Oggi è 22/07/2019

Politica
Monreale: Tempo pieno e prolungato. L’assessore Potenza al consigliere Giannetto: “Solo promesse elettorali”

Giannetto: “Nessun tentativo dell’amministrazione Capizzi di avviare il tempo pieno”

“Nessuna demagogia. Le risorse si possono reperire. L’amministrazione comunale deve dichiarare all’USR la disponibilità ad avviare il tempo pieno”

Pubblicato il 23 marzo 2019

Giannetto: “Nessun tentativo dell’amministrazione Capizzi di avviare il tempo pieno”
Rosanna Giannetto

Monreale, 23 marzo 2019 – Riceviamo e pubblichiamo una nota inviata dal consigliere comunale Rosanna Giannetto, candidata di “Monreale bene comune” a sostegno del candidato sindaco Roberto Gambino, in occasione delle amministrative del 28 aprile.

“Leggo con stupore la replica un po’ scomposta dell’assessore Potenza. Ciò mi porta, per realismo e onestà, anche intellettuale, a puntualizzare alcuni aspetti forse non chiari all’assessore. Scrivo come docente e consigliere comunale nella sincera speranza di contribuire a far maturare un tema importantissimo per i nostri ragazzi ed il loro futuro. Ritengo che tale argomento, di per se stesso trasversale, debba avere finalmente il diritto di entrare nell’agenda politica della prossima amministrazione che uscirà dalle elezioni. La verità è che l’attuale amministrazione in cinque anni non ha mosso un solo dito per avviare un percorso doveroso quanto necessario ed oggi non sa che cosa raccontare in materia. E non si dica che dipenda dal Miur; è l’amministrazione comunale che deve dichiarare all’USR la disponibilità ad avviare il tempo pieno, in quali scuole e in che misura, facendosi carico dei servizi di proprio competenza. Ad oggi non risulta nemmeno un misero tentativo di provare ad attivare il tempo pieno in almeno una sola classe in qualcuno degli istituti monrealesi più pronti e con meno difficoltà oggettive. Purtroppo nessuno si è preso la briga di far sentire la scelta del tempo pieno come una volontà e un chiaro indirizzo di politica scolastica della giunta comunale. Evidentemente, il tempo pieno non è stato una priorità della giunta Capizzi e, a giudicare dalle parole dell’ultimo assessore, nemmeno lo sarebbe per il futuro. Io tutto ciò lo ritengo sbagliato e credo che l’istituzione del tempo pieno a scuola debba diventare una priorità. 

Noi di Monreale Bene Comune, di concerto con il candidato sindaco Roberto Gambino, siamo pronti a sperimentarne l’attuazione. Chi afferma che sia demagogico e non realistico, o non conosce il tema o mente sapendo di mentire. Porto un esempio che può aiutare la comprensione: nella vicina Altofonte, all’istituto comprensivo Armaforte, si riesce a soddisfare la richiesta di tempo pieno di circa 80 bambini delle cinque classi della primaria di un’intera sezione. Stessa cosa vale per la scuola materna dove 60 bambini, ossia il 30% del totale, usufruiscono del tempo pieno di 40 ore settimanali e della relativa mensa. 

Se è fattibile ad Altofonte, come in tantissimi altri comuni siciliani ed italiani, non si capisce perché a Monreale non dovrebbe essere possibile nemmeno per una classe e, comunque, perché non dovrebbero rimuoversi gli ostacoli per la realizzazione. Sono certa che tante famiglie se ne avvarrebbero senza nulla togliere agli altri. Certo, reperire i locali per i refettori a volte può sembrare difficile, ma se nemmeno ci si prova mai nulla si farà. 

In diverse scuole non sarebbe uno sforzo titanico e i costi per sistemare i locali per mensa non sono impossibili da sostenere tanto più nelle fasi iniziali quando le classi coinvolte non sarebbero tante. Il servizio, come prevede la legge, anche a Monreale sarebbe su richiesta volontaria delle famiglie e, quindi, non obbligatorio. 

Rosanna Giannetto

Qualcuno teme costi impossibili? Per un intero anno scolastico, la mensa per 140 bambini al comune di Altofonte costa circa 7 mila euro al mese, e la quota giornaliera per bambino oscilla da un minimo di 1 euro e 75 centesimi ad un massimo di 2,5 € per i redditi più alti. Ma, ripeto, chi preferisce non avere il tempo pieno non avrebbe alcuna spesa, seppur risibile per un pasto completo che comprende primo, secondo, frutta ed acqua. 

Tutto ciò determinerebbe anche l’assunzione o il ritorno a casa di circa due insegnanti in più ogni tre classi e il costo sarebbe a totale carico dello Stato. Aggiungo che l’USR (ufficio scuola regionale) in questi anni è stato molto ben disposto, dovendo colmare un grave divario tra l’offerta di tempo pieno delle scuole siciliane e quelle del resto dell’Italia.

La verità è che la scarsità di risorse economiche non può più essere una scusa per non far niente, un paravento dietro il quale gli esponenti dell’amministrazione troppo spesso si nascondono. Non è vero che servano risorse impossibili da reperire e nemmeno stiamo parlando di progetti irrealizzabili. Chi afferma ciò, quantomeno è affetto da pigrizia. 

D’altronde, mi chiedo: se non ci fosse la possibilità di discutere e progettare un futuro diverso che senso avrebbe la politica? Anzi, non si decreterebbe la morte di ogni aspirazione al cambiamento? E se non se ne discute adesso, prima che incominci il prossimo anno scolastico, quando se ne dovrebbe discutere? 

Certo, siamo in campagna elettorale, ma di cosa si dovrebbe discutere con i cittadini, di come si diventa assessori di una città senza conoscerla perché nemmeno si è mai stati cittadini della stessa? 

L’assessore Serena Potenza

Il prossimo 28 aprile, i cittadini avranno modo di valutare ed esprimersi sulla serietà di questo e di altri argomenti così come sull’impegno e la storia personale di ogni candidato. Immagino che anche l’assessore Potenza non vorrà sottrarsi ad una candidatura che ne valuti la sua attività e il potenziale impegno futuro. Spero che almeno in questo non ci deluda”.

Ricevi tutte le news

Benedetto

Potremmo fare come nel film di Ficarra e Picone “Nati stanchi”. Comprare degli sparaneve artificiale, uno spazzaneve ed installare delle funivie, dopo di che farne un polo sciistico di prim’ordine a Monreale in cui tutti possano venire a sciare anche ad Agosto.
Mi sembra più sensato del tempo pieno in scuole da costruire di sana pianta.

23 marzo 2019 | 12:29 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Politica

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Politica

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Politica

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Politica

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Politica

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Politica

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Politica

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Politica

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Politica

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Politica

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    Politica

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    Politica

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    Politica

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    Politica

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    Politica

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    Politica

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    Politica

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    Politica

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere