Oggi è 23/07/2019

Cultura

In memoria di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978

Oggi sono 41 anni da quel giorno, e oggi come allora è importante la lotta alla mafia

Pubblicato il 9 maggio 2019

In memoria di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978

Cinisi, 9 maggio 2019 – Cinisi, 9 maggio 1978. 41 anni dalla sua morte, oggi Peppino avrebbe avuto 71 anni e, forse, tante cose da raccontare. Magari anche tante cose da dire sulla mafia, su cosa è diventata la mafia e su cosa è diventata la politica.

Mafia è una parola che ancora scatena un impercettibile fremito nel cuore di ogni siciliano – per quanto non vorrei essere così egoista da escludere il resto dell’Italia, forse addirittura il resto dell’umanità -; certo è che oggi non fa più così tanta paura dire mafia, mentre quando Peppino ne parlava in radio di paura ne faceva, e anche tanta. E non era neanche da stupidi aver paura, visto che chi non ne ha avuta è stato ammazzato.

Peppino Impastato nasce nel 1948 in una famiglia mafiosa: il padre, lo zio, il cognato del padre, gli amici dei parenti, gli amici degli amici, insomma Peppino la mafia ce l’ha avuta sempre sotto il naso. Così vicina al naso che il fetore gli era insopportabile.

Peppino Impastato si allontana dalla sua famiglia, si allontana dall’ambiente in cui è cresciuto e viene buttato fuori di casa da suo padre. Peppino Impastato è un socialista, un uomo di sinistra, uno di quelli che allora venivano guardati male.

Peppino Impastato ama la sua terra infinitamente, a tal punto da convincersi che valeva la pena rischiare personalmente nel tentativo di cambiarla. Ma Peppino Impastato questo lo fa senza scendere a compromessi, senza chiedere favori, lo fa con le sue mani, la sua voce e i suoi compagni di viaggio.

Insultava, prendeva in giro i mafiosi e i politici, faceva satira, guidava le lotte dei contadini espropriati, organizzava eventi culturali di teatro, cinema e musica. Peppino Impastato aveva avuto la fantasia di immaginare qualcosa di bello, e per uno strano caso oltre alla fantasia aveva anche il coraggio di farla, quella cosa bella che aveva immaginato. E non è sbagliato parlare di bellezza, perché la lotta alla mafia è una cosa bella.

Peppino Impastato a 30 anni, appena candidatosi nella lista di Democrazia Proletaria alle elezioni provinciali, viene ammazzato, messo sui binari della ferrovia e fatto saltare in aria su una carica di tritolo.

Sembra doveroso – ma guardiamoci bene dal pensare che sia solo un dovere – ricordarci di Peppino Impastato il 9 maggio. È ancora più doveroso ricordarci di Peppino Impastato quando vediamo, sentiamo o percepiamo la mafia; quando “gli amici”, quando “u zù Tano” di turno, quando “u pizzu”, quando le costrizioni sociali uccidono il pensiero, quando ci sentiamo soli a dover fronteggiare qualcosa che ci sembra troppo grande e non c’è nessuno che ci aiuta, quando cambiamo strada perché è meglio cambiare strada.

Ma non dobbiamo ricordarci di Peppino Impastato per essere eroi, lui non era un eroe. Dobbiamo ricordarci di Peppino Impastato – e di tutte le vittime della mafia – per capire, per osservare i mostri che ci circondano e per affrontarli, uniti.

Peppino Impastato era un ragazzo che quando è morto era poco più grande di me. Peppino Impastato era tante altre cose, tra queste era anche un poeta. Forse gli sarebbe piaciuto essere ricordato anche per questo.

– 14

I miei occhi giacciono
in fondo al mare
nel cuore delle alghe
e dei coralli.

Brano tratto da “Poesie di Peppino Impastato”

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • «La mafia non fa più cassa con pizzo e appalti ma punta al business della droga»

    Cultura

    «Già negli anni ‘80 cosa nostra faceva affari con gli americani, quando ogni famiglia aveva una propria raffineria con tanto di chimici che si occupavano di trasformare la morfina in eroina. In seguito, è intervenuto l’investimento nel cemento. Oggi il mercato dell’edilizia è al palo; non ..

    Continua a Leggere

  • Palermo, intitolata una strada a Vincenzo Spinelli, vittima della mafia

    Cultura

    [gallery ids="111633,111634,111635"] PALERMO - Si è svolta questa mattina nel capoluogo siciliano la cerimonia di intitolazione di una strada (già via Valderice) a Vincenzo Spinelli imprenditore che si era opposto al pagamento del pizzo, ucc..

    Continua a Leggere

  • Il monrealese Marco Casamento giocherà nel Palermo Calcio a 5

    Cultura

    Prosegue la campagna acquisti dell'ASD Palermo Calcio A 5. Il club rosanero ha ufficializzato l’accordo raggiunto con il monrealese Marco Casamento, esperto pivot che farà parte del roster per la stagione 2019/2020. Quello di Casamento è il secondo innesto di qualità della società di via Oli..

    Continua a Leggere

  • Cinisi, dalla donazione di una parrocchiana la nuova chiesa. Domenica verrà posta la prima pietra

    Cultura

    CINISIDomenica prossima, 28 luglio 2019, alle ore 17:00, presso il Cantiere di Piano Peri in Cinisi, l’Arcivescovo di Monreale, mons. Michele Pennisi, benedirà e porrà la PRIMA PIETRA della Nuova Chiesa intitolata a Maria Santissima ..

    Continua a Leggere

  • Ai domiciliari il sindaco di Torretta. Per sedici indagati confermato il carcere

    Cultura

    PALERMO - Sedici indagati in carcere e tre ai domiciliari tra cui il sindaco di Torretta (Pa) Salvatore Gambino (sospeso dalla prefettura), il boss Gaetano Sansone e Rosario Gambino. È questa la decisione del Gip dopo i fermi disposti dalla..

    Continua a Leggere

  • Avrebbe assunto stupefacenti mentre era alla guida. Si aggrava la posizione di Fabio Provenzano, padre del bambino morto nell’incidente

    Cultura

    PARTINICO - Una macchina lanciata a 160 km orari, al volante un uomo sotto l’effetto di stupefacenti e intento a fare selfie e a registrare video in diretta su facebook. Sembrerebbe questo il terribile quadro che avrebbe portato all’incidente..

    Continua a Leggere

  • Agricoltura 2.0: gli escavatori tra gli strumenti di lavoro preferiti

    Cultura

    Il settore agricolo è in continuo sviluppo e nuovi strumenti sono entrati a pieno titolo tra quelli sfruttati quotidianamente per rendere il lavoro più semplice ed anche più efficiente. Tra gli strumenti di lavoro preferiti ci sono gli escavatori, che hanno dimostrato di poter essere dei f..

    Continua a Leggere

  • Blitz dei carabinieri, bloccato il fiume di cocaina dei clan mafiosi: 12 arresti (FOTO e VIDEO)

    Cultura

    [gallery ids="111582,111583,111584,111585,111586,111587,111588,111589,111590,111591,111592,111593"] La Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo ha delegato il Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del locale Tribu..

    Continua a Leggere

  • Il recupero e il moderno nelle scale di casa

    Cultura

    Se stai arredando casa, se hai appena intrapreso un progetto di ristrutturazione di un bel loft da soppalcare, ti consigliamo di sfruttare la più moderna tecnologia digitale e dare una prima occhiata in rete, per identificare


  • Capizzi: “La vicenda del dissesto ha visto come protagonista l’attuale assessore Sandro Russo, mio ex assessore al bilancio per due anni”

    Cultura

    MONREALE - “Credo che le alte temperature di questi giorni alimentino la voglia di qualcuno (e nello specifico mi riferisco al sig. Silvio Russo) di presentarsi come protagonista della politica Monrealese, con il consapevole rammarico d..


  • Giuseppe Morello, dolore al funerale del giovane monrealese (FOTO)

    Cultura

    [gallery ids="111514,111515,111516,111517,111518,111519"] MONREALE - Una chiesa gremita ha accolto questo pomeriggio il feretro di Giuseppe Morello. Il giovane monrealese morto nel corso della notte del 20 luglio a Macari, frazione di San Vito lo Capo dopo essere caduto da un’altezza di 10 metr..


  • Monreale, continuano gli interventi degli operai dell’ESA impegnati nella cura del territorio

    Cultura

    [gallery ids="111495,111496,111497,111498,111499"] MONREALE - Continuano gli interventi sul territorio monrealese degli operai dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo). Dopo la pulizia dei bordi della circonvallazione invasi dalle canne, così come..


  • I monrealesi possono “fare pace” con il comune, via al ravvedimento delle tasse

    Cultura

    MONREALE - Il Comune dà il via al Ravvedimento operoso. I cittadini morosi potranno mettersi in regola con le tasse Imu, Tasi, Tari, Cosap e Pubblicità.  Grazie al Regolamento per l’applicazione del ravvedimento operoso approvato dal ..


  • Dichiarazione dei redditi, entro domani possibile inviare il 730 precompilato

    Cultura

    C'è tempo fino al 24 luglio per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Due giorni di tempo per completare la  precompilata ed inviarla al Fisco. Entro domani, infatti, sarà possibile accettare la dichiarazione dei redditi così come messa a punto dall’Agenzia delle Entrate o int..


  • Riqualificazione del quartiere Carrubella, il comune avvia la gara per la progettazione

    Cultura

    MONREALE - Il Comune di Monreale avvia la procedura per affidare la fase numero 3 dei lavori di riqualificazione dello storco quartiere Carrubella. Nel 2016 la Regione Siciliana ha ammesso al finanziamento delle spese relative alla progettazione definita dei lavori di riqualificazione urbana dello s..


  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Cultura

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..


  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Cultura

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..


  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Cultura

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..