Al Barbera presentato il nuovo Palermo. Mirri: “Trasparenza nei confronti dei tifosi”

Di Piazza: “Il Palermo è un marchio che ci rappresenta all’estero”

Inizia una nuova era per il Palermo calcio. Oggi allo Stadio comunale Renzo Barbera, in una sede inusuale come il settore della tribuna, si è svolta la conferenza stampa con il nuovo Palermo targato Mirri/Di Piazza. Emozionato il presidente Dario Mirri, insieme al vice Tony Di Piazza e l’amministratore delegato Ronaldo Sagramola, hanno presentato il nuovo Palermo.

Il nome che porta lo stadio Renzo Barbera era dello zio dell’attuale presidente, la società parte con 15 milioni di capitale sociale. Il nucleo centrale è dettato dalla programmazione di un centro sportivo con un grande investimento sui giovani. Il nome per la panchina della prima squadra è di Rosario Pergolizzi, il vincitore dello scudetto primavera dei rosa sarà affiancato nell’area tecnica da Leandro Rinaudo. Le Giovanili saranno affidate a Rosario Argento.

Un punto centrale è non abbandonare lo stadio Barbera, dice Mirri “questa è la casa Rosanero”. Il presidente ha puntato il dito sul fatto che non ci sono giocatori siciliani in serie A. Il Palermo investirà sui giovani. Di Piazza si occuperà del brand nel mondo, l’obiettivo è andare subito in serie A. L’investimento in serie D sarà di circa 1 milione e mezzo di euro e per la C circa 8 milioni.

La campagna abbonamenti a breve sarà comunicata con tante sorprese per le famiglie e per gli under 18. Circa 1 euro per l’ingresso, agevolazioni importanti per le famiglie e per creare di nuovo l’amore per i colori rosa. Emulare il modello inglese dice Di Piazza è importante. Riguardo ai media si sta dialogando sia con la piattaforma Sky che DAZN, per dare ulteriore visibilità alla squadra Rosanero.

La società in settimana conta di annunciare qualche nome per la squadra per essere pronti il 12 agosto per il ritiro che si terrà a Petralia Sottana, si è parlato anche di disputare la prima partita fuori casa per consentire il ripristino dell’erba nel campo. Mirri ha poi toccato le corde dei tifosi con un sogno: far uscire per la prima di campionato alcuni nomi importanti del passato insieme ai nuovi giocatori del Palermo. Si è parlato di Grosso, Barzagli, Miccoli, Sorrentino. 

La parola ripetuta spesso da Mirri è quella della trasparenza nei confronti dei tifosi, una grande apertura della squadra con i propri beniamini. Alla domanda se avesse contattato Colella di Alcott. Mirri ha risposto che gli è sembrato opportuno ed elegante proporre a Colella di diventare un main sponsor tecnico in virtù della sua candidatura al bando, per acquisire il Palermo e attende una risposta. Sarebbe un grande colpo mediatico essere affiancato ad un grande brand dell’abbigliamento, adesso si attende l’allestimento della squadra che a detta dell’AD Sagramola avverrà a breve. La serie D è un campionato pieno di insidie ma come riferisce Sagramola il Palermo deve solo vincerlo.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.