Oggi è 14/10/2019

In Evidenza

Ousman Keita è arrivato con il barcone. Gli studenti lo intervistano e scoprono esempi virtuosi di integrazione

Nessuno è straniero. Al Veneziano una storia di accoglienza: “In Sicilia ho trovato una seconda mamma”

Pubblicato il 15 ottobre 2018

Ousman Keita è arrivato con il barcone. Gli studenti lo intervistano e scoprono esempi virtuosi di integrazione

Monreale, 15 ottobre 2018 – Momanke Luntanti – Nessuno è straniero. Questa frase, scritta in lingua mandinka e in italiano, da oggi appare sulla lavagna della I C dell’istituto A. Veneziano di Monreale. È lo slogan che gli alunni della professoressa Luisa Li Manni hanno coniato dopo l’incontro con Ousman Keita, un ragazzo Gambiano, sbarcato in Sicilia, nell’aprile del 2016, a bordo di un barcone.

Un incontro emozionante, durante il quale Ousman ha risposto alla raffica di domande e alle curiosità dei bambini desiderosi di conoscere la sua storia, di comprendere quali motivazioni abbiano potuto condurre un ragazzo così giovane a lasciare la sua famiglia e ad affrontare il viaggio nel Mediterraneo, che cosa possa provare adesso in terra straniera. Ed ancora quali sono i suoi sogni, come vive oggi la sua quotidianità.

Una serie di quesiti ai quali Ousman non si è sottratto, con il suo italiano imparato ad Alcamo, dove ha frequentato la scuola media, e dove finalmente ha messo radici.

Una storia toccante, cominciata quando questo giovane di 18 anni decide di lasciare i genitori e Maria, la sorella di 14 anni, per fuggire dalla dittatura che governava il suo paese.

“Non avevamo libertà di parola, né di movimento. Si rischiava il carcere o la pena di morte. Nel mio paese non esistono servizi sanitari, la scuola, ogni cosa che qui appare normale lì è complessa”.  Tutto questo convince Ousman, nel dicembre del 2015, a lasciare il Gambia, prima in autobus, poi su un camion per attraversare il deserto del Senegal, del Mali, fino all’arrivo in Libia per imbarcarsi. Un viaggio pesante, ma al suo arrivo nel paese libico vivrà la sua esperienza più brutta.

“Appena arrivato in Libia sono stato derubato e sequestrato. Per tre mesi mi hanno rinchiuso in una stanza, assieme ad altre persone, in attesa che giungesse dalla mia famiglia il denaro per il riscatto”. Solo dopo mi è stato permesso di lasciare la Libia a bordo di un barcone”.

A bordo vi erano 120 persone, con poco cibo e acqua. La traversata dura tre giorni, durante i quali alcuni compagni di viaggio perdono la vita. 

“In quei giorni ho avuto momenti di crisi, ma la fede in Dio non mi ha fatto perdere la speranza. Siamo arrivati a Trapani nell’aprile del 2016”.

Per sette mesi vivrà in un centro di accoglienza di Salemi, poi verrà trasferito ad Alcamo.

Ma la sua è una storia a lieto fine. “In Italia ho incontrato persone che mi hanno aiutato, si sono occupati della mia salute, del mio inserimento a scuola, mi hanno fatto sentire una persona speciale”.

La Sicilia rappresenta la sua nuova famiglia. “Ad Alcamo ho conosciuto persone buone, a partire dalla mia seconda mamma, Gisella”.

Ousman con Piero e Cinzia Cassarà

Oggi Ousman ha un permesso di soggiorno, vive in un appartamento con altri due ragazzi africani e ha un contratto di tirocinio preso il “Via Vivaldi”, un ristorante alcamese gestito dalla monrealese Cinzia Cassarà e dal marito Leonardo Cottone. Con loro ha stretto un forte rapporto.

“Il tuo sogno da piccolo?” Chiedono i ragazzi. “Volevo fare il giornalista, adesso voglio continuare gli studi linguistici. Ma il mio sogno è quello di aiutare i miei genitori. Mi sento un ragazzo fortunato”.

Ousman racconta di non essere mai rimasto vittima di comportamenti xenofobi da quando vive in Sicilia. “Ho trovato tutte persone gentili, mi sento fortunato rispetto ad altri amici che invece hanno vissuto brutti episodi”.

In classe è un continuo levare di mani, i ragazzi vogliono sapere di più.

“Cosa ti piace fare?” La risposta non sorprende: “Mi piacciono tutte le cose che piacciono ai ragazzi europei della mia età: gioco a calcio e tifo per il Manchester United”.

“Del tuo paese cosa ricordi?” ”Una famiglia numerosa, i bambini, il sole, il mare, il colore dei vestiti nei giorni di festa”. 

“Cosa ti manca del Gambia?” “Mi manca tutto, la gentilezza delle persone, l’amore di mia madre”.

La confidenza con Ousman cresce. Per loro non è uno straniero, è come il fratello maggiore dei loro amici, o il vicino di casa. Gli chiedono il suo profilo Instagram per condividere con lui foto e storie.

La Docente Luisa Li Manni

Una bella storia di integrazione vissuta oggi dagli alunni della professoressa Luisa Li Manni: “Ho pensato di portarli a confrontarsi con questo forte fenomeno contemporaneo – spiega la docente – studiando le migrazioni barbariche e le contaminazioni che nel passato sono avvenute tra popoli differenti, ciascuno portatore di un preciso bagaglio culturale. Ma anche dall’analisi del concetto che ogni cultura e ogni popolo sono il frutto di incontri passati. Il paragone con le migrazioni di oggi è stato un passaggio naturale”.

I ragazzi hanno regalato ad Ousman un cesto pieno di dolci sicilinai, lui ha ricambiato il gesto donando loro un messaggio bello, di solidarietà: “Quando incontrate qualcuno povero, ammalato, diverso da voi, non abbiate paura di avvicinarlo per chiedergli il nome. Il vostro interesse può cambiare la sua vita”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Palermo, mostra collettiva di pittura: “Salvo D’Acquisto-Amò il suo prossimo più di se stesso”

    In Evidenza

    PALERMO - L'associazione culturale senza scopo di lucro "Centro d'Arte e di Informazione Studio71" in occasione dell'imminente della stagione artistica, intende inserire tra i vari appuntamenti culturali ed espositivi, la realizzazione di una mos..

    Continua a Leggere

  • Palermo, il corteo: “Il governo italiano sospenda la vendita di armi alla Turchia” 

    In Evidenza

    PALERMO - Palermo dice No all'invasione turca in Siria, si è svolto ieri il corteo di protesta in centro. La manifestazione è partita da piazza Verdi terminando in piazza Pretoria, di fronte al Palazzo delle Aquile. A sfilare per la ..

    Continua a Leggere

  • Sarebbero i piromani di San Martino, a processo Pietro e Angelo Cannarozzo

    In Evidenza

    Secondo la Procura sono loro i responsabili di alcuni incendi che distrussero nell’estate del 2017 ettari di vegetazione, mettendo in pericolo anche la vita di numerosi residenti delle villette di San Martino delle Scale.


  • Filippo Tusa (ACM): “L’estate monrealese? Un gran successo, i risultati sono sotto gli occhi di tutti”

    In Evidenza

    MONREALE - "La stagione dei buoni propositi" è stata definita dall'Associazione Commercianti  l'"E...state a Monreale". A distanza di pochi giorni dalla conclusione degli eventi organizzati dal comune normanno il presidente Filippo Tusa si ..


  • Regione, oltre 1000 nuove assunzioni di giovani nel prossimo triennio

    In Evidenza

    PALERMO - Oltre mille nuove assunzioni di giovani, nel prossimo triennio, per rafforzare l’organico del dipartimento regionale del Lavoro e i Centri per l’impiego in Sicilia. Lo prevede il Piano del fabbisogno del personale per l’ampli..


  • La Coppa degli Assi torna in Sicilia, concorso equestre internazionale di salto a ostacoli

    In Evidenza

    PALERMO - Ritorna in Sicilia - dopo l'ultima edizione svoltasi a Verona nel 2016 - la storica Coppa degli Assi, il concorso equestre internazionale di salto a ostacoli. A ospitare l’evento, dopo le trentadue edizioni svoltesi a partire dal 1976..


  • Rifiuti, la Regione proroga il bando per finanziare i centri comunali di raccolta

    In Evidenza

    PALERMO - Il dipartimento regionale Acque e rifiuti, su input del presidente Musumeci, ha prorogato al 30 ottobre la scadenza del bando per realizzare o ampliare i centri comunali di raccolta dei rifiuti. Il termine ultimo era fissato per il 15 o..


  • A Palermo Notte di zucchero: festa di morti, pupi e grattugie

    In Evidenza

    PALERMO - Non esiste un popolo al mondo che non li commemori. Che sia nel segno della tradizione o meno poco cambia. Perché ogni paese che si rispetti, sin dalle sue origini, commemora i suoi morti con una festa. E la Sicilia, così com..


  • Cascate e laghetti a Monreale, il tesoro dimenticato ora svelato dai Forestali (FOTO)

    In Evidenza

    [gallery ids="121197,121198,121199,121200,121201,121202,121203,121204,121205,121206,121207,121208,121209,121210,121211,121212,121213,121214"] A Monreale abbiamo il tesoro e non lo sappiamo. Eppure è lì, nascosto, a tratti impenetrabile, in mezzo ad alberi e vegetazione. È il fiume Sant’Elia...


  • Monreale, gioca 3 € al gratta e vinci e ne vince 200.000

    In Evidenza

    MONREALE - Gioca un gratta e vinci da tre euro e vince un premio da 200.000 €. Ad essere stato baciato dalla fortuna un cliente di Mirto, il bar che si trova nella centralissima piazza Vittorio Emanuele di Monreale. Il gratta e vinci, della ..


  • Monreale, la Sicily Music Academy apre le iscrizioni al nuovo anno accademico

    In Evidenza

    MONREALE - L’accademia “Sicily Music Academy”, diretta dal Maestro Davide Cutrona, riapre le iscrizioni ai corsi accademici per l’anno 2019-2020. I corsi musicali ad indirizzo strumentale quali violino, violoncello, chitarra, pianofort..


  • Cerda, dettero alle fiamme le auto del sindaco Andrea Mendola, condannati ad un totale di 40 anni di reclusione

    In Evidenza

    PALERMO - Sono stati condannati per avere dato alle fiamme tre autovetture intestate alla famiglia dell’allora sindaco di Cerda Andrea Mendola. La Corte d'Appello di Palermo ha riconosciuto quali  mandanti ed esecutori materiali Contino St..


  • Addio ai bollettini, Monreale passa a PagoPA

    In Evidenza

    MONREALE - Approvata dal Consiglio Comunale, questa settimana, la proposta della Commissione Bilancio di adesione al PagoPa, strumento unico per i pagamenti telematici verso il Comune. 

  • Operazione Black Cat, 350 anni di carcere a boss e gregari della provincia (I NOMI)

    In Evidenza

    I giudidi d'Appello confermano quanto deciso in primo grado tranne qualche assoluzione e qualche inasprimento di pena. Il processo contro la cosa nostra della provincia si è celebrato nella prima sezione della Corte d’Appello di Palermo che ha pressoché confermato quanto era stato disposto in ab..


  • A Monreale al via la raccolta delle olive: buona quantità e ottima qualità dell’olio

    In Evidenza

    È ancora presto per azzardare delle previsioni ma di certo c'è che l'annata 2019 sarà migliore di quella dello scorso anno. Il 2018 è stato un anno da dimenticare. Sta per iniziare anche nel Monrealese la raccolta delle olive e le aspettative sono più che buone. Gli agricoltori, grandi e pic..


  • Stop ai telefonini in classe? Cefalù in controtendenza, agli alunni 2 break per utilizzarli

    In Evidenza

    L’innovazione tecnologica avanza e negli anni ha portato in classe gli smartphone e la Generazione Z, nativa digitale per eccellenza. Lo smartphone è ormai un oggetto d’uso presente tra i giovani e i giovanissimi e quello dei cellulari a scuola non è certo un problema che nasce oggi. A..


  • UniPa per l’Ambiente, domani inaugurazione del primo “Eco-Totem Smartie Water”

    In Evidenza

    PALERMO - Nell’ambito delle iniziative per la campagnaUniPa per l’Ambiente” il Rettore dell’Universit..


  • Rimini, spopola il video sulla città di Monreale alla Fiera Internazionale del turismo (VIDEO)

    In Evidenza

    RIMINI - È stato molto apprezzato da giornalisti e operatori turistici, il video su Monreale e le sue bellezze artistiche  presentato alla Fiera del Turismo di Rimini. Un plauso è arrivato anche da parte dell’Assessore regionale al ..