Palermo, la Procura richiede l’avvio delle indagini preliminari nei confronti del Ministro Salvini

La richiesta inoltrata al Collegio speciale per i reati cosiddetti ministeriali del Tribunale di Palermo

Palermo, 7 settembre 2018 – Con una nota inviata alla stampa, la Procura di Palermo informa che è stata presentata oggi al Tribunale di Palermo – Collegio speciale per i reati cosiddetti ministeriali – la richiesta di procedere ad effettuare le indagini preliminari nei confronti del Ministro dell’Interno, il Sen. Matteo Salvini, per il reato di sequestro di persona aggravato (artt. 81 e 605, commi 1, 2 n. 2 e 3, cod. pen.), commesso nel territorio siciliano fino al 25 agosto 2018, in pregiudizio di numerosi soggetti stranieri; “ciò – si legge nella nota – , in ossequio alle disposizioni della Legge Costituzionale n. 1 del 1989 e della Legge n. 219 del 1989.

Al Sen. Salvini – dichiara sempre la Procura di Palermo – è stato dato avviso dell’avvio di tale procedura, così come è in corso la notifica degli avvisi ai soggetti che si ritengono essere persone offese del reato ipotizzato, come previsto dalla Legge Costituzionale.

La competenza a svolgere le indagini appartiene al cosiddetto Tribunale dei Ministri. La Procura di Palermo precisa di non avere, al momento, effettuato alcuna indagine.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.