Oggi è 14/10/2019

In Evidenza

A lezione dall’Arcivescovo. Tra Chiesa e società. Mons. Pennisi risponde alle domande degli studenti

Potere temporale e potere spirituale, il ruolo del vescovo nel passato e nella società di oggi, il suo impegno sociale, ma anche la sua giornata tipo. Mons. Pennisi non si sottrae alle domande dei ragazzi

Pubblicato il 5 novembre 2018

A lezione dall’Arcivescovo. Tra Chiesa e società. Mons. Pennisi risponde alle domande degli studenti

Monreale, 5 novembre 2018 – Potere temporale e potere spirituale, il ruolo del vescovo nel passato e nella società di oggi, il suo impegno sociale. Ed ancora l’ingerenza della Chiesa su temi attuali, il tentativo di incidere sulle scelte politiche, per passare poi a questioni più personali, ad aneddoti sulla vita di un vescovo. Sono tanti gli argomenti affrontati per un paio di ore dai ragazzi della I C dell’Antonio Veneziano di Monreale con un docente d’eccezione, Mons. Michele Pennisi.

L’Arcivescovo di Monreale ha accolto martedì scorso all’interno del palazzo Arcivescovile gli studenti accompagnati dalla docente Maria Luisa Li Manni. Prima un breve tour del palazzo e la descrizione degli ambienti e delle opere d’arte custodite al suo interno, per poi rispondere alle domande dei ragazzi. Partendo dalle origine del potere temporale e mettendo a confronto la chiesa di oggi con quella del passato, con un’ampia finestra su quella siciliana e monrealese in particolare. 

Un excursus storico per spiegare come la Chiesa, a partire da Papa Gregorio II, nel 728 dopo Cristo, cominciò ad assumere un ruolo politico sempre più preminente, di governo del territorio, fino a giungere alla nascita dello Stato Pontificio e alla figura del Papa Re, che si relazionava da Capo di Stato con le famiglie nobili che governavano sulle altre regioni. Così come avvenne in molti territori della penisola dove, per l’assenza di un governo centrale, si giunse ad un maggiore riconoscimento dell’autorità del vescovo.

“Era – spiega Mons. Pennisi – un Papa quindi molto impegnato anche nella costruzione di strade, di fontane, nell’emettere ordinanze, proprio come farebbe oggi un capo politico. Era un Papa Re.

A Monreale, re Guglielmo e i successivi regnanti riconobbero un potere politico al vescovo che governava in nome del re. In Sicilia si era verificata una situazione unica. Mentre in altri luoghi il Papa si faceva rappresentare dai vescovi, qui i Normanni, riconquistata l’isola in nome della chiesa cattolica, ricevettero dal Papa un privilegio unico. I re erano nominati legati pontifici, nunzi apostolici, godevano di uno status superiore a quello del vescovo anche dal punto di vista ecclesiastico. Erano Re Papa, approvavano i catechismi, entravano nel cuore della vita della chiesa”.

“Nel 1860, con Pio IX tutto finisce, quando si passò alla separazione del potere temporale da quello spirituale”.

“E oggi di cosa si occupa oggi Lei”, chiedono i ragazzi, molto interessati a conoscere meglio il loro vescovo.

“Non mi occupo di strade o di costruire fontane, ma visito le comunità dei paesi che rientrano nell’Arcidiocesi di Monreale. Negli ultimi tre anni li ho visitati quasi tutti, rimanendovi per due o tre giorni di volta in volta. Incontro le scuole, le amministrazioni comunali, gli operai, i commercianti, le confraternite, visito gli ammalati nelle case. Ma a volte devo occuparmi anche di cose materiali. Per esempio contribuisco ad affrontare il problema delle termiti al Duomo”.

Pennisi racconta ai ragazzi tanti episodi in cui gli è stato richiesto un intervento dai stessi cittadini, come a Pioppo nel 2017, in seguito al vasto incendio che devastò il bosco. “Mi fu chiesto di partecipare alla manifestazione, in quell’occasione condannai gli artefici del gesto”.

Il Vescovo ricorda anche altre occasioni in cui intervenne per evitare momenti di forte tensione sociale, come a Gela. “Allora ero vescovo di Piazza Armerina. La Procura aveva sequestrato tutti i serbatoi dell’ENI, lasciando senza occupazione circa 5.000 lavoratori. Il mio intervento con il GIP permise di gestire l’emergenza riducendo al minimo i costi sociali”. Ed ancora quando, alla morte dei mafiosi Bernardo Provenzano e Salvatore Riina, dispose che non venissero svolti i funerali in chiesa, coordinandosi con il questore e il prefetto.

Quanto è opportuno che la Chiesa entri nel dibattito politico: “Il compito della Chiesa – replica Pennisi – è di dare un insegnamento morale e su questo genere di questioni, quali la famiglia, la vita, interviene, anche se ci possono essere influenze politiche”.

Inevitabile a questo punto ricordare l’esempio di Don Luigi Sturzo, fondatore del Partito Popolare. “Partito laico di ispirazione cristiana – spiega Pennisi -. Nel suo appello ai liberi e forti, Sturzo espose il suo programma che trattava di famiglia, scuola, educazione, lavoro, sanità, politica internazionale. Per diventare prosindaco di Caltagirone ottenne un permesso provvisorio dal Vescovo e dal Papa, anche se quell’esperienza politica durò ben 15 anni”.

Le domande incalzano, i ragazzi vogliono conoscere anche l’aspetto umano di un vescovo. “È mai stato fidanzato? Le dispiace non avere figli?”  E Mons. Pennisi non si sottrae, ricordando il suo rapporto con la famiglia, con i fratelli persi in tenera età, l’ingresso in seminario all’età di 11 anni. La sua formazione nata in seno alla famiglia con un padre presidente dell’azione cattolica che da piccolo lo conduceva a visitare i poveri assistiti dalla società “San Vincenzo de paoli”. Ed ancora il trasferimento a Roma all’età di 18 anni.

“Quali momenti ricorda come i più belli della sua vita?”

“Certamente l’ordinazione sacerdotale e quella di vescovo, ma anche gli incontri con papa San Giovanni Paolo II, che mi invitò più volte a cena, una volta con mia mamma, e l’incontro con madre Teresa di Calcutta. Ma anche gli incontri con altre persone per le quali è in corso la causa di beatificazione: Giorgio La Pira, Don Giuseppe Dossetti”.

Tanti aneddoti vengono fuori da questo incontro con i ragazzi, seduti intorno al vescovo, chi in poltrona, chi per terra. La procedura per diventare vescovo, l’offerta che gli giunse di lasciare la diocesi di Piazza Armerina per quella di Monreale “diocesi difficile, per l’estensione, per la sua storia, per il fenomeno mafioso presente in alcuni paesi, per la varietà delle problematiche da gestire, non ultima quella del Duomo di Monreale, monumento molto complesso”. Ed ancora la giornata tipo di un vescovo, che si divide tra “la preghiera e l’incontro con le persone”. Degli studi fatti in seminario ricorda: “fui rimandato in latino, che poi conobbi molto bene, perché a Roma studiavamo su testi in latino”.

“Mi sento un uomo normale – risponde l’arcivescovo con il sorriso alle domande dei ragazzi -, pur se abito in questi palazzi che devo mantenere, che non sono miei ma del popolo e che son tenuto a custodire. Duomo significa casa, di Dio e del Popolo”.

Al termine della lunga e coinvolgente lezione tenuta nella bellissima Sala Rossa, tra gli affreschi della volta che raccontano la storia dei comuni della Diocesi, i ragazzi hanno donato al Vescovo una mitra, e hanno cercato di strappargli la promessa di potere andare, insieme, da Papa Francesco.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Premio Eccellenza Italiana, l’attrice Denise Sardisco conquista la sezione cinema

    In Evidenza

    Giunto alla sua VI edizione, nella prestigiosa cornice del Café Milano il prossimo 19 ottobre si svolgerà la cerimonia di conferimento del Premio Eccellenza Italiana. Per la sezione cinema verrà premiata l'attrice monrealese Denise Sardisco. La giovane siciliana che, dopo diverse esperienze te..

    Continua a Leggere

  • Partinico, minacce ed estorsioni alla madre. Arrestato un giovane di 24 anni

    In Evidenza

    PARTINICO - La Polizia di Stato ha tratto in arresto, a Partinico, un cittadino di 24 anni, responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione. Il giovane, qualche sera orsono, ha rivolto minacce e richieste estorsi..

    Continua a Leggere

  • Monreale, si è spento Mastro Nino La Mantia, muratore conosciuto in città

    In Evidenza

    MONREALE - Sarebbe stato un infarto fulminante la causa della morte di Antonino La Mantia, muratore monrealese. L’uomo questa mattina si trovava presso l’abitazione di un cliente, in via Romeo, a Monreale, dove avrebbe dovuto cominciare un la..

    Continua a Leggere

  • Reddito di cittadinanza, scoperto un furbetto a San Martino delle Scale

    In Evidenza

    SAN MARTINO DELLE SCALE - Percepiva il reddito di cittadinanza da ormai diversi mesi, il beneficio però era frutto di dichiarazioni mendaci. L’uomo, cl. 71 di Monreale, aveva infatti dichiarato di essere privo..

    Continua a Leggere

  • Monreale, lente d’ingrandimento sulla ditta Mirto ma anche sugli uffici del comune preposti al controllo

    In Evidenza

    MONREALE - Il Tribunale Amministrativo della Sicilia non si è ancora pronunciato sull'interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Palermo nei confronti della ditta Mirto SRL di San Cipirello. A fine agosto la Pr..


