Oggi è 22/07/2019

Cronaca

Operazione Artemisia, pensioni in cambio di voti. Francesco Cascio tra gli arrestati. Avviso di garanzia per l’assessore Roberto Lagalla

27 persone sono state arrestate. In manette politici ed esponenti delle istituzioni

Pubblicato il 21 marzo 2019

Operazione Artemisia, pensioni in cambio di voti. Francesco Cascio tra gli arrestati. Avviso di garanzia per l’assessore Roberto Lagalla

Palermo, 21 marzo 2019 – I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Trapani, su richiesta di questa Procura, 27 persone, poiché ritenute responsabili, a vario titolo, di corruzione, concussione, traffico di influenze illecite, peculato, truffa aggravata, falsità materiale, falsità ideologica, rivelazione ed utilizzazione del segreto d’ufficio, favoreggiamento personale, abuso d’ufficio ed associazione a delinquere secreta finalizzata ad interferire con la pubblica amministrazione (violazione della c.d. legge Anselmi).

Oltre i reati sono stati notificati anche 5 obblighi di dimora e una misura interdittiva della sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio, nonché notificate altre 4 informazioni di garanzia ad altrettanti indagati.

Le indagini dei Carabinieri, coordinati dalla Procura di Trapani, sono iniziate nel 2015 e hanno avuto come fulcro Lo Sciuto Giovanni, ex Deputato Regionale, in carica fino al 2017, a carico del quale sono emersi gravi indizi di reità in ordine alla commissione di numerosi reati contro la P.A. il cui fine ultimo era costantemente quello di ampliare la sua base elettorale in vista delle varie elezioni e di conseguenza il proprio potere politico.

Le indagini permettevano di accertare che Lo Sciuto creava uno stabile accordo corruttivo con Orlando Rosario – già responsabile del Centro Medico Legale dell’INPS, fino al maggio 2016, poi collaboratore esterno dello steso ente quale “medico rappresentante di categoria in seno alle commissioni invalidità civili”- che riusciva a corrompere, attraverso regalie ed altre utilità, nonché la sua intercessione con l’ex Rettore Roberto Lagalla, oggi assessore regionale all’Istruzione e destinatario di informazione di garanzia, per l’aggiudicazione di una borsa di studio a favore della figlia presso l’università di Palermo. Da Orlando l’ex deputato regionale otteneva la concessione di numerose pensioni di invalidità, anche in assenza dei presupposti previsti dalla legge.

Ogni pensione di invalidità fatta concedere, in forza del consolidato accordo corruttivo, rappresentava per l’ex onorevole regionale un cospicuo pacchetto di voti certi.

Circa 70 sono i casi di pensioni di invalidità, attualmente al vaglio degli inquirenti, concesse a cittadini sponsorizzati da Lo Sciuto. 

L’ex deputato regionale godeva inoltre del rapporto privilegiato con il presidente dell’ente di formazione professionale “A.N.F.E.” (Associazione Nazionale Famiglie Emigrati), Paolo Genco anch’egli tratto in arresto,con il quale creava uno stabile accordo corruttivo. Genco infatti gli garantiva sostegno economico e raccolta di voti per le sue candidature, così da rafforzare la sua posizione politica, nonché il suo consenso popolare, strettamente connesso alle assunzioni presso l’ANFE. Lo Sciuto riusciva infatti ad ottenere assunzioni per persone da lui segnalate oltre che appoggio elettorale, anche finanziario. In cambio intercedeva al fine di agevolare la concessione dei finanziamenti a favore dell’ente. Inoltre in qualità di deputato regionale e membro della commissione cultura, lavoro e formazione si prodigava per l’approvazione di delibere e progetti di leggi regionali a favore dell’ANFE.

La complessiva attività di indagine ha dimostrato ancora l’esistenza di una associazione a delinquere promossa ed capeggiata dal Lo Sciuto Giovanni con la collaborazione, nel settore organizzativo, del massone Berlino Giuseppe, associazione che, con certezza indiziaria, vede tra i suoi membri ad esempio l’ex Sindaco di Castelvetrano Errante Felice Jr., l’ex Vice Sindaco di Castelvetrano Chiofalo Vincenzo ed il commercialista massone Magro Gaspare. Caratteristica precipua di tale associazione è che gli scopi della stessa non si limitavano alla esecuzione di una serie indeterminata di delitti ispirati da un medesimo disegno criminoso, ma ha avuto ad oggetto anche il condizionamento e l’asservimento dell’attività di organi costituzionali e di articolazioni territoriali della pubblica amministrazione alle finalità segrete del consesso criminoso.

Tali finalità venivano, in particolare, perseguite con modalità che garantivano la segretezza degli scopi associativi e della reale composizione del sodalizio, anche e soprattutto grazie al ruolo di appartenenti alle istituzioni.

La complessiva attività dell’associazione si esplicava, in particolare, nella conclusione di accordi collusivi con esponenti di rilievo del mondo politico, delle forze dell’ordine, delle istituzioni e degli enti di governo del territorio, del comparto sanità e dell’imprenditoria, nell’infiltrazione nei predetti centri di potere di membri dell’associazione segreta o comunque di soggetti etero diretti dagli associati in modo da strumentalizzarne l’azione al perseguimento delle finalità del sodalizio stesso ed, infine, infiltrando appartenenti al sodalizio criminoso o altri soggetti legati al Lo Sciuto da vincoli di fedeltà all’interno delle logge massoniche e sfruttando a fini elettorali l’appoggio delle logge, appoggio che veniva ricambiato con il sostegno da parte del Lo Sciuto alle richieste di nomina, segnalazioni e raccomandazioni provenienti da affiliati alla massoneria – come avvenuto nella scelta fatta dall’ex Sindaco Errante di nominare, su indicazione del Lo Sciuto, 4 nuovi assessori iscritti a logge massoniche.

Tutte le condotte ideate e poste in essere dal Lo Sciuto e dai suoi sodali erano finalizzate all’ampliamento sempre maggiore del potere di influenza del consesso criminoso nei settori nevralgici della politica, della pubblica amministrazione e della sanità; giungendo, come nel caso del Comune di Castelvetrano ad un controllo generalizzato e penetrante delle scelte politiche ed amministrative, al condizionamento delle scelte inerenti le nomine in enti pubblici o di interesse pubblico (come nel caso dell’IPAB Infranca e del Parco Archeologico di Selinunte e della nomina del Berlino  all’interno della segreteria dell’assessorato regionale), la predisposizione di bandi e l’assegnazione di finanziamenti regionali, all’assegnazione di pensioni di invalidità o indennità di accompagnamento ed all’assunzione in strutture pubbliche e privata (una fra tutte l’ANFE) di soggetti scelti dal Lo Sciuto sulla base di interessi clientelari, affaristici o personali.  

La macchina di potere gestita dal Lo Sciuto utilizzava tali modalità d’azione anche e soprattutto per condizionare le competizioni elettorali ed ottenere l’elezione dei componenti dell’associazione grazie all’enorme rete clientelare creata mediante la commissione dei reati fine dell’associazione a delinquere stessa (corruzioni, abusi di ufficio,truffe in danno dello Stato e falsi contro la fede pubblico).

In tale contesto di profondo condizionamento della corretta amministrazione della cosa pubblica, è estremamente sintomatico il caso del Comune di Castelvetrano in cui il Lo Sciuto ed i suoi sodali, dopo aver “governato” tramite il Sindaco ERRANTE ed il Vice Sindaco Chiofalo dal 2012 al 2017, raggiungevano un accordo con l’ex rivale politico Perricone Luciano, raggiunto da misura cautelare degli arresti domiciliari, finalizzato alla elezione del predetto alla carica di Sindaco in occasione delle elezioni del 2017 (non tenutesi in considerazione del sopravvenuto commissariamento del Comune)

Preme osservare che non viene contestata, dal Giudice delle Indagini Preliminari, l’appartenenza alla massoneria in quanto tale. Non viene addebitata infatti alcuna responsabilità al maestro venerabile della Loggia al cui interno si annidava l’associazione segreta, in quanto è emerso chiaramente come il “gruppo occulto”,facente capo a Lo Sciuto, prendesse le decisioni a prescindere dalle direttive della loggia palese e si avvalesse degli aiuti degli appartenenti occulti più che di quelli palesi in caso di bisogno.

L’indagine ha infine portato alla luce diversi episodi di violazione del segreto istruttorio e favoreggiamento nei confronti di Lo Sciuto da parte di appartenenti alle Forze dell’Ordine e di esponenti politici regionali quali l’ex deputato regionale Francesco Cascio, tratto anch’egli in arresto.

Nell’operazione Artemisia in carcere sono finiti: Giovanni Lo Sciuto, di Castelvetrano, 55 anni, Paolo Genco, 64 anni, di Salemi, Gaspare Magro, 54 anni, di Caltagirone, Giuseppe Angileri, di Marsala, 62 anni, Isidoro Calcara, Castelvetrano, 55 anni, Salvatore Passanante, Castelvetrano, 59 anni, Salvatore Virgilio, Erice, 48 anni, Salvatore Giacobbe, Castelvetrano, 48 anni, Rosario Orlando, Alcamo, 67 anni, Giuseppe Berlino, Castelvetrano, 41 anni. Ai domiciliari, Maria Luisa Mortillaro, 63 anni, Marsala, Vincenzo Giammarinaro, Castelvetrano 60 anni, Francesco Cascio, 55 anni, Palermo, Adelina Barba, San Biagio Platani, 48 anni, Sebastiano Genna, Marsala 68 anni, Giovanna Ivana di Liberto, 32 anni, Alcamo, Giuseppe Cammareri, Marsala, 53 anni, Vincenza Daniela Lentini, Marsala 52 anni, Gaetano Salerno, Castelvetrano, 42 anni, Antonio Di Giorgio, 45 anni, Palermo, Alessio Cammisa, 43 anni, Palermo, Antonietta Barresi, Castelvetrano, 56 anni, Francesco Messina Denaro, Castelvetrano, 58 anni, Vincenzo Chiofalo, Castelvetrano, 64 anni, Tommaso Geraci, Castelvetrano, 64 anni, Felice Junior Errante, Latisana, 44 anni. Luciano Perricone, Trapani, 63 anni. Obbligo di dimora per Valentina Li Causi, Castelvetrano, 32 anni, Filippo Daniele Clemente, Castelvetrano, 32 anni, Arturo Corso, Salemi, 61 anni, Gaetano Bacchi, Santa Ninfa, 88 anni, Maria Zina Biondo, Sadusky (Usa), 48 anni. Misura interdittiva Giorgio Saluto, Trapani, 61 anni.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Cronaca

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Cronaca

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Cronaca

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Cronaca

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Cronaca

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Cronaca

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Cronaca

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Cronaca

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    Cronaca

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    Cronaca

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    Cronaca

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    Cronaca

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    Cronaca

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    Cronaca

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    Cronaca

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere