Oggi è 21/09/2018

Corleone

Un luogo speciale che si chiama Cidma

Il C.I.D.M.A. infatti, ogni anno, apre le porte a centinaia di studenti da tutta Italia e questa è l’occasione di crescita più bella.

Pubblicato il 13 luglio 2018

Un luogo speciale che si chiama Cidma

Corleone, 13 luglio 2018 – A Corleone, a casa nostra, c’è un posto insolito e affollato che si chiama C.I.D.M.A.
Il giorno della sua inaugurazione, il 12 dicembre del 2000, io avevo appena nove anni e un compito importante per l’occasione: ero stata scelta tra i miei compagni per omaggiare il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, venuto a Corleone per il grande evento, di un dono e una poesia da parte dell’ “Istituto Camillo Finocchiaro Aprile”.
Le maestre mi avevano preparato bene, nel caso in cui mi avesse rivolto qualche domanda e, anche se di mafia avevo sempre sentito parlare e i nomi dei boss corleonesi li conoscevo a memoria, dovetti informarmi su cosa significasse “Centro Internazionale di Documentazione sulle Mafie e del Movimento Antimafia” e su cosa offrisse. Ero piccola, ma capii lo stesso che l’apertura del C.I.D.M.A. significava tanto per noi e dovevo dare il meglio. La pressione fu così tanta che, unita ad un’insolazione, mi fece svenire proprio nel momento in cui il Presidente poggiò la sua mano sul mio capo e mi chiese cosa volessi fare da grande. Feci appena in tempo a rispondere “il magistrato”, che caddi tra le braccia della maestra di matematica.
La mia risposta non era stata casuale: credevo (e ho creduto fino a pochi anni fa) che per combattere la mafia bisognava stare nelle aule di un tribunale e stabilire sentenze. Quindi, dopo il diploma, intrapresi gli studi di Giurisprudenza a Palermo per portare a termine la mia missione. Solo dopo due anni capii che stavo percorrendo la strada sbagliata e decisi di cambiare corso di laurea. Oggi sono una studentessa magistrale di Comunicazione e quello strano posto di cui parlavo e che ho ammirato da sempre e fatto conoscere a parenti ed amici in visita a Corleone, oggi è diventato un po’ casa mia.
Sono entrata a far parte dello staff del C.I.D.M.A. a luglio 2016, prima accompagnando soltanto visitatori italiani e poi anche visitatori stranieri in lingua inglese. Ricordo ancora il mio primo tour: Emiliano, veterano del centro, mi ha accompagnato durante tutto il percorso per assicurarsi che tutto procedesse bene e per soccorrermi qualora dimenticassi qualche dettaglio importante. Il sostegno e i consigli di altre guide con maggiore esperienza sono stati fondamentali per ognuno di noi.
È difficile parlare della mia esperienza al C.I.D.M.A. nello spazio di un articolo di giornale, perché le giornate sono caratterizzate da così tanti incontri, così tante storie, così tanti confronti, che non basterebbe un giorno intero per parlare di tutto. Inoltre, solo chi è passato da lì può capire fino in fondo quello che sto per raccontare.
Vengono a trovarci, tutto l’anno, persone da tutto il mondo e il motivo è prevalentemente lo stesso: la mafia.
Arriva l’americano con la coppola comprata al negozietto di souvenir cinquanta metri prima che chiede indicazioni per la casa di Don Vito Corleone e quando gli spieghi che “Don Vito is a cinematographic invention and the movie wasn’t shoot here, but in Savoca”, lui, deluso, quasi vorrebbe andar via (e, a volte, va via veramente).
Arriva il siciliano che quella storia, raccontata attraverso le nostre testimonianze e le foto di Letizia Battaglia che documentano stragi, atteggiamenti e messaggi mafiosi, la conosce bene e ne porta ancora addosso residui e ferite e alla frase pronunciata davanti ai Faldoni “il Maxiprocesso è la più grande vittoria della giustizia italiana”, si commuove e si sente, come noi, pervaso da un sentimento di estremo orgoglio.
Arriva il giornalista che sa già tutto, ma vuole approfondire e sapere come si vive nella città che ha dato i natali ai peggiori boss della storia siciliana.
Arriva lo straniero che ha sentito parlare qualche volta del pool antimafia, ma vuole capire meglio perché dei giudici che svolgevano semplicemente il loro lavoro, finiscono per essere considerati eroi, visto che in Sicilia anche compiere il proprio dovere diventa pericoloso e ti costa la vita.
E poi arrivano i ragazzi. Il C.I.D.M.A. infatti, ogni anno, apre le porte a centinaia di studenti da tutta Italia e questa è l’occasione di crescita più bella. All’inizio catturare la loro attenzione è un po’ difficile: si aspettano il racconto di storie sentite e risentite. Dopo pochi minuti, però, li vedi attenti e pieni di interrogativi, a volte increduli, a volte emozionati e, quando alla fine ti sorridono e ti dicono “proveremo ad essere dei cittadini migliori perché il sacrificio di molti non resti vano”, ti rendi conto di avere veramente gettato un seme e che quel seme germoglierà e farà frutto.
Trent’anni fa era quasi impossibile parlare di mafia a Corleone. Prevalevano paura, rassegnazione, omertà e la mentalità secondo cui meno parlavi meglio vivevi, se non addirittura quella secondo cui la mafia proteggeva la gente e offriva opportunità a tutti, per cui ci si sentiva quasi in dovere nei suoi confronti.
Oggi è tutto diverso e noi corleonesi siamo testimoni di una rivoluzione culturale partita dalle scuole, dalle famiglie, dalle parrocchie, in cui è maturata la consapevolezza che la mafia, invece, non porta a nulla di buono e solo conoscendone azioni, motivazioni, atteggiamenti e limiti è veramente possibile scegliere da che parte stare.
Spesso mi chiedono cosa si faccia al C.I.D.M.A. e quando rispondo qualcuno pensa che ripetere sempre le stesse cose, dopo un po’ possa stancare. Ma la noia è un sentimento impossibile da sperimentare quando interagisci con persone sempre diverse, perché saltano fuori un’incredibile varietà di domande, una serie di curiosità mai scontate e crei con ognuno dei legami fatti di stima e ammirazione reciproca. Conosci culture diverse come se ogni giorno viaggiassi senza sosta e invece sei sempre nello stesso luogo.
Si crea come una catena umana fatta di coscienze pulite. Sai che ognuno che passa di lì racconterà poi un po’ della sua esperienza e si sentirà partecipe di un progetto. È così che si vive dentro quell’ex convento di San Ludovico: dei ragazzi incontratisi per caso, ognuno con qualcosa da offrire, ognuno coi propri talenti, ognuno coi propri limiti, sono parte fondamentale di questa grande famiglia. Si condividono ansie, sogni, speranze, ci si supporta a vicenda, ci si scambia idee quasi mai del tutto concordanti, si condivide così tanto che alla fine nessuno crede che sia stato un caso incontrarsi. La mia esperienza al C.I.D.M.A. mi ha ricordato chi sono e mi ha ridato la speranza, persa da molto tempo, che la mia Corleone può veramente cambiare e sradicare una volta per tutte la sua etichetta.
Quando alla fine di un tour, davanti al portone di Via Valenti n. 7, abbracci i visitatori e li ringrazi mentre stanno per andar via, senti proprio il desiderio di guardarli allontanarsi, girare l’angolo e proseguire per la loro strada, perché sai che da quel momento cammineranno con più consapevolezza e con più speranza. E allora smetti di maledire il posto in cui sei nato, quella terra disgraziata che tanto ti dona e tanto ti toglie e inizi ad apprezzare la bellezza attorno a te. Senti come un soffio di vento accarezzarti il viso, forse quel “fresco profumo di libertà”, e inizi a sentirti esattamente dove dovresti essere.

Di Lorena Pecorella 

Ripreso integralmente da http://mafie.blogautore.repubblica.it/2018/07/02/1997/

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • “Van Gogh Digital Experience”. Ancora nessun introito per il Comune di Monreale. Avviata azione legale

    Corleone

    Monreale, 21 settembre 2018 - Si conclude nel peggiore dei modi, e cioè con l'avvio di un'azione giudiziaria, l'idillio che era nato tra il comune di Monreale e la Bicubo digital marketing S.r.l., la società che aveva portato a Monreale la mostra multimediale su Van Gogh, la “Van Gogh Digital Ex..

    Continua a Leggere

  • Palermo Pride, il programma delle iniziative di venerdì

    Corleone

    Entra nel vivo con numerose iniziative il Palermo Pride in attesa della grande parata per le strade della città del 22 settembre. Ecco le iniziative previste per domani.
    PALERMO PRIDE VILLAGE Piazza Sant’Anna – Piazza Croce dei Vespri | ..

    Continua a Leggere

  • Festa del pane di Monreale, il presidente dell’ACM annuncia le novità

    Corleone

    [embed]https://youtu.be/1UyhBoMtvlo[/embed] Monreale, 20 settembre 2018 -Nella cittadina normanna il 22 e 23 Settembre Monreale bread festival 2018, due giornate dedicate al pane, prodotto tipico locale. Se nel 2017 erano i gazebo a ospitare i prodotti, in occasione della nuova edizio..

    Continua a Leggere

  • Vandalismo nel corso del musical su padre Puglisi. Amara sorpresa per decine di spettatori

    Corleone

    Palermo, 20 settembre 2018 - Dopo il musical dedicato a Padre Pino Puglisi gli spettatori trovano l’automobile vandalizzata. È accaduto nel corso della serata di ieri, (19 settembre ndr), in viale del Fante, nei pressi del Teatro di Verdura.

    Decine di auto parchegg..

    Continua a Leggere

  • Monreale, piazze vuote e negozi chiusi di giorno, caos e posteggiatori abusivi la sera

    Corleone

    Monreale, 20 settembre 2018 - “Siamo passati dalla solitudine di piazze vuote e negozi chiusi di giorno al caos automobilistico delle ore serali con tanto di posteggiatore abusivo che armato di fischietto accompagna gli automobilisti a posteggiare davanti il Duomo..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Scrutatori e presidenti di seggio elettorale, possibile presentare le domande per l’iscrizione all’albo

    Corleone

    Monreale, 20 settembre 2018 – E’ in corso di aggiornamento l’Albo unico del comune di Monreale in cui sono incluse le persone idonee all’Ufficio di scrutatore e presidente di seggio elettorale. Per il ruolo di scrutatore basta essere elettore del comune di Monreale ed essere in possesso d..

    Continua a Leggere

  • Forza Italia: “Premio di risultato al segretario generale per noi è illegittimo”

    Corleone

    Monreale, 20 settembre 2018 - La notizia, pubblicata ieri, del riconoscimento del premio di risultato relativo al 2016 da liquidare al Segretario Generale del comune di Monreale, la dott.ssa Domenica Ficano, ha sollevato alcune critiche tra i banchi dell'opposizione. Ad inviare una nota in redazione..

    Continua a Leggere

  • Sospesa la caccia in Sicilia, ambientalisti vincono il ricorso

    Corleone

    Con un’articolata ordinanza il TAR Palermo ha accolto totalmente il ricorso presentato da Legambiente Sicilia, LIPU e WWF, con il patrocinio degli avvocati Antonella Bonanno e Nicola Giudice del Foro di Palermo, contro il calendario venatorio 2018/2019 emanato ad agosto da..


  • Roccamena tra i rifiuti. Il sindaco Ciaccio: “Solleverò dall’incarico il dirigente dell’ufficio tecnico. Bisogna fare la gara”

    Corleone

    Roccamena, 19 settembre 2018 - Da ieri a Roccamena non si raccolgono più i rifiuti. Cumuli di spazzatura e cassonetti sovraccarichi fanno bella mostra di sé negli angoli delle strade. Chi può li deposita nei propri garage. La società addetta alla raccolta e allo smalt..


  • Il “Sette e Mezzo” a Palermo, ieri l’incontro-dibattito a Casa Cultura Santa Caterina

    Corleone

    [gallery ids="76777,76776,76775,76774,76773,76772,76771,76770,76769"] Monreale , 19 settembre 2018 - Quattro giornate, tra mostre e documenti storici, in ricordo dell’insurrezione del “Sette e Mezzo”. Questa la proposta del Centro Studi Zabùt, in collaborazione con la Fondazione Ign..


  • Nominata consulente del sindaco, l’Ing Dora Ferreri si occuperà di elettrotecnica

    Corleone

    Monreale, 19 settembre 2018 - A fianco del primo cittadino ci sarà un nuovo esperto, si tratta dell'Ing Dora Ferreri alla quale è stato conferito l‘incarico di consulente del sindaco, a titolo gratuito, per occuparsi delle attività connesse all'elettrotecnica. Il rapporto durerà fino alla..


  • Drammatico incidente in via Paruta, tanta paura per un automobilista (FOTO)

    Corleone

    Salvo per miracolo dopo un terribile scontro sul palo. È successo in via Paruta nella zona di Corso Calatafimi (Foto Gabriele Visocaro). Il conducente nonostante l’impatto e l’auto distrutta è salvo. Una notte piena di incidenti è stata quella trascorsa. Uno dei più gravi in corso C..


  • “Dipinti su Vetro”, inaugurata la mostra di Francesca Guicciardi

    Corleone

    Monreale, 19 settembre 2018 - Una esposizione di “Dipinti su Vetro” dell’artista e collezionista Francesca Guicciardi, è stata presentata ieri dal sindaco Piero Capizzi e dall’assessore alla cultura Giuseppe Cangemi negli splendidi spazi della sezione di Arte Antica del Comples..


  • Monreale. In arrivo premio di risultato 2016 per il segretario generale. Per il sindaco Capizzi conseguito il 100% degli obiettivi

    Corleone

    Monreale, 19 settembre 2018 - Come era successo per l’anno 2015, il sindaco Piero Capizzi ha assegnato al segretario generale, la dott.ssa Domenica Ficano, una valutazione con punteggio massimo sull’operato svolto nel corso del 2016. Questo, dopo che l’Organismo Intern..


  • Monreale. Amministrative 2019: “Da parte i personalismi. Avanti con un progetto di centro sinistra”

    Corleone

    Riceviamo e pubblichiamo Monreale, 18 settembre 2018 - "Le elezioni amministrative del maggio prossimo richiedono la costruzione di un progetto credibile ed autorevole per governare al meglio durante i prossimi cinque anni Monreale.  Il rispetto e l'attenzione per una società de..


  • Il top della civiltà: sacchetti lanciati per aria a due passi da Casa Cultura

    Corleone

    Monreale, 18 settembre 2018 - L'inciviltà avrà un limite? Ormai se lo stanno chiedono in tanti. Quando sembra che s..


  • Maltempo, ci aspettano tre giornate temporalesche

    Corleone

    Monreale, 18 settembre 2018 - Niente di bello ci aspetta per i prossimi giorni, purtroppo pagheremo il caldo delle prime settimane di settembre. Dal pomeriggio di oggi inizieranno i primi temporali. La giornata peggiore sarà quella di mercoledì.  Già dalla notte e un po’ per tutta la gi..


  • Si butta dal Suv rubato a folle velocità: arrestato il giovane

    Corleone

    I carabinieri hanno arrestato S.C. di 19 anni per furto aggravato d’auto dopo un rocambolesco inseguimento per le vie di Palermo. Il giovane del quartiere Falsomiele attorno alle 4 stava percorrendo viale Regione Siciliana a bordo Mitsubishi Pajero.


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com