  • Monreale, TARI più bassa del 9% rispetto al 2018

    In Evidenza

    MONREALE - Si attesta a 6.203.882,19 euro il costo complessivo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani relativo al 2019 per il comune di Monreale. È stato appena approvato il piano dei costi da parte del segretario comunale, il dott. Francesco Maria Fragale..


  • Sabato l’assassinio di Hevrin Khalaf, paladina curda dei diritti delle donne

    In Evidenza

    Nei luoghi martoriati del pianeta, dove ogni infinitesimale anelito di libertà ed equità sociale affoga miseramente nel sangue di coloro i quali, attraverso la lotta e il dialogo diplomatico, tentano di ribaltare le sorti di sistemi politici ingiusti e liberticidi, le donne si distinguono ..


  • Palermo, mostra collettiva di pittura: “Salvo D’Acquisto-Amò il suo prossimo più di se stesso”

    In Evidenza

    PALERMO - L'associazione culturale senza scopo di lucro "Centro d'Arte e di Informazione Studio71" in occasione dell'imminente della stagione artistica, intende inserire tra i vari appuntamenti culturali ed espositivi, la realizzazione di una mos..


  • Palermo, il corteo: “Il governo italiano sospenda la vendita di armi alla Turchia” 

    In Evidenza

    PALERMO - Palermo dice No all'invasione turca in Siria, si è svolto ieri il corteo di protesta in centro. La manifestazione è partita da piazza Verdi terminando in piazza Pretoria, di fronte al Palazzo delle Aquile. A sfilare per la ..


  • Sarebbero i piromani di San Martino, a processo Pietro e Angelo Cannarozzo

    In Evidenza

    Secondo la Procura sono loro i responsabili di alcuni incendi che distrussero nell’estate del 2017 ettari di vegetazione, mettendo in pericolo anche la vita di numerosi residenti delle villette di San Martino delle Scale.


  • Filippo Tusa (ACM): “L’estate monrealese? Un gran successo, i risultati sono sotto gli occhi di tutti”

    In Evidenza

    MONREALE - "La stagione dei buoni propositi" è stata definita dall'Associazione Commercianti  l'"E...state a Monreale". A distanza di pochi giorni dalla conclusione degli eventi organizzati dal comune normanno il presidente Filippo Tusa si ..


  • Regione, oltre 1000 nuove assunzioni di giovani nel prossimo triennio

    In Evidenza

    PALERMO - Oltre mille nuove assunzioni di giovani, nel prossimo triennio, per rafforzare l’organico del dipartimento regionale del Lavoro e i Centri per l’impiego in Sicilia. Lo prevede il Piano del fabbisogno del personale per l’ampli..


  • La Coppa degli Assi torna in Sicilia, concorso equestre internazionale di salto a ostacoli

    In Evidenza

    PALERMO - Ritorna in Sicilia - dopo l'ultima edizione svoltasi a Verona nel 2016 - la storica Coppa degli Assi, il concorso equestre internazionale di salto a ostacoli. A ospitare l’evento, dopo le trentadue edizioni svoltesi a partire dal 1976..


  • Rifiuti, la Regione proroga il bando per finanziare i centri comunali di raccolta

    In Evidenza

    PALERMO - Il dipartimento regionale Acque e rifiuti, su input del presidente Musumeci, ha prorogato al 30 ottobre la scadenza del bando per realizzare o ampliare i centri comunali di raccolta dei rifiuti. Il termine ultimo era fissato per il 15 o..


  • A Palermo Notte di zucchero: festa di morti, pupi e grattugie

    In Evidenza

    PALERMO - Non esiste un popolo al mondo che non li commemori. Che sia nel segno della tradizione o meno poco cambia. Perché ogni paese che si rispetti, sin dalle sue origini, commemora i suoi morti con una festa. E la Sicilia, così com..


  • Cascate e laghetti a Monreale, il tesoro dimenticato ora svelato dai Forestali (FOTO)

    In Evidenza

    [gallery ids="121197,121198,121199,121200,121201,121202,121203,121204,121205,121206,121207,121208,121209,121210,121211,121212,121213,121214"] A Monreale abbiamo il tesoro e non lo sappiamo. Eppure è lì, nascosto, a tratti impenetrabile, in mezzo ad alberi e vegetazione. È il fiume Sant’Elia...


  • Monreale, gioca 3 € al gratta e vinci e ne vince 200.000

    In Evidenza

    MONREALE - Gioca un gratta e vinci da tre euro e vince un premio da 200.000 €. Ad essere stato baciato dalla fortuna un cliente di Mirto, il bar che si trova nella centralissima piazza Vittorio Emanuele di Monreale. Il gratta e vinci, della ..


  • Monreale, la Sicily Music Academy apre le iscrizioni al nuovo anno accademico

    In Evidenza

    MONREALE - L’accademia “Sicily Music Academy”, diretta dal Maestro Davide Cutrona, riapre le iscrizioni ai corsi accademici per l’anno 2019-2020. I corsi musicali ad indirizzo strumentale quali violino, violoncello, chitarra, pianofort..