Oggi è 26/04/2019

Cronaca

Il Quartiere Pagliarelli scrive all’assessore Mattina: “Sostanziale incoerenza tra i valori che dice di possedere e la sua azione politica”

Gli abitanti chiedono chiarezza e meno ambiguità all’assessore Mattina in merito alle case per i rom a Pagliarelli

Pubblicato il 16 agosto 2018

Il Quartiere Pagliarelli scrive all’assessore Mattina: “Sostanziale incoerenza tra i valori che dice di possedere e la sua azione politica”

Palermo, 16 agosto 2018 -In risposta alla lettera dell’Assessore Giuseppe Mattina del Comune di Palermo, pubblicata da altra testata giornalistica https://livesicilia.it/2018/08/14/le-case-per-i-rom-e-il-pregiudizio-sconfiggiamo-insieme-la-paura_988317/ e relativa al trasferimento disposto dal Sindaco di Palermo di alcune famiglie rom presso il quartiere Pagliarelli di Palermo, riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera di risposta condivisa da un gruppo di abitanti del medesimo quartiere, dove si vogliono evidenziare alcuni motivi che spingono a considerare estremamente negativa tale scelta, sensibilità diverse da quelle fino ad ora emerse nella dialettica sulla questione e per nulla rappresentate, e alcuni gravi errori posti in essere dall’Amministrazione Comunale nella gestione di tutta la vicenda.

Nello stesso tempo, questo gruppo di abitanti intende cogliere la sfida posta dall’Assessore nella sua lettera, che testualmente recita: “Utilizzate questa situazione non solo per dire no a qualcosa ma per proporre, per esigere diritti, chiedere quello che serve a voi e al vostro territorio. Siate propositivi e positivi”. La lettera è stata sottoscritta già da 42 abitanti del quartiere, altri la stanno sottoscrivendo ed è già stata trasmessa oggi sia all’assessore, sia al  Sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Egregio Assessore,

abbiamo letto la sua lettera sulla questione “case per i rom” a Pagliarelli e sentiamo l’esigenza di rappresentarle che i contorni paradossali e, allo stesso tempo, chiara espressione di un’ambigua e imbarazzante modalità di agire riteniamo siano tutti della giunta comunale di cui fa parte e del Sindaco di Palermo. Se i suoi valori sono quelli cristiani non possiamo che compiacerci ma, certo, una qualche dicotomia, tra le vostre modalità di agire e i valori che dite di rappresentare e che rappresentano anche molti di noi, certamente non ci è sfuggita.

Per dirla con le parole di Papa Francesco, «L’ipocrisia è quel modo di vivere, di agire, di parlare che non è chiaro», che si presenta in maniera ambigua: «forse sorride, forse è serio… non è luce, non è tenebra». È un po’ come il serpente: «si muove in una maniera che sembra non minacciare nessuno» e ha «il fascino del chiaroscuro». L’ipocrisia, cioè, ha il fascino «di non dire le cose chiaramente; il fascino della menzogna, delle apparenze». Lo stesso Gesù, nei vangeli, aggiunge alcune notazioni sul comportamento dei «farisei ipocriti» dicendo che sono «pieni di se stessi, di vanità» e che gli piace «passeggiare nelle piazze» per far vedere che sono importanti».
L’amato Papa si riferisce, come ben saprà, al capitolo XII del Vangelo di Luca, dove si racconta che Gesù, tra la folla, mette in guardia i discepoli dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia e avverte: «Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Pertanto ciò che avrete detto nelle tenebre, sarà udito in piena luce; e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne, sarà annunziato sui tetti».

Alla luce di questa e di altre semplici riflessioni evangeliche, ci risulta una sostanziale incoerenza tra i valori che dice di possedere e la sua azione politica. Ad oggi, infatti, nessuno conosce ancora i contorni di una decisione in merito ad un eventuale inserimento di famiglie rom palermitane nel quartiere Pagliarelli: quante dovrebbero essere, per quanto tempo, con quali modalità, con quali accorgimenti, perché in Via Felice Emma e non altrove, quali gli altri siti eventualmente coinvolti. Si è giunti fino a negare la stessa esistenza di una decisione in merito, forse al fine di non mostrare eventuali violazioni di regolamenti comunali che disciplinano l’uso dei beni confiscati.
E dunque se vorrà, da cristiano, ci dia delle risposte chiare e non ambigue sulle scelte che riguardano questi abitanti, rispondendo ai dubbi e alle perplessità che avete alimentato con il vostro fare segreto, ambiguo, nelle tenebre, le stesse profonde tenebre che da anni scendono surrealmente la sera nel quartiere Pagliarelli senza luce. Gli abitanti e le riprese video lo testimoniano, e sono ancora sotto shock per le sue affermazioni imbarazzate e contraddittorie: quindici bambini ed un anziano? Settanta persone con tre roulotte? Sistemazione temporanea, per quanto tempo?

E poi ci spieghi anche, se lo riterrà opportuno, se questi sono i modi adeguati di trovare una soluzione ad una questione che richiede la “necessità di chiudere una cosa che esiste da trent’anni a Palermo”, ce lo spieghi da “parrino”, o da “amministratore”, o da “cristiano”, o molto più semplicemente da “uomo”.

Come si può pensare seriamente di risolvere con efficacia in due giorni un problema che Palermo si trascina da trent’anni? Dove è stata la programmazione, tanto più che abbiamo un Sindaco presente sulla scena amministrativa locale da oltre trent’anni? E dove il coinvolgimento degli abitanti, una seria e articolata valutazione del contesto urbanistico e socio-culturale, dove il doveroso rispetto del principio di partecipazione alle scelte amministrative, il dialogo come atteggiamento di rispetto verso chi avrebbe qualcosa da dire, la collaborazione e la condivisione di obiettivi e scelte che dovrebbero incidere sulla vita della gente, quali le strategie che eventualmente potevano essere messe in campo da tempo, da anni, per vincere e superare eventuali reciproche incomprensioni, diffidenze e pregiudizi.

Francamente, il modo in cui si è agito su una questione delicata come quella dell’integrazione risulta distorto, certamente confuso e approssimativo, arrogante, qualunquista e prevaricatore, assai più vicino a quei valori da cui tenta di estraniarsi che a quelli della solidarietà, della comprensione, della condivisione, dell’ascolto. Un ascolto, l’unico che è stato concesso da decenni agli abitanti di Pagliarelli, che questo stesso Sindaco aveva fortemente voluto invece applicare appena un anno fa, sotto campagna elettorale, in un altro bene confiscato alla mafia presente nel quartiere, e dove ancora riecheggiano le sue parole di speranza e di “integrazione” per gli abitanti di questa borgata, riconosciuta per sua esplicita ammissione come priva di servizi e bisognosa di “interventi strutturali”.

Fa tanta rabbia, ci comprenda, vederlo mettere in posizione d’ascolto quando richiede il voto agli abitanti/elettori, e non mostrare la stessa propensione all’ascolto in questa circostanza. Fa rabbia, ci comprenda, registrare indifferenza per anni verso le tante problematiche lamentate anche al Sindaco personalmente e vedere poi, in poche ore, attivarsi gli uffici comunali a più livelli e di soppiatto, per non dare nell’occhio, per rendere agibile e agevole una strada abbandonata da sempre, perfino nei servizi primari.

Lei, probabilmente, non conosce la gente di Pagliarelli ed è cascato negli errori più banali, la generalizzazione e la semplificazione. Alla base dei tanti dubbi e perplessità circa il progetto di inserire famiglie rom nel quartiere Pagliarelli vi sono numerose motivazioni, provenienti da diverse sensibilità, anche di gente che svolge costante attività di solidarietà verso gli altri e che non ha certamente disprezzo dei rom come di qualsiasi altro essere umano. Vada oltre le facili strumentalizzazioni, e non le assuma ad esclusiva base delle sue analisi e delle sue considerazioni perché rischia di non avere una visione chiara della realtà e di fare il gioco di chi alimenta solo odio e intolleranza.

Del resto, ci confortano le tantissime opinioni negative emerse nel panorama politico cittadino verso questa segreta, repentina e malpesata operazione di “integrazione”, da destra a sinistra, ciascuno con i propri valori, ciascuna comunque da rispettare anche se non condivisa, ma tutte concordanti sulle conclusioni: la assoluta inopportunità e l’inadeguatezza di condurre azioni di integrazione di culture diverse in questo modo, in questo luogo e in questo momento.
Tante sono le motivazioni, e secondo un ampio spettro di valori e sensibilità, che ci convincono di tale inopportunità: motivazioni urbanistiche, sociali e sociologiche, culturali, amministrative, e ad un’attenta analisi, la stessa che forse la fretta non vi ha fatto fare, risulterà evidente anche a Lei. Non qui, non adesso, non in questo modo! Noi siamo per la legalità, sempre!

