L’inclusione a Monreale. I topi integrati nel tessuto urbano della città

Si sono integrati così bene che te li ritrovi al bar a fare la fila per andare in bagno

Monreale, 19 aprile 2019 – Noi ci ridiamo, ma qui la cosa è seria e lo è da un po’. C’è gente che si ritrova i topi dentro casa, mascherati ed armati e se non gli apri il frigorifero sono cavoli amari.

L’altro giorno ne ho visto uno che faceva la gincana tra le auto che transitavano in via della Repubblica, hanno anche imparato a scansare le macchine. Continuando così la futura amministrazione, come uno dei primi atti, dovrà installare i “toposemafori”.

Si sono integrati così bene che te li ritrovi al bar a fare la fila per andare in bagno. Un buon motivo per ripristinare i bagni pubblici, non pensiamo solo ai turisti.

Un paio di sere fa, sono andato a cena in un locale. Al momento dell’amaro ho detto al cameriere: “faccia i miei complimenti al cuoco”. Dopo un po’ veniva a ringraziarmi per i complimenti ricevuti Ratatouille. 

Credetemi, se non vedo i 2 o 3 topi, che giornalmente gironzolano dove vivo, come prima cosa telefono al pronto soccorso dell’Ingrassia. Non sia mai un incidente. Sì, perché dalle mie parti, e non solo, c’è una strada che è una gruviera.

Poi è successo un episodio che ha dell’incredibile. Il mio vicino di casa ieri era demoralizzato e preoccupato. Il suo gatto nero non vuole più uscire di casa, ha paura. In diverse occasioni è stato bullizzato da 4 topi, al grido di “fuori i gatti neri” dall’Italia” lo hanno rincorso per tutto il Corso Pietro Novelli. Per fortuna che l’inseguimento è successo nell’ora in cui la strada era chiusa al transito, altrimenti sarebbe potuta accadere una strage.

Il mio vicino ha fatto denuncia ai Carabinieri che stanno visionando le tantissime telecamere installate in Città. Grazie alle riprese sono certi che prima o poi i 4 bulli saranno consegnati alla giustizia e messi a pane e parmigiano chissà per quanti mesi.

La notizia si è diffusa a livello nazionale, tant’è che è intervenuto il Ministro degli Interni che ha minimizzato l’accaduto definendola una “topata”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.