannetto

Sulla questione abbiamo chiesto un parere all’assessore alla pubblica istruzione Rosanna Giannetto: “Abbiamo ricevuto questa mattina la notizia dal dirigente scolastico. Non abbiamo perso tempo e ci stiamo attivando. In questi giorni provvederò a incontrarmi con gli uffici del provveditorato per verificare quale soluzione possa essere adottata per il bene della scuola di Grisì”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.