Oggi è 19/02/2019

Corleone

Un luogo speciale che si chiama Cidma

Il C.I.D.M.A. infatti, ogni anno, apre le porte a centinaia di studenti da tutta Italia e questa è l’occasione di crescita più bella.

Pubblicato il 13 luglio 2018

Un luogo speciale che si chiama Cidma

Corleone, 13 luglio 2018 – A Corleone, a casa nostra, c’è un posto insolito e affollato che si chiama C.I.D.M.A.
Il giorno della sua inaugurazione, il 12 dicembre del 2000, io avevo appena nove anni e un compito importante per l’occasione: ero stata scelta tra i miei compagni per omaggiare il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, venuto a Corleone per il grande evento, di un dono e una poesia da parte dell’ “Istituto Camillo Finocchiaro Aprile”.
Le maestre mi avevano preparato bene, nel caso in cui mi avesse rivolto qualche domanda e, anche se di mafia avevo sempre sentito parlare e i nomi dei boss corleonesi li conoscevo a memoria, dovetti informarmi su cosa significasse “Centro Internazionale di Documentazione sulle Mafie e del Movimento Antimafia” e su cosa offrisse. Ero piccola, ma capii lo stesso che l’apertura del C.I.D.M.A. significava tanto per noi e dovevo dare il meglio. La pressione fu così tanta che, unita ad un’insolazione, mi fece svenire proprio nel momento in cui il Presidente poggiò la sua mano sul mio capo e mi chiese cosa volessi fare da grande. Feci appena in tempo a rispondere “il magistrato”, che caddi tra le braccia della maestra di matematica.
La mia risposta non era stata casuale: credevo (e ho creduto fino a pochi anni fa) che per combattere la mafia bisognava stare nelle aule di un tribunale e stabilire sentenze. Quindi, dopo il diploma, intrapresi gli studi di Giurisprudenza a Palermo per portare a termine la mia missione. Solo dopo due anni capii che stavo percorrendo la strada sbagliata e decisi di cambiare corso di laurea. Oggi sono una studentessa magistrale di Comunicazione e quello strano posto di cui parlavo e che ho ammirato da sempre e fatto conoscere a parenti ed amici in visita a Corleone, oggi è diventato un po’ casa mia.
Sono entrata a far parte dello staff del C.I.D.M.A. a luglio 2016, prima accompagnando soltanto visitatori italiani e poi anche visitatori stranieri in lingua inglese. Ricordo ancora il mio primo tour: Emiliano, veterano del centro, mi ha accompagnato durante tutto il percorso per assicurarsi che tutto procedesse bene e per soccorrermi qualora dimenticassi qualche dettaglio importante. Il sostegno e i consigli di altre guide con maggiore esperienza sono stati fondamentali per ognuno di noi.
È difficile parlare della mia esperienza al C.I.D.M.A. nello spazio di un articolo di giornale, perché le giornate sono caratterizzate da così tanti incontri, così tante storie, così tanti confronti, che non basterebbe un giorno intero per parlare di tutto. Inoltre, solo chi è passato da lì può capire fino in fondo quello che sto per raccontare.
Vengono a trovarci, tutto l’anno, persone da tutto il mondo e il motivo è prevalentemente lo stesso: la mafia.
Arriva l’americano con la coppola comprata al negozietto di souvenir cinquanta metri prima che chiede indicazioni per la casa di Don Vito Corleone e quando gli spieghi che “Don Vito is a cinematographic invention and the movie wasn’t shoot here, but in Savoca”, lui, deluso, quasi vorrebbe andar via (e, a volte, va via veramente).
Arriva il siciliano che quella storia, raccontata attraverso le nostre testimonianze e le foto di Letizia Battaglia che documentano stragi, atteggiamenti e messaggi mafiosi, la conosce bene e ne porta ancora addosso residui e ferite e alla frase pronunciata davanti ai Faldoni “il Maxiprocesso è la più grande vittoria della giustizia italiana”, si commuove e si sente, come noi, pervaso da un sentimento di estremo orgoglio.
