Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

“La precedente amministrazione si è mossa abbastanza bene su alcuni fronti, meno su altri”

MONREALE – In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzione Pubblica, Nicola Giacopelli, ricordando anzitutto che “le scelte fondamentali relative al riassetto degli uffici e dei servizi dell’ente competono alla giunta e non certo al segretario generale, chiunque sia: per cui è chiaro che spetta al sindaco Arcidiacono e ai suoi assessori il compito di ridefinire l’organizzazione interna del Comune, nell’ottica ovviamente di migliorarne la funzionalità e la produttività”.

“La precedente amministrazione – sostiene Giacopelli – si è mossa abbastanza bene su alcuni fronti, meno su altri: è lecito aspettarsi da parte di chi ha adesso in mano le sorti della città un impulso deciso, razionale e innovativo sul fronte della riorganizzazione del Comune. Conosciamo le tante difficoltà che in queste settimane si trova a dove affrontare il neo-sindaco, a cui non difetta la buona volontà, ad iniziare dal consistente esodo di dipendenti che andranno a breve in pensione, lasciando sguarniti in alcuni casi posti cruciali; ma in situazioni del genere non bisogna assolutamente ‘appagnarsi’: serve invece mantenere lucidità e muoversi con senso pratico. Poiché è impossibile nell’immediato colmare tutti i vuoti di organico con nuovo personale, è evidente che per qualche tempo occorrerà friggere con l’olio che si ha, anche se, diciamolo in tutta franchezza, non sempre è di buona qualità”.

“Così come senz’altro tutte le altre organizzazioni sindacali, noi della Cisl-FP – conclude Nicola Giacopelli – siamo disponibili a fornire il nostro apporto di idee, suggerimenti e proposte per attuare una riorganizzazione amministrativa che sia realmente funzionale ed efficiente. Le criticità che incombono impongono a tutti, nell’ambito ovviamente del rispetto dei ruoli di ciascuno, l’esercizio di quel senso di responsabilità che viene da tanti invocato, ma che spesso purtroppo resta solo una vuota enunciazione”. 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.