Condannato a sei anni il poliziotto monrealese Guido Ferrante

Favoreggiamento aggravato e omessa denuncia di reato. La difesa preannuncia ricorso in appello

Monreale, 12 luglio 2018 – Condannato in primo grado a sei anni il poliziotto monrealese Guido Ferrante, accusato di favoreggiamento aggravato e omessa denuncia di reato. Il tribunale di Palermo, presidente Bruno Fasciana, ha accolto le richieste del PM Amelia Luise. Secondo l’accusa l’agente della Polizia di Stato avrebbe consigliato a un pasticcere, Albicocco, di pagare il pizzo alla mafia e di non denunciare la vicenda coprendo presunti esponenti della cosca di corso Calatafimi.

Ferrante si era sempre difeso dall’accusa, spiegando ai giudici che Albicocco avrebbe frainteso, tanto da rimanere fiducioso sul suo pieno proscioglimento.

Tra 90 giorni si conosceranno le motivazioni della sentenza di primo grado, contro la quale la difesa, rappresentata dall’avvocato Luca Benedetto Inzerillo, preannuncia ricorso.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.