Arriva il giornalista che sa già tutto, ma vuole approfondire e sapere come si vive nella città che ha dato i natali ai peggiori boss della storia siciliana.
Arriva lo straniero che ha sentito parlare qualche volta del pool antimafia, ma vuole capire meglio perché dei giudici che svolgevano semplicemente il loro lavoro, finiscono per essere considerati eroi, visto che in Sicilia anche compiere il proprio dovere diventa pericoloso e ti costa la vita.
E poi arrivano i ragazzi. Il C.I.D.M.A. infatti, ogni anno, apre le porte a centinaia di studenti da tutta Italia e questa è l’occasione di crescita più bella. All’inizio catturare la loro attenzione è un po’ difficile: si aspettano il racconto di storie sentite e risentite. Dopo pochi minuti, però, li vedi attenti e pieni di interrogativi, a volte increduli, a volte emozionati e, quando alla fine ti sorridono e ti dicono “proveremo ad essere dei cittadini migliori perché il sacrificio di molti non resti vano”, ti rendi conto di avere veramente gettato un seme e che quel seme germoglierà e farà frutto.
Trent’anni fa era quasi impossibile parlare di mafia a Corleone. Prevalevano paura, rassegnazione, omertà e la mentalità secondo cui meno parlavi meglio vivevi, se non addirittura quella secondo cui la mafia proteggeva la gente e offriva opportunità a tutti, per cui ci si sentiva quasi in dovere nei suoi confronti.
Oggi è tutto diverso e noi corleonesi siamo testimoni di una rivoluzione culturale partita dalle scuole, dalle famiglie, dalle parrocchie, in cui è maturata la consapevolezza che la mafia, invece, non porta a nulla di buono e solo conoscendone azioni, motivazioni, atteggiamenti e limiti è veramente possibile scegliere da che parte stare.
Spesso mi chiedono cosa si faccia al C.I.D.M.A. e quando rispondo qualcuno pensa che ripetere sempre le stesse cose, dopo un po’ possa stancare. Ma la noia è un sentimento impossibile da sperimentare quando interagisci con persone sempre diverse, perché saltano fuori un’incredibile varietà di domande, una serie di curiosità mai scontate e crei con ognuno dei legami fatti di stima e ammirazione reciproca. Conosci culture diverse come se ogni giorno viaggiassi senza sosta e invece sei sempre nello stesso luogo.
Si crea come una catena umana fatta di coscienze pulite. Sai che ognuno che passa di lì racconterà poi un po’ della sua esperienza e si sentirà partecipe di un progetto. È così che si vive dentro quell’ex convento di San Ludovico: dei ragazzi incontratisi per caso, ognuno con qualcosa da offrire, ognuno coi propri talenti, ognuno coi propri limiti, sono parte fondamentale di questa grande famiglia. Si condividono ansie, sogni, speranze, ci si supporta a vicenda, ci si scambia idee quasi mai del tutto concordanti, si condivide così tanto che alla fine nessuno crede che sia stato un caso incontrarsi. La mia esperienza al C.I.D.M.A. mi ha ricordato chi sono e mi ha ridato la speranza, persa da molto tempo, che la mia Corleone può veramente cambiare e sradicare una volta per tutte la sua etichetta.
Quando alla fine di un tour, davanti al portone di Via Valenti n. 7, abbracci i visitatori e li ringrazi mentre stanno per andar via, senti proprio il desiderio di guardarli allontanarsi, girare l’angolo e proseguire per la loro strada, perché sai che da quel momento cammineranno con più consapevolezza e con più speranza. E allora smetti di maledire il posto in cui sei nato, quella terra disgraziata che tanto ti dona e tanto ti toglie e inizi ad apprezzare la bellezza attorno a te. Senti come un soffio di vento accarezzarti il viso, forse quel “fresco profumo di libertà”, e inizi a sentirti esattamente dove dovresti essere.

Di Lorena Pecorella 

Ripreso integralmente da http://mafie.blogautore.repubblica.it/2018/07/02/1997/

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Caso Diciotti. Fabio Costantini: “Ho votato contro l’autorizzazione a procedere nei confronti del Ministro Salvini”. E ci ha spiegato il perché

    Corleone

    Monreale, 18 febbraio 2019 - Questa mattina, alle 11,00, il Movimento Cinque Stelle ha dato il via alle operazioni di voto aperte agli iscritti sul caso Salvini. Attraverso l’urna virtuale della piattaforma Rousseau, i sostenitori dei Cinque Stelle sono stati chiamati ad esprimersi sulla decisione..

    Continua a Leggere

  • Convocato Consiglio Comunale il 25/02, ultima sessione ordinaria prima della campagna elettorale

    Corleone

    Monreale, 18 febbraio 2019 - Questa mattina il Presidente del Consiglio Comunale, Giuseppe Verde, ha convocato, per il 25 febbraio, una sessione ordinaria del Consiglio. Se la seduta dovesse, come spesso accade, andare deserta, ci sarà tempo solo entro il 28 aprile per riconvocare la seduta. Suc..

    Continua a Leggere

  • Ancora nessun intervento per ripristinare il tratto franato della via “Corpo di Guardia”.

    Corleone

    [gallery ids="92505,92504,92503,92502"] Monreale, 18 febbraio 2019 - Ancora nessun intervento per ripristinare il tratto della via “Corpo di Guardia” franato in seguito alla furia delle acque del torrente Vadduneddu.  Era il novembre 2018 qua..

    Continua a Leggere

  • Blitz dei Carabinieri al palazzo di ferro, sbancata piazza di spaccio. Fermati in 8, tra cui 3 minori (FOTO)

    Corleone

    [gallery ids="92476,92477,92478,92479,92480,92481"]

    Palermo, 18 febbraio 2019 - Oggi, nelle prime ore dal mattino, i Carabinieri della Compagnia di San Lorenzo hanno arrestato 5 persone in seguito all’indagine denominata “Pellicano”, indagine iniziata nel gennai..

    Continua a Leggere

  • Autocompattatori a Piazzale Candido. Sono autorizzati? Romanotto (Lega) presenta una interrogazione

    Corleone

    Monreale, 18 febbraio 2019 - Il consigliere comunale Giuseppe Romanotto, candidato sindaco della Lega, ha presentato un’interrogazione consiliare per dare voce ai numerosi residenti di Via C.P. esasperati per la presenza in prossimità delle loro abitazioni degli autocompattatori della Ditta Mirto..

    Continua a Leggere

  • Conferisce rifiuti di domenica. Beccato dai vigili. Multa di 600 €

    Corleone

    Monreale, 18 febbraio 2019 - È stato sanzionato, intorno alle 9 del mattino, nei pressi di via San Nicola, un indisciplinato colto nell’atto di conferire rifiuti fuori orario e in una giornata non idonea. L’ordinanza sindacale, infatti, prevede il conferimento dei..

    Continua a Leggere

  • San Martino delle Scale e Piano Geli, la raccolta differenziata partirà solamente con la nuova società rifiuti

    Corleone

    San Martino delle Scale, 17 febbraio 2019 - L'avvio era previsto per fine settembre dello scorso anno ma ad oggi a San Martino delle Scale la raccolta differenziata non è ancora iniziata. “Partirà dopo l’individuazione del nuovo gestore che si aggiudicherà per un anno l’appalto di raccolta ..

    Continua a Leggere

  • Lo Biondo rifiuta l’offerta di Gambino e rilancia: “Roberto, una persona perbene e capace, da noi ha le porte aperte”

    Corleone

    Monreale, 16 febbraio 2019 - “Ringrazio per l'ennesimo invito ma andiamo #OLTRE.  Ritengo che un invito pubblico, dopo una risposta chiara ricevuta a microfoni spenti, rischi (volutamente?) di creare caos ulteriore”. Massimiliano Lo Biondo co..

    Continua a Leggere

  • “INSIEME SI CRESCE CON IL PIZZINO DELLO SCONTO”. Nasce a Monreale una nuova iniziativa imprenditoriale

    Corleone

    Monreale, 16 febbraio 2019 - "INSIEME SI CRESCE CON IL PIZZINO DELLO SCONTO”. È questo lo slogan di una nuova iniziativa ideata da Ester Cuccia, imprenditore monrealese del settore pubblicitario. E nel periodo in cui il digitale ha preso il sopravvento sul cartaceo, Cuccia ha pensato bene di r..

    Continua a Leggere

  • “La scuola siciliana oggi”, gli studenti dei Licei D’Aleo e Basile incontrano Lagalla

    Corleone

    Monreale, 16 febbraio 2019 - Il prossimo 19 febbraio gli studenti dell’istituto Superiore “E. Basile-M- D’Aleo” riceveranno la visita dell’Assessore alla Pubblica istruzione, Roberto Lagalla. L’evento avrà luogo presso l’Aula Magna della sede di Via Biagio Giordano e sarà anche l’o..

    Continua a Leggere

  • Palermo – Brescia: 1 – 1. Un anticipo di serie A

    Corleone

    Stadio Renzo Barbera (Palermo), 16 febbraio 2019 - Lo stadio Renzo Barbera torna ad essere il 12° uomo in campo. Si é registrato il record  stagionale anche di tutto il campionato cadetto. I tifosi presenti sono stati 22.329. Una cornice importante per una gara che ha rise..

    Continua a Leggere

  • Istituito punto di raccolta rifiuti nella villetta di Aquino, iniziativa spontanea di “alcuni” residenti

    Corleone

    Monreale, 16 febbraio 2019 - La villetta di Aquino fa ancora parlare di sé, e anche questa volta nessun premio morale per gli ..

    Continua a Leggere

  • “Popolari per Monreale”. Ecco i primi nomi della lista che sosterrà Piero Capizzi

    Corleone

    Monreale, 16 febbraio 2019 - "Popolari per Monreale" è il nome di una delle liste elettorali che sosterranno alle prossime consultazioni la candidatura del sindaco uscente, Piero Capizzi. Ieri è stato ufficializzato il nome della lista e presentato il logo, elaborato da Ester Cuccia. La composizio..

    Continua a Leggere

  • Domani screening mammografico gratuito a Palermo, Corleone e Petralia Sottana

    Corleone

    Monreale, 16 febbraio 2019 - Screening mammografico gratuito domani negli ospedali aderenti. L'Asp di Palermo ha deciso l'apertura domenicale per i Centri in cui è possibile effettuare l'indagine. La prevenzione è importante e questa iniziativa darà la possibilità di effettuare i control..

    Continua a Leggere

  • Roberto Gambino: “Sarò il candidato sindaco”. E conferma: “Se andiamo al ballottaggio vinceremo”

    Corleone

    [gallery ids="92343,92342,92341,92340,92339,92338,92337,92332,92331,92330,92328,92327,92326"] Monreale, 15 febbraio 2019 - “Sarò il candidato sindaco”. Questo pomeriggio, all’interno di un’affollata aula consiliare, Roberto Gambino ha sciolto la riserva, visibilmente emo..

    Continua a Leggere

  • Operaio muore schiacciato, tragedia a San Cipirello

    Corleone

    San Cipirello, 15 febbraio 2019 - È la terza in pochi giorni, ancora una

    Continua a Leggere

  • Incidente in via Pietro Novelli. Un malore improvviso gli fa perdere il controllo dell’auto

    Corleone

    Monreale, 15 febbraio 2019 - Un malore, probabilmente un capogiro, lo ha colpito all’improvviso mentre era alla guida della sua auto insieme alla moglie. L'uomo di 62 anni, ha perso il controllo della Fiat Punto su cui viaggiava finendo fuori strada. La vettura è finita contro un tubo del metano ..

    Continua a Leggere

  • Ars, approvata la finanziaria. Salvata Riscossione Sicilia e i precari dei comuni in dissesto passano a Resais

    Corleone

    Palermo, 15 febbraio 2019 - La finanziaria regionale è stata approvata nella notte. Come già accaduto molte altre volte in precedenza, l'esame del documento finanziario si è protratto fino a tarda ora e il voto finale è arrivato dopo le sette di mattina, con 44 voti a favore e 28 contrari. D..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com