Oggi è 22/07/2019

Cronaca
Presto il referendum per l'autonomia

«Si i Murriali?». «No, sugnu Chiuppitanu». Ecco il comune di Pioppo. Storia e disservizi alla base del progetto

6.584 cittadini per 5.600 ettari di territorio che includerà le borgate di Giacalone, Poggio San Francesco, Realcelsi, Barone, Strazzasiti, una porzione di Fiumelato ma anche numerose aree boschive come Carpineto, Aglisotto, Strasatto, Monte Gradara, Pizzuta e Casaboli. Non ne faranno parte le zone di contrada Lenzitte e della Favara

Pubblicato il 19 febbraio 2019

«Si i Murriali?». «No, sugnu Chiuppitanu». Ecco il comune di Pioppo. Storia e disservizi alla base del progetto

– «Si i Murriali?»
– «No, sugnu Chiuppitanu». 

In una semplice domanda e dentro una semplice risposta risiedono le numerose ragioni che stanno spingendo una comunità, ormai da molti anni, a rivendicare la non appartenenza ad un territorio e la propria identificazione in un posto ben più ristretto, delineato: il comune di Pioppo.

Monrealesi VS Pioppesi

I Chiuppitani sono Chiuppitani, non sono Monrealesi. «Non c’è una differenza sostanziale tra monrealesi e pioppesi – spiegano dal Comitato Pro Autonomia – ma c’è un senso di appartenenza ad una comunità. Storicamente Pioppo si è sempre distinta da Monreale». L’abitato di Pioppo sorse in seguito all’insediamento, in quella che oggi è l’attuale frazione, di una comunità di origini carinesi. «Attorno ad un convento Benedettino si insediò piano piano una piccola comunità – spiegano – Pioppo nasce come un’entità a sé stante che mai ha avuto un collegamento con Monreale».

Pioppo comune autonomo? Lo dice la storia

Anche la storia darebbe ragione ai pioppesi. «Quando Garibaldi passò da Monreale, in cui combatté la famosa battaglia di Lenzitti – raccontano – i pioppesi accorsero per supportare le squadre garibaldine, i monrealesi, invece, si racconta, non diedero alcun aiuto». Un aneddoto, secondo il Comitato, che la dice lunga sulle differenze che caratterizzano monrealesi e pioppesi. 

Con il trascorrere del tempo il senso di estraniamento della comunità della frazione si è ancor di più amplificato. «Se gli amministratori avessero avuto attenzione alle periferie – aggiungono dal comitato -, e se avessero fatto sentire Pioppo parte di un comune ben amministrato, i pioppesi non avrebbero sentito questo senso di distanza da Monreale». 

Ora i tempi sono maturi e Pioppo sta per intraprendere di nuovo l’iter burocratico per prendersi quanto in questi anni l’amministrazione centrale monrealese non ha saputo tenersi stretto ma che, anzi, ha violentato e illuso con promesse elettoral-marinaresche. Il Comitato Pro autonomia di Pioppo naviga deciso verso il referendum. 

Il progetto del futuro comune di Pioppo è già quasi pronto. Sarà un comune verde il quale, secondo quanto progettato dal comitato promotore, punterà sulle risorse naturali già presenti nel territorio, sullo sviluppo dell’economia a partire dalla madre terra, da tutto ciò che essa può offrire, tutto in un contesto di sostenibilità e rispetto.

Il fiume Sant’Elia, principale affluente del fiume Oreto e fino ad oggi utilizzato come una fogna, sarà messo al centro dell’attenzione dai futuri amministratori del paese. Dove oggi vige l’abbandono e il degrado potrebbe sorgere un parco, un’area protetta che potrebbe offrire diverse opportunità di sviluppo locale. Il territorio di Pioppo sarà particolarmente ricco di risorse idriche. Numerose sono infatti le sorgenti che passeranno sotto l’egida del nuovo comune. Per scelta, comunque, è stata lasciata fuori dal progetto la sorgente Boarra, che si trova nei pressi di via Spartiviolo e che approvvigiona il centro urbano di Monreale. 

Il progetto punterà prima di tutto sul patrimonio architettonico e culturale del territorio, testimonianza dell’economia di un tempo. Il nuovo comune indirizzerà le proprie politiche sulla valorizzazione di settori che potrebbero rivelarsi trainanti: l’agricoltura e la zootecnia. «Le vecchie amministrazione monrealesi sono da sempre insensibili su queste tematiche», dicono i promotori.

Rispetto al progetto originario ci saranno delle modifiche in termini di estensione. Da 8.100 ettari, infatti, l’area di Pioppo si riduce a 5.600 ettari. Non faranno parte del nuovo comune le zone di contrada Lenzitte e della Favara. Il Comitato Pro Autonomia ha deciso di eliminare la zona interessata dalla richiesta di riordinamento dei confini con il comune di San Giuseppe Jato. Il comune di Pioppo confinerà, oltre che con Monreale, con Partinico, Borgetto, Giardinello, Altofonte e Piana degli Albanesi, San Giuseppe Jato e San Cipirello. 
Dentro i limiti del nuovo ente rientrano la zona urbana dell’attuale frazione, le borgate di Giacalone e Poggio San Francesco, Realcelsi, Barone, Strazzasiti, una porzione di Fiumelato ma anche numerose aree boschive come Carpineto, Aglisotto, Strasatto, Monte Gradara, Pizzuta e Casaboli.

Il territorio del comune di Pioppo interessato dai nuovi limiti ingloberà alcune strade importanti. Strade provinciali ma anche la SS Palermo-Sciacca, strada di importanza regionale. 

i prossimi passi e l’iter burocratico per il referendum

Il redigendo progetto è, dunque, quasi pronto. Al momento il comitato è impegnato nella redazione di un’analisi economico-finanziaria. Il progetto sarà presentato nei prossimi giorni alla popolazione nel corso di specifici incontri ed assemblee cittadine con tutte le realtà presenti nel territorio.
Una volta redatto con il piano finanziario e sottoscritto da un terzo degli elettori residenti nel territorio da scorporare il progetto verrà trasmesso al comune di Monreale e affisso All’albo pretorio. Nei 30 giorni successivi i cittadini potranno presentare osservazioni. Nei successivi 60 giorni il progetto, corredato da eventuali osservazioni, sarà sottoposto al Consiglio comunale monrealese, che dovrà esprimere il proprio parere che comunque non è vincolante. 

Dopo l’espressione del Consiglio comunale il progetto verrà trasmesso all’Assessorato agli Enti Locali che dovrà indire la consultazione referendaria a cui parteciperanno solo i residenti del territorio da scorporare nel caso in cui non venisse riconosciuto nel territorio oggetto del progetto un interesse qualificato per l’intera popolazione. Nel caso in cui il diritto al voto dovesse essere riconosciuto all’intera popolazione del comune di Monreale, i risultati del referendum, ai fini del quorum strutturale, saranno distintamente raccolti e valutati con riguardo all’ambito della frazione di cui si chiede il distacco e con riguardo al restante ambito territoriale. 
Il referendum, in questo caso, sarà valido se si recherà al voto la metà più uno degli aventi diritto al voto in almeno uno dei due ambiti. Nel caso in cui si raggiungesse il quorum in entrambi gli ambiti, si valuterebbe il risultato complessivo.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Cronaca

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Cronaca

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Cronaca

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Cronaca

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Cronaca

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Cronaca

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Cronaca

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Cronaca

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    Cronaca

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    Cronaca

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    Cronaca

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    Cronaca

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    Cronaca

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    Cronaca

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    Cronaca

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere