Oggi è 19/08/2018

Cronaca

Accoglienza, una storia di semplice umanità

Una piccola comunità si mobilità in una incredibile gara di solidarietà

Pubblicato il 23 luglio 2018

Accoglienza, una storia di semplice umanità

Milano, 23 luglio 2018:  – Cosa posso fare per te, desideri qualcosa…un gelato?

– No….vorrei solo fare una doccia.

Ecco apparentemente un dialogo senza senso: due interlocutori che discutono su una ipotetica scelta, a dire il vero piuttosto bizzarra, tra una coccola gustativa che solletica il palato e conforta (il gelato) e un bisogno ovvio e imprescindibile (la doccia).

Un dialogo strano che può trovare un indizio di compiutezza, una sorta di connotazione logica nella seguente, semplice ipotesi sulla quale spesso ci si sofferma poco e superficialmente: “ciò che per alcuni è del tutto scontato, per altri può rappresentare una sorta di chimera….un bisogno agognato ma non facilmente appagabile”.

Ma andiamo con ordine:

– Episodio n° 1 – Stazione Centrale di Milano

Una donna medico e attivista nota una famiglia numerosa (mamma papà è quattro bambini dai 12 ai 4 anni)…hanno l’aria stanca e spaurita, tipica delle persone che hanno patito sofferenze inenarrabili ma conservano una certa compostezza che sa di dignità. Il suo fiuto, ormai temprato dall’esperienza, le suggerisce di indagare. Si avvicina, parla con loro e scopre che sono curdi, scappati dall’Afghanistan da circa un anno, in una rocambolesca traversata di diversi stati, paesi e città, nella sofferta speranza di approdare in un luogo sicuro, un posto dove poter progettare una nuova vita che possa finalmente odorare di libertà, di serenità…di futuro.

– Episodio n°2: cosa fare? Dove andare? A chi chiedere?

La dottoressa, dopo aver appreso la loro storia dolorosa e a tratti straziante, telefona a destra e a manca, contatta una serie di centri di prima accoglienza, senza trovare una soluzione per un’ipotetica sistemazione della famiglia, anche solo per pochi giorni: le modalità sono ultimamente cambiate in senso restrittivo, tutti allargano le braccia, oltretutto loro (mamma, papà e figlioletti) hanno lasciato le impronte a Trieste ed è lì che devono ritornare per chiedere lo status di rifugiati, non possono rimanere a Milano. La dottoressa insiste, implora, medita di accoglierli a casa sua, malgrado essa ospiti già altri diseredati, quando finalmente uno dei centri acconsente a farli dormire in una stanzetta per una sola notte, specificando che la mattina seguente, alle 7.00, sarebbero stati mandati via. “Meglio di niente” – pensa la dottoressa anche perché la ragazzina più grande è stata picchiata da un soldato croato e porta addosso i segni della brutale aggressione che andrebbero curati e per questo motivo necessita di riposare in un luogo pulito e sicuro.

La dottoressa affida la famiglia al centro ma non è tranquilla, va a casa e scrive un post accorato rivolto a un gruppo fb, costituito da amici che abitano nel suo stesso quartiere.

– Episodio n°3: la forza della solidarietà…(quella autentica).

La mattina successiva intorno alle ore 8.00, una giovane donna si appresta a completare la sua consueta corsetta domenicale: mentre incede a passo spedito pensa al post di aiuto scritto dalla sua amica sul gruppo fb di quartiere, pensa a quella povera famiglia curda, a quei quattro bambini e correndo sempre più veloce si ripromette di chiamarla appena arrivata a casa per rendersi eventualmente disponibile e offrire il proprio contributo. Ad un tratto nota sei persone all’interno del parco: sono sedute sull’erba, hanno un’aria composta e perbene, probabilmente si tratta di una famiglia che si sta preparando, in anticipo, per un pic-nic all’aria aperta. Nel completare il suo terzo e ultimo giro, guarda meglio quello strano sestetto familiare, eccessivamente mattiniero: si accorge che quegli esseri umani non hanno un’aria composta, sono solo “compostamente disperati”, facce pallide e occhi vitrei. Si ferma, intuisce subito che potrebbero essere loro, potrebbe trattarsi della famiglia curda: c’è la mamma, il papà, i tre bambini piccoli, c’è una ragazzina con lo sguardo perso nel vuoto…saranno sicuramente loro.

Si ferma, cerca febbrilmente il suo IPhone, chiama l’amica dottoressa, altri amici del quartiere, chiama suo marito…poi con un sorriso si avvicina.

Prova a parlare, però loro non conoscono l’inglese, solo la ragazzina triste lo conosce, è l’unica che può fungere da interprete. La mamma inizia a raccontare la loro storia e lei la traduce in maniera meccanica con un’espressione che non tradisce alcun sentimento, con una voce monotona, senza tono e senza emozioni. Si rifiuta categoricamente di tradurre alcune frasi…forse quelle che la riguardano. La giovane donna si avvicina ancora di più, si sente impotente e col cuore stretto in una morsa, si rivolge alla ragazzina e le chiede: – Cosa posso fare per te, desideri qualcosa…un gelato?

La ragazzina triste risponde con l’indifferenza di chi sa di stare per proporre una richiesta impossibile, quasi indecente: – No….vorrei solo fare una doccia.

La donna in tuta e scarpe da ginnastica si avvicina ancora di più, la guarda, le sorride e risponde: – Se ti fidi di me ti porto a casa mia a fare la doccia.

La ragazzina triste sgrana gli occhi, con lo stupore e la paura di chi pensa di non aver capito bene per poi lasciarsi andare a un sorriso liberatorio, incredulo, grato. Nel frattempo un intero quartiere si mobilita, tanti arrivano al parco. La famiglia viene accolta da diverse persone, la mamma, la ragazzina triste e la sorellina più piccola vanno a casa della giovane donna del parco, il papà e gli altri due fratellini presso un’altra famiglia. Tutti fanno la propria parte: c’è chi porta abiti puliti, chi organizza una colletta, c’è la bimba che offre i suoi giocattoli, c’e la trattoria che cucina pasti caldi, in una condivisione di umanità che fa bene a grandi e piccini, agli aiutati e agli “aiutandi”…che appaga e conforta proprio tutti.

Qualcuno organizza minuziosamente il viaggio di ritorno della famiglia a Trieste…la mamma curda rimane senza parole, il papà piange e non la smette più di ringraziare, la ragazzina triste continua a sorridere, i bambini fanno i bambini…cioè giocano con i nuovi amici.

Il giorno dopo la famiglia si appresta a partire, accompagnata alla stazione da alcune persone fidate e sul gruppo fb del quartiere, un lungo post di ringraziamento si conclude così: 

“Succede che in un momento in cui tutto sembra girare al contrario accada che una comunità si mobiliti per dare un segnale concreto di umanità.

Questo il nostro modo di fare le cose, il modo che stiamo costruendo e vorremmo diventasse normalità.

Non c’è alcun disegno oltre quello di voler essere parte attiva e FARE qualcosa di concreto.

Pensiamo di aver dato e invece è più quello che oggi abbiamo ricevuto”.

PS: il quartiere milanese che si è mobilitato in una incredibile gara di solidarietà si chiama “NoLo” (North of Loreto).

La giovane donna della corsa nel parco è mia cognata.

Ricevi tutte le news

Francesco Noto

Cara Maria Rosa, grazie grazie grazie. Queste faville di grande umanità ci illuminano la mente e aprono i cuori alla Speranza. Francesco Noto

23 luglio 2018 | 23:02 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Meteo, possibili rovesci domenica. Temporali lunedì

    Cronaca

    Monreale, 18 agosto 2018 - In queste ore una goccia fredda in quota è posizionata sulle coste franco-spagnole. Con il passare delle ore si avvicinerà fino al inglobare tutta la Sicilia, causando il guasto del tempo domenica e lunedì.  Le prime ore di Domenica saranno tranquille ma da..

    Continua a Leggere

  • Pro Loco Monreale, domani la presentazione in piazza Guglielmo II

    Cronaca

    Monreale, 17 agosto 2018 - Sarà presentata domani, sabato 18 agosto in piazza Guglielmo II alle ore 11, l’attività della Pro Loco Monreale che si è da poco tempo costituita. Il gruppo inizierà adesso il proprio percorso di attività socio-culturali. La presentazione avverrà presso la pizzeri..

    Continua a Leggere

  • Sorpresi a scaricare rifiuti in viale Regione siciliana e allo svincolo Belgio, multati (FOTO)

    Cronaca

    Continua a Leggere

  • Il branco picchia gli extracomunitari, ricostruita l’aggressione della Ciammarita

    Cronaca

    Non solo una battibecco con qualche offesa e qualche spintone ma una vera e propria aggressione da parte di giovani, probabilmente partinicesi, nei confronti di quattro ragazzi di colore ospitati in comunità. Questo quello che è successo nei pressi della spiaggia della Ciammarita ..

    Continua a Leggere

  • “Senza Rita Borsellino a Palermo siamo più soli”, l’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice (FOTO)

    Cronaca

    Palermo, 17 luglio 2018 - “Quando mi è giunta notizia della morte di Rita Borsellino ho provato un sentimento interiore, una sorta di solitudine e mi sono detto: ora a Palermo siamo più soli.  Ma mi è venuto in mente il ricordo ancora lo sguardo di Rita del 19 Luglio quando lei stessa ha v..

    Continua a Leggere

  • “Comportati bene o muori”. Il sindaco Agostaro: “Non ho paura”

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 17 agosto 2018 - “Caro sindaco comportati correttamente altrimenti muori”, è un atto intimidatorio in piena regola quello ricevuto da Rosario Agostaro, primo cittadino di San Giuseppe Jato.

    Continua a Leggere

  • Lettera con proiettile al sindaco di San Giuseppe Jato Rosario Agostaro

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 17 agosto 2018 - Una lettera contenente alcune minacce e un proiettile è stata recapitata al sindaco di San Giuseppe Jato Rosario Agostaro.

    LEGGI QUI IL RA..


  • Caccia aperta in Sicilia dal 1 settembre, a Monreale i tesserini dal 20 agosto

    Cronaca

    Monreale, 17 agosto 2018 - Doppiette in azione dal primo settembre in Sicilia. Pubblicato sulla gazzetta ufficiale di oggi il calendario venatorio per la stagione 2018/2019. I giorni di caccia e le specie animali che possono finire nel mirino dei fucili sono elencati in un decreto dell’Assessor..

    Continua a Leggere

  • Piana degli Albanesi, progetto di 1 milione per migliorare l’impianto d’illuminazione pubblica

    Cronaca

    Piana degli Albanesi, 17 agosto 2018 - Il comune di Piana degli Albanesi partecipa ad un bando per l'approvazione di un progetto di efficientamento energetico del costo di quasi un milione di euro. A renderlo noto è il primo cittadino della città del lago Rosario Petta. "Abbiamo presentato all'..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Incendio sul Monte Caputo. Intervento dei vigili del fuoco

    Cronaca

    Monreale, 17 agosto 2018 - Un principio d'incendio sul Monte Caputo è stato segnalato al centralino dei vigili del fuoco di Palermo. Le fiamme si sono sviluppate a Monreale, in via strada Vicinale San Martino, vicino ad alcune villette, qualche minuto prima della mezzanotte. Sul posto si sono reca..

    Continua a Leggere

  • Rita Borsellino: “solo” una donna, una mamma, una nonna che ha creduto in tanti di noi

    Cronaca

    Scrivo queste righe mentre mi trovo al confine tra Georgia e Arzebajgian, in un monastero ortodosso che da secoli sopravvive qui nelle montagne. La preghiera di questi monaci, la loro fede così sconfinata, mi aiuta a pensare in questo momento a Rita Borsellino, giunta all’ultima tappa del suo cam..

    Continua a Leggere

  • Il Quartiere Pagliarelli scrive all’assessore Mattina: “Sostanziale incoerenza tra i valori che dice di possedere e la sua azione politica”

    Cronaca

    Palermo, 16 agosto 2018 -In risposta alla lettera dell’Assessore Giuseppe Mattina del Comune di Palermo, pubblicata da altra testata giornalistica 

    Continua a Leggere

  • Venerdì i funerali di Rita Borsellino, oggi e domani la camera ardente

    Cronaca

    La camera ardente per un ultimo saluto a Rita Borsellino è stata allestita presso la Casa della memoria operante del Centro studi Paolo Borsellino a partire da giovedì 16 agosto dalle 11.00 alle 20.00 e venerdì dalle 7.00 alle 9.00 (via Bernini n. 52 – Palermo).  <..

    Continua a Leggere

  • Ciammarita (Partinico). A ferragosto 4 extracomunitari vittima di un caso di razzismo

    Cronaca

    Partinico, 16 agosto 2018 - Ennesimo caso di razzismo a Partinico. È stata presentata formale denuncia ai Carabinieri dai responsabili di una comunità di accoglienza de comune palermitano dopo che 4 giovani ospiti del centro sono rimasti vittima di un caso di maltrattamento, sembra a sfondo razzis..

    Continua a Leggere

  • Come si scrive il curriculum: consigli e suggerimenti

    Cronaca

    16 agosto 2018 - Il curriculum, si sa, è il primo mezzo con cui ci si presenta a un'azienda per la quale si è interessati a lavorare: esso può essere paragonato a un biglietto da visita attraverso il quale viene raccontato il percorso di studi del candidato e viene descritta..

    Continua a Leggere

  • È morta a 73 anni Rita Borsellino. Sorella del giudice Paolo Borsellino

    Cronaca

    È morta Rita Borsellino, 73 anni, la sorella del giudice Paolo Borsellino, ucciso nella strage di via D’Amelio il 19 luglio 1992. Rita Borsellino era malata da tempo e negli ultimi mesi le sue c..

    Continua a Leggere

  • Duomo di Monreale. Aperta ai visitatori la passeggiata sulla terrazza Settentrionale (LE IMMAGINI)

    Cronaca

    [gallery ids="73629,73630,73631,73632,73633,73634,73635,73636,73637,73638,73639,73640,73641,73642,73643,73644,73645,73646"] Monreale, 15 agosto 2018 - Da lunedì 13 agosto i numerosi turisti a passeggio sul tetto della Cattedrale di Monreale potranno prolungare la camminata lungo una sezione fino..

    Continua a Leggere

  • Bisacquino, il 16 agosto arriva Generation of Talent

    Cronaca

    Bisacquino, 14 agosto 2018 - La cornice è quella delle grandi occasioni, piazza Triona l’indomani del Ferragosto. Alle 21,30 i talenti che si esibiranno sono tra i più promettenti. Il presentatore è una garanzia, Antonio Pandolfo, attore, autore, cabarettista e regista. Il premio è tra i più ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com