Oggi è 22/07/2019

Corleone

Corleone non è solo mafia. È stata la patria di grandi artisti: Vasi, Rizzo, Naso, Rizzotto e Comajanni

Anche Corleone è stata una città normale, con i suoi uomini illustri, con i suoi cittadini operosi e con coloro che, corleonesi, si sono opposti al buco nero della mafia

Pubblicato il 27 luglio 2018

Corleone non è solo mafia. È stata la patria di grandi artisti: Vasi, Rizzo, Naso, Rizzotto e Comajanni

Non sono corleonese, sono per metà fiorentino e per l’altra metà lucchese, ma a Corleone vado ogni estate a trascorrere parte delle mie vacanze in una vecchia casa in collina, eredità della bisnonna che corleonese, lei sì, lo era e ne andava orgogliosa. Era nata a Corleone nel 1902 da una famiglia palermitana che da qualche secolo aveva intrecciato la sua storia con quella della cittadina dell’Alto Belìce. In casa sua una generazione nasceva a Palermo e l’altra a Corleone. Da piccolo ero affascinato dai suoi racconti e da quelli dei vecchi zii o dei cugini più grandi che parlavano di una Corleone diversa da quella dell’immaginario collettivo, ovvero la patria della mafia per eccellenza, la progenitrice di alcuni dei peggiori criminali della storia: Riina, Provenzano, Bagarella, Navarra, Liggio. Della mafia, in quei salotti all’aperto delle case di campagna, dove ogni estate i parenti si riunivano, si parlava per metafore, ma se ne parlava. Gli anziani ricordavano lo zio fatto uccidere da Michele Navarra nel ’45 per aver partecipato alla retata del prefetto Mori del 1926 e il marito di una zia, PM in uno dei processi dove Liggio era l’imputato, ucciso nel ’78 sotto casa non si sapeva bene da chi.

Quando dico che vado a trascorrere parte della mia estate in una villetta vicino a Corleone i miei amici si stupiscono. Appena sentono quel nome, “Corleone”, pensano subito a un paesino sperduto chissà dove (si sa solo che è in Sicilia), fuori dalla civiltà, dove tutti sono mafiosi. Corleone, per il resto del mondo, è questo. Per me, invece, no. Quando tento di spiegare che la cittadina del Belìce ha sì sviluppato la malattia nella sua forma più aggressiva (perché la mafia lo è, una malattia, un cancro terribile) ma ha anche sviluppato gli anticorpi per combatterla, o quando dico che corleonese non significa necessariamente appartenente al clan mafioso più sanguinario della Sicilia, tutti mi guardano straniti. Allora inizio a elencare tutti quei corleonesi che la mafia hanno tentato di combatterla e che per questo sono stati ammazzati, ma non sconfitti: Bernardino Verro, corleonese, Placido Rizzotto, corleonese, Luciano Nicoletti, corleonese d’adozione, Giovanni Zangara, corleonese, Calogero Comajanni, corleonese, Liborio Ansalone, corleonese, Ugo Triolo, corleonese, Giovanni Falcone, corleonese da parte di madre, che a Corleone ha addirittura vissuto una parte della sua infanzia. Sì, proprio quel Giovanni Falcone. Certo, eccetto Falcone, non si sente parlare molto di loro, sono di gran lunga più famosi Riina, Provenzano e i loro rampolli scribacchini e imbrattatele.

Ma Corleone è anche e soprattutto qualcos’altro. Sì perché, nonostante i fatti di mafia abbiano surclassato secoli di storia, questi comunque sopravvivono nella memoria di pochissimi. Tra quei pochissimi c’era un mio vecchio zio: “tu adesso vedi i frutti della cementificazione selvaggia degli anni ’60 e ’70, le strade disastrate, palazzi antichi che cadono a pezzi. Eppure Corleone è stata la patria di grandi artisti”, stupore, “Giuseppe Vasi per esempio, uno dei più grandi architetti e incisori del ‘700. Accanto alla sua firma scriveva sempre, orgogliosamente, corleonese, anche quando consegnava le sue opere ai duchi di Devonshire o a Papa Clemente XIII. Era talmente bravo questo corleonese, che re Carlo III di Spagna gli concesse un appartamento a palazzo Farnese a Roma, dove adesso c’è l’Ambasciata di Francia e il Papa in persona lo creò conte!”. Ero sbalordito: “anche Pippo Rizzo era corleonese, fu uno dei più importanti pittori futuristi. Se compri un romanzo di Camilleri, in copertina c’è riprodotto quasi sempre uno dei suoi dipinti”. Ma i racconti di mio zio andavano anche molto indietro nel tempo: “a Corleone nacque uno dei più grandi poeti italiani, si chiamava Giovanni Naso ma tutti lo chiamavano il poeta siculo. Re Ferdinando d’Aragona, nel 1468, lo volle a Napoli a insegnare addirittura all’università e fu il maestro di Lucio Marineo, il più importante esponente del Rinascimento spagnolo”, “e la bandiera della Sicilia? È quella che utilizzarono i ribelli siciliani durante i Vespri del 1282, raccontati persino da Dante nel canto VIII del Paradiso e musicati da Verdi, nel 1855. Il rosso rappresenta Palermo e il giallo Corleone, che fu la prima ad accorrere in aiuto di Palermo con tremila soldati”. Ma come? I corleonesi? I boss? I mafiosi? Quella Corleone lì è stata capace di esprime un così alto livello di civiltà? Sì, anche Corleone è stata una città normale, con i suoi uomini illustri, con i suoi cittadini operosi e con coloro che, corleonesi, si sono opposti al buco nero della mafia. Il mio augurio è che un giorno Corleone torni a essere ricordata per i Vespri siciliani, o come la patria di Giuseppe Vasi, di Placido Rizzotto, di Calogero Comajanni, di Giovanni Naso e di tutti quei cittadini onesti che in questo momento, in silenzio e senza i riflettori puntati addosso, stanno facendo in modo che ciò accada.

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Corleone

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Corleone

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Corleone

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Corleone

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Corleone

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Corleone

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Corleone

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Corleone

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Corleone

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Corleone

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    Corleone

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    Corleone

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    Corleone

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    Corleone

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    Corleone

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    Corleone

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    Corleone

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    Corleone

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere