Venezia vs Palermo 1-1. Per i rosa un punto poco efficace

Il Palermo resta secondo ad un punto dal Verona e a due dal Lecce e dal Pescara

Stadio Penzo (Venezia) 12 marzo 2019 – Un pareggio che scontenta tutti. Il Venezia rimane nei bassi fondi della classifica nonostante il cambio di allenatore con Cosmi, ma innesta una piccola dose di fiducia, e il Palermo guadagna un punto poco efficace, anche perché resta secondo ad un punto dal Verona e a due dal Lecce e dal Pescara.

Il campionato dei rosa rimane sempre complicato sia per le vicende societarie che per il terreno di gioco. 

Stellone schiera in difesa Brignoli, Rispoli, Bellusci, Rajkovic e Aleesami, a centro campo Murawsky, Jajalo e Chochev, in attacco Trajkosky, Nestorosky e Puscas. 

Il Venezia inizia la gara in maniera molto aggressiva e il Palermo soffre. Cosmi è scaltro e conosce le lacune dei rosa, cercando di colmare il divario tecnico con gli avversari con un atteggiamento muscoloso. 

Ed infatti il gol arriva al 39° minuto con una amnesia difensiva e con assist di Bruscagin a Bocalon che insacca di piatto.

Si va negli spogliatoi e si riparte con un Palermo più ordinato e concreto. Il possesso palla è a favore dei rosa, e con dei cambi effettuati da Stellone, fuori Trajkosky e Chochev, per Falletti e Moreo, i rosa creano molti più pericoli e arriva anche un rigore divorato da Nestorosky.

Per il Venezia il portiere Vicario alla fine risulterà il migliore in campo. La rete dei rosa arriva all’84° minuto con un grande assist di Falletti che Puscas di testa insacca. 

Nel secondo tempo si è visto un buon Palermo che poteva portare a casa i tre punti staccando il secondo posto. 

Il Palermo ha rallentato la sua corsa per il rendimento lento fuori casa e più veloce in casa, dando la possibilità alle concorrenti di avvicinarsi al secondo posto riaprendo di fatto la corsa per la A direttamente.

Tutto può accadere, il Palermo dovrà fare di tutto per conservare il secondo posto a cominciare dalla prossima gara contro il Carpi domenica alle 15 al Renzo Barbera. 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.