“L’Insurrezione del sette e mezzo”, un incontro-dibattito martedì a Casa Cultura

Nel corso della manifestazione verranno esposti alcuni pannelli e importanti documenti forniti dall’Archivio Storico di Monreale “Giuseppe Schirò”

Monreale, 13 settembre 2018 – Martedì 18 settembre alle ore 17.00 nel Salone di Casa Cultura Santa Caterina si terrà un incontro-dibattito dal titolo “L’Insurrezione del sette e mezzo”. Dopo il saluto del sindaco Piero Capizzi, interverranno. l’Assessore alla Cultura  Giuseppe Cangemi, l’assessore ai beni culturali Paola Naimi , il professore Elio Di Piazza per il  Centro Zabut e lo storico  Santo Lombino, Direttore scientifico del “Museo delle Spartenze”.

L’insurrezione del “Sette e Mezzo”, esplosa a metà settembre del 1866, si accese nei paesi intorno a Palermo (da Monreale a Misilmeri, da Bolognetta a Marineo, da Lercara Friddi a Montelepre, da Bagheria a Campofelice di Fitalia) per estendersi subito dopo alla città. La forte crisi economica, le politiche del governo post-unitario, la renitenza alla leva militare, stanno all’origine di quei moti popolari, Alla testa degli insorti, diversi ex-garibaldini guidavano masse di contadini e di artigiani decisi a tutto. Al grido di “Viva la Repubblica” “Viva Santa Rosalia”, sventolando bandiere rosse, assaltarono le caserme, occuparono i Comuni e si misero alla loro guida, sebbene per pochi giorni. Per domare l’insurrezione furono necessari bombardamenti da terra e da mare, migliaia di morti, un numero altissimo di arresti e di condanne a morte; un bagno di sangue di cui ancora non si conosce l’esatta entità, ma che comunque travolse diverse migliaia di siciliani all’indomani dell’unificazione nazionale. Nel corso della manifestazione verranno esposti alcuni pannelli e importanti documenti forniti dall’Archivio Storico di Monreale “Giuseppe Schirò”.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.