Cessione di Ficuzza a Corleone: scelta legittima? Caputo: “Non può farlo un Sindaco a fine mandato”

Con l’accordo di ieri tra Capizzi e Nicolosi verrà predisposto un regolamento affinché il Comune di Monreale ceda Ficuzza a Corleone

Monreale, 28 febbraio 2019 – Ha destato qualche malcontento l’accordo preso ieri tra il Sindaco di Monreale Piero Capizzi e il primo cittadino di Corleone Nicolò Nicolosi, con cui verrà predisposto un regolamento affinché il Comune di Monreale ceda Ficuzza a Corleone. La frazione è infatti ritenuta, dal punto di vista dell’identità territoriale, più prossima a Corleone di quanto non lo sia a Monreale.

È Salvino Caputo, candidato Sindaco per “Orgoglio Siciliano”, a tirare in ballo la questione con toni accesi. “Capisco che Capizzi sia in cerca di buona visibilità – dice Caputo -, ma a pochi giorni dalla scadenza del mandato, e quindi in piena fase di ordinaria amministrazione, non può certo predisporre atti che rappresentano la straordinaria amministrazione, né tantomeno adottare atti che possano impegnare il nuovo Sindaco e il nuovo Consiglio comunale”.

Caputo contesta quindi la competenza del Sindaco, a fine mandato, di programmare atti che riguardano la gestione straordinaria del territorio, e continua affermando che “Ficuzza, per Monreale, rappresenta un valore storico e culturale che non può essere cancellato da un Sindaco a fine mandato. Queste decisioni coinvolgono tutta la città di Monreale e devono essere adottate da un governo locale legittimato dal nuovo voto di aprile”.

“Invito Capizzi e il Presidente Di Verde – conclude Caputo – a volere sospendere ogni decisione in attesa del voto, anche e soprattutto per il rispetto dei cittadini”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.