Monreale, 56 precari comunali rinnovano il contratto fino a fine anno

Soddisfazione di Nicola Giacopelli, segretario aziendale CISL-Funzione Pubblica)

Monreale, 13 agosto 2018 – I lavoratori precari del comune di Monreale ottengono la prosecuzione del contratto fino al 30 dicembre 2018. La notizia arriva in seguito al provvedimento adottato dalla giunta municipale guidata dal sindaco Piero Capizzi. Sono 56 i dipendenti beneficeranno dell rinnovo del contratto che al momento è a tempo determinato e parziale.

Il provvedimento è stato immediatamente pubblicato sul sito internet istituzionale www.comune.monreale.pa.it con allegato schema e trasmesso agli uffici finanziari e personale ed è stato anche inviato alle organizzazioni sindacali di categoria. “Sempre massima attenzione verso queste professionalità – ha dichiarato il sindaco Piero Capizzi – che negli anni hanno acquisito una grande esperienza e professionalità all’interno degli uffici e dei servizi e proprio per tale motivo la loro attività lavorativa è necessaria ed indispensabile”.

“In una situazione tutt’altro che semplice – afferma Nicola Giacopelli, segretario aziendale CISL-Funzione Pubblica -, tenendo conto della condizione di dissesto finanziario in cui si trova il Comune, bisogna apprezzare particolarmente l’operato dell’amministrazione, che anche in questo caso si è dimostrata sensibile ed attenta alle esigenze dei lavoratori precari; occorre peraltro riconoscere che, in quest’ambito, tanto il sindaco quanto il segretario generale hanno saputo responsabilmente onorare gli impegni assunti con i dipendenti interessati e con le organizzazioni sindacali. Rimangono adesso da definire le complesse ed articolate questioni che riguardano l’avvio dei processi di stabilizzazione e l’adozione del piano triennale del fabbisogno di personale 2018-2020, che dovrà essere deliberato dalla giunta Capizzi nelle prossime settimane, per essere poi sottoposto all’esame ed all’approvazione della commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali”. 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.