Oggi è 22/07/2019

In Evidenza

Arcidiacono: “È l’alba di un giorno nuovo”. Tantissime le persone all’apertura della campagna elettorale

Geppino Pupella: L’obiettivo è che “la nostra terra” “diventerà bellissima”

Pubblicato il 23 marzo 2019

Arcidiacono: “È l’alba di un giorno nuovo”. Tantissime le persone all’apertura della campagna elettorale

Monreale, 23 marzo 2019 – Si è aperta ufficialmente questo pomeriggio la candidatura di Alberto Arcidiacono a sindaco del comune di Monreale. 

La sala Biagio Giordano (aula consiliare) non è riuscita a contenere la folla di persone accorsa per sostenere e per ascoltare il candidato. Tra questi alcuni ex assessori della giunta Capizzi, Paola Naimi, Nadia Battaglia, Nicola Taibi, Alessandro Zingales. Anche diversi i consiglieri comunali, Sandro Russo, Giovanni Vaglica, Aurelia Di Benedetto, Manuela Quadrante, Salvatore Intravaia, Angelo Venturella, come numerosi ex consiglieri comunali. Non hanno fatto mancare la loro presenza l’ex deputato regionale Salvo Lo Giudice e il Vicecommissario regionale dell’Udc in Sicilia, Ester Bonafede.

“A distanza di cinque anni ci ritroviamo in quest’aula – ha spiegato Arcidiacono –. Ci siamo rimessi al lavoro secondo uno stile silente e garbato, lasciando ad altri la propaganda. Siamo convinti che chi vince una competizione elettorale ha il diritto-dovere di governare, e di farlo con la massima serenità. Abbiamo sperato fino alla fine che potesse realizzare il cambio di logica tanto promesso”. 

“Siamo convinti che l’augurio di un fallimento è esso stesso un fallimento. Siamo qui numerosi dopo avere fondato un movimento e stretto alleanze con altri gruppi politici per un progetto di crescita, di costruzione e sviluppo, volendo segnare una cesura netta con il passato. Vogliamo sventare l’ipotesi che chi ha gestito Monreale possa continuare in questa opera di decadimento”.

Arcidiacono ha spiegato con poche parole le motivazioni che lo hanno spinto a ricandidarsi a distanza di cinque anni “brevi per chi vinse le elezioni, lunghi per chi si trovò a soccombere. Ma ci siamo rimessi in piedi e siamo scesi in campo perché non vogliamo essere accusati di convivenza con un sistema marcio, perché il futuro deve essere un’opportunità e non una preoccupazione”.

“Siamo convinti di essere una risorsa per il territorio. Da troppi anni ci sono le stesse persone al governo. Adesso tocca a noi. È l’alba di un giorno nuovo”.

Arcidiacono non ha anticipato il programma elettorale, “sul quale stiamo lavorando e che verrà reso noto una volta ufficializzato e depositato al comune”. “Ma l’obiettivo – ha dichiarato – è quello di ripristinare la normalità”.

“L’amministrazione Capizzi aveva ereditato un comune con un piano pluriennale di riequilibrio, avrebbe dovuto applicarne semplicemente le prescrizioni. Non ci sono riusciti ed in questo modo ci hanno condannato”.

Presente in aula anche l’assessore al bilancio della giunta Di Matteo, il dottore Giuseppe La Fiura, autore del piano di riequilibrio al quale si è più volte accennato nel corso dei vari interventi che si sono susseguiti.

Tra questi quello del consigliere Aurelia Di Benedetto, che ha presentato la scelta della lista “Obiettivo Futuro” di sostenere Arcidiacono. “Appoggeremo questa candidatura, voluta da subito, Una candidatura bellissima, per il politico, per le sue idee. Con Alberto c’è stata da subito molta empatia. Abbiamo condiviso con lui l’esigenza di affrontare i problemi della città di Monreale, divenuta oggi una giungla. Questa amministrazione ha lasciato una scia di disastri”.

Anche la Di Benedetto ha sottolineato come la principale colpa dell’amministrazione uscente sia rappresentata dal dissesto finanziario. “Un disastro economico. Nella relazione della Corte dei Conti ne viene imputata la responsabilità al dirigente, il segretario generale del comune, alla quale il sindaco ha invece elargito premi. Questa amministrazione ha tolto tutte le agevolazioni ai cittadini. Sono tematiche che vogliamo affrontare con il nostro candidato, in un percorso lineare, basato sulla condivisione delle scelte”.

Beppe Geraci

Breve l’intervento dell’avvocato Beppe Geraci, nel presentare l’adesione della lista “La Nostra Terra” al progetto di Arcidiacono. “Non vogliamo sparare sulla Croce Rossa – ha esordito – né voglio cimentarmi nell’elencare gli insuccessi del sindaco uscente, che ultimamente ha fatto leva sull’amicizia per cloroformizzare i presenti alle riunioni”.

Geraci ha sottolineato che la politica di Alberto è aperta a tutti, “secondo il principio della porta aperta, per cui ciascuno può dare il proprio contributo e prospettare soluzioni. Alberto rappresenta il collante di forze con culture diverse ma che si sentono rappresentate da lui”.

“Ed è entrato nelle case dei monrealesi non come Arcidiacono ma come Alberto, uno di famiglia, attraverso il quale si pensa di potere fare rinascere la città. Non dobbiamo avere paura. La paura ha ottimi argomenti, ma bisogna sperare”.

Geppino Pupella, in rappresentanza di “Diventerà Bellissima”, nel suo intervento, è entrato a gamba tesa nel merito delle inefficienze presenti nel territorio monrealese.

Un lungo elenco per poi soffermarsi sul dissesto finanziario. “Gravissimo l’averlo fatto dichiarare quando non era necessario. Significa non aver saputo rispettare gli impegni che la Corte dei Conti aveva imposto al comune per evitarlo. La conseguenza è stata l’aumento dell’IMU, della TARI, del costo dell’acqua, del suolo pubblico per i commercianti, la riduzione dei servizi alla persona e all’assistenza sociale”.

Geppino Pupella

Pupella ha anche spiegato come un’altra emergenza è legata al collasso degli uffici comunali. “Chi ci aveva promesso la loro riorganizzazione per rilanciarne la qualità, ha solo assistito al depauperamento del personale andato in pensione. Ed entro agosto ci sarà l’esodo di altre 12 unità tra i vertici del comune”.

“Ma, indipendentemente da chi ha portato il paese in questo stato, vogliamo trovare soluzioni ed interventi adeguati”.

La nostra proposta punta su una città più vivibile che valorizza gli aspetti storici e culturali peculiari. Senza tralasciare viabilità, pulizie, spazi pubblici, servizi al cittadino, sostegno alle attività economiche”.

“Il nostro è un programma fattibile per rilanciare la città, incidere sulle risorse economiche. L’obiettivo è che “la nostra terra” “diventerà bellissima”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    In Evidenza

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    In Evidenza

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    In Evidenza

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    In Evidenza

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    In Evidenza

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    In Evidenza

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    In Evidenza

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    In Evidenza

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    In Evidenza

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    In Evidenza

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    In Evidenza

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    In Evidenza

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    In Evidenza

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    In Evidenza

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    In Evidenza

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    In Evidenza

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    In Evidenza

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    In Evidenza

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere