Giulio Franco, il sogno della moto si infrange con l’incidente mortale

E la storia di Giulio era stata raccontata dal ragazzo stesso sulle pagine di Instagram

Tragedia a Monreale per un’altra giovane vita spezzata lungo le strade. In un grave incidente stradale, avvenuto questa notte, in via Pietro Bonanno a Palermo, è morto Giulio Franco di 18 anni. Un ragazzo pieno di vita il quale, come tutti i giovani della sua età, amava il divertimento e aveva anche un sogno nel cassetto, un sogno realizzato da 3 mesi: avere una moto. E la storia di Giulio era stata raccontata dal ragazzo stesso sulle pagine di Instagram. 

Ed ecco cosa scriveva su Instagram il giovane appena 3 mesi fa, raccontando di come era riuscito ad acquistare la moto tanto desiderata. “Fin da quando avevo 13 anni ho sognato di avere una moto tutta per me, ma scontrato con la realtà ho capito che purtroppo certe cose non possono realizzarsi, se non dopo un lavoro, pazienza, e molto impegno. Allora mi misi al lavorare, cominciando a mettere dei soldi da parte per realizzare il mio sogno, e promisi a me stesso che a 18 anni avrei comprato la mia prima moto, soltanto con le mie forze. Finalmente dopo un tempo quasi infinito per me, sono arrivati i miei tanto attesi 18 anni. Feci quattro conti nelle mie tasche e cominciai a muovermi, 10 giorni dopo la moto era a casa, dopo 2 mesi ero in sella al mio sogno, con le mie forze, con il mio impegno, costato davvero infiniti sacrifici. Ma almeno posso dire che quando si lavora per realizzare un sogno, i risultati prima o poi arrivano, e sfido chiunque a provare la felicità che può darti questo pezzo di ferro”.

Quello di Giulio è stato un tragico destino. Il ragazzo si è schiantato contra il guard rail della strada nelle vicinanza di monte Pellegrino. A scene strazianti hanno dovuto assistere i soccorritori. I parenti del giovane Giulio Franco sono accorsi sul luogo dell’incidente. 

Alla guida di una Suzuki GS500, era in compagnia di un amico diciannovenne, – C.S.-, ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Villa Sofia. Era mezzanotte circa. Il giovane, morto poco dopo l’impatto, secondo una prima ricostruzione fornita dalla polizia municipale, stava percorrendo il tratto stradale quando, per causa ancora da accertare, forse complice l’alta velocità, ha perso il controllo della moto di grossa cilindrata schiantandosi contro le barriere in ferro. Le indagini dei vigili della sezione Infortunistica sono alle prime battute. Il magistrato Alessia Sinatra sta valutando l’ipotesi di ordinare l’autopsia.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.