Oggi è 16/11/2018

In Evidenza

A lezione dall’Arcivescovo. Tra Chiesa e società. Mons. Pennisi risponde alle domande degli studenti

Potere temporale e potere spirituale, il ruolo del vescovo nel passato e nella società di oggi, il suo impegno sociale, ma anche la sua giornata tipo. Mons. Pennisi non si sottrae alle domande dei ragazzi

Pubblicato il 5 novembre 2018

A lezione dall’Arcivescovo. Tra Chiesa e società. Mons. Pennisi risponde alle domande degli studenti

Monreale, 5 novembre 2018 – Potere temporale e potere spirituale, il ruolo del vescovo nel passato e nella società di oggi, il suo impegno sociale. Ed ancora l’ingerenza della Chiesa su temi attuali, il tentativo di incidere sulle scelte politiche, per passare poi a questioni più personali, ad aneddoti sulla vita di un vescovo. Sono tanti gli argomenti affrontati per un paio di ore dai ragazzi della I C dell’Antonio Veneziano di Monreale con un docente d’eccezione, Mons. Michele Pennisi.

L’Arcivescovo di Monreale ha accolto martedì scorso all’interno del palazzo Arcivescovile gli studenti accompagnati dalla docente Maria Luisa Li Manni. Prima un breve tour del palazzo e la descrizione degli ambienti e delle opere d’arte custodite al suo interno, per poi rispondere alle domande dei ragazzi. Partendo dalle origine del potere temporale e mettendo a confronto la chiesa di oggi con quella del passato, con un’ampia finestra su quella siciliana e monrealese in particolare. 

Un excursus storico per spiegare come la Chiesa, a partire da Papa Gregorio II, nel 728 dopo Cristo, cominciò ad assumere un ruolo politico sempre più preminente, di governo del territorio, fino a giungere alla nascita dello Stato Pontificio e alla figura del Papa Re, che si relazionava da Capo di Stato con le famiglie nobili che governavano sulle altre regioni. Così come avvenne in molti territori della penisola dove, per l’assenza di un governo centrale, si giunse ad un maggiore riconoscimento dell’autorità del vescovo.

“Era – spiega Mons. Pennisi – un Papa quindi molto impegnato anche nella costruzione di strade, di fontane, nell’emettere ordinanze, proprio come farebbe oggi un capo politico. Era un Papa Re.

A Monreale, re Guglielmo e i successivi regnanti riconobbero un potere politico al vescovo che governava in nome del re. In Sicilia si era verificata una situazione unica. Mentre in altri luoghi il Papa si faceva rappresentare dai vescovi, qui i Normanni, riconquistata l’isola in nome della chiesa cattolica, ricevettero dal Papa un privilegio unico. I re erano nominati legati pontifici, nunzi apostolici, godevano di uno status superiore a quello del vescovo anche dal punto di vista ecclesiastico. Erano Re Papa, approvavano i catechismi, entravano nel cuore della vita della chiesa”.

“Nel 1860, con Pio IX tutto finisce, quando si passò alla separazione del potere temporale da quello spirituale”.

“E oggi di cosa si occupa oggi Lei”, chiedono i ragazzi, molto interessati a conoscere meglio il loro vescovo.

“Non mi occupo di strade o di costruire fontane, ma visito le comunità dei paesi che rientrano nell’Arcidiocesi di Monreale. Negli ultimi tre anni li ho visitati quasi tutti, rimanendovi per due o tre giorni di volta in volta. Incontro le scuole, le amministrazioni comunali, gli operai, i commercianti, le confraternite, visito gli ammalati nelle case. Ma a volte devo occuparmi anche di cose materiali. Per esempio contribuisco ad affrontare il problema delle termiti al Duomo”.

Pennisi racconta ai ragazzi tanti episodi in cui gli è stato richiesto un intervento dai stessi cittadini, come a Pioppo nel 2017, in seguito al vasto incendio che devastò il bosco. “Mi fu chiesto di partecipare alla manifestazione, in quell’occasione condannai gli artefici del gesto”.

Il Vescovo ricorda anche altre occasioni in cui intervenne per evitare momenti di forte tensione sociale, come a Gela. “Allora ero vescovo di Piazza Armerina. La Procura aveva sequestrato tutti i serbatoi dell’ENI, lasciando senza occupazione circa 5.000 lavoratori. Il mio intervento con il GIP permise di gestire l’emergenza riducendo al minimo i costi sociali”. Ed ancora quando, alla morte dei mafiosi Bernardo Provenzano e Salvatore Riina, dispose che non venissero svolti i funerali in chiesa, coordinandosi con il questore e il prefetto.

Quanto è opportuno che la Chiesa entri nel dibattito politico: “Il compito della Chiesa – replica Pennisi – è di dare un insegnamento morale e su questo genere di questioni, quali la famiglia, la vita, interviene, anche se ci possono essere influenze politiche”.

Inevitabile a questo punto ricordare l’esempio di Don Luigi Sturzo, fondatore del Partito Popolare. “Partito laico di ispirazione cristiana – spiega Pennisi -. Nel suo appello ai liberi e forti, Sturzo espose il suo programma che trattava di famiglia, scuola, educazione, lavoro, sanità, politica internazionale. Per diventare prosindaco di Caltagirone ottenne un permesso provvisorio dal Vescovo e dal Papa, anche se quell’esperienza politica durò ben 15 anni”.

Le domande incalzano, i ragazzi vogliono conoscere anche l’aspetto umano di un vescovo. “È mai stato fidanzato? Le dispiace non avere figli?”  E Mons. Pennisi non si sottrae, ricordando il suo rapporto con la famiglia, con i fratelli persi in tenera età, l’ingresso in seminario all’età di 11 anni. La sua formazione nata in seno alla famiglia con un padre presidente dell’azione cattolica che da piccolo lo conduceva a visitare i poveri assistiti dalla società “San Vincenzo de paoli”. Ed ancora il trasferimento a Roma all’età di 18 anni.

“Quali momenti ricorda come i più belli della sua vita?”

“Certamente l’ordinazione sacerdotale e quella di vescovo, ma anche gli incontri con papa San Giovanni Paolo II, che mi invitò più volte a cena, una volta con mia mamma, e l’incontro con madre Teresa di Calcutta. Ma anche gli incontri con altre persone per le quali è in corso la causa di beatificazione: Giorgio La Pira, Don Giuseppe Dossetti”.

Tanti aneddoti vengono fuori da questo incontro con i ragazzi, seduti intorno al vescovo, chi in poltrona, chi per terra. La procedura per diventare vescovo, l’offerta che gli giunse di lasciare la diocesi di Piazza Armerina per quella di Monreale “diocesi difficile, per l’estensione, per la sua storia, per il fenomeno mafioso presente in alcuni paesi, per la varietà delle problematiche da gestire, non ultima quella del Duomo di Monreale, monumento molto complesso”. Ed ancora la giornata tipo di un vescovo, che si divide tra “la preghiera e l’incontro con le persone”. Degli studi fatti in seminario ricorda: “fui rimandato in latino, che poi conobbi molto bene, perché a Roma studiavamo su testi in latino”.

“Mi sento un uomo normale – risponde l’arcivescovo con il sorriso alle domande dei ragazzi -, pur se abito in questi palazzi che devo mantenere, che non sono miei ma del popolo e che son tenuto a custodire. Duomo significa casa, di Dio e del Popolo”.

