Oggi è 20/09/2019

Cronaca

“Ci aspettavamo l’assoluzione”. L’intervista al poliziotto Guido Ferrante

“Manca il presupposto del reato. Avrei favorito una persona, tale Zizo Giuseppe, completamente estranea ai fatti, un fantasma”

Pubblicato il 13 luglio 2018

“Ci aspettavamo l’assoluzione”. L’intervista al poliziotto Guido Ferrante

Monreale, 13 luglio 2018 – “Bisogna andare avanti, non bisogna arrendersi”. Il giorno dopo la sentenza di condanna a 6 anni, il poliziotto monrealese Guido Ferrante è ancora incredulo.

Assieme all’avvocato Luca Benedetto Inzerillo si aspettavano un giudizio di assoluzione piena da parte del Tribunale di Palermo, presieduto da Bruno Fasciana, che ha invece inflitto una pena superiore di un anno a quella richiesta dal PM Amelia Luise.

Raggiunto al telefono, Ferrante non riesce ancora a spiegarsi sulla base di quali prove il collegio giudicante abbia potuto infliggergli una pena così elevata (le cui motivazioni verranno pubblicate entro 90 giorni) per favoreggiamento aggravato e omessa denuncia di reato.

“Non riusciamo a capire le reali motivazioni della condanna.

Mi sarei potuto aspettare al massimo una condanna per omessa denuncia, a 2 anni, perché non avrei spinto il pasticciere Albicocco a sporgere denuncia, ed avrei favorito un estortore. Ma in realtà viene a mancare il presupposto del reato”.

Ferrante si spiega meglio: “La condanna a 6 anni deriva dall’avere favorito una persona specifica, Zizo Giuseppe, per estorsione nei confronti del pasticciere Albicocco, quando l’estorsione ad Albicocco è stata commessa invece da altre due persone, Manzella e Mignosi, che hanno scontato 5 anni e che non hanno a che fare con la criminalità organizzata. Quindi avrei favorito una persona, tale Zizo Giuseppe, completamente estranea ai fatti, un fantasma”.

“Mi si può incolpare solamente di avere commesso una leggerezza. Ma non avrei potuto comunque commettere il reato di omessa denuncia perché il mio colloquio con Albicocco è avvenuto l’1 marzo 2010, 8 giorni dopo che lui aveva già presentato la denuncia per estorsione, il 22 febbraio.

“Il risultato atteso era nettamente diverso – continua Ferrante – anche alla luce di una serie di assoluzioni che mi hanno visto protagonista in questi anni, e che hanno fatto cascare il castello accusatorio costruito su di me”.

Il 13 maggio 2013 l’agente era stato arrestato con l’accusa di favoreggiamento aggravato alla mafia e omessa denuncia di reato per i fatti che risalgono al 2010. Dopo 20 giorni il Tribunale del Riesame aveva annullato gli arresti domiciliari, non ritenendo che vi fossero gli estremi per la custodia cautelare. “Ma il mio calvario continua”. Il PM presenta ricorso in Cassazione che, a febbraio 2014, ribalta la decisione del Tribunale del Riesame. “In realtà non ci eravamo potuti presentare al giudizio per un vizio di forma”, spiega Ferrante.

“Successivamente arriva il sequestro di tutti i miei beni e la proposta della misura di prevenzione, perché ritenuto socialmente pericoloso in quanto vicino ad ambienti mafiosi. Mi sottopongo ad una serie di udienze, fin quando a novembre 2017 il Tribunale delle Misure di prevenzione rigetta sia la proposta di misura personale che di confisca, con sentenza irrevocabile, a totale dimostrazione che non è stato riscontrato un mio comportamento mafioso”.

Ma non è finita. “Sono stato sottoposto ad un processo per una estorsione e sono stato assolto. Ho avuto anche un’assoluzione per lesioni aggravate e un’altra assoluzione per furto di auto”.

Ma, tornando alla condanna di ieri, l’agente del Reparto Mobile della Polizia di Stato non capisce come il giudice non abbia creduto alla sua difesa, dando credito invece alle dichiarazioni del pasticciere Albicocco. “Presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica affinché valuti se Albicocco ha reso o meno falsa testimonianza”.

L’agente è al momento sospeso dalle sue funzioni. Per l’8 novembre è atteso il suo reintegro all’interno del corpo della Polizia di Stato.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Don Gino Bommarito, aperta a Terrasini la camera ardente

    Cronaca

    TERRASINI - Aperta questa mattina la camera ardente presso la chiesa degli Agonizzanti di Terrasini per l’ultimo saluto a Mons. Luigi Bommarito. Per tutta la giornata previsto un lungo afflusso di gente. Di Mons. Bommarito in tanti, tra colo..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Vuoi diventare scrutatore o presidente di seggio elettorale? Aperti i termini per presentare la domanda

    Cronaca

    MONREALE - Tutti gli elettori ed elettrici del Comune di Monreale, che desiderano l’iscrizione nell’albo unico comunale delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale, dovranno presentare domanda al Sindaco del Comune d..

    Continua a Leggere

  • Italia Viva? Silvio Russo: “No, appartengo e rimango nel Pd”. E a Monreale i democratici si riorganizzano

    Cronaca

    MONREALE - C’è chi resta nel PD, c’è chi va via e chi invece è in attesa di capire se seguire Matteo Renzi nel suo nuovo partito Italia Viva. Sono in tutto 30 i deputati e i senatori necessari al rottamatore per formare due gruppi autonomi..

    Continua a Leggere

  • Acquedotto Consortile Biviere: il sindaco Arcidiacono nomina Maria Grazia D’Amico componente del CDA

    Cronaca

    MONREALE - Avviato anche a Monreale lo Spoil System. Il sindaco, Alberto Arcidiacono, sta cominciando a mettere mano agli incarichi di sottogoverno. A partire da quelle dei CDA degli enti partecipati dal comune, saranno una qu..

    Continua a Leggere

  • A Monreale il Catasto degli incendi e il “Salotto”, OK del consiglio alle due proposte del M5S

    Cronaca

    Catasto degli incendi e "Salotto monrealese", il Consiglio Comunale approva all'unanimità le due proposte presentate dal presidente della Commissione Bilancio, il consigliere del M5s Fabio Costantini.

    Ogni anno, il territori..

    Continua a Leggere

  • Ignazio Davì: “La mia un’appartenenza ormai “storica” al Partito Democratico, ma a Monreale impegnato con il Movimento Il Mosaico”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo: Gentilissimo Direttore, in riferimento al Suo articolo "Divorzio in casa Pd. Ma Davì, Giannetto e Russo restano fedeli ai dem" mi preme chiarire la mia posizione per onestà intellettuale e per evitare fraintendimenti in riferimento all'assenza di dichi..


  • È morto monsignor Luigi Bommarito, aveva 93 anni

    Cronaca

    TERRASINI - È morto monsignor Luigi Bommarito, ex Arcivescovo di Catania. Nato l’1 giugno 1926 a Terrasini in provincia di Palermo, aveva 93 anni. Come detto, è stato Arcivescovo di Catania dal 1° giugno 1988 al 7 giugno 2002 quando si ritirò per raggiunti limiti di età tornando nella sua cit..


  • Gli ex amministrativi ATO Pa2 devono essere assunti dalla Srr, la Regione accelera

    Cronaca

    Una raffica di incontri con le Srr per verificare il rispetto della normativa in tema di personale, di gestione del servizio e di impianti. Ora la Regione vuole accelerare nel percorso per l’attivazione delle


  • In piazza Guglielmo lo spettacolo di ballo della scuola World Latin

    Cronaca

    MONREALE - Stasera spettacolo in piazza Guglielmo, dalle 21 in poi gli allievi della scuola di ballo ASD World Latin dei maestri gemelli Mirko e Sharon Cardì, con la collaborazione del maestro di danza classica e moderna Fanara, si esibiranno a ..


  • Miss Social 2019 FiloDiretto Monreale, vota la tua preferita

    Cronaca

    [gallery ids="117947,117948,117950,117949,117973,117951,117952,117953,117954,117955,117974,117956,117957,117959,117960,117961,117962,117963,117964,117965,117966,117967,117968,117969,117970,117971,117972"] MONREALE -


  • Divorzio in casa Pd. Ma Davì, Giannetto e Russo restano fedeli ai dem

    Cronaca

    MONREALE - “Ho deciso di lasciare il Pd e di costruire insieme ad altri una Casa nuova per fare politica in modo diverso”. A poco meno di due settimana dal giuramento del governo, e quello di viceministri e sottosegretar..


  • MUSIC FOR PEACE, domenica lo spettacolo della Compagnia Teatrale “Tritone”

    Cronaca

    Il 30 novembre 1981 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito la Giornata Internazionale della Pace che da allora viene celebrata ogni anno in tutto il mondo il 21 settembre. Questo giorno sarebbe diventato il giorno del cessate il fuoco. La risoluzione (55/282) approvata invita tut..


  • “I Love Monreale”: due serate di moda, glamour e spettacolo. Venerdì si parte con i “I 4 Giusti”

    Cronaca

    MONREALE - Manca ormai pochissimo alla terza edizione di "I Love Monreale", l'evento di moda, musica e spettacolo che si terrà domani e dopodomani, 20 e 21 settembre, a Monreale. La novità di quest'anno è l'elezione di "Mister Monreale 2019".&..


  • Pirati della strada tra le vie di Monreale, incidenti troppo frequenti. I residenti chiedono dossi artificiali

    Cronaca

    MONREALE -


  • Monreale, annullata a distanza di un mese la posizione organizzativa al dott. Campanella

    Cronaca

    MONREALE - Soltanto il primo agosto il neo segretario comunale, il dott. Francesco Fragale, assegnava al dott. Girolamo Campanella la funzione di responsabile di posizione organizzativa della sezione Patrimonio e Tributi. A distanza di un ..


  • “Insegno perché amo insegnare”. L’intervista alla dott.ssa Maria Francesca Giammona, dirigente dell’istituto comprensivo Francesca Morvillo di Monreale

    Cronaca

    MONREALE - “Insegno perché amo insegnare. Io non ho scelto di insegnare, è la professione che ha scelto me”. La dott.ssa Maria Francesca Giammona è da settembre dirigente dell’istituto comprensivo Francesca Morvillo di Monreale.<..


  • Omicidio a San Cipirello, c’è un indagato nel giallo di Nunzio Agnello

    Cronaca

    C'è un primo nome iscritto nel registro degli indagati riguardo al caso del presunto omicidio di Nunzio Agnello, 41 anni, avvenuto a San Cipirello il 15 giugno scorso. La Procura di Palermo ha iscritto un uomo di 50 anni che risulta indagato per occultamento di cadavere. Dell'uomo non sono stat..


  • Puliamo il fiume Oreto e la sua valle, domenica appuntamento ad Altofonte

    Cronaca

    MONREALE - Domenica 22 settembre il comitato promotore per la riqualificazione del Fiume Oreto propone ai cittadini e alle associazioni di Palermo, Altofonte e Monreale una giornata di pulizia del Fiume Oreto. Un'azione all'insegna della par..