Oggi è 26/04/2019

Corleone

Corleone non è solo mafia. È stata la patria di grandi artisti: Vasi, Rizzo, Naso, Rizzotto e Comajanni

Anche Corleone è stata una città normale, con i suoi uomini illustri, con i suoi cittadini operosi e con coloro che, corleonesi, si sono opposti al buco nero della mafia

Pubblicato il 27 luglio 2018

Corleone non è solo mafia. È stata la patria di grandi artisti: Vasi, Rizzo, Naso, Rizzotto e Comajanni

Non sono corleonese, sono per metà fiorentino e per l’altra metà lucchese, ma a Corleone vado ogni estate a trascorrere parte delle mie vacanze in una vecchia casa in collina, eredità della bisnonna che corleonese, lei sì, lo era e ne andava orgogliosa. Era nata a Corleone nel 1902 da una famiglia palermitana che da qualche secolo aveva intrecciato la sua storia con quella della cittadina dell’Alto Belìce. In casa sua una generazione nasceva a Palermo e l’altra a Corleone. Da piccolo ero affascinato dai suoi racconti e da quelli dei vecchi zii o dei cugini più grandi che parlavano di una Corleone diversa da quella dell’immaginario collettivo, ovvero la patria della mafia per eccellenza, la progenitrice di alcuni dei peggiori criminali della storia: Riina, Provenzano, Bagarella, Navarra, Liggio. Della mafia, in quei salotti all’aperto delle case di campagna, dove ogni estate i parenti si riunivano, si parlava per metafore, ma se ne parlava. Gli anziani ricordavano lo zio fatto uccidere da Michele Navarra nel ’45 per aver partecipato alla retata del prefetto Mori del 1926 e il marito di una zia, PM in uno dei processi dove Liggio era l’imputato, ucciso nel ’78 sotto casa non si sapeva bene da chi.

Quando dico che vado a trascorrere parte della mia estate in una villetta vicino a Corleone i miei amici si stupiscono. Appena sentono quel nome, “Corleone”, pensano subito a un paesino sperduto chissà dove (si sa solo che è in Sicilia), fuori dalla civiltà, dove tutti sono mafiosi. Corleone, per il resto del mondo, è questo. Per me, invece, no. Quando tento di spiegare che la cittadina del Belìce ha sì sviluppato la malattia nella sua forma più aggressiva (perché la mafia lo è, una malattia, un cancro terribile) ma ha anche sviluppato gli anticorpi per combatterla, o quando dico che corleonese non significa necessariamente appartenente al clan mafioso più sanguinario della Sicilia, tutti mi guardano straniti. Allora inizio a elencare tutti quei corleonesi che la mafia hanno tentato di combatterla e che per questo sono stati ammazzati, ma non sconfitti: Bernardino Verro, corleonese, Placido Rizzotto, corleonese, Luciano Nicoletti, corleonese d’adozione, Giovanni Zangara, corleonese, Calogero Comajanni, corleonese, Liborio Ansalone, corleonese, Ugo Triolo, corleonese, Giovanni Falcone, corleonese da parte di madre, che a Corleone ha addirittura vissuto una parte della sua infanzia. Sì, proprio quel Giovanni Falcone. Certo, eccetto Falcone, non si sente parlare molto di loro, sono di gran lunga più famosi Riina, Provenzano e i loro rampolli scribacchini e imbrattatele.

