Oggi è 08/12/2019

Cronaca

L’omicidio del piccolo Giuseppe. Quando l’inerzia è complice dell’indifferenza

“Ma chi me lo fa fare!!!” Quando il lasciarsi vivere predomina sul vivere

Pubblicato il 21 aprile 2019

L’omicidio del piccolo Giuseppe. Quando l’inerzia è complice dell’indifferenza

Monreale, 21 aprile 2019 – Molta gente ritiene che la vita venga pesantemente influenzata dal fato in una sorta di inevitabile predestinazione fondata sullo scarno e superficiale concetto del “è così e basta”. 

Alcuni identificano anche le tragedie che costellano l’esistenza di parecchi individui come evidente segno di un destino avverso. Un’abitudine che connota maggiormente le popolazioni del sud…fataliste per antonomasia:

– Si è ammalato? Colpa della sorte (il concetto di prevenzione e stile di vita, in queste valutazioni, non viene neppure lontanamente sfiorato). 

– Non trova lavoro? Destinato a essere disoccupato è…tutte cose storte gli vanno (e magari il fantomatico posto di lavoro lo si attende “comodamente da casa”). 

– Il marito la picchia? Si è innamorata di quest’uomo, adesso ha una famiglia, che può fare… è il suo destino!!! (chiedere aiuto e andar via spesso rientra nelle opzioni troppo “trasgressive” per una donna).

Affermazioni come queste non sono poi così paradossali o sporadiche ma definiscono il modus vivendi di chi cresce in certi contesti sociali dove “il lasciarsi vivere” predomina “sul vivere” in un impermeabile atteggiamento che non riesce a cogliere quanto il nostro “destino” (e quello degli altri), al contrario, dipenda solo per il 10% da cosa ci accade e per il 90% da come reagiamo a ciò che ci accade.

Una sorta di consapevole deresponsabilizzazione che delega il fulcro del proprio agire all’inerzia, al lasciare le cose così come avvengono, al voltarsi dall’altra parte. 

Il fatto di cronaca che ha ispirato questo breve preambolo è l’agghiacciante morte del bimbo di Cardito, nel napoletano, massacrato dal patrigno, per futili motivi (la sponda del letto rotta), sotto gli occhi della compagna, mamma del piccolo, che nulla ha fatto per evitare tale immane tragedia. Il bimbo frequentava, insieme alla sorellina, la scuola primaria, ma anche in quel luogo, nel luogo preposto all’educazione e alla formazione integrale dei futuri cittadini e delle future cittadine, la sua condizione di bambino pesantemente maltrattato e quella identica di sua sorella, assumono, per tutto il tempo, i contorni di un’”invisibilità” di convenienza. 

Quanto dolore possa accumulare un bambino che viene selvaggiamente picchiato all’interno di quelle mura familiari che, al contrario, dovrebbero proteggerlo o quanto infinito smarrimento possa provare per quelle ferite che urlano al posto suo, nell’indifferenza delle altre figure adulte di riferimento, è ipotizzabile sola da parte di chi quell’identico dolore lo ha vissuto veramente e per tale strazio porta e porterà per sempre le cicatrici nel corpo e nell’anima. 

Io, come tanti altri, posso solo provare a immaginare. 

Quindi immagino, indossando i panni del piccolo Giuseppe, ciò che avrebbe potuto elaborare nei suoi pensieri di bimbo devastato.

Immagino il risveglio dal torpore di un sonno agitato da incubi, il bruciore acuto delle ecchimosi sulla  pelle, lo specchio che rimanda l’immagine di un visino gonfio, dei lividi e di occhi ormai a secco di lacrime. La voglia di scappare, la paura e la speranza che qualcuno se ne accorga.

Immagino ancora più intensamente di essere Giuseppe e provo ad entrare nei suoi probabili pensieri: “è già mattina e sto andando a scuola… entro in classe e osservo i miei compagni, sembrano spensierati e vivaci, io invece ho un peso sul cuore che non se ne va e di cui nessuno si accorge. Le maestre mi guardano, secondo me lo vedono, lo sanno cosa mi succede, o forse no… che faccio glielo dico io? Può essere che a loro non interessi saperlo e magari se glielo dico poi chiamano la mamma e Tony me ne dà ancora di più. Non dico niente, che è meglio… tanto loro mi guardano, mi vedono ma non fanno nulla lo stesso. Nessuno può fare nulla.”

Ma quelle maestre in realtà vedono, osservano, sanno e commentano. Provo a presupporre le loro riflessioni sui due piccoli: è probabile che archivino la situazione come il “solito caso” di bambini disagiati figli di una famiglia disagiata. Un caso triste, uno dei tanti casi tristi, il classico caso con un suo evidente “destino” di sopraffazione, un destino abbastanza segnato, sul quale le insegnanti di Giuseppe ritengono sia meglio non addentrarsi, non porsi troppe domande, non indagare. 

L’indifferenza, quindi, fermenta e si adagia sulle cicatrici, sui piccoli corpi di Giuseppe e di Noemi, sempre più martoriati, sempre più inermi. L’inerzia diventa complice di una sensibilità sopita, stemperata e abbrutita dal presupposto di ogni colposa indifferenza che spesso si esprime con l’unico, radicato e condiviso pensiero: “ma chi me lo fa fare!!!” 

Una mattina, però, l’impatto con la visione di un orecchio, quello di Noemi, con la cartilagine parzialmente tranciata, appare troppo raccapricciante per dirottare lo sguardo altrove e induce le maestre a produrre per iscritto, nove giorni prima del truce delitto del fratellino, una segnalazione poi consegnata al Dirigente Scolastico. Un tentativo di documentare quei gravissimi atti di violenza, successivamente definito dal GIP come azione “tardiva e incompleta”…una blanda segnalazione che viene, tra l’altro, ignorata dal Capo D’Istituto.

Di tutta questa vicenda ciò che salta evidente agli occhi e ai cuori più sensibili e ricettivi è il comportamento eclatante e subdolo di chi si fregia impunemente del prestigioso appellativo di “maestra”. Un comportamento che insegna, più di mille trattati di didattica e di pedagogia, a chi intenda occuparsi, per professione, della formazione dei futuri uomini e delle future donne, cosa non fare mai sulla pelle di un bambino. Un presupposto riassunto in queste poche frasi a supporto di quanto intercettato nella sala d’attesa del commissariato: “le insegnanti di Giuseppe si sono messe d’accordo su come avrebbero risposto all’interrogatorio: «Io faccio la faccia di c…», suscitando le risate dell’altra. Un atteggiamento, come scrive il gip, «ilare e oppositivo» che «colpisce e sconcerta». Ciò che forse colpisce e sconcerta ancora di più della palese mancanza di sensibilità di queste donne è forse quella insulsa preoccupazione di sistemare la “propria immagine appannata”, di salvare in qualche modo la faccia. Una preoccupazione che oltraggia ulteriormente la memoria di chi doveva semplicemente essere un alunno da amare e proteggere… un bambino da rispettare.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Luigi Sturzo: un modello da seguire ai nostri giorni

    Cronaca

    [gallery ids="127267,127268,127269,127270,127271,127272,127273,127274,127275,127276,127277,127278,127279,127280,127281,127282,127283,127284,127285,127286,127287,127288,127289,127290,127291,127292,127293,127294,127295,127296,127297,127298,127299,127300,127301"] Si è tenuto oggi a Monreale, presso..

    Continua a Leggere

  • Democrazia partecipata, 15 mila euro per la riqualificazione dell’arredo scolastico

    Cronaca

    MONREALE - I monrealesi hanno scelto la riqualificazione dell’arredo scolastico nelle strutture di competenza comunale. Ottanta voti ottenuti per la proposta che sarà realizzata con le somme messe a disposizione dalla Regione Siciliana. Con la..

    Continua a Leggere

  • Il nuovo piano traffico, le modifiche nel centro urbano. Attiva la videosorveglianza

    Cronaca


  • Monreale, inaugurata la mostra del maestro Nicolò Giuliano

    Cronaca

    [gallery ids="127252,127253,127254,127255,127256"] MONREALE - É stata aperta da un intervento del parroco della Cattedrale, Don Nicola Gaglio, la splendida mostra del..


  • Monreale, prendono il reddito di cittadinanza e si danno da fare: puliscono la città i volontari di “Basta volerlo”

    Cronaca

    [gallery ids="127194,127193,127192,127191,127190,127189,127188,127187,127186"] MONREALE - Eccoli ancora una volta in giro a pulire le strade, in attesa di un’occupazione che tarda ad arrivare. I volontari del gruppo di Palermo “Basta Voler..

    Continua a Leggere

  • È Natale e riapre la pista di pattinaggio sul ghiaccio al Giardino Inglese

    Cronaca

    PALERMO - Da domenica prossima partirà la nuova edizione di “Palermo on Ice”, che da dieci anni si conferma come l’evento natalizio per eccellenza. La pista resterà aperta fino al 26 gennaio prossimo e..

    Continua a Leggere

  • Per l’Immacolata torna la primavera con temperature in aumento

    Cronaca

    Dopo una lieve fase di maltempo che ha coinvolto la città di Palermo nei giorni scorsi, da oggi il tempo dovrebbe tornare a migliorare grazie al rinforzo di una zona anticiclonica che garantirà, fino all’Immacolata, tempo stabile e soleggiato. Al mattino di oggi avremo per lo più il passaggi..

    Continua a Leggere

  • Monreale, mostra di beneficenza nel quartiere Carmine

    Cronaca

    [gallery ids="127160,127161,127162,127163,127164"] Arriva la mostra mercato dell’associazione “Nati due volte onlus”. Nei giorni 14-15 dicembre un appuntamento con la beneficenza dove sarà possibile fare dello shopping natalizio acquistando manufatti realizzati dall'associazione. La sed..

    Continua a Leggere

  • Monrealexit, nel 2020 Monreale potrebbe dire addio a 4 contrade storiche

    Cronaca

    Monrealesi che vogliono diventare Jatini. Continua l'iter per l'operazione «Monrealexit», termine coniato da Filodiretto, per indicare l'int..

    Continua a Leggere

  • “Passa il Natale…a Casa”. Continua il ciclo di eventi di Casa Cultura Santa Caterina

    Cronaca

    MONREALE - Secondo appuntamento con il ciclo “Invito a teatro”, martedì 10 Dicembre alle ore 17,00,  con due atti unici. La prima rappresentazione è tratta dal brillante “Cecè” di Luigi Pirandello. Una breve commedia scritta..

    Continua a Leggere

  • “Vi cunto u misteru”, torna il Presepe di Belmonte Mezzagno. Eventi dal 26 dicembre

    Cronaca

    La magia del Natale è pronta ad avvolgere qualunque cosa sia attorno a noi, dandoci modo di vivere il mistero della Natività attraverso tanti momenti speciali. Momento magico quando parliamo di Presepi Viventi come quello di Belmonte Mezzagno, che quest’anno ha in serb..

    Continua a Leggere

  • Per ogni presina un regalo, l’8 dicembre allestito l’abero di Natale nella parrocchia Maria SS. del Rosario

    Cronaca

    VILLACIAMBRA - Novanta presine per addobbare un albero di Natale sui generis. È "Presi dal Natale", l'idea un po' folle. che le associazioni di volontariato Oratorio Don Bruno Di Bella e AGe Pitrè hanno avuto per celebrare una giornata di ..

    Continua a Leggere

  • Cos’è il Forex: caratteristiche, storia e rischi

    Cronaca

    Il Forex è noto anche come il mercato dei cambi ed è un mercato globale per lo scambio di valute nazionali. A causa della portata mondiale del commercio, i mercati Forex tendono ad essere quelli con un volume di attività maggiore e più liquidi. Le valute vengono scambiate l’una con l’altr..

    Continua a Leggere

  • Il Maestro Giuliano festeggia i suoi 60 anni di attività, domani si inaugura la mostra

    Cronaca

    MONREALE - Aprirà domattina, alle ore 10.00, la mostra personale del Maestro Nicolò Giuliano, organizzata per festeggiare i suoi 60 anni di att..

    Continua a Leggere

  • Allo ZEN di Palermo si spara per una mancata precedenza

    Cronaca

    PALERMO - Non si tratterebbe di un tentato omicidio per mafia, né sarebbe tantomeno riconducibile a motivi economici. La sparatoria avvenuta ieri sera allo ZEN è dovuta solo ad alcune offese rivolte dalla vittima alla moglie dell’assalitore. ..

    Continua a Leggere

  • Monreale, approvato il Telelavoro: alcuni impiegati potranno lavorare da casa

    Cronaca

    MONREALE - Niente più stress per raggiungere il posto di lavoro, gestione più efficiente del proprio tempo. Sono questi alcuni dei vantaggi che la scelta del comune di Monreale di adottare il telelavoro porterà ad alcuni dei suoi dipend..

    Continua a Leggere

  • Approvato il regolamento Taxi in Consiglio Comunale, esultano i tassisti monrealesi

    Cronaca

    Il Consiglio comunale approva il regolamento per la disciplina del servizio Taxi presentato dal Movimento "Il Mosaico" ma condiviso dalla maggioranza dell'assemblea.  Un nuovo inizio per i tassisti monrealesi, impegnati da anni in una lotta per il rispetto del proprio diritto a lavorare. Ora..

    Continua a Leggere

  • Una storia lunga 100 anni, è quella di Vincenzina Li Virghi, che domenica spegnerà 100 candeline

    Cronaca

    Dopo la sorella Giuseppina, che solo il 25 Novembre di 4 anni fa aveva festeggiato il secolo di vita, domenica 8 dicembre toccherà a Vincenzina Li Virghi spegnere 100 candeline. E come 4 anni fa, anche adesso verrà festeggiato l’ambito traguardo del centesimo compleanno con la famiglia a..

    Continua a Leggere