Oggi è 14/10/2019

Editoriali

La morte sconvolge, ma solo se muore un italiano. Centinaia di morti in mare: “Mangeranno i pesci”

Le stesse persone che oggi gioiscono per la morte di bambini in mare aperto, ieri piangevano per due bambini morti in autostrada

Pubblicato il 27 luglio 2019

La morte sconvolge, ma solo se muore un italiano. Centinaia di morti in mare: “Mangeranno i pesci”

Si è parlato molto, negli ultimi giorni, della morte. In realtà se ne parla sempre, in continuazione, perché la gente muore in continuazione nei modi più disparati e grotteschi: chi muore accoltellato, chi affogato, chi tranciato di netto da un’auto guidata da un mafioso drogato, chi muore mentre è tranquillamente seduto sul sedile di un’auto guidata da suo padre.

Di morte si muore, ma il chi muore cambia evidentemente il valore della vita stessa. E questo lo si evince dalle reazioni di chi commenta la morte. Così un bambino italiano che muore è un “piccolo angelo”, mentre un bambino nero figlio di migranti se l’è cercata e ha fatto bene a crepare in alto mare. E anzi, è la giusta punizione per aver anche solo osato sperare di poter venire qui da noi.

Non esagero, è proprio quello che dice con i suoi commenti una parte di italiani (bravissima gente). “Rimandateli dove li avete presi”; “Nessuno li ha invitati”; “Lo sanno che non devono venire in Italia adesso pagano le conseguenze”; “Andate da dove siete venuti. Non vi vogliamo”; “Diciamo 140 delinquenti”. Questi sono solo alcuni dei commenti.

Ai pochissimi che si prenderanno la briga di leggere questo articolo chiedo di fare un esercizio. Concentratevi brevemente, solo per un minuto. Immaginate il mare – non la spiaggia in cui sguazzate con le vostre bibite in mano e i vostri gonfiabili, ma il mare aperto -. E ora immaginate di morire lì. A passare questo c’erano anche bambini – come se poi fosse necessario essere bambini per ricevere l’umana compassione che ci distingue dalle bestie -.

Altro commento memorabile: “Non è che siamo responsabili di tutta l’Africa, di tutti quelli che decidono liberamente di giocare alla roulette russa”. Innanzitutto l’Europa è responsabile della devastazione che per secoli, attraverso un becero colonialismo su cui adesso si fonda il nostro benessere, ha distrutto l’Africa; quindi sì, siamo responsabili. E ora cerchiamo di lavarcene le mani. E poi c’è la roulette russa, quindi le migliaia di persone che fuggono dalla povertà starebbero in realtà solo giocando.

Noi italiani, invece, quando siamo fuggiti nel nuovo continente per cercare un po’ di fortuna ci siamo sempre comportati egregiamente. Salvo rubare, stuprare ed esportare Cosa nostra, che ha costruito un efficientissimo ponte di criminalità organizzata (quella vera, non quella di chi ruba una borsa sull’autobus), ponte che tutt’ora opera ed è attivo, come riportato dalle ultime cronache. E anche noi eravamo trattati da emarginati.

Ma torniamo al tema centrale e più importante, la morte. Nella mischia dei commenti più barbari ce ne sono alcuni che fanno rabbrividire: “Mangeranno i pesci”. Cioè la persona che lo ha scritto fa notare, non senza un pizzico di sadismo, che i pesci si nutriranno della carne di bambini morti affogati.

Ciò che più di ogni altra cosa fa ribrezzo è che fino a pochi giorni fa le stesse persone piangevano ipocritamente per i bambini uccisi dalla follia di un genitore a bordo della sua auto. E oggi piangono, con altrettanta ipocrisia, per il carabiniere accoltellato a Roma.

C’è poi la storiella del “sono tutti delinquenti”. Ogni giorno, sul profilo Facebook di Matteo Salvini, compaiono numerosi articoli di cronaca in cui i colpevoli sono sempre africani. E non perché gli africani siano gli unici a commettere delitti, ovviamente. I titoli a caratteri cubitali che recitano di crimini commessi da africani – specificando sempre che si tratta di africani, beninteso – sono razzisti, perché fare distinzione tra un crimine commesso da un italiano e uno commesso da un africano, è razzismo.

E così è sempre scalpore e disgusto, nonché giustizia sommaria degna dei più crudeli regimi dittatoriali – del tipo “sevizie, torture, lavori forzati e carcere a vita”, senza giusto processo perché lo stato di diritto vale solo quando i crimini li commettiamo noi -, quando viene arrestato un immigrato. Nessun commento quando vengono arrestati criminali e mafiosi italiani, anzi in realtà non fa neanche notizia.

Un criminale è un criminale, nessuna etnia e nessun paese è libero da questo. Ce ne sono tra gli africani, ce ne sono tra gli italiani – noi però siamo dei veri professionisti, talmente bravi che in tutto il mondo la prima parola che dicono quando incontrano un italiano, soprattutto se siciliano, è “mafia” -. È una cosa molto triste questa, che tutti gli italiani debbano sopportare il peso dei pochi criminali che hanno devastato questo paese. Dovrebbe valere altrettanto per i senegalesi, per i nigeriani, per i burkinabé, per i bengalesi, ma per molti italiani loro meritano tutti di crepare in mare ed essere mangiati dai pesci perché alcuni sono dei criminali.

Non una lacrima versata per chi di loro, innocente o meno, bambino o adulto, ha perso la vita in mare. Qual è allora la discriminante? Che sia la povertà? E allora dovrebbero fare schifo – perché per gioire della sua morte, qualcuno deve veramente farti schifo – anche gli italiani poveri. No, la discriminante è che sono neri. E questo è razzismo. E, nonostante ce lo stiamo tristemente dimenticando, è ancora qualcosa di cui vergognarsi.

Ricevi tutte le news

Antonio

Complimenti per l’articolo

27 luglio 2019 | 13:16 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Palermo, mostra collettiva di pittura: “Salvo D’Acquisto-Amò il suo prossimo più di se stesso”

    Editoriali

    PALERMO - L'associazione culturale senza scopo di lucro "Centro d'Arte e di Informazione Studio71" in occasione dell'imminente della stagione artistica, intende inserire tra i vari appuntamenti culturali ed espositivi, la realizzazione di una mos..

    Continua a Leggere

  • Palermo, il corteo: “Il governo italiano sospenda la vendita di armi alla Turchia” 

    Editoriali

    PALERMO - Palermo dice No all'invasione turca in Siria, si è svolto ieri il corteo di protesta in centro. La manifestazione è partita da piazza Verdi terminando in piazza Pretoria, di fronte al Palazzo delle Aquile. A sfilare per la ..

    Continua a Leggere

  • Sarebbero i piromani di San Martino, a processo Pietro e Angelo Cannarozzo

    Editoriali

    Secondo la Procura sono loro i responsabili di alcuni incendi che distrussero nell’estate del 2017 ettari di vegetazione, mettendo in pericolo anche la vita di numerosi residenti delle villette di San Martino delle Scale.


  • Filippo Tusa (ACM): “L’estate monrealese? Un gran successo, i risultati sono sotto gli occhi di tutti”

    Editoriali

    MONREALE - "La stagione dei buoni propositi" è stata definita dall'Associazione Commercianti  l'"E...state a Monreale". A distanza di pochi giorni dalla conclusione degli eventi organizzati dal comune normanno il presidente Filippo Tusa si ..


  • Regione, oltre 1000 nuove assunzioni di giovani nel prossimo triennio

    Editoriali

    PALERMO - Oltre mille nuove assunzioni di giovani, nel prossimo triennio, per rafforzare l’organico del dipartimento regionale del Lavoro e i Centri per l’impiego in Sicilia. Lo prevede il Piano del fabbisogno del personale per l’ampli..


  • La Coppa degli Assi torna in Sicilia, concorso equestre internazionale di salto a ostacoli

    Editoriali

    PALERMO - Ritorna in Sicilia - dopo l'ultima edizione svoltasi a Verona nel 2016 - la storica Coppa degli Assi, il concorso equestre internazionale di salto a ostacoli. A ospitare l’evento, dopo le trentadue edizioni svoltesi a partire dal 1976..


  • Rifiuti, la Regione proroga il bando per finanziare i centri comunali di raccolta

    Editoriali

    PALERMO - Il dipartimento regionale Acque e rifiuti, su input del presidente Musumeci, ha prorogato al 30 ottobre la scadenza del bando per realizzare o ampliare i centri comunali di raccolta dei rifiuti. Il termine ultimo era fissato per il 15 o..


  • A Palermo Notte di zucchero: festa di morti, pupi e grattugie

    Editoriali

    PALERMO - Non esiste un popolo al mondo che non li commemori. Che sia nel segno della tradizione o meno poco cambia. Perché ogni paese che si rispetti, sin dalle sue origini, commemora i suoi morti con una festa. E la Sicilia, così com..


  • Cascate e laghetti a Monreale, il tesoro dimenticato ora svelato dai Forestali (FOTO)

    Editoriali

    [gallery ids="121197,121198,121199,121200,121201,121202,121203,121204,121205,121206,121207,121208,121209,121210,121211,121212,121213,121214"] A Monreale abbiamo il tesoro e non lo sappiamo. Eppure è lì, nascosto, a tratti impenetrabile, in mezzo ad alberi e vegetazione. È il fiume Sant’Elia...


  • Monreale, gioca 3 € al gratta e vinci e ne vince 200.000

    Editoriali

    MONREALE - Gioca un gratta e vinci da tre euro e vince un premio da 200.000 €. Ad essere stato baciato dalla fortuna un cliente di Mirto, il bar che si trova nella centralissima piazza Vittorio Emanuele di Monreale. Il gratta e vinci, della ..


  • Monreale, la Sicily Music Academy apre le iscrizioni al nuovo anno accademico

    Editoriali

    MONREALE - L’accademia “Sicily Music Academy”, diretta dal Maestro Davide Cutrona, riapre le iscrizioni ai corsi accademici per l’anno 2019-2020. I corsi musicali ad indirizzo strumentale quali violino, violoncello, chitarra, pianofort..


  • Cerda, dettero alle fiamme le auto del sindaco Andrea Mendola, condannati ad un totale di 40 anni di reclusione

    Editoriali

    PALERMO - Sono stati condannati per avere dato alle fiamme tre autovetture intestate alla famiglia dell’allora sindaco di Cerda Andrea Mendola. La Corte d'Appello di Palermo ha riconosciuto quali  mandanti ed esecutori materiali Contino St..


  • Addio ai bollettini, Monreale passa a PagoPA

    Editoriali

    MONREALE - Approvata dal Consiglio Comunale, questa settimana, la proposta della Commissione Bilancio di adesione al PagoPa, strumento unico per i pagamenti telematici verso il Comune. 

  • Operazione Black Cat, 350 anni di carcere a boss e gregari della provincia (I NOMI)

    Editoriali

    I giudidi d'Appello confermano quanto deciso in primo grado tranne qualche assoluzione e qualche inasprimento di pena. Il processo contro la cosa nostra della provincia si è celebrato nella prima sezione della Corte d’Appello di Palermo che ha pressoché confermato quanto era stato disposto in ab..


  • A Monreale al via la raccolta delle olive: buona quantità e ottima qualità dell’olio

    Editoriali

    È ancora presto per azzardare delle previsioni ma di certo c'è che l'annata 2019 sarà migliore di quella dello scorso anno. Il 2018 è stato un anno da dimenticare. Sta per iniziare anche nel Monrealese la raccolta delle olive e le aspettative sono più che buone. Gli agricoltori, grandi e pic..


  • Stop ai telefonini in classe? Cefalù in controtendenza, agli alunni 2 break per utilizzarli

    Editoriali

    L’innovazione tecnologica avanza e negli anni ha portato in classe gli smartphone e la Generazione Z, nativa digitale per eccellenza. Lo smartphone è ormai un oggetto d’uso presente tra i giovani e i giovanissimi e quello dei cellulari a scuola non è certo un problema che nasce oggi. A..


  • UniPa per l’Ambiente, domani inaugurazione del primo “Eco-Totem Smartie Water”

    Editoriali

    PALERMO - Nell’ambito delle iniziative per la campagnaUniPa per l’Ambiente” il Rettore dell’Universit..


  • Rimini, spopola il video sulla città di Monreale alla Fiera Internazionale del turismo (VIDEO)

    Editoriali

    RIMINI - È stato molto apprezzato da giornalisti e operatori turistici, il video su Monreale e le sue bellezze artistiche  presentato alla Fiera del Turismo di Rimini. Un plauso è arrivato anche da parte dell’Assessore regionale al ..