Oggi è 21/02/2019

Cronaca

Cimitero degli orrori. Ten. Colonnello De Simone: “Richiesto l’esame del DNA”

Ancora troppe domande senza risposta. Previsti risarcimenti in alcuni casi milionari per le (presunte) decine e decine di persone offese

Pubblicato il 15 giugno 2018

Cimitero degli orrori. Ten. Colonnello De Simone: “Richiesto l’esame del DNA”

Monreale, 15 giugno 2018 – Truffa, falsità in atti pubblici commesse da privati, falsità in certificazioni, violazione di sepolcro, vilipendio delle tombe, vilipendio, occultamento, distruzione, soppressione e sottrazione di cadavere. Sono i reati che girano intorno al tristemente noto “cimitero degli orrori” di San Martino delle Scale, frazione di Monreale, per il quale i magistrati hanno iscritto 11 persone nel registro degli indagati.

Una serie di reati che, se confermati, potrebbero fare scattare, oltre che gli arresti per chi li ha commessi, grossi risarcimenti, in alcuni casi anche milionari, per le (presunte) decine e decine di persone offese. 

Il giudice potrebbe infatti ritenere congruo che il danno morale subito per l’occultamento o per la distruzione della salma di un padre, di una madre, di un fratello se non addirittura di un figlio, venga risarcito con importi a 6 cifre.

La Procura della Repubblica ha intanto richiesto una perizia per procedere alla identificazione dei sepolcri violati. “Non c’è una esatta quantificazione delle vittime e delle tombe violate” – spiega il Tenente Colonnello Luigi De Simone, Comandante del Gruppo dei Carabinieri di Monreale. Si tratta di un lavoro complesso, dato che i registri cimiteriali non sono stati aggiornati da chi gestiva il cimitero nel corso degli anni.

“Un’attività che durerà tantissimo. Per individuare i feretri, in molti casi non rimane che ricorrere all’analisi del DNA”- continua De Simone. Un’operazione che si presenta molto lunga oltre che costosa.

“Manca una stima dei feretri violati”, dato che Giovanni Messina continuava deliberatamente nella sua azione di liberare spazi per le nuove salme in arrivo.

Intanto di denunce ne sono arrivate già un centinaio: “Ne arrivano giornalmente. In molti casi non sono state ancora fatte perché si tratta di gente fuori sede, ma via email molti cittadini si palesano, ci indicano dove erano stati seppelliti i loro cari e chiedono di essere messi al corrente degli sviluppi delle indagini”.

Reati pesantissimi per i quali sono previsti anche diversi anni di carcere. Per Giovanni Messina, in caso di condanna, non sarà certo l’età avanzata (settant’anni compiuti a febbraio) ad evitarglieli. Ma dinanzi alle decine e decine di denunce che in questi giorni vengono formalizzate presso la stazione dei carabinieri di San Martino delle Scale, le parti lese sono chiamate anche a fornire delle risposte, sia per dimostrare di avere subito un danno che di avere operato in buona fede.

Perché di ombre, sulla gestione del “cimitero degli orrori”, ce ne sono ancora tante, così come troppe sono ancora le domande senza risposta. 

La prima fra tutte: è possibile che Giovanni Messina abbia potuto, nel corso di almeno un ventennio, gabbare più di un centinaio di persone, senza che in loro sorgesse il minimo dubbio sulla gestione “grigia” del camposanto?

“In realtà, ad oggi, connivenze da parte delle vittime non ne sono state documentate – risponde il Comandante De Simone -. Molti hanno dichiarato, su espressa nostra richiesta, di avere pagato in nero. Probabilmente non si sono posti molti problemi perché pressati dall’esigenza di trovare una degna sepoltura ad un parente”.

Messina & Co hanno potuto operare da soli, oppure hanno goduto di intermediari, se non di coperture? Gli inquirenti stanno già vagliando la posizione dei vertici del comune di Monreale e dell’ASP. Così come del proprietario del cimitero, l’Abbazia dei Benedettini della frazione montana.

“Al momento non risultano esservi stati intermediari. Unici riferimenti del cimitero erano Messina e il prete dell’abbazia (Michele Musumeci, ndr)”.

Sebbene il cimitero sia privato, ed appartenente all’Abbazia di San Martino delle Scale, l’attività dei servizi cimiteriali è comunque comunale, e sarebbe dovuta essere regolamentata. 