Lo ha sempre dimostrato l’attività di un Comitato Civico operante nel quartiere prodigo diiniziative e di segnalazioni, poco più che un gruppo su un social network ma che attraverso alcuni attivisti non ha mai fatto mancare il proprio apporto e la propria collaborazione, disinteressatamente, alla gestione della cosa pubblica, che ha sempre avuto l’aspirazione di rendere il proprio territorio migliore e vivibile, che ha mantenuta intatta la capacità di indignarsi dinanzi a tante inciviltà che, purtroppo, ai più risultano oramai normalità.

E, dunque, egregio Assessore, dopo questa lunga doverosa premessa, le diciamo che cogliamo l’occasione venutasi a creare nostro malgrado, e con le sue stesse parole chiediamo di “utilizzare questa situazione non solo per dire no a qualcosa ma per proporre, per esigere diritti, chiedere quello che serve a noi e al nostro territorio”. Vogliamo essere propositivi e positivi. Ci viene facile, lo siamo sempre stati.

Nel quartiere Pagliarelli manca da cinque anni il regolare spazzamento delle strade (ne siamo stati privati incomprensibilmente e ci è stato riconosciuto il solo diritto ad una squadra di operatori per qualche ora ogni 30/40 giorni, se va bene!), siamo invasi da topi e zecche, l’aria è irrespirabile per le numerose discariche abusive e vi sono concentrati sessanta cassonetti in appena un chilometro di strada (questo, di per sé, fa di Pagliarelli una discarica autorizzata per tutte le strade a monte prive di cassonetti di raccolta rifiuti); da anni, seppure più volte segnalato, avviene l’irregolare conferimento dei rifiuti anche degli abitanti di altri comuni limitrofi. Il quartiere, pur essendo ai confini comunali con Monreale e Altofonte, non è presidiato al fine di evitare l’immigrazione di rifiuti, neanche con gli ultimi provvedimenti di giugno; manca da circa un anno la pubblica illuminazione in quanto su 45 paline ne sono in funzione appena 20 di cui 3 coperte dalle chiome degli alberi, e al calar del sole vige il coprifuoco per il senso di insicurezza che crea la poca luce. Oltretutto sono aumentati i furti in appartamento e i furti d’auto; non viene rispettato il limite dei 30 km orari previsto nella circolazione stradale e i pedoni rischiano costantemente la propria vita per muoversi all’interno di un quartiere in cui mancano i marciapiedi, sfrecciano auto e tir, si brancola nel buio. Tanti gli incidenti anche mortali verificatisi negli ultimi anni, anche per via delle numerose voragini che si aprono improvvisamente nell’asfalto e da cui spesso fuoriescono liquami; in alcune zone manca l’urbanizzazione primaria, in quanto non servite da acqua, illuminazione pubblica, gas (ad esempio, via Felice Emma e il tratto finale di Via Gaetano Costa); negli ultimi tre anni sono rimasti fuori dalla scuola materna oltre 100 bambini, costretti ad emigrare in altri quartieri, a scegliere un costoso istituto privato, o ad essere del tutto privati della scolarizzazione dell’infanzia; non esiste un asilo nido comunale che agevoli le donne lavoratrici o in cerca di occupazione; il quartiere è isolato pedonalmente dal resto della città, per via di un sottopasso pedonale che da oltre 10 anni è pericolante e abbandonato in un letamaio, cosicché occorre necessariamente l’uso delle auto per usufruire dei servizi presenti sull’altro versante del Viale Regione Siciliana (scuole, Centri Sportivi, negozi, Parco Cassarà se e quando sarà riaperto); è stato soppresso un bus-navetta ritenuto essenziale dagli abitanti per la mobilità; il quartiere Pagliarelli viene attraversato dal canale Badame, enormemente inquinato e da
bonificare, da mettere in sicurezza in alcuni punti gli argini, con costante rischio idrogeologico; del tutto assente il verde pubblico, inesistenti le aree attrezzate e i parchi giochi per bambini.

Inizi a dare soluzioni a queste esigenze, inizi a dare riconoscimento ai diritti civili, sociali e culturali di questa gente, alcuni forse anche diritti umani se si pensa all’infanzia e alle disabilità, inizi con il restituire dignità alla gente del quartiere Pagliarelli. Sconfigga, per dirla con le sue parole, quelle che da tutti nel quartiere Pagliarelli sono ritenute insopportabili ed ingiustificate difficoltà amministrative e trasformi l’occasione in un’opportunità di riscatto, per noi e per voi.

I diritti sono diritti, e non pretendono nulla in cambio. Non chieda, pertanto, alcuna contropartita, non sarebbe corretto, anche per non lasciarci credere che si è accorto di noi solo adesso, ce ne faccia godere e basta, perché ne abbiamo diritto!

E si ricordi che “nella città degli uomini i servizi sono diritti, non concessioni. I quartieri abbiano ciò che è necessario”. Lo dice Mons. Lorefice, nostro arcivescovo illuminato e pastore consapevole delle necessità del proprio gregge. Spesso, da qui, la città ci appare distante e si vive in quella marginalità che ci è stata ritagliata attorno. Non faccia l’errore di pensare di aggiungere marginalità a marginalità, faccia il suo dovere e si assuma le sue responsabilità eliminandone un po’ di quella che già c’è a gente bisognosa di “cittadinanza solidale”.

Poi, eventualmente, avremo modo di parlare con piacere di tutto il resto, perché per essere profetici occorre guardare al popolo e, soprattutto, agire secondo “verità”.

Un gruppo di abitanti del Quartiere Pagliarelli di Palermo

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, il sindaco diserta le visite di Musumeci e di Salvini. Capizzi: “Non sono venuti in veste istituzionale”

    Cronaca

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, oggi il Ministro dell’Interno e Vicepremier Matteo Salvini. Due visite importanti per la cittadina normanna, connotate di una forte valenza politica. Il governatore, fondatore del movimento “Diventerà Bellissi..

    Continua a Leggere

  • Salvini show a Monreale. “Il futuro dei siciliani è in mano vostra”

    Cronaca

    [gallery ids="99843,99844,99845,99846,99847,99848,99849,99851,99852,99853"]

    Monreale, 25 aprile 2019 - Si è tenuto oggi pomeriggio, in piazza Guglielmo II alle 16.30, l’incontro tra Matteo Salvini e i monrealesi. Il ministro dell’Interno oggi ha avuto una giornat..

    Continua a Leggere

  • “800A”, “Monreale is not Lega”. Protesta anti Salvini dinanzi al Duomo, ma la Digos sequestra le magliette

    Cronaca

    Monreale, 25 aprile 2019 - Volevano inscenare una piccola protesta pacifica indossando alcune magliette con scritte pro Sicilia ma la Digos le sequestra. È accaduto anche questo nel corso di questo 25 aprile caratterizzato dalla visita a Monreale del ministro dell'interno Matteo Salvini, venuto per..

    Continua a Leggere

  • Salvini al bar Italia e Ciro Giangrande gli passa al telefono il fratello Giuseppe

    Cronaca

    Il ministro dell’Interno Matteo Salvini nella sua tappa a Monreale ha sostato e deposto un mazzo di fiori davanti alla lapide dedicata ad Emanuele Basile, ufficiale dei carabinieri assassinato proprio a Monreale dalla mafia la sera del 3 maggio 1980. Dopo la visita al Duomo, è entrato all’inte..

    Continua a Leggere

  • Matteo Salvini è a Monreale, visita il Duomo e poi a pranzo (FOTO)

    Cronaca

    [gallery ids="99806,99810,99805,99807,99808,99809,99811,99812,99813,99814,99815,99816,99817"] Il vicepremier Matteo Salvini dopo aver fatto visita a Corleone è arrivato a Monreale. Il ministro dell'interno, una volta giunto in città, ha visitato la piazza e il Duomo. Salvini si è anche prestat..

    Continua a Leggere

  • 25 aprile, Palermo antifascista alza la voce. Orlando: “Siamo partigiani della Costituzione”

    Cronaca

    [gallery ids="99793,99794,99795,99796,99797,99798,99799,99800,99801,99803"]

    Palermo, 25 aprile 2019 - Esattamente 74 anni fa, il 25 aprile del 1945, il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclama l’insurrezione in tutti i territori italiani ancora occupat..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Nello Musumeci in visita per la candidatura di Alberto Arcidiacono (VIDEO)

    Cronaca

    https://www.youtube.com/watch?v=jmVdAmWF-QA&feature=youtu.be..

    Continua a Leggere

  • In tempo di elezioni … ridiamoci un po’ su

    Cronaca

       ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Nella notte affissi cartelli contro Salvini. Rimossi dai Carabinieri

    Cronaca

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri i carabinieri di Monreale, assieme alla Digos, hanno proceduto alla bonifica della piazza Guglielmo II e delle aree adiacenti per metterle in sicurezza in occasione dell’arrivo del vice premier e ministro dell’interno Matteo Salvini. La piazza è stata sgombrata d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, buco da 360 mila euro. La Corte dei Conti condanna la Cooperativa Aurora

    Cronaca

    Monreale, 25 aprile 2019 - Secondo la Corte dei Conti è stato commesso danno erariale nei confronti del comune di Monreale, al quale è stato causato un buco di 360 mila euro. I magistrati contabili hanno condannato la Cooperativa Aurora, di Ragusa, che aveva otten..

    Continua a Leggere

  • Delio Rossi il nuovo allenatore del Palermo

    Cronaca

    Palermo, 24 aprile 2019 - Da oggi il nuovo allenatore del Palermo è Delio Rossi che a Palermo ha lasciato un grande ricordo.  Nella sala stampa del Barbera non promette la luna, ma cercherà di ottimizzare il lavoro di Stellone, con qualche aggiustamento già nella prossima partita contro il L..

    Continua a Leggere

  • Musumeci a sostegno di Arcidiacono, ma niente condizionamenti. “Chiunque verrà eletto troverà le porte aperte alla Regione”

    Cronaca

    Monreale, 17 aprile 2019 - Oggi pomeriggio il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci è venuto a Monreale per sostenere il candidato sindaco Alberto Arcidiacono, appoggiato appunto dal movimento Diventerà Bellissima di cui Musumeci è presidente.

    ..

    Continua a Leggere

  • Toninelli visita le provinciali più pericolose di Palermo e Trapani. “Massimo impegno da parte del governo nazionale”

    Cronaca

    Corleone, 24 aprile 2019 - Si è tenuta oggi la visita di Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, presso strada provinciale che collega Corleone, San Cipirello e Partinico.

    Continua a Leggere

  • Blitz dei Carabinieri, sequestri e confische per 3 milioni di euro

    Cronaca

    Palermo, 24 aprile 2019 - In data odierna i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno dato esecuzione all’ultimo di una serie di provvedimenti di sequestro e di confisca, emessi nel mese in corso dal Tribunale di Palermo Sezione Misure di Prevenzione, inere..

    Continua a Leggere

  • “Fotomodella dell’anno”, la monrealese Gabriella Fragasso tra le tre finaliste

    Cronaca

    [gallery ids="99710,99709,99708,99707,99706,99705,99704,99703,99702,99701,99700"]

    Monreale, 24 aprile 2019 - Si è svolta ieri pomeriggio, in sala rossa, una sobria cerimonia che ha visto la giovane monrealese Maria Gabriella Fragasso, classe 2004, ricevere le congratulazioni ufficiali..

    Continua a Leggere

  • La corsa in salita di Piero Capizzi. Al ballottaggio l’elettore sarà chiamato a scegliere tra il passato, noto, e il futuro, incerto

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2019 - L’uomo da battere è Piero Capizzi. Il sindaco uscente si ripresenta al giudizio degli elettori con il sostegno di due liste, un propulsore costituito da 48 candidati al consiglio comunale. Molte sono figure di peso, tra questi tutti gli assessori e i co..

    Continua a Leggere

  • Complesso monumentale Guglielmo II. Due milioni e mezzo di euro in arrivo dalla regione

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2019 – “Il Governo regionale ha recuperato i quasi due milioni e mezzo di euro necessari a completare le opere museografiche e allestitive del complesso monumentale Guglielmo II, persi a causa della scarsa celerità dell’amministrazione comunale, guidata da Piero Capizzi, n..

    Continua a Leggere

  • Istruzione, turismo, eventi culturali e energie rinnovabili: come vede Monreale Massimiliano Lo Biondo

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2019 - “Lo stato di declino e dissesto economico del Comune è uno stato oggettivo che occorre superare con coraggio, autorevolezza e determinazione, restituendo ai cittadini e al tessuto economico la consapevolezza che l’Istruzione è un punto ..

    Continua a Leggere

  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com