Palermo. Alla fabbrica del caffè Morettino, la prima esibizione dei «Fuori controllo»

Dalla Torre di controllo di Palermo “decolla” una band musicale

PALERMO – Quando l’amicizia va fuori da ogni controllo, allora entrano in campo i «Fuori Controllo». Così una cerchia di colleghi di lavoro e amici, accomunati da una grande passione, si mette insieme e forma un gruppo musicale. È la musica che ha spinto un gruppo di controllori del traffico aereo e un meteorologo dell’aeroporto di Palermo a iniziare un’avventura che li ha portati ieri al primo debutto.

E così, in una calda serata di fine giugno palermitana, Gaetano, Ettore, Massimo, Domenico, Fabio, Marco, Mauro hanno regalato al pubblico momenti fatti di emozione e di divertimento. È il “Take off party”. I sette «ragazzi», mossi da spirito di iniziativa e voglia di mettersi in gioco, hanno dimostrato che la musica può essere uno strumento per unire persone di mondi differenti. Il linguaggio della musica è, infatti, universale e attraverso quelle sette note, tutti, nessuno escluso, possono sentirsi parte integrante di un gruppo, di una comunità. Il concerto è stato anche l’occasione buona per dare il «Bentornato» ad un amico.

In una location d’eccezione, la fabbrica del caffè Morettino di Palermo,  i «Fuori controllo» hanno intrattenuto il loro primo pubblico tra sonorità di vario genere e per tutti i gusti. Dal blues di Zucchero, al rock dei Litfiba e Ligabue, al jazz di Paolo Conte, sono stati 18 i pezzi, cantati tra l’altro con un ottimo livello, proposti dal neonato gruppo «Fuori controllo» composto da Gaetano Scarcella (batteria e voce), Ettore Vassallo (batteria e chitarra), Domenico (chitarra e voce), Fabio Bova (chitarra), Marco Florulli (voce), Mauro Siniscalchi (basso), Massimo Gullo (tastiere). Tre sono stati i pezzi inediti del gruppo, molto apprezzati dal pubblico accorso. Si tratta di Occhi Schivi, Fuga dall’inferno e Pray For Me.

Hanno contribuito all’evento Arturo Morettino che ha offerto la location e Giuseppe Biundo del Birrificio di Cinisi Bruno Ribadi.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.