Oggi è 23/07/2019

In Evidenza

Ars, approvata riforma sugli appalti. M5S critici su 300 mila euro destinati al golf

Via libera anche alla realizzazione del Centro direzionale della Regione siciliana: riunire in una unica sede tutti gli assessorati, gli uffici della Regione e delle partecipate

Pubblicato il 11 luglio 2019

Ars, approvata riforma sugli appalti. M5S critici su 300 mila euro destinati al golf

PALERMO – I lavori dell’Assemblea regionale siciliana riprenderanno martedì della prossima settimana. Nella seduta di mercoledì sera, è stato approvato il cosiddetto “collegato” alla Finanziaria. 32 i voti favorevoli. Soddisfatto il commento del capogruppo di Diventerà Bellissima Alessandro Aricò che ha detto che il documento approvato “Contiene provvedimenti come la riforma degli appalti che consentirà di eliminare i ribassi anomali, la disponibilità anticipata di un ulteriore sostegno finanziario alle ex Province da destinare a investimenti su strade e scuole, il via libera alla realizzazione del centro direzionale della Regione a Palermo e la ricognizione del patrimonio immobiliare di Asp e ospedali”.

“Riusciremo a razionalizzare le risorse – ha aggiunto Aricò –  eliminare sprechi, garantire maggiore trasparenza in settori cruciali e migliorare i servizi offerti ai siciliani”. Contrario il Movimento Cinquestelle che lo ha definito “Un disegno di legge vuoto di contenuti ma pieno di compromessi al ribasso. Abbiamo ritenuto inaccettabile votare un testo contenente norme di legge mai sottoposto al vaglio delle commissioni di merito e i cui emendamenti aggiuntivi sono stati scelti più per sorteggio che per regolamento”.

Nel ‘collegato’ è stato dato il via libera alla realizzazione del Centro direzionale della Regione siciliana. Si tratta di riunire in una unica sede tutti gli assessorati, gli uffici della Regione e delle partecipate, con l’obiettivo di risparmiare decine di milioni di euro, alleggerire il traffico del capoluogo e razionalizzare i servizi per gli utenti.  Per il Pd si tratta di un pasticcio: “Il centro direzionale parte male e temiamo che finisca peggio – ha detto Anthony Barbagallo del Pd –  La maggioranza non sarebbe riuscita a trovare un accordo neppure sull’ubicazione esatta del sito, scomparsa nella versione dell’articolo approvata. La norma non fa riferimento a come reperire le eventuali risorse economiche necessarie. E’ il solito pasticcio del centrodestra – ha concluso – di cui pagheranno le spese i siciliani”.

Via libera anche all’articolo 5, che riforma la normativa regionale sugli appalti. Per l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, rappresenta “una significativa innovazione per l’intero comparto siciliano delle opere pubbliche. La norma consentirà di eliminare i ribassi anomali dando nuovo impulso e più ordine alle gare pubbliche, a maggior tutela di trasparenza e libera concorrenza”.

Soddisfatto Carmelo Pullara, presidente del gruppo parlamentare Popolari e Autonomisti, secondo cui il provvedimento “permetterà alle piccole e medie imprese di sopravvivere e continuare ad operare nella nostra Regione scongiurando d’essere del tutto annientati dalle grandi imprese. Le imprese attraverso la quantificazione dell’offerta in base ad un progetto esecutivo potranno contare su parametri certi di realizzazione delle opere sia in termini di celerità che di qualità”.

La norma sugli appalti piace anche ai Cinquestelle: “Anche questo ddl, che rappresenta la vera Finanziaria del governo Musumeci – ha detto Francesco  Cappello – è l’ennesima occasione persa per una Sicilia che non riesce a rialzare minimamente la testa, anzi.  A parte la norma sugli appalti e quella sullo sport per i disabili sono veramente troppo poche le cose da salvare”. Critici invece sui 300 mila euro destinati al golf  e in un comunicato attaccano il presidente dell’Ars.  “300 mila euro per una manifestazione di golf che ad oggi non prevede tappe in Sicilia – afferma Gianina Ciancio – sono uno spreco di denaro pubblico che si sarebbe potuto destinare a tutte le associazioni sportive isolane. Purtroppo non è stato possibile votare il nostro emendamento che lo prevedeva. Avevamo chiesto il voto palese, ma Miccichè non lo ha permesso, impedendo di fatto una precisa conta dei voti che avrebbe inchiodato i deputati alle loro responsabilità. È stata una conduzione d’aula assolutamente di parte, alla quale purtroppo ci ha abituato il presidente dell’Assemblea regionale”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Ai domiciliari il sindaco di Torretta. Per sedici indagati confermato il carcere

    In Evidenza

    PALERMO - Sedici indagati in carcere e tre ai domiciliari tra cui il sindaco di Torretta (Pa) Salvatore Gambino (sospeso dalla prefettura), il boss Gaetano Sansone e Rosario Gambino. È questa la decisione del Gip dopo i fermi disposti dalla..

