Oggi è 22/07/2019

Cultura

L’arte di FRANCO PANELLA: quando la pittura fa anche bene alla salute!

Le sue opere al CRO di Aviano, nel Friuli V. G., quale contributo al piano di arte-terapia

Pubblicato il 10 giugno 2018

L’arte di FRANCO PANELLA: quando la pittura fa anche bene alla salute!

Monreale, 10 giugno 2018 – Raccontare questa straordinaria esperienza dell’amico e stimato artista, Franco Panella, è un piacere al quale non sarei riuscito a sottrarmi. Sono testimone del suo indiscutibile talento, praticamente, da sempre. Da quando, cioè, il terremoto del ’68 nella valle del Belìce gli impose il traumatico distacco dai suoi luoghi d’origine, ed egli, dopo una temporanea permanenza a Lecce, scelse Monreale quale suo paese d’adozione. 

Ci incontrammo all’Istituto Statale d’Arte, che lui frequentò e dove io muovevo i primi passi da docente di disegno geometrico e architettonico. Nacque subito il sodalizio e già il 30 Maggio del 1974 presenziammo all’inaugurazione di una bi-personale che avevamo deciso di allestire presso la galleria “Urania” di Forte dei Marmi; mostra che si protrasse fino al successivo 8 Giugno. Quei giorni vissuti in Versilia furono densi di accadimenti, di piacevoli incontri e anche di “incidenti”… il cui ricordo riemerge di frequente nei nostri dialoghi, soprattutto in relazione a taluni episodi:

La cena nel ristorante dello stabilimento balneare Pieraccini di Viareggio, ospiti del titolare (raffinato collezionista) in compagnia, tra gli altri, di Romano Battaglia, di ritorno da un ininterrotto soggiorno a Brescia da dove, quale inviato della Rai, aveva raccontato la “strage di piazza della Loggia”, consumata pochi giorni prima. Le sue riflessioni su quell’esperienza e la straordinaria efficacia nell’esporle ci coinvolsero talmente che io e Franco, fattasi notte, ci recammo verso il temporaneo domicilio come se anche noi stessimo tornando da quella piazza di Brescia.

La decisione estemporanea e senza tentennamenti da parte dell’organizzatore, il grande Vittorio Grotti (tra l’altro artefice della Fondazione Viani), di accogliere alcune nostre opere nella prestigiosa rassegna “Ai Frati”, che già da quell’anno era stata trasferita negli hangar del Carnevale.

Quel “brutto quarto d’ora” (ma durato molto di più) messi con le spalle al muro, nei pressi dell’Accademia di Belle Arti di Firenze. Accadde quando stavamo raggiungendo la macchina, dopo esserci congedati dal titolare di una galleria d’arte e due agenti in borghese ci bloccarono, intimandoci di consegnare i documenti, le chiavi dell’auto e di addossarci con le spalle contro la parete più prossima. Seguì un’accurata perquisizione del veicolo e la lunga attesa di un riscontro alla loro richiesta di informazioni sui nostri eventuali “precedenti”. Fortunatamente, dopo circa un’ora, i due agenti, rassicurati dalle ottime referenze fornite dalle caserme di S. Margherita e di Monreale (ma senza alcuna spiegazione), ci restituirono i documenti, le chiavi dell’auto e la facoltà di muoverci liberamente. Fu l’edizione del giorno successivo de La Nazione a chiarirci le ragioni dell’accaduto: qualche ora prima del nostro “fermo” era stata consumata una redditizia rapina in banca (tra l’altro a mano armata); alcune coincidenze tra i colori del nostro abbigliamento e di quello dei rapinatori e l’aggravante della targa dell’auto, la cui sicula provenienza era all’epoca ben visibile, ci avevano resi possessori dei requisiti quali candidati all’arresto.

Dipinto di Franco Panella in mostra ad Aviano

Tornando a quella mostra del ‘74 in Toscana, ricordo nitidamente le opere di Franco Panella. Erano molto simili, tranne per le dimensioni, a quelle attualmente in esposizione presso il “Centro di Riferimento Oncologicodi Aviano, in provincia di Pordenone, dove rimarranno fino al prossimo 24 Giugno. Immagini, costruite con rapide pennellate e tratti decisi, quasi del tutto prive di riferimenti figurativi, ma che, sin dal primo impatto, suggeriscono il concetto di “paesaggio”, luoghi, tuttavia, destinati a rimanere nascosti agli occhi di chiunque, se le percezioni e i pennelli di Franco Panella non li avessero resi visibili. L’uso personalissimo del colore agevola la deduzione che a “svelare” in tal modo quei “luoghi” non poteva che essere un siciliano, un artista siciliano che la terra isolana l’ha vissuta, godendone gli splendori, ma anche subendone i più dolorosi sconvolgimenti. 

Particolarmente calzante mi è parsa la citazione da Leonardo Sciascia – «L’intera Sicilia è una dimensione fantastica. Come si fa a viverci senza immaginazione?» – che Franco ha deciso di inserire nel cartoncino d’invito. 

“CARTOLINE” è il titolo della mostra, che raccoglie opere di piccolo formato. Cartoline che riproducono panorami dell’immaginario, filtrati dalla sensibilità da vero artista di Franco Panella ed offerti, in questa occasione, alla visione di chi si tormenta nell’infruttuosa ricerca di risposte a ciò che non può che essere considerato illogico, inspiegabile e, soprattutto, ingiusto.

