Piana degli Albanesi. La maggioranza chiede le dimissioni del Presidente del Consiglio

“Piana Riparte” presenta una interrogazione: “Il Presidente Alberto Petta poco onora l’aula e per nulla ci rappresenta”

Piana degli Albanesi, 27 ottobre 2018 – “A Piana un Presidente del Consiglio Comunale Infedele alle Istituzioni”. La pesante denuncia giunge dal gruppo Consiliare di maggioranza “Piana Riparte”, che ieri ha presentato una interrogazione consiliare per mettere in discussione l’operato del Presidente del Consiglio Comunale Alberto Petta, chiedendone le dimissioni.

Il gruppo di maggioranza, nella lunga interrogazione, traccia una ferma linea di distacco etico ed intellettuale dalla condotta e dalle azioni del Presidente, elencando una serie di comportamenti tenuti in aula e in occasioni di rappresentanza istituzionale anche al di fuori del comune che ne avrebbero svilito il ruolo.

“È una dimostrazione di sfiducia politica, – dichiarano i consiglieri di maggioranza – di distacco morale e di ferma condanna dei trascorsi e dei comportamenti, nonché delle affermazioni e dei passaggi fondamentali e chiari perpetrati dall’odierno presidente. Un presidente che poco onora l’aula e per nulla ci rappresenta”.

A firmare l’interrogazione i consiglieri Aclud Antonino, Bastone Emanuela Maria, Mancuso Rocco, Matranga Tommaso, Picone Morena, Scalia Simona: “Chi amministra questo Ente non riconosce più nella figura presidenziale in carica il ruolo di garante degli equilibri istituzionali. Il presidente dimostra la sua propensione e la sua capacità di consigliere di opposizione e giammai di degno presidente del consiglio. Un presidente che, dentro e fuori l’aula, dovrebbe comunque rappresentare egregiamente e in maniera ineccepibile il ruolo che gli era stato concesso”.

Nella lunga missiva, il gruppo di maggioranza critica l’utilizzo delle funzioni istituzionali del Presidente: “Manipolatore dell’aula e grande oratore social. Per nulla ciò che merita Piana ed il nostro consesso consigliare. Per nulla essenziale per l’attività amministrativa, né propositivo ogni qual volta muove una critica. Politica, la sua, di belle parole e di manipolazione e deformazione dei fatti e degli avvenimenti. 

Come gruppo consiliare di maggioranza, nonché rappresentanti dell’amministrazione comunale, non intendiamo altrimenti essere accomunati a tanta falsità, né vogliamo prorogare ulteriormente gli errori e il danno di credibilità e di immagine creato dal presidente A. Petta, nei confronti del nostro gruppo e dei cittadini”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.