Al termine della lunga e coinvolgente lezione tenuta nella bellissima Sala Rossa, tra gli affreschi della volta che raccontano la storia dei comuni della Diocesi, i ragazzi hanno donato al Vescovo una mitra, e hanno cercato di strappargli la promessa di potere andare, insieme, da Papa Francesco.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • “Ricominciamo da qui”, Monreale tra le tappe delle “Giornate dell’Economia del Mezzogiorno”

    In Evidenza

    Monreale, 15 novembre 2018 - Si terrà a Monreale il 23 novembre una delle "Giornate dell'Economia del Mezzogiorno", una serie di eventi che si svolgeranno in varie località e che avranno come temi lo sviluppo economico e l'occupazione. Nella giornata del 23 novembre, dal titolo "Ricomin..


  • Via Aldo Moro si risveglia sommersa dai rifiuti. Residenti stanchi chiedono interventi incisivi

    In Evidenza

    [gallery ids="82850,82849,82847"] Monreale, 15 novembre 2018 -"In via Aldo Moro ci sono residenti onesti che, come noi, fanno la differenziata e siamo stanchi di vedere questo tutti i giorni". Una mancanza di rispetto per il prossimo, per il proprio vicino di casa, ma anche per i nostri stessi fi..


  • Approvazione del rendiconto 2017, manca la relazione dei Revisori dei conti. FI: “Di cosa dobbiamo discutere senza un documento tanto importante?”

    In Evidenza

    Monreale, 15 novembre 2018 - "Ancora una volta assistiamo all’ennesima mortificazione del consiglio comunale come organo rappresentativo dell’interesse dei cittadini. Ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, sottolineiamo come questa amministrazione sia inadeguata ed incapace nel portare avanti..


  • Monreale, approvazione rendiconto 2017. Romanotto (Lega): “Manca la relazione del Collegio dei revisori. Il documento non si potrà votare”

    In Evidenza

    Monreale, 15 novembre 2018 - Questa sera il consiglio comunale è chiamata ad approvare il rendiconto 2017. Un unico punto all’ordine del giorno, intorno al quale si prevede un ampio e acceso dibattito. Ma già prima di avviare la seduta è il consigliere comunale della Lega, Giuseppe Romanotto..


  • Monreale, saldo TARI 2018. Come e quando pagare le rate

    In Evidenza

    Monreale, 15 novembre 2018 - Sono stati messi in distribuzione i modelli fiscali F24 per effettuare il pagamento delle rate a saldo TARI2018. Il pagamento va effettuato entro il 31 dicembre 2018, ma potrà essere suddiviso anche in due rate. La prima va pagata entro il 30 ..


  • Centro per l’impiego, Capizzi: “Da oggi c’è l’ok all’agibilità dei locali”

    In Evidenza

    È stato definito stamane l'iter amministrativo per l’agibilità dei locali di via Venero che ospiteranno il nuovo Centro per l’Impiego. Lo rende noto il sindaco di Monreale Piero Capizzi che ha trasmesso al Dipartimento regionale dell’Assessorato al Lavoro il certificato di agibilità dell’..


  • Aquino, case popolari. Cornicioni pericolanti e muri consumati da muffa e umidità

    In Evidenza

    Monreale, 15 novembre 2018 — Non c’è requie per i residenti di via Santa Liberata, nella frazione di Aquino. Oltre al già trattato problema delle tubature idriche, le condizioni generali degli edifici non sono meno preoccupanti.


  • Strazzasiti: “Strada a rischio frana. Il comune intervenga”

    In Evidenza

    [gallery ids="82780,82781,82782,82783,82784,82785,82786,82787,82788,82789,82790,82791,82792"] Monreale, 15 novembre 2018 - “Via esterna Strazzasiti è una strada di competenza comunale” - dichiarano i residenti della contrada monrealese, che chiedono che venga fatto un intervento per ripristi..


  • Rivoluzione nel sistema di gestione dei rifiuti. Via le SRR. Salvataggio per tutto il personale, anche amministrativi e tecnici

    In Evidenza

    Palermo, 15 novembre 2018 - Si tratta di una vera e propria rivoluzione del sistema di gestione dei rifiuti in Sicilia. Di fronte all’emergenza sanitaria, legata alla saturazione delle discariche, e ai costi di conferimento, e quindi alle tasse elevate, l’Assemblea Regionale Siciliana sta lavora..


  • Truffelli a Monreale per parlare di politica

    In Evidenza

    Monreale, 14 novembre 2018 - L'Azione Cattolica "Beata Pina Suriano" di Monreale, presenterà il libro "La P maiuscola. Fare politica sotto le parti" di Matteo Truffelli (docente universitario e Presidente nazionale dell'Azione Cattolica Italiana). L'evento si svolgerà il 15 novembre alle 17 nel Pa..


  • Aquino, case popolari senza gas. Intervengono gli operai COM.EST.

    In Evidenza

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2018/11/WhatsApp-Video-2018-11-14-at-13.26.16.mp4"][/video] Monreale, 14 novembre 2018 - Ancora disagi per i residenti delle case popolari di Aquino. Da ieri sera, infatti, le famiglie dei 4 padiglioni si s..


  • Assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. Ecco come richiederla

    In Evidenza

    Monreale, 14 novembre 2018 - Il Distretto Socio Sanitario 42 provvederà agli interventi ammissibili per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. A darne notizia è il Comune di Monreale.  Gli interessati possono rappresentare la propria situazione pres..


  • Via Olio di Lino riapre al transito, terminati i lavori di ripristino del manto stradale

    In Evidenza

    Palermo, 14 novembre 2018 - Da questa sera sarà di nuovo possibile transitare in via Olio di Lino. I lavori di ripristino della strada termineranno nel pomeriggio, dopo più di una settimana di disagi per i residenti e per chi quotidianamente utilizza questo tratto. Una settimana impegnativa, co..


  • Tetra Pak, “La Buona Compagnia non si Rifiuta”. Parte oggi la campagna di comunicazione ambientale promossa dal Comune di Monreale

    In Evidenza

    Monreale, 14 novembre 2018 - È stata presentata stamane in aula consiliare la campagna di comunicazione ambientale promossa dal Comune di Monreale, in collaborazione con Tetra Pak Italia che  prende il via oggi e si concluderà nel gennaio 2019, pronta a coinvolgere circa 40.000 abit..


  • Strade Provinciali 94, 95, 103 e 42 travolte dal fango, viabilità bloccata e terreni irraggiungibili

    In Evidenza

    Piana degli Albanesi, 14 novembre 2018 - Restano impraticabili le arterie che collegano tra loro Piana degli Albanesi, San Cipirello e le contrade di Arcidocale, Mondaperto e Manali per poi proseguire verso Contrada Aquila e Santuario Madonna di Tagliavia.


  • Affidamento del campo di calcio “Conca d’Oro”. Per Russo (PD) troppe ombre: “Errori nell’attribuzione di punteggi, danno economico per il comune”

    In Evidenza

    Monreale, 13 novembre 2018 - A distanza di alcuni mesi dalla sentenza del TAR della Sicilia che aveva annullato la gara di affidamento del campo di calcio “Conca d’Oro” alla Polisportiva Dilettantistica Calcio Sicilia (


  • Via Olio di Lino, prevista per domani la riapertura

    In Evidenza

    [gallery ids="82653,82652,82651,82650,82649"] Monreale, 13 novembre 2018 - Riaprirà domani via Olio di Lino, entro oggi sarà chiuso lo scavo mentre domani la ditta provvederà ad asfaltare.  Dopo otto giorni dall'apertura della voragine, l'impresa incaricata dall'Amap ha sostituito..


  • Roccamena richiede lo stato di calamità naturale. Ingenti danni all’agricoltura

    In Evidenza

    Roccamena, 13 novembre 2018 - Anche la Giunta Comunale di Roccamena ha approvato la proposta per richiedere lo stato di calamità naturale a causa dei gravi danni subiti durante i giorni di forte maltempo che hanno interessato la Sicilia. [caption id="attachment_76791" align="alignleft" width="30..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com