Dipinto di Franco Panella in mostra ad Aviano

Dipinto di Franco Panella in mostra ad Aviano

Molto attuale e pertinente è la “lettura” fornita in catalogo dal critico d’arte Tanino Bonifacio, in occasione della mostra personale dell’artista, tenuta a Palermo nel 2008 presso Loft Comunicazione e Arti Visive, di cui trascrivo la parte conclusiva.

[…]Non la “visione” quale sogno o immaginazione, ma la “visione” come sguardo verso le forme seminascoste abitanti l’ombra, quelle forme della bellezza che precariamente sostano nei luoghi meno noti, nelle pieghe di una realtà solo apparentemente insondabile.

Per queste ragioni l’opera di Panella realizza l’esplicito tentativo di costruire una “poetica dello sguardo”, ovvero una nuova “visione” del reale, un nuovo modo di leggere quell’universo di immagini mediatizzate invadenti l’esistere, governanti il nostro guardare le piccole e grandi cose del quotidiano.

Dare consistenza all’ombra, ombra contenente l’imprevedibile frammento di realtà che l’artista mette in luce svelandone l’origine sensibile: oggetti, scritture, colori, suggestioni materiche, veri e propri catalizzatori espressivi di energia umana. 

Siamo certi che questa mostra svela al pubblico un fare artistico autoriflessivo e un esercizio 

investigativo rivolto soprattutto al campo del linguaggio. Una ricerca analitica la quale considera l’opera d’arte non solo come il dato terminale di un processo concettuale, ma anche o soprattutto come il luogo fisico e simbolico di una profonda meditazione intorno all’arte e all’uomo.

Per tale declinazione interrogativa questa mostra antologica non si presenta come una sequenza di lavori legati tra di loro da rapporti lineari, ma diviene un vero e proprio diario contenente gli appunti di ricerca sul quale l’artista ha annotato la geografia di territori sconosciuti, un nuovo regno dell’arte celebrante l’elogio del non finito e del non concluso quale identità basica della creazione”.

Un dettaglio dell’allestimento della mostra di Franco Panella all’interno del“Centro di Riferimento Oncologico” di Aviano

Affido, infine, la spiegazione delle origini e delle finalità del progetto (di cui la mostra di Franco Panella è parte significativa) alle parole del dott. Roberto Biancat, già primario del CRO di Aviano e “curatore” (nell’accezione più pertinente del termine) del programma di Arte-Terapia.

L’arte come supporto terapeutico”. 

«Un’espressione, forse uno slogan, che la dice lunga sulle motivazioni di fondo che ci hanno indotto a “illuminare” la hall dell’Istituto di Ricerca, Cura a Carattere Scientifico “Centro di Riferimento Oncologico” di Aviano per riconfermare, attraverso l’estro dell’arte, l’essenza della vita. Non c’è nulla, o quasi, di filosofico, in questa sintesi di pensiero che accomuna pazienti e medici, artisti e semplici spettatori.

Insomma quasi un’esigenza per togliere non solo il “grigiore” di un angolo del nosocomio, ma, soprattutto, per trasmettere ancora l’esatta indole alla riscoperta dei valori della quotidianità anche se il Centro di Riferimento Oncologico, per sua stessa natura, è trasposizione di sofferenza e di dolore.

Un abbinamento (ospedale e arte) quasi naturale in quanto ammalati e artisti sono comunque alla ricerca del meglio per riconfermarsi ancora e più all’interno di una società viva e partecipe delle esigenze degli altri. Non dunque un’operazione di marketing, come a qualcuno potrebbe far venire il dubbio, ma più esplicitamente un percorso di sintesi tra realtà ospedaliera (e con essa quanto vi ruota attorno con gli ammalati e gli assistiti in primo piano) e mondo esterno.

Tutto ha avuto inizio a metà degli Anni Novanta quando furono sistemati i reparti di radioterapia nei sotterranei del CRO (un’esigenza questa dettata da ragioni di sicurezza). Il progettista aveva realizzato una mostra permanente all’esterno delle sale di radioterapia proprio per cercare di rendere il più possibile sereno l’ambiente.

Poi si pensò di rivitalizzare anche l’ala nord della hall d’ingresso all’istituto e il gioco fu fatto.

Individuate le motivazioni di fondo, anche sull’esperienza di incontri culturali precedenti (come la mostra dei disegni di giovani sieropositivi) si proseguì su questa strada che, oggi, è veramente un’ulteriore occasione di serenità all’interno dell’Istituto.

Dal CRO vogliamo far giungere un importante segnale che va ben lungi dal saper conoscere solo la malattia, ma anche voler capire chi è quell’uomo che ha quella malattia e che chiede aiuto.

La medicina moderna, dunque, va oltre all’aspetto tecnico per rapportarsi di più e meglio con l’uomo.

Una scommessa? È probabile, ma visto i risultati sin qui ottenuti intendiamo perseguire questo percorso».

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Cultura

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Cultura

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Cultura

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Cultura

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Cultura

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Cultura

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Cultura

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Cultura

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Cultura

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Cultura

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    Cultura

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    Cultura

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    Cultura

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    Cultura

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    Cultura

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    Cultura

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    Cultura

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    Cultura

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere