Oggi è 14/11/2019

Cultura

L’arte di FRANCO PANELLA: quando la pittura fa anche bene alla salute!

Le sue opere al CRO di Aviano, nel Friuli V. G., quale contributo al piano di arte-terapia

Pubblicato il 10 giugno 2018

L’arte di FRANCO PANELLA: quando la pittura fa anche bene alla salute!

Monreale, 10 giugno 2018 – Raccontare questa straordinaria esperienza dell’amico e stimato artista, Franco Panella, è un piacere al quale non sarei riuscito a sottrarmi. Sono testimone del suo indiscutibile talento, praticamente, da sempre. Da quando, cioè, il terremoto del ’68 nella valle del Belìce gli impose il traumatico distacco dai suoi luoghi d’origine, ed egli, dopo una temporanea permanenza a Lecce, scelse Monreale quale suo paese d’adozione. 

Ci incontrammo all’Istituto Statale d’Arte, che lui frequentò e dove io muovevo i primi passi da docente di disegno geometrico e architettonico. Nacque subito il sodalizio e già il 30 Maggio del 1974 presenziammo all’inaugurazione di una bi-personale che avevamo deciso di allestire presso la galleria “Urania” di Forte dei Marmi; mostra che si protrasse fino al successivo 8 Giugno. Quei giorni vissuti in Versilia furono densi di accadimenti, di piacevoli incontri e anche di “incidenti”… il cui ricordo riemerge di frequente nei nostri dialoghi, soprattutto in relazione a taluni episodi:

La cena nel ristorante dello stabilimento balneare Pieraccini di Viareggio, ospiti del titolare (raffinato collezionista) in compagnia, tra gli altri, di Romano Battaglia, di ritorno da un ininterrotto soggiorno a Brescia da dove, quale inviato della Rai, aveva raccontato la “strage di piazza della Loggia”, consumata pochi giorni prima. Le sue riflessioni su quell’esperienza e la straordinaria efficacia nell’esporle ci coinvolsero talmente che io e Franco, fattasi notte, ci recammo verso il temporaneo domicilio come se anche noi stessimo tornando da quella piazza di Brescia.

La decisione estemporanea e senza tentennamenti da parte dell’organizzatore, il grande Vittorio Grotti (tra l’altro artefice della Fondazione Viani), di accogliere alcune nostre opere nella prestigiosa rassegna “Ai Frati”, che già da quell’anno era stata trasferita negli hangar del Carnevale.

Quel “brutto quarto d’ora” (ma durato molto di più) messi con le spalle al muro, nei pressi dell’Accademia di Belle Arti di Firenze. Accadde quando stavamo raggiungendo la macchina, dopo esserci congedati dal titolare di una galleria d’arte e due agenti in borghese ci bloccarono, intimandoci di consegnare i documenti, le chiavi dell’auto e di addossarci con le spalle contro la parete più prossima. Seguì un’accurata perquisizione del veicolo e la lunga attesa di un riscontro alla loro richiesta di informazioni sui nostri eventuali “precedenti”. Fortunatamente, dopo circa un’ora, i due agenti, rassicurati dalle ottime referenze fornite dalle caserme di S. Margherita e di Monreale (ma senza alcuna spiegazione), ci restituirono i documenti, le chiavi dell’auto e la facoltà di muoverci liberamente. Fu l’edizione del giorno successivo de La Nazione a chiarirci le ragioni dell’accaduto: qualche ora prima del nostro “fermo” era stata consumata una redditizia rapina in banca (tra l’altro a mano armata); alcune coincidenze tra i colori del nostro abbigliamento e di quello dei rapinatori e l’aggravante della targa dell’auto, la cui sicula provenienza era all’epoca ben visibile, ci avevano resi possessori dei requisiti quali candidati all’arresto.

Dipinto di Franco Panella in mostra ad Aviano

Tornando a quella mostra del ‘74 in Toscana, ricordo nitidamente le opere di Franco Panella. Erano molto simili, tranne per le dimensioni, a quelle attualmente in esposizione presso il “Centro di Riferimento Oncologicodi Aviano, in provincia di Pordenone, dove rimarranno fino al prossimo 24 Giugno. Immagini, costruite con rapide pennellate e tratti decisi, quasi del tutto prive di riferimenti figurativi, ma che, sin dal primo impatto, suggeriscono il concetto di “paesaggio”, luoghi, tuttavia, destinati a rimanere nascosti agli occhi di chiunque, se le percezioni e i pennelli di Franco Panella non li avessero resi visibili. L’uso personalissimo del colore agevola la deduzione che a “svelare” in tal modo quei “luoghi” non poteva che essere un siciliano, un artista siciliano che la terra isolana l’ha vissuta, godendone gli splendori, ma anche subendone i più dolorosi sconvolgimenti. 

