Cambia la geografia degli istituti scolastici monrealesi. Si uniscono Veneziano e Novelli, e diventa Istituto Comprensivo

Il plesso di Aquino passa al Guglielmo II e San Martino delle Scale al Margherita di Navarra. Soddisfatto Marco Intravaia

Monreale, 24 novembre 2018 – Ieri pomeriggio, in sede di conferenza di servizio presso l’Ufficio Scolastico Provinciale, si è deliberato per quanto riguarda gli accorpamenti di diversi istituti del territorio. Sostanzialmente gli studenti saranno ridistribuiti secondo un diverso criterio, come richiesto dall’amministrazione ai dirigenti degli istituti di Monreale.

La deliberazione dovrà essere ora ratificata dall’Assessorato Regionale all’Istruzione, con prospettive di operatività entro due anni. Saranno accorpate le scuole Antonio Veneziano e Pietro Novelli, e quest’ultima diventerà Istituto Comprensivo, con la perdita del plesso di Aquino che verrà accorpato all’Istituto Comprensivo Guglielmo II. Infine il plesso di San Martino delle Scale passerà dal Guglielmo II al Margherita di Navarra.

“Avevamo sempre sostenuto – ha detto Marco Intravaia, Consigliere Comunale di “Diventerà Bellissima” – che bisognava favorire l’accorpamento fra la Novelli e la Veneziano. Un’unione sancita dalla contiguità fisica. E finalmente la Pietro Novelli raggiungerà la legittima aspirazione a diventare Istituto Comprensivo”. Il Consigliere si era subito dichiarato a favore di una soluzione che non spezzasse la collaborazione tra le due scuole.

Nel valutare la futura evoluzione della geografia scolastica monraelese Intravaia era stato soggetto a critiche, infatti l’amministrazione di Capizzi era inizialmente di tutt’altro parere. “Apprendo con soddisfazione – continua Intravaia – che il Sindaco Capizzi ha cambiato idea sposando la ragionevolezza delle nostre posizioni che avevano guardato alle famiglie e agli allievi”.

“Una distribuzione che razionalizza il panorama scolastico cittadino – dice Capizzi -, che rende più competitivi gli istituti di Monreale e permette che non venga perso alcun posto di lavoro”.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.