    Continua a Leggere

  • Avrebbe assunto stupefacenti mentre era alla guida. Si aggrava la posizione di Fabio Provenzano, padre del bambino morto nell’incidente

    In Evidenza

    PARTINICO - Una macchina lanciata a 160 km orari, al volante un uomo sotto l’effetto di stupefacenti e intento a fare selfie e a registrare video in diretta su facebook. Sembrerebbe questo il terribile quadro che avrebbe portato all’incidente..

    Continua a Leggere

  • Agricoltura 2.0: gli escavatori tra gli strumenti di lavoro preferiti

    In Evidenza

    Il settore agricolo è in continuo sviluppo e nuovi strumenti sono entrati a pieno titolo tra quelli sfruttati quotidianamente per rendere il lavoro più semplice ed anche più efficiente. Tra gli strumenti di lavoro preferiti ci sono gli escavatori, che hanno dimostrato di poter essere dei f..

    Continua a Leggere

  • Blitz dei carabinieri, bloccato il fiume di cocaina dei clan mafiosi: 12 arresti (VIDEO)

    In Evidenza

    La Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo ha delegato il Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del locale Tribunale, nei confronti di 12 indagati (10 in carcere e 2 ai domiciliari), ritenuti a vario titolo responsa..

    Continua a Leggere

  • Il recupero e il moderno nelle scale di casa

    In Evidenza

    Se stai arredando casa, se hai appena intrapreso un progetto di ristrutturazione di un bel loft da soppalcare, ti consigliamo di sfruttare la più moderna tecnologia digitale e dare una prima occhiata in rete, per identificare


  • Capizzi: “La vicenda del dissesto ha visto come protagonista l’attuale assessore Sandro Russo, mio ex assessore al bilancio per due anni”

    In Evidenza

    MONREALE - “Credo che le alte temperature di questi giorni alimentino la voglia di qualcuno (e nello specifico mi riferisco al sig. Silvio Russo) di presentarsi come protagonista della politica Monrealese, con il consapevole rammarico d..


  • Giuseppe Morello, dolore al funerale del giovane monrealese (FOTO)

    In Evidenza

    [gallery ids="111514,111515,111516,111517,111518,111519"] MONREALE - Una chiesa gremita ha accolto questo pomeriggio il feretro di Giuseppe Morello. Il giovane monrealese morto nel corso della notte del 20 luglio a Macari, frazione di San Vito lo Capo dopo essere caduto da un’altezza di 10 metr..


  • Monreale, continuano gli interventi degli operai dell’ESA impegnati nella cura del territorio

    In Evidenza

    [gallery ids="111495,111496,111497,111498,111499"] MONREALE - Continuano gli interventi sul territorio monrealese degli operai dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo). Dopo la pulizia dei bordi della circonvallazione invasi dalle canne, così come..


  • I monrealesi possono “fare pace” con il comune, via al ravvedimento delle tasse

    In Evidenza

    MONREALE - Il Comune dà il via al Ravvedimento operoso. I cittadini morosi potranno mettersi in regola con le tasse Imu, Tasi, Tari, Cosap e Pubblicità.  Grazie al Regolamento per l’applicazione del ravvedimento operoso approvato dal ..


  • Dichiarazione dei redditi, entro domani possibile inviare il 730 precompilato

    In Evidenza

    C'è tempo fino al 24 luglio per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Due giorni di tempo per completare la  precompilata ed inviarla al Fisco. Entro domani, infatti, sarà possibile accettare la dichiarazione dei redditi così come messa a punto dall’Agenzia delle Entrate o int..


  • Riqualificazione del quartiere Carrubella, il comune avvia la gara per la progettazione

    In Evidenza

    MONREALE - Il Comune di Monreale avvia la procedura per affidare la fase numero 3 dei lavori di riqualificazione dello storco quartiere Carrubella. Nel 2016 la Regione Siciliana ha ammesso al finanziamento delle spese relative alla progettazione definita dei lavori di riqualificazione urbana dello s..


  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    In Evidenza

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..


  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    In Evidenza

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..


  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    In Evidenza

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..


  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    In Evidenza

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di


  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    In Evidenza

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..


  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    In Evidenza

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..


  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    In Evidenza

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..