Oggi è 21/08/2019

Cronaca

L’omicidio del piccolo Giuseppe. Quando l’inerzia è complice dell’indifferenza

“Ma chi me lo fa fare!!!” Quando il lasciarsi vivere predomina sul vivere

Pubblicato il 21 aprile 2019

L’omicidio del piccolo Giuseppe. Quando l’inerzia è complice dell’indifferenza

Monreale, 21 aprile 2019 – Molta gente ritiene che la vita venga pesantemente influenzata dal fato in una sorta di inevitabile predestinazione fondata sullo scarno e superficiale concetto del “è così e basta”. 

Alcuni identificano anche le tragedie che costellano l’esistenza di parecchi individui come evidente segno di un destino avverso. Un’abitudine che connota maggiormente le popolazioni del sud…fataliste per antonomasia:

– Si è ammalato? Colpa della sorte (il concetto di prevenzione e stile di vita, in queste valutazioni, non viene neppure lontanamente sfiorato). 

– Non trova lavoro? Destinato a essere disoccupato è…tutte cose storte gli vanno (e magari il fantomatico posto di lavoro lo si attende “comodamente da casa”). 

– Il marito la picchia? Si è innamorata di quest’uomo, adesso ha una famiglia, che può fare… è il suo destino!!! (chiedere aiuto e andar via spesso rientra nelle opzioni troppo “trasgressive” per una donna).

Affermazioni come queste non sono poi così paradossali o sporadiche ma definiscono il modus vivendi di chi cresce in certi contesti sociali dove “il lasciarsi vivere” predomina “sul vivere” in un impermeabile atteggiamento che non riesce a cogliere quanto il nostro “destino” (e quello degli altri), al contrario, dipenda solo per il 10% da cosa ci accade e per il 90% da come reagiamo a ciò che ci accade.

Una sorta di consapevole deresponsabilizzazione che delega il fulcro del proprio agire all’inerzia, al lasciare le cose così come avvengono, al voltarsi dall’altra parte. 

Il fatto di cronaca che ha ispirato questo breve preambolo è l’agghiacciante morte del bimbo di Cardito, nel napoletano, massacrato dal patrigno, per futili motivi (la sponda del letto rotta), sotto gli occhi della compagna, mamma del piccolo, che nulla ha fatto per evitare tale immane tragedia. Il bimbo frequentava, insieme alla sorellina, la scuola primaria, ma anche in quel luogo, nel luogo preposto all’educazione e alla formazione integrale dei futuri cittadini e delle future cittadine, la sua condizione di bambino pesantemente maltrattato e quella identica di sua sorella, assumono, per tutto il tempo, i contorni di un’”invisibilità” di convenienza. 

Quanto dolore possa accumulare un bambino che viene selvaggiamente picchiato all’interno di quelle mura familiari che, al contrario, dovrebbero proteggerlo o quanto infinito smarrimento possa provare per quelle ferite che urlano al posto suo, nell’indifferenza delle altre figure adulte di riferimento, è ipotizzabile sola da parte di chi quell’identico dolore lo ha vissuto veramente e per tale strazio porta e porterà per sempre le cicatrici nel corpo e nell’anima. 

Io, come tanti altri, posso solo provare a immaginare. 

Quindi immagino, indossando i panni del piccolo Giuseppe, ciò che avrebbe potuto elaborare nei suoi pensieri di bimbo devastato.

Immagino il risveglio dal torpore di un sonno agitato da incubi, il bruciore acuto delle ecchimosi sulla  pelle, lo specchio che rimanda l’immagine di un visino gonfio, dei lividi e di occhi ormai a secco di lacrime. La voglia di scappare, la paura e la speranza che qualcuno se ne accorga.

Immagino ancora più intensamente di essere Giuseppe e provo ad entrare nei suoi probabili pensieri: “è già mattina e sto andando a scuola… entro in classe e osservo i miei compagni, sembrano spensierati e vivaci, io invece ho un peso sul cuore che non se ne va e di cui nessuno si accorge. Le maestre mi guardano, secondo me lo vedono, lo sanno cosa mi succede, o forse no… che faccio glielo dico io? Può essere che a loro non interessi saperlo e magari se glielo dico poi chiamano la mamma e Tony me ne dà ancora di più. Non dico niente, che è meglio… tanto loro mi guardano, mi vedono ma non fanno nulla lo stesso. Nessuno può fare nulla.”

Ma quelle maestre in realtà vedono, osservano, sanno e commentano. Provo a presupporre le loro riflessioni sui due piccoli: è probabile che archivino la situazione come il “solito caso” di bambini disagiati figli di una famiglia disagiata. Un caso triste, uno dei tanti casi tristi, il classico caso con un suo evidente “destino” di sopraffazione, un destino abbastanza segnato, sul quale le insegnanti di Giuseppe ritengono sia meglio non addentrarsi, non porsi troppe domande, non indagare. 

L’indifferenza, quindi, fermenta e si adagia sulle cicatrici, sui piccoli corpi di Giuseppe e di Noemi, sempre più martoriati, sempre più inermi. L’inerzia diventa complice di una sensibilità sopita, stemperata e abbrutita dal presupposto di ogni colposa indifferenza che spesso si esprime con l’unico, radicato e condiviso pensiero: “ma chi me lo fa fare!!!” 

Una mattina, però, l’impatto con la visione di un orecchio, quello di Noemi, con la cartilagine parzialmente tranciata, appare troppo raccapricciante per dirottare lo sguardo altrove e induce le maestre a produrre per iscritto, nove giorni prima del truce delitto del fratellino, una segnalazione poi consegnata al Dirigente Scolastico. Un tentativo di documentare quei gravissimi atti di violenza, successivamente definito dal GIP come azione “tardiva e incompleta”…una blanda segnalazione che viene, tra l’altro, ignorata dal Capo D’Istituto.

Di tutta questa vicenda ciò che salta evidente agli occhi e ai cuori più sensibili e ricettivi è il comportamento eclatante e subdolo di chi si fregia impunemente del prestigioso appellativo di “maestra”. Un comportamento che insegna, più di mille trattati di didattica e di pedagogia, a chi intenda occuparsi, per professione, della formazione dei futuri uomini e delle future donne, cosa non fare mai sulla pelle di un bambino. Un presupposto riassunto in queste poche frasi a supporto di quanto intercettato nella sala d’attesa del commissariato: “le insegnanti di Giuseppe si sono messe d’accordo su come avrebbero risposto all’interrogatorio: «Io faccio la faccia di c…», suscitando le risate dell’altra. Un atteggiamento, come scrive il gip, «ilare e oppositivo» che «colpisce e sconcerta». Ciò che forse colpisce e sconcerta ancora di più della palese mancanza di sensibilità di queste donne è forse quella insulsa preoccupazione di sistemare la “propria immagine appannata”, di salvare in qualche modo la faccia. Una preoccupazione che oltraggia ulteriormente la memoria di chi doveva semplicemente essere un alunno da amare e proteggere… un bambino da rispettare.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Crisi di governo, la palla passa al Quirinale: governo politico o voto subito

    Cronaca

    Così a memoria, nella storia della Repubblica, le crisi di governo sono state tutte di tipo extra parlamentare e solo due parlamentari: nel 1998 e nel 2008, rispettivamente il Governo Prodi I e II. Due governi di chiara collocazione politica e quindi impossibilitati a trovare accordi con part..

    Continua a Leggere

  • Conte annuncia le dimissioni, durissimo con Salvini: “Irresponsabile, opportunismo politico”

    Cronaca

    ROMA - Seduta tesissima quella di oggi in Senato: urla, esibizioni di simboli sacri, continue interruzioni. . Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato molto duramente dichiarando che salirà al Quirinale per consegnare le proprie dimissioni al Presi..

    Continua a Leggere

  • Stars Be Original: i vantaggi di lavorare nell’animazione turistica di qualità

    Cronaca

    Fare l'animatore nei villaggi turistici è il sogno di moltissimi ragazzi, perché i vantaggi di questa professione sono evidenti a tutti anche se spesso e volentieri si sottovaluta il duro lavoro che c'è dietro. Se si entra a far parte di un'agenzia di animazione seria come

    Continua a Leggere

  • Ciaculli, i carabinieri scoprono una piantagione di canapa indiana

    Cronaca

    PALERMO - Una piantagione di canapa indiana in piena regola è stata trovata dai Carabinieri del nucleo radiomobile di Palermo in un terreno a Ciaculli di proprietà di Francesco Tarantino. Rinvenute 18 piante in piena fioritura e grammi 530 d..

    Continua a Leggere

  • Grisì, accorpamento delle classi classi prima e terza media inferiore. Assessore Giannetto: “Ci stiamo attivando per trovare una soluzione”

    Cronaca

    GRISÌ (Monreale) - Le classi prima e terza media inferiore della scuola di Grisì verranno accorpate nell’anno scolastico 2019/2020. È l’ufficio scolastico provinciale a dare la notizia che ha allarmato i cittadini della fr..

    Continua a Leggere

  • Anomalie al centro di raccolta rifiuti di piazzale Tricoli, multata la società F. Mirto

    Cronaca

    MONREALE – Il legale rappresentante della società F. Mirto srl di San Cipirello è stato ..

    Continua a Leggere

  • Trucidati mentre passeggiavano a Ficuzza, ricordati Giuseppe Russo e Filippo Costa

    Cronaca

    CORLEONE - Sono stati uccisi mentre stavano passeggiando. Giuseppe Russo, carabiniere, fu crivellato di colpi dalla mafia a Ficuzza, dove stava trascorrendo ..

    Continua a Leggere

  • A Monreale il campeggio vista «munnizza»: nuove frontiere nel campo del turismo

    Cronaca

    MONREALE – Una città che combatte ogni giorno con i rifiuti è Monreale che oggi li trasforma in risorsa. Dopo l’autolavaggio «fai da te» allestito nella fontana dell’Abbeveratoio (


  • Grisì, conclusa la festa in onore del Sacro Cuore di Gesù

    Cronaca

    [gallery ids="114948,114949,114950,114951,114952,114953,114954,114955"] GRISÌ (Monreale) - Si è appena conclusa una 4 giorni di festa a Grisì, frazione di Monreale. Una festa anche quest’anno molto partecipata che ha avuto il culmine con ..


  • Rimini. Il Duomo di Monreale protagonista al meeting di Comunione e Liberazione

    Cronaca

    [gallery ids="114920,114921,114922,114923,114924,114925,114926,114927,114928,114929,114930,114931,114932,114933,114934,114935,114936,114937,114938,114939,114940,114941,114942"] RIMINI - Il Duomo di Monreale è in questi giorni protagonista del 40esimo mee..


  • Inizia alla grande l'”E…state@Monreale 2019″. Domani sera gli “Apollo” portano i Negramaro in città

    Cronaca

    [gallery ids="114907,114908,114909,114910,114911,114912,114913"] MONREALE - Grande successo per i concerti che hanno aperto l'"E...state@Monreale 2019", la rassegna di 25 eventi di musica, spettacolo, cabaret, moda, danza, teatro e letteratura sviluppata e pro..


  • La fontana dell’Abbeveratoio tra degrado e rifiuti: ora è un autolavaggio

    Cronaca

    Monreale - La fontana dell'Abbeveratoio ridotta a un autolavaggio. È la triste fine che ha fatto uno dei punti storici di approvvigionamento idrico dei monrealesi. E, come se non bastasse, rifiuti e un gazebo abbandonato da anni hanno perso ormai il sopravvento. Piange il cuore a vedere uno dei ..


  • Decreto Dignità come cambia il mondo delle scommesse sportive

    Cronaca

    Il nuovo decreto ministeriali porta con sé molte novità che puntano a rivoluzionare completamente il settore delle scommesse sportive e regolamentare il mercato italiano con l’obiettivo di difenderlo dall’intrusione degli operatori offshore.


  • Stabilizzati ma risultano ancora precari, sono i dipendenti comunali monrealesi

    Cronaca

    Monreale  - In base a quanto previsto dalla vigente normativa, tutti i lavoratori che prestano servizio a tempo determinato negli enti pubblici siciliani sono stati inseriti, a partire dal 2015, in un apposito elenco istituito presso l’assess..


  • Partinico, uomo aggredito da randagio mentre passeggia in piazza

    Cronaca

    Un anziano è stato aggredito da un Pittbull a Partinico. Una passeggiata si trasforma così in attimi di terrore. La solita uscita con il suo pastore tedesco nei pressi di piazza Duomo ha rischiato di finire in tragedia. Un randagio ha attaccato il pastore tedesco. Nel tentavo di dividere i due..


  • Due cani lasciati dentro un furgone rovente, salvati dai carabinieri

    Cronaca

    PALERMO - Due cani rinchiusi in un furgone sotto il sole hanno rischiato di morire ma sono stati salvati grazie all'intervento dei carabinieri. Ieri mattina, in via Principe di Palagonia, i carabinieri del nucleo radiomobile di Palermo hanno tratto in salvo due cani che erano stati lasciati all..


  • Oltre la crisi di governo, si gioca un’altra partita

    Cronaca

    Una crisi di governo graduale, in cui uno dei due partiti della coalizione di governo chiede, non ufficialmente, il rimpasto e la sostituzione di alcuni ministri del partito alleato. Poi dalla volontà di un rimpasto si è passati alla mozione di sfiducia al Premier. Fatto anomalo, potrebbe sembr..


  • Boom di turisti a Monreale, ad agosto è record al Chiostro

    Cronaca

    Monreale è la quinta attrazione turistica della Sicilia almeno secondo i dati relativi agli afflussi turistici in agosto in musei e parchi archeologici siciliani. Ad agosto nella città normanna il Chiostro dei Benedettini del Duomo di Monreale ha già staccato 1.800 biglietti e il mese non è anco..