Geri Valerio: “Putiara, non commercianti. Filippo Tusa si faccia da parte, non faccia politica da presidente dell’ACM”

“La città, dal punto di vista culturale, morale, economico, é già stata rilanciata dall’amministrazione Capizzi.

Monreale, 25 maggio 2019 – “Apprendo con stupore, tristezza, amarezza e delusione, le dichiarazioni dell’amico Filippo Tusa, presidente dell’associazione commercianti monrealesi”. 

Dopo le perplessità espresse ieri mattina dall’ex assessore della giunta Capizzi, Mimmo Gelsomino, oggi un altro componente della giunta dell’ex sindaco, Geri Valerio, confermato consigliere comunale, entra nel merito delle considerazioni manifestate da Filippo Tusa nel corso dell’incontro tenuto tra l’associazione che presiede (la ACM) e il sindaco Arcidiacono.

Filippo Tusa, presidente dell’ACM

“Spero che molti di questi progetti, alcuni a costo zero, che non sono stati realizzati, possano essere portati a termine”, dichiarava in quell’occasione il presidente dell’ACM. Ed ancora: “Noi ci siamo ci vogliamo essere e vogliamo essere parte attiva della nostra città. Sindaco sei l’ultima speranza perché altri 5 anni così non sono sostenibili”. 

“È evidente ed adesso anche di moda che si fa presto a dimenticare, a non ricordare e a salire sul carro del vincitore – polemizza Geri Valerio -, riponendo in lui le ultime speranze per un rilancio di Monreale dal punto di vista economico”. 

Ma la città, dal punto di vista culturale, morale ed anche economico, senza fare polemiche, é già stata rilanciata dall’amministrazione Capizzi, amministrazione con la quale la stessa associazione ha collaborato nell’interesse della collettività, e grazie alla quale è stato possibile realizzare alcune manifestazioni, alcune delle quali nate da qualcuno che rappresentava la detta amministrazione.

Forse dimentica le risorse umane messe a disposizione di detta associazione da parte di qualcuno che rappresentava questa amministrazione e grazie alla quale è stato possibile organizzare alcune manifestazioni e promuovere e far conoscere il nostro territorio nel resto d’Italia? Forse dimentica la disponibilità dell’amministrazione Capizzi ad organizzare eventi? Evidentemente si”. 

Valerio non è tipo da gettare acqua sul fuoco, anzi. E non utilizza giri di parole per stigmatizzare la posizione assunta dal presidente dell’ACM: “Oggi devo dire che purtroppo ci siamo confrontati non con commercianti, ma bensì, come li definisco io, con “putiara”, con gente che non vuole crescere culturalmente. In ogni caso ritengo che chi guida un’associazione così importante non può fare politica, per cui ritengo opportuno che sia il caso di farsi da parte e lasciare posto a gente culturalmente più aperte e con idee imprenditoriali che possano apportare benessere alla nostra comunità”.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

L’ACM incontra il sindaco. Filippo Tusa: “Sei l’ultima speranza, altri 5 anni così non sono sostenibili”

Gelsomino: “Dichiarazioni ingenerose. L’amministrazione Capizzi sempre al fianco dei commercianti”

Capizzi: “Finanziamento per il quartiere Carmine mai finito nel dimenticatoio. Si attende solo il decreto”

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.