Per ogni cimitero, il comune è tenuto a determinare un regolamento dei servizi cimiteriali. Quello di San Martino dispone di un vecchio regolamento, assolutamente desueto, che doveva essere aggiornato.

Il sindaco Piero Capizzi, sentito dai magistrati, ha spiegato di non avere competenze dirette, che sarebbero delegate invece al dirigente del settore. Gli inquirenti dovranno stabilire se vi sono responsabilità per omessa vigilanza e controllo.

Ogni sepoltura va comunicata all’amministrazione comunale, e questo non veniva fatto regolarmente, come dimostrano i registri comunali che riportano pochissimi casi negli ultimi anni. I magistrati stanno indagando per comprendere se l’omesso controllo sia dovuto o meno a connivenze.

 

Ricevi tutte le news

Francesca

Bisogna individuare i responsabili comunali preposti al controllo i carabinieri in tutti questi anni dove sono stati?Hanno mai fatto un sopralluogo? Le concessioni per effettuare gli scavi chi li ha date? I carabinieri sono mai andati a fare controlli?

15 giugno 2018 | 8:35 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Si è spenta Suor Severina Ricca, per 17 anni si è presa cura di diversi monrealesi

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Si è spenta oggi alle ore 18, all'età di 91 anni, Suor Severina Ricca, un tempo superiora del Boccone del Povero di Monreale. Per circa 17 anni è stata un punto di riferimento per molti monrealesi. I funerali si terranno venerdì 22 febbraio alle 10 nella Casa..

    Continua a Leggere

  • Incidente sul lavoro a Camporeale. Ferito un anziano agricoltore

    Cronaca

    Camporeale, 20 febbraio 2019 - Nuovo incidente sul lavoro in provincia di Palermo. A Camporeale Michele Vinci, 63 anni, bracciante agricolo, è rimasto impigliato con la sciarpa alla macchina seminatrice. L’uomo soccorso dai sanitari del 118 è stato trasferito all’ospedale Civico. I medic..

    Continua a Leggere

  • Alessandra Zerbo della “Vanity Models Management” di Francesco Pampa, approda al “Volkswagen International Fashion Week” di Milano

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Per la prima volta una delle modelle della Vanity Models Management, presieduta dal monrealese Francesco Pampa, parteciperà a un evento di così grande respiro nazionale come il “Volkswagen International Fashion Week Autocogliati Milano”. Sarà la giovanissima Al..

    Continua a Leggere

  • In Sicilia 5 mln a fondo perduto per ripristinare i teatri. Gambino (Mosaico): “Non sprechiamo questa opportunità”

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Sono arrivo in Sicilia grossi finanziamenti a fondo perduto per la riqualificazione di teatri e sedi per lo spettacolo, e Roberto Gambino non perde tempo a proporre Monreale come potenziale destinataria di una parte di questi fondi. Lo scorso 17 gennaio è stato emess..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato. Incidente stradale. Un uomo perde la vita

    Cronaca

    San Giuseppe Jato 20, febbraio 2019 - Si è verificato un gravissimo incidente stradale sulla Strada Provinciale 2, tra San Giuseppe Jato e Camporeale in contrada Cammuca, a pochi chilometri dal Lago Poma. Una Smart è cappottata e un uomo è stato sbalzato fuori dall'abitacolo. L’allarme è st..

    Continua a Leggere

  • Chiro è sparito da circa un mese, 1000 euro a chi lo ritrova

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Era fine gennaio quando Chiro si è allontanato da casa, zona Strazzasiti a Monre..

    Continua a Leggere

  • Apertura serale delle attività commerciali, ancora una proposta da Lo Biondo (#OLTRE): “Ripartiamo dalle potenzialità turistiche”

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Ancora una proposta arriva da Massimiliano Lo Biondo, candidato sindaco di #OLTRE, rivolta in questo caso alle attività commerciali di Monreale. L'idea di #OLTRE è infatti quella di incentivare l'apertura serale delle attività commerciali. "Al calar della sera Monr..

    Continua a Leggere

  • Indennità CDA Biviere. Romanotto: “L’imminente corsa alle urne del 28 Aprile ha posto le condizioni per una risposta mediatica così repentina”

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una nota inviata dai consiglieri comunali Giuseppe Romanotto e Giuseppe La Corte (Lega), in relazione all'articolo pubblicato ieri sulla questione delle indennità del CDA dell'Acquedotto Consortile del Biviere. Apprezziamo la celerità de..