Ma Corleone è anche e soprattutto qualcos’altro. Sì perché, nonostante i fatti di mafia abbiano surclassato secoli di storia, questi comunque sopravvivono nella memoria di pochissimi. Tra quei pochissimi c’era un mio vecchio zio: “tu adesso vedi i frutti della cementificazione selvaggia degli anni ’60 e ’70, le strade disastrate, palazzi antichi che cadono a pezzi. Eppure Corleone è stata la patria di grandi artisti”, stupore, “Giuseppe Vasi per esempio, uno dei più grandi architetti e incisori del ‘700. Accanto alla sua firma scriveva sempre, orgogliosamente, corleonese, anche quando consegnava le sue opere ai duchi di Devonshire o a Papa Clemente XIII. Era talmente bravo questo corleonese, che re Carlo III di Spagna gli concesse un appartamento a palazzo Farnese a Roma, dove adesso c’è l’Ambasciata di Francia e il Papa in persona lo creò conte!”. Ero sbalordito: “anche Pippo Rizzo era corleonese, fu uno dei più importanti pittori futuristi. Se compri un romanzo di Camilleri, in copertina c’è riprodotto quasi sempre uno dei suoi dipinti”. Ma i racconti di mio zio andavano anche molto indietro nel tempo: “a Corleone nacque uno dei più grandi poeti italiani, si chiamava Giovanni Naso ma tutti lo chiamavano il poeta siculo. Re Ferdinando d’Aragona, nel 1468, lo volle a Napoli a insegnare addirittura all’università e fu il maestro di Lucio Marineo, il più importante esponente del Rinascimento spagnolo”, “e la bandiera della Sicilia? È quella che utilizzarono i ribelli siciliani durante i Vespri del 1282, raccontati persino da Dante nel canto VIII del Paradiso e musicati da Verdi, nel 1855. Il rosso rappresenta Palermo e il giallo Corleone, che fu la prima ad accorrere in aiuto di Palermo con tremila soldati”. Ma come? I corleonesi? I boss? I mafiosi? Quella Corleone lì è stata capace di esprime un così alto livello di civiltà? Sì, anche Corleone è stata una città normale, con i suoi uomini illustri, con i suoi cittadini operosi e con coloro che, corleonesi, si sono opposti al buco nero della mafia. Il mio augurio è che un giorno Corleone torni a essere ricordata per i Vespri siciliani, o come la patria di Giuseppe Vasi, di Placido Rizzotto, di Calogero Comajanni, di Giovanni Naso e di tutti quei cittadini onesti che in questo momento, in silenzio e senza i riflettori puntati addosso, stanno facendo in modo che ciò accada.

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, il sindaco diserta le visite di Musumeci e di Salvini. Capizzi: “Non sono venuti in veste istituzionale”

    Corleone

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, oggi il Ministro dell’Interno e Vicepremier Matteo Salvini. Due visite importanti per la cittadina normanna, connotate di una forte valenza politica. Il governatore, fondatore del movimento “Diventerà Bellissi..

    Continua a Leggere

  • Salvini show a Monreale. “Il futuro dei siciliani è in mano vostra”

    Corleone

    [gallery ids="99843,99844,99845,99846,99847,99848,99849,99851,99852,99853"]

    Monreale, 25 aprile 2019 - Si è tenuto oggi pomeriggio, in piazza Guglielmo II alle 16.30, l’incontro tra Matteo Salvini e i monrealesi. Il ministro dell’Interno oggi ha avuto una giornat..

    Continua a Leggere

  • “800A”, “Monreale is not Lega”. Protesta anti Salvini dinanzi al Duomo, ma la Digos sequestra le magliette

    Corleone

    Monreale, 25 aprile 2019 - Volevano inscenare una piccola protesta pacifica indossando alcune magliette con scritte pro Sicilia ma la Digos le sequestra. È accaduto anche questo nel corso di questo 25 aprile caratterizzato dalla visita a Monreale del ministro dell'interno Matteo Salvini, venuto per..

    Continua a Leggere

  • Salvini al bar Italia e Ciro Giangrande gli passa al telefono il fratello Giuseppe

    Corleone

    Il ministro dell’Interno Matteo Salvini nella sua tappa a Monreale ha sostato e deposto un mazzo di fiori davanti alla lapide dedicata ad Emanuele Basile, ufficiale dei carabinieri assassinato proprio a Monreale dalla mafia la sera del 3 maggio 1980. Dopo la visita al Duomo, è entrato all’inte..

    Continua a Leggere

  • Matteo Salvini è a Monreale, visita il Duomo e poi a pranzo (FOTO)

    Corleone

    [gallery ids="99806,99810,99805,99807,99808,99809,99811,99812,99813,99814,99815,99816,99817"] Il vicepremier Matteo Salvini dopo aver fatto visita a Corleone è arrivato a Monreale. Il ministro dell'interno, una volta giunto in città, ha visitato la piazza e il Duomo. Salvini si è anche prestat..

    Continua a Leggere

  • 25 aprile, Palermo antifascista alza la voce. Orlando: “Siamo partigiani della Costituzione”

    Corleone

    [gallery ids="99793,99794,99795,99796,99797,99798,99799,99800,99801,99803"]

    Palermo, 25 aprile 2019 - Esattamente 74 anni fa, il 25 aprile del 1945, il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclama l’insurrezione in tutti i territori italiani ancora occupat..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Nello Musumeci in visita per la candidatura di Alberto Arcidiacono (VIDEO)

    Corleone

    https://www.youtube.com/watch?v=jmVdAmWF-QA&feature=youtu.be..

