Corleone ricorda Placido Rizzotto, la città rilancia una nuova stagione di sviluppo

Lo Sciuto: “Da questo luogo vogliamo cominciare ad avviare una stagione nuova, di prospettive e di sviluppo, mettendo in campo proposte che potrebbero restituire speranza alla zona del corleonese da troppo tempo isolata e abbandonata, basti pensare alla viabilità”

Corleone, 11 Marzo 2019- In occasione del 71esimo anniversario dell’omicidio di Placido Rizzotto, Corleone ricorda il sindacalista rapito e ucciso dalla mafia la sera del 10 marzo 1948 per il suo impegno a favore del movimento contadino per l’occupazione delle terre. Tante le iniziative a lui dedicate, ieri il sindaco Orlando alla presenza di tanti cittadini, delle istituzioni e della CGIL, ha intestato a Rizzotto l’ex via del Levriere a Bonagia. Questa mattina, le iniziative si sono spostate a Corleone, nel complesso di edilizia popolare in contrada San Marco, dove i bambini delle scuole elementari e medie attraverso le loro letture hanno reso omaggio al sindacalista.

Non sono mancati i momenti di riflessione sulla figura di Rizzotto. Riccardo Marotta, segretario Nidil Cgil Palermo ha sottolineato l’importanza dello Sportello Sociale, partito da due mesi a Corleone, per garantire servizi di consulenza e orientamento del lavoro ai cittadini, in particolare a quelli delle fasce più povere della società. Alla manifestazione erano presenti il sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi, i nipoti del sindacalista, Placido Rizzotto e Franca Di Palermo, che hanno restituito ai presenti il profilo più intimo di Rizzotto. Ed è proprio partendo dall’esempio di Placido Rizzotto e dalle lotte per l’occupazione delle terre, che la camera del lavoro di Corleone ha voluto costruire la giornata di oggi, portando la presenza delle istituzioni in uno dei quartieri più ai margini della realtà territoriale.

“Da questo luogo vogliamo cominciare ad avviare una stagione nuova, di prospettive e di sviluppo, mettendo in campo proposte che potrebbero restituire speranza alla zona del corleonese da troppo tempo isolata e abbandonata, basti pensare alla viabilità”, dichiara Cosimo Lo Sciuto segretario della camera del lavoro di Corleone. “Con questo spirito la Cgil lancia l’invito alle istituzioni e a tutte le forze presenti sul territorio”, dichiara Calogero Guzzetta, durante le conclusioni.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.