  • Monreale. Forza Italia verso l’opzione Caputo. “Diventerà Bellissima” spaccata tra Capizzi e Arcidiacono

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Forza Italia guarda ad una coalizione di centro destra, in cerca di un candidato, “Diventerà Bellissima” si spacca tra Capizzi e Arcidiacono con posizioni interne inconciliabili, Arcidiacono rischia di prendere il PD ma di tenere fuori l’area di centro destra. ..


  • Verde pubblico, dopo 60 anni Monreale affida una porzione di terreno a Santa Maria La Reale per la bonifica dello spazio

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Dopo 60 anni di diatribe sembra finalmente essere stata risolta la questione che vedeva coinvolti il Comune di Monreale, il Comune di Palermo e la Parrocchia di Santa Maria La Reale, sita poco sopra la Rocca, all’inizio della salita del c..


  • Moscarelli (Lega): Roccamena si sta spopolando, vanno via i giovani e il paese invecchia. Errori e inerzia dell’attuale amministrazione

    Cronaca

    Roccamena, 20 febbraio 2019 - Nello scorso consiglio comunale a Roccamena si è costituito il gruppo consiliare della Lega, capogruppo Angelo Moscarelli. Il consigliere, durante i lavori d’aula, aveva lamentato di essere stato lasciato solo ad un certo punto dell’esperienza svolta dal 2014 nei b..


  • Pioggia di contributi regionali per l’illuminazione pubblica. Monreale è fuori. Caputo: “Interi quartieri al buio, San Martino senza luce, la circonvallazione più pericolosa della Sicilia”

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Montelepre, Giardinello, Marineo, Bolognetta, Terrasini, San Giuseppe Jato, Piana degli Albanesi, Caccamo, Belmonte Mezzagno, Roccamena, Corleone, Carini, Palermo. Sono questi comuni della provincia di Palermo che potrebbero ricevere un congruo finanziamento dalla Region..


  • Caso Salvini/Diciotti. Costantini (M5S): “Quello di Capizzi un becero tentativo di gettare nell’agone politico l’avversario politico più accreditato”

    Cronaca

    Monreale, 20 febbraio 2019 - “Ho espresso la mia opinione come libero cittadino e come iscritto ad un Movimento politico che, attraverso strumenti di democrazia diretta, consente a chiunque di poter esprimere il proprio pensiero, trasferendo ai portavoce eletti il compito di farlo proprio e rappre..


  • Capizzi: “La giustizia non va a peso o a misura. La considerazione di Costantini inaccettabile. Non è nessuno per dire se Salvini ha commesso o meno un reato”

    Cronaca

    Monreale, 19 febbraio 2019 - “Mi permetto di dissentire dal punto di vista e dalla considerazione espressa dal consigliere Fabio Costantini. Non lo dico solo da sindaco o da cittadino, ma soprattutto da avvocato penalista. La giustizia non va a peso o a misura”. Il sindaco di Monreale, Piero ..


  • L’assessore regionale Roberto Lagalla incontra gli studenti al Basile-D’Aleo. “Disponibile per progetto pilota di valorizzazione del mosaico”

    Cronaca

    Monreale, 19 febbraio 2019 - Si è tenuto questa mattina, presso l’Aula Magna dell’..


  • Giovanni Ferro (Presidente Biviere): “Tutto regolare. Massaro sta restituendo tutte le indennità ricevute, come deliberato nel 2016”

    Cronaca

    [caption id="attachment_84475" align="alignleft" width="394"] I consiglieri della Lega, Giuseppe Romanotto e Giuseppe La Co..


  • «Si i Murriali?». «No, sugnu Chiuppitanu». Ecco il comune di Pioppo. Storia e disservizi alla base del progetto

    Cronaca

    - «Si i Murriali?» - «No, sugnu Chiuppitanu».  In una semplice domanda e dentro una semplice risposta risiedono le numerose ragioni che stanno spingendo una comunità, ormai da molti anni, a rivendicare la non appartenenza ad un territorio e la propria identifi..


  • Acquedotto Consortile Biviere. Lega: “L’ex presidente Massaro, prima di candidarsi al consiglio comunale, restituisca le somme percepite indebitamente”

    Cronaca

    Monreale, 19 febbraio 2019 - “Il Presidente ed i consiglieri dell’Acquedotto Consortile Biviere se non lo hanno già fatto devono restituire le indennità percepite durante il loro mandato”. È questa la finalità dell’interrogazione al Sindaco che hanno presentato ieri i consiglieri dell..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com