    Continua a Leggere

  • In tempo di elezioni … ridiamoci un po’ su

    Corleone

       ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Nella notte affissi cartelli contro Salvini. Rimossi dai Carabinieri

    Corleone

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri i carabinieri di Monreale, assieme alla Digos, hanno proceduto alla bonifica della piazza Guglielmo II e delle aree adiacenti per metterle in sicurezza in occasione dell’arrivo del vice premier e ministro dell’interno Matteo Salvini. La piazza è stata sgombrata d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, buco da 360 mila euro. La Corte dei Conti condanna la Cooperativa Aurora

    Corleone

    Monreale, 25 aprile 2019 - Secondo la Corte dei Conti è stato commesso danno erariale nei confronti del comune di Monreale, al quale è stato causato un buco di 360 mila euro. I magistrati contabili hanno condannato la Cooperativa Aurora, di Ragusa, che aveva otten..

    Continua a Leggere

  • Delio Rossi il nuovo allenatore del Palermo

    Corleone

    Palermo, 24 aprile 2019 - Da oggi il nuovo allenatore del Palermo è Delio Rossi che a Palermo ha lasciato un grande ricordo.  Nella sala stampa del Barbera non promette la luna, ma cercherà di ottimizzare il lavoro di Stellone, con qualche aggiustamento già nella prossima partita contro il L..

    Continua a Leggere

  • Musumeci a sostegno di Arcidiacono, ma niente condizionamenti. “Chiunque verrà eletto troverà le porte aperte alla Regione”

    Corleone

    Monreale, 17 aprile 2019 - Oggi pomeriggio il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci è venuto a Monreale per sostenere il candidato sindaco Alberto Arcidiacono, appoggiato appunto dal movimento Diventerà Bellissima di cui Musumeci è presidente.

    ..

    Continua a Leggere

  • Toninelli visita le provinciali più pericolose di Palermo e Trapani. “Massimo impegno da parte del governo nazionale”

    Corleone

    Corleone, 24 aprile 2019 - Si è tenuta oggi la visita di Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, presso strada provinciale che collega Corleone, San Cipirello e Partinico.

    Continua a Leggere

  • Blitz dei Carabinieri, sequestri e confische per 3 milioni di euro

    Corleone

    Palermo, 24 aprile 2019 - In data odierna i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno dato esecuzione all’ultimo di una serie di provvedimenti di sequestro e di confisca, emessi nel mese in corso dal Tribunale di Palermo Sezione Misure di Prevenzione, inere..

    Continua a Leggere

  • “Fotomodella dell’anno”, la monrealese Gabriella Fragasso tra le tre finaliste

    Corleone

    [gallery ids="99710,99709,99708,99707,99706,99705,99704,99703,99702,99701,99700"]

    Monreale, 24 aprile 2019 - Si è svolta ieri pomeriggio, in sala rossa, una sobria cerimonia che ha visto la giovane monrealese Maria Gabriella Fragasso, classe 2004, ricevere le congratulazioni ufficiali..

    Continua a Leggere

  • La corsa in salita di Piero Capizzi. Al ballottaggio l’elettore sarà chiamato a scegliere tra il passato, noto, e il futuro, incerto

    Corleone

    Monreale, 24 aprile 2019 - L’uomo da battere è Piero Capizzi. Il sindaco uscente si ripresenta al giudizio degli elettori con il sostegno di due liste, un propulsore costituito da 48 candidati al consiglio comunale. Molte sono figure di peso, tra questi tutti gli assessori e i co..

    Continua a Leggere

  • Complesso monumentale Guglielmo II. Due milioni e mezzo di euro in arrivo dalla regione

    Corleone

    Monreale, 24 aprile 2019 – “Il Governo regionale ha recuperato i quasi due milioni e mezzo di euro necessari a completare le opere museografiche e allestitive del complesso monumentale Guglielmo II, persi a causa della scarsa celerità dell’amministrazione comunale, guidata da Piero Capizzi, n..

    Continua a Leggere

  • Istruzione, turismo, eventi culturali e energie rinnovabili: come vede Monreale Massimiliano Lo Biondo

    Corleone

    Monreale, 24 aprile 2019 - “Lo stato di declino e dissesto economico del Comune è uno stato oggettivo che occorre superare con coraggio, autorevolezza e determinazione, restituendo ai cittadini e al tessuto economico la consapevolezza che l’Istruzione è un punto ..

    Continua a Leggere

  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com