Dati della raccolta differenziata in Sicilia: primo in classifica San Giuseppe Jato con l’82,9%

Ottimi risultati anche a San Cipirello (79,4%), Cinisi (66,8%), Piana degli Albanesi (60,2%), Altofonte (65,3%) e Bisacquino (69,2%)

San Giuseppe Jato, 10 maggio 2019 – Sono pubblici i dati relativi alle percentuali di raccolta differenziata dei comuni siciliani. Monreale, con la media annua del 16,1%, non è di certo tra i paesi più “differenziatori”, ma alcuni comuni limitrofi si sono fatti spazio in cima alla classifica.

Tra questi spicca San Giuseppe Jato, primo assoluto in classifica che raggiunge l’82,9% di raccolta differenziata (con il 94,0% nel mese di dicembre). Ma non è l’unico comune nel palermitano che si fa riconoscere: seguono San Cipirello, col 79,4% (91,5% a dicembre), Cinisi con il 66,8% (72,1% a dicembre), Altofonte col 65,3% (76,6% a dicembre), Bisacquino col 69,2% (73,2% a dicembre) e Piana degli Albanesi che raggiunge il 60,2% (68,9% a dicembre).

I vicini di casa hanno dimostrato grandi capacità organizzative, ma non tutti si sono classificati sul podio: fanno compagnia a Monreale, con percentuali inferiori al 30%, Partinico col suo apprezzabile 26,8% (26,2% a dicembre), Corleone col 17,5% (45,2% a dicembre) e Palermo col 16,1% (18,6% a dicembre). Il risultato del capoluogo non sorprende comunque, lo stesso Orlando ha dichiarato poco tempo fa che “a Monreale la raccolta differenziata è migliore che a Palermo”.

Nonostante alcune percentuali siano ancora lontane da numeri soddisfacenti, si nota un graduale incremento della raccolta differenziata in tutta la Sicilia: partendo dal 24,7% del mese di gennaio, si assiste a una lenta ma costante crescita dei punti percentuale fino a raggiungere il 36,1% nel mese di dicembre. Un risultato che fa ben sperare.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.