Stare insieme “Coral…mente”

Il coro, esperienza coinvolgente e interessante. Un linguaggio universale, un patrimonio culturale che affina il gusto estetico e l’orecchio musicale

Monreale, 12 giugno 2018 – Ogni esperienza, se condivisa con gli altri, diventa più intensa e più utile, perché ogni persona ha la possibilità di offrire il proprio contributo: ciascuno può lasciare un pezzettino del proprio pensiero, del proprio modo di essere, una piccola parte di sé. Tra le possibili  esperienze di “gruppo” quella di far parte di un coro è sicuramente tra le più coinvolgenti e interessanti. Attraverso di esso si vogliono, infatti, sviluppare le attività della mente. Nasce proprio da qui l’idea del progetto Pon “Coral…mente” con il supporto dell’esperto Elide Scarlata, maestra di coro, cantante e musicoterapista, e della docente tutor Simona Pizzurro.

Lo stare insieme all’interno di un coro consente di costruire legami amichevoli e permette di stare bene con se stessi e con gli altri, perché ogni contributo vocale ha la possibilità di fondersi con quello degli altri formando un’armonia di voci che diventa anche armonia di emozioni e di sentimenti. Oltre alle voci, durante gli incontri, sono stati utilizzati anche gli strumenti e sono state coinvolte le capacità artistiche di ogni alunno.

Con questo progetto, dunque, si è promossa la partecipazione attiva dei bambini all’esperienza musicale individuale e di gruppo. L’alunno, in questo modo, ha imparato un linguaggio universale, che è un vero e proprio patrimonio culturale che affina il gusto estetico e l’orecchio musicale. 

Tutti i bambini che hanno partecipato al progetto si esibiranno in pubblico il 27 giugno, ma è prevista anche una performance musicale per il Summer Open Day. 

Giulia Diliberto

Annalisa Russo

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.