Particolarmente calzante mi è parsa la citazione da Leonardo Sciascia – «L’intera Sicilia è una dimensione fantastica. Come si fa a viverci senza immaginazione?» – che Franco ha deciso di inserire nel cartoncino d’invito. 

“CARTOLINE” è il titolo della mostra, che raccoglie opere di piccolo formato. Cartoline che riproducono panorami dell’immaginario, filtrati dalla sensibilità da vero artista di Franco Panella ed offerti, in questa occasione, alla visione di chi si tormenta nell’infruttuosa ricerca di risposte a ciò che non può che essere considerato illogico, inspiegabile e, soprattutto, ingiusto.

Dipinto di Franco Panella in mostra ad Aviano

Dipinto di Franco Panella in mostra ad Aviano

Molto attuale e pertinente è la “lettura” fornita in catalogo dal critico d’arte Tanino Bonifacio, in occasione della mostra personale dell’artista, tenuta a Palermo nel 2008 presso Loft Comunicazione e Arti Visive, di cui trascrivo la parte conclusiva.

[…]Non la “visione” quale sogno o immaginazione, ma la “visione” come sguardo verso le forme seminascoste abitanti l’ombra, quelle forme della bellezza che precariamente sostano nei luoghi meno noti, nelle pieghe di una realtà solo apparentemente insondabile.

Per queste ragioni l’opera di Panella realizza l’esplicito tentativo di costruire una “poetica dello sguardo”, ovvero una nuova “visione” del reale, un nuovo modo di leggere quell’universo di immagini mediatizzate invadenti l’esistere, governanti il nostro guardare le piccole e grandi cose del quotidiano.

Dare consistenza all’ombra, ombra contenente l’imprevedibile frammento di realtà che l’artista mette in luce svelandone l’origine sensibile: oggetti, scritture, colori, suggestioni materiche, veri e propri catalizzatori espressivi di energia umana. 

Siamo certi che questa mostra svela al pubblico un fare artistico autoriflessivo e un esercizio 

investigativo rivolto soprattutto al campo del linguaggio. Una ricerca analitica la quale considera l’opera d’arte non solo come il dato terminale di un processo concettuale, ma anche o soprattutto come il luogo fisico e simbolico di una profonda meditazione intorno all’arte e all’uomo.

Per tale declinazione interrogativa questa mostra antologica non si presenta come una sequenza di lavori legati tra di loro da rapporti lineari, ma diviene un vero e proprio diario contenente gli appunti di ricerca sul quale l’artista ha annotato la geografia di territori sconosciuti, un nuovo regno dell’arte celebrante l’elogio del non finito e del non concluso quale identità basica della creazione”.

Un dettaglio dell’allestimento della mostra di Franco Panella all’interno del“Centro di Riferimento Oncologico” di Aviano

Affido, infine, la spiegazione delle origini e delle finalità del progetto (di cui la mostra di Franco Panella è parte significativa) alle parole del dott. Roberto Biancat, già primario del CRO di Aviano e “curatore” (nell’accezione più pertinente del termine) del programma di Arte-Terapia.

L’arte come supporto terapeutico”. 

«Un’espressione, forse uno slogan, che la dice lunga sulle motivazioni di fondo che ci hanno indotto a “illuminare” la hall dell’Istituto di Ricerca, Cura a Carattere Scientifico “Centro di Riferimento Oncologico” di Aviano per riconfermare, attraverso l’estro dell’arte, l’essenza della vita. Non c’è nulla, o quasi, di filosofico, in questa sintesi di pensiero che accomuna pazienti e medici, artisti e semplici spettatori.

Insomma quasi un’esigenza per togliere non solo il “grigiore” di un angolo del nosocomio, ma, soprattutto, per trasmettere ancora l’esatta indole alla riscoperta dei valori della quotidianità anche se il Centro di Riferimento Oncologico, per sua stessa natura, è trasposizione di sofferenza e di dolore.

Un abbinamento (ospedale e arte) quasi naturale in quanto ammalati e artisti sono comunque alla ricerca del meglio per riconfermarsi ancora e più all’interno di una società viva e partecipe delle esigenze degli altri. Non dunque un’operazione di marketing, come a qualcuno potrebbe far venire il dubbio, ma più esplicitamente un percorso di sintesi tra realtà ospedaliera (e con essa quanto vi ruota attorno con gli ammalati e gli assistiti in primo piano) e mondo esterno.

Tutto ha avuto inizio a metà degli Anni Novanta quando furono sistemati i reparti di radioterapia nei sotterranei del CRO (un’esigenza questa dettata da ragioni di sicurezza). Il progettista aveva realizzato una mostra permanente all’esterno delle sale di radioterapia proprio per cercare di rendere il più possibile sereno l’ambiente.

Poi si pensò di rivitalizzare anche l’ala nord della hall d’ingresso all’istituto e il gioco fu fatto.

Individuate le motivazioni di fondo, anche sull’esperienza di incontri culturali precedenti (come la mostra dei disegni di giovani sieropositivi) si proseguì su questa strada che, oggi, è veramente un’ulteriore occasione di serenità all’interno dell’Istituto.

Dal CRO vogliamo far giungere un importante segnale che va ben lungi dal saper conoscere solo la malattia, ma anche voler capire chi è quell’uomo che ha quella malattia e che chiede aiuto.

La medicina moderna, dunque, va oltre all’aspetto tecnico per rapportarsi di più e meglio con l’uomo.

Una scommessa? È probabile, ma visto i risultati sin qui ottenuti intendiamo perseguire questo percorso».

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Tempo in miglioramento su Palermo, in arrivo giornate soleggiate con qualche nuvola

    Cultura

    PALERMO - Dopo gli ingenti danni creati dal maltempo su alcune zone della Sicilia, eccetto Palermo dove per fortuna non si sono registrati problemi, da domani ci attenderanno giornate soleggiate con il passaggio di qualche nube. In città quel..

    Continua a Leggere

  • Condoni edili a tecnici esterni? Per Giacopelli (Cisl) la proposta di Vittorino è “frettolosa e superficiale”

    Cultura

    Sulla proposta avanzata dal consigliere comunale Mimmo Vittorino (Popolari per Monreale) di affidare a tecnici esterni la definizione delle pratiche di condono edilizio, interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzione Pubblica, Nicola Giacopelli, che si dichiar..

    Continua a Leggere

  • Monreale, 25.000 € contro il randagismo: rifugio comunale e affidamento della cattura e gestione dei cani ad associazione animalista

    Cultura

    MONREALE - Realizzazione di un rifugio comunale temporaneo (che possa essere anche adibito ad ambulatorio veterinario) mediante l'adeguamento di un immobile di proprietà del Comune, successivo affidamento ad associazione animalista del servizio di cattura dei cani vaganti..


  • Il Governo regionale chiede lo stato di calamità anche per Grisì

    Cultura

    Grisì (Monreale) - Le alluvioni del settembre scorso avevano causato gravi danni alla frazione monrealese di Grisì: strade invase dall'acqua e dal fango, danni enormi al settore agricolo. L'amministrazione comunale si era subito attivata per chiedere alla regione lo stato di calamità. Notizia di ..


  • Monreale: “Dateci l’acqua, vogliamo pagarla, non ci penalizzate per i pochi coinquilini morosi”

    Cultura

    MONREALE - “L’erogazione dell’acqua ci è stata ridotta al minimo”. “Spesso la pressione è talmente bassa che non arriva in casa”. “Non possiamo rimanere senza acqua per colpa di alcuni condòmini morosi”. “I miei genitori sono..


  • E’ il nostro oro verde, domenica la Sagra dell’Olio del Parco ad Altofonte

    Cultura

    La sagra dell’Olio del Parco ad Altofonte domenica 17 novembre 2019. In programma degustazioni delle tradizionali "vastedde" con l’olio, visite guidate ai frantoi del territorio e mercatini artigianali. Un evento realizzato grazie alla Pro Loco di Altofonte e il comune. Altofonte è una citta..


  • I Giardini Normanni, tra ryad, agdal, Genoardo

    Cultura

    MONREALE - Si terrà questa mattina, nell’aula consiliare di Monreale, alle ore 10,30, una tavola rotonda sul tema dei “Giardini Normanni”. Tra storia e attualità, un viaggio alla ricerca di quanto rimane dei parchi che caratterizzavano..


  • Condoni edilizi in attesa, i Comuni potranno affidare le pratiche ai Liberi professionisti

    Cultura

    MONREALE - Per smaltire le richieste di condono edilizio giacenti, i Comuni della Sicilia potranno affidare le pratiche ai liberi professionisti. Lo prevede la delibera 383/2019 della Regione Siciliana. La Giunta regionale ha approvato ..


  • Furto all’Università di Palermo, sangue ovunque, indaga la Polizia

    Cultura

    PALERMO - 


  • Bufera sul Commissariato di Partinico: 12 indagati tra poliziotti, vigilantes e civili (I NOMI)

    Cultura

    PARTINICO - E' bufera al Commissariato di Partinico dove risultano indagati 6 poliziotti, assieme ad altre tre persone e tre guardie giurate. Le accuse variano da porto d’armi concessi in cambio di denaro, refurtiva trafugata, denunce fatte ritirare e aggiustate, irregolarità persino in un a..


  • Monreale, la chiamata dal centro per l’impiego non arriva, ma loro si attivano e puliscono la città

    Cultura

    [gallery ids="123827,123828,123829,123830,123831,123832,123833,123834,123835,123836,123837,123838,123839,123840,123841,123842,123843,123844,123845,123846,123847,123848,123849"] MONREALE - A distanza di una settimana sono tornati per le strade ..


  • I giochi e le scommesse della mafia, scatta il sequestro a imprenditore di Partinico

    Cultura

    La Polizia di Stato ha eseguito un sequestro un’impresa individuale con sede in Partinico, attiva nel settore della ristorazione, di un’autovettura di lusso e di 6 rapporti finanziari, per un valore complessivo di circa 400 mila euro. Il provvedimento è stato eseguito dagli agenti della..


  • PalerMobilità, la nuova app per acquistare i biglietti di bus, tram e strisce blu

    Cultura

    PALERMO - Dopo vari tentativi, poi falliti nel corso degli anni, l’Amat e il comune di Palermo ci riprovano creando una nuova app che permetterà di acquistare i biglietti dei bus, dei tram e i biglietti per i parcheggi a pagamento. Tutto qu..


  • Rally: l’equipaggio Ferreri/Polizzi si aggiudica il titolo italiano assoluto TRZ del primo raggruppamento

    Cultura

    [gallery ids="123683,123684,123685,123686,123687,123688,123689,123690,123691,123692,123693"] Chieri (Torino) - Ancora un importante titolo per l'equipaggio Ferreri/Polizzi della scuderia rally PS Start di Partinico. La coppia formata dal pilota monrealese Francesco Ferreri e dal navigatore nis..


  • Trofeo Costa Gaia Conad CUP, Monreale premierà le squadre di serie A: Roma, Parma, Sampdoria e Genoa

    Cultura

    PALERMO - Comincia a dicembre il 33esimo Torneo di Calcio Giovanile Costa Gaia Conad CUP 2019/2020. Tra le società partecipanti anche squadre professioniste di serie A come Roma, Parma, Sampdoria e Genoa.


  • Il porticciolo Bandita dagli anni d’oro a terra di nessuno. I volontari lo ripuliscono

    Cultura

    [gallery ids="123643,123642,123641,123640,123639,123638,123637,123636,123627,123626,123621,123619,123617,123625,123623"] PALERMO - Il porticciolo Bandita un tempo, negli antichi anni dell’epoca Liberty palermitana, a cavallo tra il peri..


  • Maltempo, domani allerta arancione. Scuole chiuse in alcuni comuni

    Cultura

    PALERMO - Continua l’onda di maltempo sulla Sicilia. Per la giornata di domani, martedì 12 novembre, le scuole di ogni ordine e grado di alcuni comuni rimarranno chiuse. Il maltempo delle prossime ore sarà molto più pesante di quello di o..


  • Monreale, ok della giunta per la stabilizzazione di 7 lavoratori Asu

    Cultura

    MONREALE - “Una iniziativa assolutamente lodevole”: così il segretario aziendale della Cisl-Funzione Pubblica, Nicola Giacopelli, definisce l’approvazione da parte della giunta Arcidiacono dell’atto deliberativo che riguarda l’avvio del processo di stabiliz..