Oggi è 21/10/2018

Cultura

Alzare la voce paga. L’uso distorto del diritto di parola e di espressione da parte dei politici

Razzismo “a buon mercato”, mascherato da giustizia sociale, avallato nei palazzi del potere, accettato come una sorta di legge non scritta da un popolo rabbioso, poco solidale, sofferente e con i paraocchi

Pubblicato il 17 giugno 2018

Alzare la voce paga. L’uso distorto del diritto di parola e di espressione da parte dei politici
Monreale, 17 giugno 2018 – L’art. 21 della Costituzione recita così: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.”
Comunicare liberamente ed esprimere il proprio pensiero senza censure è, quindi, un diritto incontestabile sancito dalla nostra Carta Costituzionale. Ma di questo diritto sacrosanto e inviolabile, fulcro fondamentale di civiltà e democrazia, stiamo realmente fruendo in maniera corretta e libera? Attraverso tale imprescindibile diritto, stiamo davvero diffondendo opinioni personali coerenti, attendibili o eticamente accettabili? In parole estremamente semplici: stiamo davvero osservando e valorizzando gli inviolabili Principi Costituzionali sulla libera espressione, Principi attraverso cui, a fasi alterne, ci facciamo scudo in maniera più o meno strumentale?
Questi quesiti trovano una plausibile risposta nell’analisi della nostra attuale realtà sociale, o, ancora meglio, di quella realtà “social” che, così tanto, oggi ci rappresenta.
La comunicazione estremamente rapida,  ramificata e trasversale dei social network spesso permette e supporta, infatti, un uso distorto del diritto di parola e di espressione, basato sulla diffusione urlata e priva di regole, sull’informazione strumentalizzata, sul sentito dire, sull’insulto e sulla diffamazione spicciola, facilmente veicolabile dato lo strumento utilizzato (la tastiera e il monitor che sostituiscono il contatto diretto con le persone e di conseguenza la relativa mediazione dell’interlocuzione vis a vis).
La cosa preoccupante che implementa gli umori piuttosto truci, grossolani e violenti di questa società, in gran parte narcotizzata dall’odio virtuale delle fake news e dall’omologazione unidirezionale di idee e opinioni, è l’uso che della comunicazione trash stanno facendo alcuni politici in auge. Trattasi della volontà di usare strategicamente  un registro autoritario, ispirato a un certo machismo esplicito e irriverente, tendente a sostenere  idee volutamente rabbiose, idee “contro” che non  convincono, ovviamente, i più riflessivi ma “trascinano” le masse di scontenti… Idee contro a prescindere: contro lo straniero, contro la tradizionale politica del passato recente e lontano, contro il sistema, contro il “buonismo” etc.
Non voglio volutamente entrare nel merito del fenomeno ormai conclamato, relativo all’inarrestabile erosione perpetrata nei confronti dei presupposti fondamentali del concetto di Umanità e Condivisione, che stanno velocemente perdendo valore e consistenza. Non voglio commentare (anche per mancanza di competenze specifiche) le recentissime, dure e controverse disposizioni intraprese in sede istitizionale, con particolare riferimento  all’eventuale legittimità nel decidere, ad esempio, se sia giusto chiudere i porti o meno. Non voglio polemizzare sui principi umani, ormai perduti, a fronte della continua diffusione di contenuti  palesemente propagandistici, che qualche volta esulano dal reale. Non voglio “rovistare” nelle scelte politiche, spesso opinabili, per non dire sorprendenti.
Voglio solamente soffermarmi sulla scelta dell’uso consapevole di uno specifico registro comunicativo aggressivo, ampiamente adottato da alcuni politici particolarmente veementi. Ciò su cui rifletto ed esorto a riflettere è un concetto quasi ovvio, nella sua sostanziale semplicità: se sei un premier, un ministro, un sottosegretario, un onorevole, financo un assessore o un consigliere di un modestissimo e recondido paesello, hai l’obbligo etico e morale di misurare i contenuti che esprimi e di pesare, una per una, le parole. Ad esempio divulgare a mezzo stampa, il “concetto politico e sociale” racchiuso nell’espressione “alzare la voce paga”, sul piano comunicativo ma, soprattutto, educativo, sortisce un effetto devastante, soprattutto se tale concetto è rivolto ad un interlocutore suscettibile (vedasi popolo italiano in atto  diviso, indignato, permaloso e, forse, anche un pizzichino ignorante). Un simile costrutto semplice, apparentemente innocuo, a cui, magari, non si presta la corretta attenzione, in realtà sottende l”atteggiamento più in voga del momento, quello tipico “dell’uomo che non deve chiedere mai”, “del bullo” impenitente. La scarna frase che ho citato apre le porte al baratro dei comportamenti incontrollati e incontrollabili, poiché  sdogana definitivamente il diritto di essere prepotente e di agire senza la mediazione della riflessione. Anno per anno, giorno per giorno si nota l’acuirsi di una xenofobia serpeggiante anche in una città pacifica e multietnica come Palermo: branchi di ragazzini per strada o sui mezzi di trasporto pubblici che deridono, sfottono e apostrofano individui con una diversa pigmentazione della pelle o appartenenti ad altre etnie. Adulti che trattano con aria di sufficienza e con  palese disprezzo ambulanti extracomunitari, rivolgendo loro quel “tu” sprezzante, dall’alto in basso, come a voler sottolineare una qualsivoglia superiorità.
Solo qualche mese fa, ho assistito, incredula, a un insopportabile episodio di razzismo esplicito, arrogante, oltremodo incivile da parte di una schiera di bulletti, decisi a far alzare un ragazzo di colore dal suo posto a sedere, con la prepotenza dell’aggressivo monito “questo è il mio posto e tu alzati, scimpanzè”. Con prudenza ho fatto presente la situazione a un inerme conducente, tra il silenzio tombale dei presenti e le occhiatacce minacciose dei protagonisti.
Questo perché in uno Stato in cui viene sdoganato il concetto che “alzare la voce paga” tutto si può fare, tutto diventa lecito poiché predomina la legge del più forte. La supremazia di quei comportamenti discriminatori, tipici di un, più o meno, latente razzismo “a buon mercato”, mascherato da giustizia sociale, viene avallata addirittura nei palazzi del potere e accettata, come una sorta di legge non scritta, da un popolo rabbioso, poco solidale, sofferente e con i paraocchi.
Quasi tutte le assurdità e le sciagure determinate  dal comportamento umano derivano dal fatto di voler imitare gli atteggiamenti, talvolta discutibili, del “trascinatore di turno” a cui si tenta di somigliare…così senza una motivazione di senso, senza maturare un pensiero autonomo e ragionata, senza comprendere realmente cosa possa celarsi dietro un’immagine, un gesto, un’espressione, una parola. Si imita solamente… si imita e basta.
 

