Break The Limit – Il Turismo oltre le Barriere. Una ciclostaffetta nei comuni madoniti per abbattere le barriere architettoniche

Tra gli organizzatori il monrealese Salvo Campanella: “Chiunque può unirsi a noi anche per un solo chilometro. Non ci sono iscrizioni o biglietti da pagare e sono state stipulate convenzioni con le strutture ricettive”

Petralia Sottana, 29 luglio 2018 – Si è tenuto venerdì 27 luglio a Petralia Sottana il primo incontro preparatorio per dare vita alla prima edizione di Break The Limit – Il Turismo oltre le Barriere. La manifestazione, che si terrà sulle Madonie nel mese di settembre, consisterà in una ciclostaffetta di tre giorni che collegherà i cinque comuni madoniti, Petralia Sottana, Petralia Soprana, Castellana Sicula, Polizzi Generosa e Pollina.

Tra gli organizzatori il monrealese Salvo Campanella, presidente della ASD “Il Vento in Faccia”, che con la nostra redazione ha già curato un servizio giornalistico sulle barriere architettoniche a Monreale (VEDI ARTICOLO).

“Si tratta di un grande progetto che permetterà di valorizzare il territorio del parco delle Madonie e renderlo accessibile e fruibile a tutti .

Abbatteremo le barriere visibili e invisibili, architettoniche, mentali e culturali, per far sì che la disabilità venga considerata un problema che non riguarda i singoli cittadini che ne sono affetti ma l’intera comunità”.

“Chiunque può unirsi a noi anche per un solo chilometro. La staffetta ciclistica attraverserà i cinque comuni delle Madonie, non ci sono iscrizioni o biglietti da pagare e sono state stipulate delle convenzioni con le strutture ricettive del territorio”.

Per la tre giorni sono state coinvolte le ASD locali e la cicloturistica Castanea delle Furie. “Seguendo il modello progettuale del “giro dei due mari con Marzia” (http://www.girodeiduemariconmarzia.it/) potremo abbattere le barriere”. 

“Auspico – conclude Campanella – che iniziative del genere siano prese in considerazione dai nostri amministratori”.

Il progetto è stato promosso dalla Fondazione Villa delle Ginestre Onlus. Partners sono l’Ente Parco delle Madonie e il CeSVop, in coorganizzazione l’ASD il Vento in Faccia, l’Associazione Cicloturistica Castanea delle Furie. I Comuni madoniti sono stati individuati e scelti dal Comitato organizzatore sulla base di siti già esistenti e strutture idonee in grado di garantire ai disabili un accesso sicuro ai luoghi pubblici e la fruizione di spazi già allestiti a musei, aree attrezzate e percorsi naturalistici.

“Si tratta – ha detto il Commissario Salvatore Caltagirone dell’Ente Parco – di un progetto tandem che mette in stretto rapporto sport e natura attraverso staffetta in bici e percorsi sensoriali, affermando così l’importanza dell’accessibilità all’ambiente fisico alle persone con disabilità e nel pieno rispetto di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali, ma, al tempo stesso, promuove e sensibilizza l’opinione pubblica sul tema della disabilità, perché stimola in essa nuovi approcci alla conduzione di un tema di grande rilevanza socio-economica, istituendo confronti ed evidenziando differenze sul piano della mobilità.

E’ un evento che spero possa essere calendarizzato tra le attività istituzionali di questo Ente, coinvolgendo tutti i rimanenti Comuni del Parco nel corso delle successive edizioni, il cui impegno è quello di promuovere e favorire l’abbattimento delle cosiddette barriere di localizzazione che costringono il disabile a compiere a piedi lunghi percorsi, delle barriere percettive, nonché di tutti gli ostacoli che, anche mentalmente, impediscono a ciascuno di andare oltre il confine della diversità fisica”.

Nel corso della tre giorni verranno svolte altre attività ludicosportive sul territorio Madonita.

Chi si vuole aggregare può contattare Salvo Campanella al 328/8112061.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.