Palermo, sgominata cosca criminale nigeriana

Il gruppo era ben inserito nel quartiere di Ballarò

PALERMO – Con l’operazione “Disconnection zone” la polizia di stato ha eseguito stanotte un provvedimento di fermo di indiziato di delitto a carico di alcuni cittadini nigeriani.
Dalle indagini, condotte dalla squadra mobile di Palermo e culminate nei provvedimenti di oggi, sono emersi i movimenti della mafia nigeriana radicata nel tessuto economico cittadino. Anche le precedenti operazioni “Black Axe” e “No fly zone” hanno fornito importanti dati a riguardo.
La polizia ha quindi sgominato la cosca criminale “cult” chiamata “Viking”, strutturata su tutto il territorio nazionale e avente a Palermo una base operativa. La cosca è caratterizzata da una forte struttura gerarchica.
I reati sono di associazione a delinquere di stampo mafioso, commissione di delitti contro la persona, specialmente in occasione di scontri contro i cult rivali per il controllo del territorio e la supremazia all’interno della comunità nigeriana.
Dalle indagini è emersa anche la presenza di numerose case di prostituzione nel centro storico di Palermo, cosiddette “connection house”, nonché numerosi episodi di spaccio di stupefacenti.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.