Oggi è 23/05/2019

Cronaca

L’omicidio del piccolo Giuseppe. Quando l’inerzia è complice dell’indifferenza

“Ma chi me lo fa fare!!!” Quando il lasciarsi vivere predomina sul vivere

Pubblicato il 21 aprile 2019

L’omicidio del piccolo Giuseppe. Quando l’inerzia è complice dell’indifferenza

Monreale, 21 aprile 2019 – Molta gente ritiene che la vita venga pesantemente influenzata dal fato in una sorta di inevitabile predestinazione fondata sullo scarno e superficiale concetto del “è così e basta”. 

Alcuni identificano anche le tragedie che costellano l’esistenza di parecchi individui come evidente segno di un destino avverso. Un’abitudine che connota maggiormente le popolazioni del sud…fataliste per antonomasia:

– Si è ammalato? Colpa della sorte (il concetto di prevenzione e stile di vita, in queste valutazioni, non viene neppure lontanamente sfiorato). 

– Non trova lavoro? Destinato a essere disoccupato è…tutte cose storte gli vanno (e magari il fantomatico posto di lavoro lo si attende “comodamente da casa”). 

– Il marito la picchia? Si è innamorata di quest’uomo, adesso ha una famiglia, che può fare… è il suo destino!!! (chiedere aiuto e andar via spesso rientra nelle opzioni troppo “trasgressive” per una donna).

Affermazioni come queste non sono poi così paradossali o sporadiche ma definiscono il modus vivendi di chi cresce in certi contesti sociali dove “il lasciarsi vivere” predomina “sul vivere” in un impermeabile atteggiamento che non riesce a cogliere quanto il nostro “destino” (e quello degli altri), al contrario, dipenda solo per il 10% da cosa ci accade e per il 90% da come reagiamo a ciò che ci accade.

Una sorta di consapevole deresponsabilizzazione che delega il fulcro del proprio agire all’inerzia, al lasciare le cose così come avvengono, al voltarsi dall’altra parte. 

Il fatto di cronaca che ha ispirato questo breve preambolo è l’agghiacciante morte del bimbo di Cardito, nel napoletano, massacrato dal patrigno, per futili motivi (la sponda del letto rotta), sotto gli occhi della compagna, mamma del piccolo, che nulla ha fatto per evitare tale immane tragedia. Il bimbo frequentava, insieme alla sorellina, la scuola primaria, ma anche in quel luogo, nel luogo preposto all’educazione e alla formazione integrale dei futuri cittadini e delle future cittadine, la sua condizione di bambino pesantemente maltrattato e quella identica di sua sorella, assumono, per tutto il tempo, i contorni di un’”invisibilità” di convenienza. 

Quanto dolore possa accumulare un bambino che viene selvaggiamente picchiato all’interno di quelle mura familiari che, al contrario, dovrebbero proteggerlo o quanto infinito smarrimento possa provare per quelle ferite che urlano al posto suo, nell’indifferenza delle altre figure adulte di riferimento, è ipotizzabile sola da parte di chi quell’identico dolore lo ha vissuto veramente e per tale strazio porta e porterà per sempre le cicatrici nel corpo e nell’anima. 

Io, come tanti altri, posso solo provare a immaginare. 

Quindi immagino, indossando i panni del piccolo Giuseppe, ciò che avrebbe potuto elaborare nei suoi pensieri di bimbo devastato.

Immagino il risveglio dal torpore di un sonno agitato da incubi, il bruciore acuto delle ecchimosi sulla  pelle, lo specchio che rimanda l’immagine di un visino gonfio, dei lividi e di occhi ormai a secco di lacrime. La voglia di scappare, la paura e la speranza che qualcuno se ne accorga.

Immagino ancora più intensamente di essere Giuseppe e provo ad entrare nei suoi probabili pensieri: “è già mattina e sto andando a scuola… entro in classe e osservo i miei compagni, sembrano spensierati e vivaci, io invece ho un peso sul cuore che non se ne va e di cui nessuno si accorge. Le maestre mi guardano, secondo me lo vedono, lo sanno cosa mi succede, o forse no… che faccio glielo dico io? Può essere che a loro non interessi saperlo e magari se glielo dico poi chiamano la mamma e Tony me ne dà ancora di più. Non dico niente, che è meglio… tanto loro mi guardano, mi vedono ma non fanno nulla lo stesso. Nessuno può fare nulla.”

Ma quelle maestre in realtà vedono, osservano, sanno e commentano. Provo a presupporre le loro riflessioni sui due piccoli: è probabile che archivino la situazione come il “solito caso” di bambini disagiati figli di una famiglia disagiata. Un caso triste, uno dei tanti casi tristi, il classico caso con un suo evidente “destino” di sopraffazione, un destino abbastanza segnato, sul quale le insegnanti di Giuseppe ritengono sia meglio non addentrarsi, non porsi troppe domande, non indagare. 

L’indifferenza, quindi, fermenta e si adagia sulle cicatrici, sui piccoli corpi di Giuseppe e di Noemi, sempre più martoriati, sempre più inermi. L’inerzia diventa complice di una sensibilità sopita, stemperata e abbrutita dal presupposto di ogni colposa indifferenza che spesso si esprime con l’unico, radicato e condiviso pensiero: “ma chi me lo fa fare!!!” 

Una mattina, però, l’impatto con la visione di un orecchio, quello di Noemi, con la cartilagine parzialmente tranciata, appare troppo raccapricciante per dirottare lo sguardo altrove e induce le maestre a produrre per iscritto, nove giorni prima del truce delitto del fratellino, una segnalazione poi consegnata al Dirigente Scolastico. Un tentativo di documentare quei gravissimi atti di violenza, successivamente definito dal GIP come azione “tardiva e incompleta”…una blanda segnalazione che viene, tra l’altro, ignorata dal Capo D’Istituto.

Di tutta questa vicenda ciò che salta evidente agli occhi e ai cuori più sensibili e ricettivi è il comportamento eclatante e subdolo di chi si fregia impunemente del prestigioso appellativo di “maestra”. Un comportamento che insegna, più di mille trattati di didattica e di pedagogia, a chi intenda occuparsi, per professione, della formazione dei futuri uomini e delle future donne, cosa non fare mai sulla pelle di un bambino. Un presupposto riassunto in queste poche frasi a supporto di quanto intercettato nella sala d’attesa del commissariato: “le insegnanti di Giuseppe si sono messe d’accordo su come avrebbero risposto all’interrogatorio: «Io faccio la faccia di c…», suscitando le risate dell’altra. Un atteggiamento, come scrive il gip, «ilare e oppositivo» che «colpisce e sconcerta». Ciò che forse colpisce e sconcerta ancora di più della palese mancanza di sensibilità di queste donne è forse quella insulsa preoccupazione di sistemare la “propria immagine appannata”, di salvare in qualche modo la faccia. Una preoccupazione che oltraggia ulteriormente la memoria di chi doveva semplicemente essere un alunno da amare e proteggere… un bambino da rispettare.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Giorno del ricordo di Falcone, Salvini: “Chi si divide sulla lotta alla mafia sbaglia”

    Cronaca

    Palermo, 23 maggio 2019 - "Chi si divide sulla lotta alla mafia, chi usa una giornata di memoria e di futuro per fare la sua piccola battaglia politica sbaglia e fa un torto a Falcone, a Borsellino, alla memoria di tutti gli altri martiri e al Paese intero",

    Continua a Leggere

  • Digitale e analogico, due facce della stessa medaglia

    Cronaca

    Si è svolto a Torino, presso l'Istituto Maria Consolatrice, il convegno “Innovare la didattica con il digitale: istruzioni per l'uso”. Gli interventi del dott. Leonetti, docente e tutor di Master presso LTE- Laboratorio Tecnologie dell'Educazione, e della dott.ssa Volpi, Psicologa e Specia..


  • Falcone, il sindaco di Monreale in aula bunker a fianco delle scuole

    Cronaca

    Palermo, 23 maggio 2019 - “Ho voluto condividere questo importante momento con gli studenti, i dirigenti scolastici e i docenti presenti oggi alla cerimonia istituzionale, in memoria delle stragi in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Francesca Morvillo e gli agenti ..

    Continua a Leggere

  • “The Shock”, il monrealese Gaetano La Corte sfida il campione italiano di K-1

    Cronaca

    Palermo, 23 maggio 2019 – “In questo periodo ci siamo allenati tanto e ce la metteremo tutta per farcela”. Gaetano La Corte, è scaramantico, non si sbilancia, preferisce dir poco sulla sfida che lo attende sabato 25 maggio al Conca D’Oro di Palermo. “The Shock”, al centro comm..

    Continua a Leggere

  • Trova la fidanzata con uno sconosciuto e lo pesta selvaggiamente. Arrestato il 30enne Antonio Cannata

    Cronaca

    Palermo, 23 maggio 2019 - Il 30enne palermitano Antonio Cannata è stata tratto in arresto questa mattina dai carabinieri del nucleo investigativo di Palermo. Il giovane è stato identificato come l'autore dell'aggressione ai danni dell'imprenditore Giovanni Caruso, gestore del ristorante Dorian, av..

    Continua a Leggere

  • Orlando diserta l’aula bunker: “Trasformata in piazza per comizi”

    Cronaca

    Palermo, 23 maggio 2019 -Oltre il presidente della Regione, Nello Musumeci, e Claudio Fava anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha deciso di disertare la cerimonia di commemorazione per le vittime della strage di Capaci nell'aula Bunker. Orlando è andato vi..


  • Sotto Monreale centinaia di metri di gallerie. Presente anche un corso d’acqua, ma è presto per parlare di fruibilità

    Cronaca

    [gallery ids="104216,104217,104218,104215,104271,104270,104272"]

    Monreale, 23 maggio 2019 - Questa mattina un gruppo di speleologi è sceso nella grotta sotterranea situata al di sotto di piazza Vittorio Emanuele, accedendovi dalla piramide a vetri. La grotta potrebbe..


  • Palermo ricorda le vittime della mafia: iniziative e piazze piene oggi. Ma la polemica è dietro l’angolo

    Cronaca

    Palermo, 23 maggio 2019 - Sono appena sbarcati i centinaia di studenti proveniente da tutta Italia per commemorare, nella data di oggi, la strage di Capaci, in cui furono brutalmente uccisi il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dici..


  • Assicurazione auto Genialloyd: ecco perchè tutti la scelgono!

    Cronaca

    La Compagnia assicurativa del gruppo Allianz, Genialloyd, nasce a Milano nel 1996. Solo due anni dopo lancia il canale online ed è tra le prime ad offrire la comodità e la convenienza di questa modalità di servizio. Nel mondo delle polizze auto è certamente una delle più scelte, grazie ai tanti..


  • Incendio sul Monte Caputo, domato da un canadair

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2019 - Nel primo pomeriggio di oggi si è sviluppato un incendio boschivo su monte Caputo.  Le fiamme si sono sviluppate in una zona impervia, quindi è necessario l'intervento di un canadair proveniente da Lamezia. L'intervento è durato dalle 15 alle 16:30.  ..


  • Come le piattaforme di scommesse invogliano i giocatori a scommettere

    Cronaca

    “La concorrenza è l’anima del commercio” è un mantra per chi decide di immettere il proprio prodotto sul mercato e, di sicuro, non fanno eccezione le piattaforme di betting online, che puntano ad invogliare potenzi..


  • Una Monreale sotterranea potrebbe tornare fruibile. Domani sopralluogo della Pro Loco

    Cronaca

    Monreale potrebbe diventare un'attrazione turistica, oltre per la Cattedrale, anche per le bellezze che esistono sottosuolo. Domani, a partire dalle 9, la Pro Loco Monreale scenderà nella grotta situata sotto la piramide di vetro in piazza Vittorio Emanuele. L'obiettivo degli organizzatori è ..


  • H&M costruzioni alla ricerca di diverse figure professionali

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2019 - In campo da oltre 15 anni, H&M costruzioni s.r.l. offre opportunità di lavoro nel campo edile. Diverse sono le figure professionali ricercate dall'azienda, da inserire all'interno del team.

    In questi mesi sono numerose le commesse prese in carico da H&am..


  • La Monreale che vuole cambiare: due volontari ripuliscono l’edicola votiva in via Venero

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2019 - La voglia di cambiamento si vede da tante cose: da un cambio di politica, sicuramente, ma anche e soprattutto dagli atteggiamenti dei cittadini. E oggi diamo risalto ad due volenterosi cittadini che si sono rimboccati le maniche per fare qualcosa per la propria città. ..


  • Un talento monrealese in TV. Sabato prossimo nel programma “A sua immagine” l’intervista al maestro ceramista Giuliano

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2019 - Ieri, presso la fabbrica di ceramiche Nicolò Giuliano, sita in via Circonvallazione 55, sono state girate le riprese per la trasmissione "A sua immagine", noto programma televisivo in onda su Rai 1. Durante le riprese è stato intervistato il maestro Giuliano ed è sta..


  • Bonifica dell’Oreto e del Sant’Elia: questa mattina Arcidiacono a Villa Niscemi per l’incontro del Fai

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2019 - Si è tenuto questa mattina a Villa Niscemi l'incontro promosso dal Fai per la salva..


  • Rivoluzione tecnologica al Duomo: in arrivo la nuova app che soddisferà tutte le curiosità dei visitatori

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2019 - Sarà presentata il prossimo 31 maggio, alle 11.30, presso la cappella di San Benedetto all'interno della Basilica di Monreale, la prima app del Duomo di Monreale. Uno strumento semplice e intuitivo, essenziale e veloce che consentirà a chiunque di varcare la porta della ..


  • Osa e Pasticcere. Al via percorsi di formazione professionale per adulti presso l’associazione Ted

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2019 - Al via i percorsi di formazione professionale per adulti. L’Associazione Ted formazione professionale annuncia l’avvio di ulteriori percorsi formativi destinati a disoccupati e non. ..