Oggi è 17/02/2019

Cronaca

Strage di via d’Amelio, per ricordare Borsellino non servono le passerelle dei politici

Dopo che la sentenza dei giudici della Corte d’assise di Caltanissetta ha confermato che dietro quella pagina di storia c’è “uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana”, quella strada, questa data dovrebbero scuoterci

Pubblicato il 19 luglio 2018

Strage di via d’Amelio, per ricordare Borsellino non servono le passerelle dei politici

Oggi a Palermo alle 16,58 come ogni anno sarò in via D’Amelio per fare memoria di Paolo Borsellino e degli agenti di scorta Agostino CatalanoEmanuela LoiClaudio TrainaVincenzo Li Muli e Walter Eddie Cosina. Avevo 19 anni quando scesi la prima volta nel capoluogo siciliano. Da quell’anno non sono mai mancato a questo appuntamento con la storia. Da cittadino, da giornalista, da maestro. È una sorta di dovere civile che sento come responsabilità e impegno.

Quel luogo dove è esplosa la bomba voluta da qualche uomo dello Stato non può restare solo qualcosa che appartiene ai siciliani. Per anni abbiamo pensato che la mafia era “roba loro”. Troppo tardi ci siamo accorti che Cosa nostra e non solo avevano messo radici al Nord e in Europa. Oggi dopo che la sentenza dei giudici della Corte d’assise di Caltanissetta ha confermato che dietro quella pagina di storia c’è “uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana”, quella strada, questa data dovrebbero scuoterci, non lasciarci in pace. Eppure, come diceva qualcuno, gli italiani hanno la memoria che dura quanto un orgasmo.

 

Le responsabilità di questo “depistaggio di Stato” vanno cercate in via d’Amelio. In quella strada ci sono state in questi 26 anni troppe passerelle. Li ho visto ad uno ad uno passare per quella strada: Clemente Mastella, Renato Schifani, Gianfranco Fini, Gianni Alemanno, Alfredo Mantovano, Francesco Musotto, Franco Marini, Giuliano Amato, Giorgia Meloni, Carlo Vizzini, Diego Cammarata, Roberto Maroni, Italo Bocchino, Fabio Granata, Irene Pivetti. Ma anche Nicola Mancino, Giovanni Maria Flick, Luciano Violante, Rosy Bindi, Walter Veltroni e Dario Franceschini.

A questi politici gli italiani chiedono: chi dello Stato ha taciuto? Cosa sai tu di questo depistaggio? Che hai fatto per arrivare alla verità.
Il depistaggio di Stato, l’assenza di un pentito di Stato chiama in causa la politica perché come sempre c’e una responsabilità della magistratura ma ancor più della politica che spesso in questi anni ha fatto come le tre scimmiette mettendo le mani davanti alla bocca, agli occhi e sulle orecchie.

Forse qualcuno si è dimenticato ma anche Silvio Berlusconi passò in via D’Amelio. Più di 20 anni fa. Era il 1994, era stato eletto da poco Presidente del Consiglio. Berlusconi è in città per un incontro istituzionale. Si ricorda che in via D’Amelio è morto Borsellino e decide d’andarci. Ad accorgersi dell’arrivo di qualcuno di importante è la sorella Rita che in quei giorni è a casa con un piede fratturato. Sotto la sua abitazione c’è troppo via vai di forze dell’ordine. Intorno alle 16 sente suonare il citofono. Si alza a fatica dalla poltrona e dall’altra parte della cornetta scopre che c’è il prefetto che le dice: “Il presidente del Consiglio vorrebbe salutarla”.

Rita è in vestaglia, non è stata informata di questa visita e non è certo nelle condizioni di ricevere il Primo ministro. Passano pochi istanti e il citofono risuona. Si alza di nuovo dalla sua poltrona per rispondere. È un colonnello dei Carabinieri; le ripropone l’incontro con Berlusconi. Nulla da fare. Il citofono suona una terza e quarta volta, finché la sorella del magistrato prende una decisione: “Se deve dirmi qualcosa di importante venga al citofono”.

Berlusconi non si fa pregare. Si avvicina, è a un passo da quella lapide e dall’ulivo e chiede: “Che cosa possiamo fare per sconfiggere la mafia?”. “Siete al Governo e potete fare tutto quello che volete, ne avete il potere”, risponde Rita Borsellino. Berlusconi replica: “Se ci lasciano lavorare”. Ma la sorella del magistrato non sta zitta: “Anche mio fratello non lo lasciavano lavorare ma ha continuato lo stesso. Tant’è vero che qui è morto”. A quel punto Berlusconi non ha più parole: “Se permette la chiamerò da Roma con più calma”. Rita non ha mai ricevuto quella telefonata e Berlusconi non si è più fatto vedere in via D’Amelio.

C’è poi l’altra Italia. Quella di chi non ha dimenticato e dopo 26 anni vuole continuare a ricordare. A Crema nei giorni scorsi i ragazzi della Consulta giovanile dopo aver ripulito i muri della scuola che affaccia su largo Falcone Borsellino (piazza voluta nel 1999 dagli allora alunni di quell’istituto magistrale) , hanno voluto sistemare anche la vecchia targa, ormai non più leggibile, e posizionarne una nuova ai piedi di un ulivo. Hanno chiesto così agli uffici comunali di poter fare questo intervento ed è qui che c’è una piccola storia che merita di essere raccontata.

Gli uffici hanno detto loro di contattare la ditta Barbati Marmi di Bagnolo cremasco per ripassare le scritte della “vecchia” targa e realizzare e apporre una nuova ai piedi dell’ulivo. Qualche giorno la ditta ha inviato la foto di una bellissima targa di marmo. A questo punto i ragazzi hanno chiesto gli estremi per il pagamento da girare al Comune e qui la risposta inaspettata: “La targa la doniamo a voi e alla città e sistemiamo gratuitamente anche l’altra”.

Ripreso da Il Fatto Quotidiano 

 

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • San Martino delle Scale e Piano Geli, la raccolta differenziata partirà solamente con la nuova società rifiuti

    Cronaca

    San Martino delle Scale, 17 febbraio 2019 - L'avvio era previsto per fine settembre dello scorso anno ma ad oggi a San Martino delle Scale la raccolta differenziata non è ancora iniziata. “Partirà dopo l’individuazione del nuovo gestore che si aggiudicherà per un anno l’appalto di raccolta ..

    Continua a Leggere

  • Lo Biondo rifiuta l’offerta di Gambino e rilancia: “Roberto, una persona perbene e capace, da noi ha le porte aperte”

    Cronaca

    Monreale, 16 febbraio 2019 - “Ringrazio per l'ennesimo invito ma andiamo #OLTRE.  Ritengo che un invito pubblico, dopo una risposta chiara ricevuta a microfoni spenti, rischi (volutamente?) di creare caos ulteriore”. Massimiliano Lo Biondo co..

    Continua a Leggere

  • “INSIEME SI CRESCE CON IL PIZZINO DELLO SCONTO”. Nasce a Monreale una nuova iniziativa imprenditoriale

    Cronaca

    Monreale, 16 febbraio 2019 - "INSIEME SI CRESCE CON IL PIZZINO DELLO SCONTO”. È questo lo slogan di una nuova iniziativa ideata da Ester Cuccia, imprenditore monrealese del settore pubblicitario. E nel periodo in cui il digitale ha preso il sopravvento sul cartaceo, Cuccia ha pensato bene di r..

    Continua a Leggere

  • “La scuola siciliana oggi”, gli studenti dei Licei D’Aleo e Basile incontrano Lagalla

    Cronaca

    Monreale, 16 febbraio 2019 - Il prossimo 19 febbraio gli studenti dell’istituto Superiore “E. Basile-M- D’Aleo” riceveranno la visita dell’Assessore alla Pubblica istruzione, Roberto Lagalla. L’evento avrà luogo presso l’Aula Magna della sede di Via Biagio Giordano e sarà anche l’o..

    Continua a Leggere

  • Palermo – Brescia: 1 – 1. Un anticipo di serie A

    Cronaca

    Stadio Renzo Barbera (Palermo), 16 febbraio 2019 - Lo stadio Renzo Barbera torna ad essere il 12° uomo in campo. Si é registrato il record  stagionale anche di tutto il campionato cadetto. I tifosi presenti sono stati 22.329. Una cornice importante per una gara che ha rise..

    Continua a Leggere

  • Istituito punto di raccolta rifiuti nella villetta di Aquino, iniziativa spontanea di “alcuni” residenti

    Cronaca

    Monreale, 16 febbraio 2019 - La villetta di Aquino fa ancora parlare di sé, e anche questa volta nessun premio morale per gli ..

    Continua a Leggere

  • “Popolari per Monreale”. Ecco i primi nomi della lista che sosterrà Piero Capizzi

    Cronaca

    Monreale, 16 febbraio 2019 - "Popolari per Monreale" è il nome di una delle liste elettorali che sosterranno alle prossime consultazioni la candidatura del sindaco uscente, Piero Capizzi. Ieri è stato ufficializzato il nome della lista e presentato il logo, elaborato da Ester Cuccia. La composizio..

    Continua a Leggere

  • Domani screening mammografico gratuito a Palermo, Corleone e Petralia Sottana

    Cronaca

    Monreale, 16 febbraio 2019 - Screening mammografico gratuito domani negli ospedali aderenti. L'Asp di Palermo ha deciso l'apertura domenicale per i Centri in cui è possibile effettuare l'indagine. La prevenzione è importante e questa iniziativa darà la possibilità di effettuare i control..

    Continua a Leggere

  • Roberto Gambino: “Sarò il candidato sindaco”. E conferma: “Se andiamo al ballottaggio vinceremo”

    Cronaca

    [gallery ids="92343,92342,92341,92340,92339,92338,92337,92332,92331,92330,92328,92327,92326"] Monreale, 15 febbraio 2019 - “Sarò il candidato sindaco”. Questo pomeriggio, all’interno di un’affollata aula consiliare, Roberto Gambino ha sciolto la riserva, visibilmente emo..

    Continua a Leggere

  • Operaio muore schiacciato, tragedia a San Cipirello

    Cronaca

    San Cipirello, 15 febbraio 2019 - È la terza in pochi giorni, ancora una

    Continua a Leggere

  • Incidente in via Pietro Novelli. Un malore improvviso gli fa perdere il controllo dell’auto

    Cronaca

    Monreale, 15 febbraio 2019 - Un malore, probabilmente un capogiro, lo ha colpito all’improvviso mentre era alla guida della sua auto insieme alla moglie. L'uomo di 62 anni, ha perso il controllo della Fiat Punto su cui viaggiava finendo fuori strada. La vettura è finita contro un tubo del metano ..

    Continua a Leggere

  • Ars, approvata la finanziaria. Salvata Riscossione Sicilia e i precari dei comuni in dissesto passano a Resais

    Cronaca

    Palermo, 15 febbraio 2019 - La finanziaria regionale è stata approvata nella notte. Come già accaduto molte altre volte in precedenza, l'esame del documento finanziario si è protratto fino a tarda ora e il voto finale è arrivato dopo le sette di mattina, con 44 voti a favore e 28 contrari. D..

    Continua a Leggere

  • Roberto Gambino candidato sindaco? Oggi scioglierà la riserva. La squadra sarà quasi tutta presente

    Cronaca

    Monreale, 15 febbraio 2019 - C’è molto interesse intorno all’incontro che si terrà questo pomeriggio in aula consiliare, nel corso del quale Roberto Gambino scioglierà la riserva in merito alla sua decisione di accettare l’invito a candidarsi a sindaco di Monreale. Una riserva mantenuta fin..

    Continua a Leggere

  • Chi è Salvatore Milano, già arrestato nel 2008 nell’operazione Perseo. Al maxiprocesso, Buscetta e Contorno lo indicavano quale socio occulto del marchio “Bagagli”

    Cronaca

    Palermo, 15 febbraio 2019 - È scattata questa mattina la confisca di svariati beni appartenuti a Salvatore Milano e Filippo Giardina, nei confronti dei quali il Tribunale ha anche disposto la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno in città, per 4 anni per il ..

    Continua a Leggere

  • Abbandono rifiuti e scarti edili, Lo Biondo (#OLTRE): “La mia proposta per prevenire il degrado del territorio”

    Cronaca

    Monreale, 15 febbraio 2019 - Ancora una proposta amministrativa arriva da Massimiliano Lo Biondo, candidato a sindaco alle prossime consultazioni del 28 aprile con la lista #OLTRE. Stavolta l’obiettivo è il contrasto all’abbandono selvaggio di rifiuti e scarti edili. “Necessario prevenire ..

    Continua a Leggere

  • Confiscati i 3 punti vendita Bagagli di Palermo e beni per 8 milioni di euro. Secondo la Procura sono riconducibili a Cosa Nostra

    Cronaca

    Palermo, 15 febbraio 2019 - L a Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito questa mattina un decreto di confisca, emesso dal Tribunale di Palermo, nei confronti di Salvatore Milano, 66 anni, e Filippo Giardina, 66 anni. Le indagini su Milano e Giardina ebbero inizio..

    Continua a Leggere

  • Fondi a favore degli inquilini morosi incolpevoli. Ecco come accedere

    Cronaca

    Monreale, 15 febbraio 2019 - Scade il 31 dicembre 2019 il bando per accedere al “Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli”. Il contributo riservato a favore del Comune di Monreale è destinato a sostenere i conduttori morosi al fine di prevenire gli sfratti. La somma sarà erogata in mo..

    Continua a Leggere

  • Scenari post-apocalittici in via Pio La Torre: topi, cani randagi, spazzatura e televisori rotti (FOTO)

    Cronaca

    [gallery ids="92216,92217,92218,92219,92220,92221"]

    Monreale, 14 febbraio 2019 - È capitato spesso, purtroppo, di parlare di rifiuti abbandonati, sporcizia e degrado, ma il caso di via Pio La Torre è uno dei più vergognosi. L’argomento è già stato trattato in a..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com