Ricevi tutte le news

Francesco Noto

GRANDE MARIA ROSA! Francesco Noto

17 giugno 2018 | 21:04 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Volley: esordio casalingo della Primula

    Cultura

    Monreale, 21 ottobre 2018 - Dopo la pausa estiva, sono ripartiti ieri i campionati federali di Pallavolo FIPAV che ha visto impegnata l’ASD PRIMULA di Monreale nel suo esordio casalingo durante i concentramenti dell’Under 14 Femminile. In un sabato pomeriggio v..

    Continua a Leggere

  • Monreale, è allarme topi? Troppi rifiuti per le strade e terreni abbandonati vicino le abitazioni. “Il comune intervenga”

    Cultura

    Monreale, 21 ottobre 2018 - La notizia del dramma vissuto dalla signora monrealese costretta con i tre figli ad abbandonare nella notte la propria abitazione a causa della presenza dei topi ha fatto scatenare sui social una serie di reazioni che hanno fatto comprendere come la presenza dei roditori,..

    Continua a Leggere

  • Costantini: “Capizzi? Propaganda elettorale. Trasporti inefficienti, strade sporche, illuminazione pubblica carente, dissesto, imposizione fiscale ai massimi livelli”

    Cultura

    Monreale, 21 ottobre 2018 - "I cittadini monrealesi, hanno appreso e conosciuto, attraverso le colonne del vostro giornale (Leggi qui) una sit..

    Continua a Leggere

  • Grisì, a breve lavori sulla SP 30. In arrivo finanziamento per 910 mila euro per gabbioni, cassonetti, terre rinforzate, cunette drenanti e asfalto

    Cultura

    Grisì (Monreale), 20 ottobre 2018 - Sulla SP 30 - rende noto Massimiliano Lo Biondo - previsto un intervento grazie al finanziamento “Patto per il Sud”, di 910 mila euro totali. “Un obiettivo raggiunto grazie all’impegno della Provincia di Palermo. In particolare grazie al..

    Continua a Leggere

  • Monreale bene comune: “Troppi incidenti, manto stradale in condizioni disastrose, assenza di illuminazione e di segnaletica di pericolo. Non si può tollerare l’assenza di risposte e azioni visibili e concrete”

    Cultura

    Monreale, 20 ottobre 2018 - "Troppi incidenti, manto stradale in condizioni disastrose, assenza di illuminazione e di segnaletica di pericolo. Non si può tollerare l’assenza di risposte e azioni visibili e concrete". Francesco Macchiarella, portavoce del Movimento "Monreale bene ..

    Continua a Leggere

  • Manifesta12, al teatro Garibaldi verrà presentata X=Danisinni

    Cultura

    Palermo, 19 ottobre 2018 - Si terrà al Teatro Garibaldi di Palermo, martedì 30 ottobre alle ore 19.00, la presentazione della nuova pubblicazione di XRIVISTA, nell’ambito di Manifesta12 Collateral Events. X=DANISINNI, questo il titolo che il collettivo XRIVISTA ha dato al quarto num..

    Continua a Leggere

  • Monreale, topi nelle abitazioni. L’assessore all’igiene urbana: “Intimato al curatore di bonificare l’area”

    Cultura

    [gallery ids="79901,79900,79899,79898"] 20 ottobre 2018 - La storia di Cinzia Martelli è rimbalzata su tutti i giornali. È emergenza igienico-sanitaria a Monreale. In via Mulini, a due passi dalla circonvallazione e non molto distante dal centro, centinaia di topi indisturbati vagano nell’are..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato, stabilizzazione per i precari del comune

    Cultura

    19 ottobre 2018 - Avviato il processo di stabilizzazione del personale precario che svolge servizio presso il comune di San Giuseppe Jato. Sono stati pubblicati i bandi di selezione, riservati al personale con contratto a tempo determinato. Coinvolti i 67 lavoratori che da più di 20 anni lavoran..

    Continua a Leggere

  • Sottraeva le carte di credito e truffava risparmiatori Findomestic

    Cultura

    Palermo, 19 ottobre 2018 - Nelle prime ore della mattina, a Palermo, i Carabinieri del Comando Provinciale hanno eseguito una misura cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura ..


  • Al via la stabilizzazione dei 98 precari del Comune di Corleone

    Cultura

    Corleone, 19 ottobre 2018 - Saranno stabilizzati i 98 precari del Comune di Corleone. Lo comunica Margherita Amiri, segretaria provinciale della Cisl Fp Palermo Trapani, al termine del confronto tenutosi oggi con i vertici dell’amministrazione commissariale. “Abbiamo raggiunt..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Abbiamo rimesso in piedi il comune dal punto di vista economico-finanziario”

    Cultura

    Monreale, 19 ottobre 2018 - “Possiamo dire di avere il polso della situazione economico-finanziaria del Comune di Monreale”. È questo il commento del sindaco Capizzi dopo avere approvato l’atto ricognitivo al piano di riequilibrio finanziario.  “Estinzione dei debiti del Piano nei c..

    Continua a Leggere

  • SRR Palermo Ovest. Il Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti tira le orecchie ai sindaci soci: Partecipate all’assemblea

    Cultura

    Monreale, 19 ottobre 2018 - Con una nota firmata il 15 ottobre scorso, il Direttore Generale del Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti, il dott. Salvatore Cocina, ha diffidato il Commissario della SRR Palermo Ovest a convocare i soci della società al fine di ricostituir..

    Continua a Leggere

  • Omosessualità: pregiudizi, scherni, coming-out, scuola, diritti. L’intervista a Marcello Pupella e a Lorenzo Canale

    Cultura

    Monreale, 19 ottobre 2018 - Il cammino verso l’affermazione e la tutela dei diritti e quindi della relativa piena inclusione sul piano personale, sociale e anche normativo di chi manifesta un orientamento sessuale che non si conforma a ciò che per molti rappresen..

    Continua a Leggere

  • Circolo Italia, dibattito sulla mafia alla presenza di alcune vittime

    Cultura

    Monreale, 19 ottobre 2018 - Presso la sede del Circolo di Cultura Italia, diretto egregiamente da Claudio Burgio, non nuovo a questo genere di iniziative che accrescono il patrimonio culturale della nostra cittadina, nel pomeriggio di ieri è stato presentato il libro di Fabio Giallombardo “COSA V..

    Continua a Leggere

  • Incidente in via Olio di Lino. In gravi condizioni il ballerino 29enne. In rianimazione con prognosi riservata

    Cultura

    Monreale, 19 ottobre 2018 - In fin di vita il 29enne investito mercoledì sera in via Olio di Lino. G. C. era stato investito da un carro attrezzi mentre transitava a piedi lungo la via (

    Continua a Leggere

  • Tra filmati originali il maxi processo diventa serie Tv

    Cultura

    Tra filmati originali e fiction: in tv esce "Maxi- Il grande processo alla mafia" la serie sul maxi-processo alla mafia. Dal 23 ottobre andrà in onda su Rai Storia, da oggi anche su Ray play. Sul grande schermo vedremo due attori di Palermo Giuseppe Moschella che interpreta il boss Pippo Caló e..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Circonvallazione al buio: ennesimo incidente. Coinvolto un consigliere comunale

    Cultura

    [gallery ids="79746,79745,79744"]   Monreale, 18 ottobre 2018 -Questa sera intorno alle 20,30 sulla Circonvallazione si è verificato l'ennesimo incidente all'altezza dell'ufficio postale. Uno scontro tra uno scooter e una Peugeot 207. Nello scontro è rimasto ferito il consigliere comuna..

    Continua a Leggere

  • Corleone, cascate delle Due Rocche: questo è quello che ci meritiamo

    Cultura

    Corleone, 18 ottobre 2018 - La piena del fiume ha restituito senza sconto quello che la gente getta periodicamente di qua e di là. Un mucchio di bottiglie di plastica si è concentrato alla foce delle cascate. Uno spettacolo che mortifica la bellezza del posto ma denota come l'indifferenza e l'incu..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com