Oggi è 18/06/2018

Politica

Mario Caputo: “Avevo pubblicizzato la mia candidatura in molti modi, fatto comizi, rilasciato interviste. Salvino si è speso tantissimo per la mia campagna elettorale”

Per il collegio giudicante Salvino Caputo aveva informato tutti i propri contatti e canali elettorali della nuova candidatura di Mario

Pubblicato il 8 giugno 2018

Mario Caputo: “Avevo pubblicizzato la mia candidatura in molti modi, fatto comizi, rilasciato interviste. Salvino si è speso tantissimo per la mia campagna elettorale”
Mario Caputo

Monreale, 8 giugno 2018 – Mario Caputo, dinanzi ai giudici del Tribunale del Riesame di Palermo, aveva ribattuto punto per punto alla tesi accusatoria del Pubblico Ministero, poi avallata dal GIP di Termini Imerese che ne aveva disposto gli arresti domiciliari. 

“Ho svolto – dichiarava Mario Caputo – in modo intenso e attivo la campagna elettorale, dal momento in cui avevo accettato di candidarmi. Ho tenuto diversi comizi pubblici, come quello conclusivo della campagna elettorale a Termini Imerese. Avevo pubblicizzato la mia candidatura in molti modi, tra cui interviste su giornali cartacei e on line, nonché attraverso una lettera inviata gli elettori attraverso la posta spiegando le ragioni della mia scelta di candidarmi”.

Mario sosteneva come il fratello Salvatore (meglio noto come Salvino) si fosse impegnato nella campagna elettorale a suo favore spendendosi in modo intensissimo, con visite e incontri in diversi centri della Provincia, anche pubblicizzando la sua candidatura attraverso i social network e attraverso il suo profilo Facebook personale, di tipo pubblico. Inoltre, l’utilizzo dello pseudonimo Salvino sarebbe stato deciso per evitare “errori nell’espressione della preferenza da parte degli elettori, comportando così l’annullamento del voto e la mancata assegnazione della preferenza”.

La difesa di Mario Caputo, formata dagli avvocati Raffaele Bonsignore e Nicola Nocera, aveva presentato al Tribunale del Riesame richiesta di annullamento dell’ordinanza per mancanza dei gravi indizi di colpevolezza.

Il 20 aprile 2018 il Tribunale del Riesame di Palermo, composto dal Presidente Lorenzo Jannelli, dai Giudici Giuliano Castiglia e Cristina Denaro, aveva emesso l’ordinanza con la quale annullava l’applicazione degli arresti domiciliari per Salvino e Mario Caputo, accusati di avere attentato ai diritti politici del cittadino in occasione delle consultazioni regionali di novembre 2017.

Fino al 28 settembre 2017 il candidato alle regionali del 5 novembre per la lista “Noi con Salvini” sarebbe dovuto essere Salvino Caputo. La sua candidatura era decaduta quando, il 29 settembre, sei giorni prima della scadenza del termine di presentazione delle liste, Salvino aveva appreso che la richiesta di riabilitazione, presentata in relazione ad una condanna penale riportata, era stata rigettata, precludendogli quindi la possibilità di candidarsi. 

Fino a quella data, scrivono i giudici del Tribunale del Riesame, Salvino Caputo rappresentava per i vertici del gruppo politico “Noi con Salvini” l’uomo principale su cui puntare alle elezioni.

In seguito alla notizia del rigetto della richiesta di riabilitazione, Salvino Caputo, durante una prima fase di scoramento avrebbe comunicato ai suoi contatti attraverso whatsapp che si ritirava dalla vita politica, successivamente avrebbe invece continuato a confermare la sua candidatura (risulta da intercettazioni telefoniche). Ma questo non perché intenzionato ad ingannare gli elettori – sostengono i giudici del riesame -, ma perché impegnato a chiedere ai propri legali pareri e consigli in ordine alla possibilità di escludere, nel suo caso, data la tipologia del reato e l’entità della condanna, l’applicazione del divieto derivante dalla legge Severino: “Io stavo cercando con i colleghi amministrativi di trovare una soluzione”.

Successivamente, notano i giudici, decisa la candidatura per il fratello Mario, nonostante Salvino sia stato tentato dall’idea di giocare sull’equivoco, alla fine l’appellativo “Salvino” non è mai stato impegnato in nessun materiale pubblicitario o propagandistico della campagna elettorale di Mario Caputo, ma solamente nei documenti di presentazione della candidatura e affiancato nell’indicazione di Mario Caputo nelle liste ufficiali dei candidati.

In pratica non ci sarebbe stata alcuna condotta attiva per fare credere che il candidato fosse sempre Caputo Salvino a fronte di una reale candidatura di Mario, ma “il ricorso ad un sotterfugio”, scrivono i magistrati, che rilevano dalla intercettazione di una telefonata avvenuta tra i fratelli, la loro consapevolezza che non tutti coloro che erano stati precedentemente contattati e invitati a votare per Salvino Caputo potevano essere raggiunti e informati del cambio di candidatura. Alcuni sarebbero rimasti convinti quindi che il candidato sarebbe rimasto Salvino. Un aspetto quello dell’equivoco, secondo i magistrati, su cui è dimostrato come i vertici del partito stessero insistendo molto.

Però, secondo i magistrati, l’utilizzo dell’appellativo non sarebbe stato impiegato per ingannare gli elettori sulla reale identità del candidato, ma per ottenere l’assegnazione al candidato Mario di eventuali preferenze espresse per Salvino.

Inoltre il collegio giudicante asserisce come Salvino si sia impegnato successivamente ad informare tutti i propri contatti e canali elettorali della nuova candidatura di Mario.

La candidatura di quest’ultimo risultava ampiamente pubblicizzata sia attraverso i massi media tradizionali che attraverso le più moderne modalità comunicative quali i social network. A riprova della pubblicizzazione della candidatura di Mario ci sarebbero i comizi e gli incontri con gli elettori. Anche alla presenza di Matteo Salvini all’Hotel Astoria di Palermo Mario Caputo era stato presentato quale candidato.

Ed ancora erano stati stampati e diffusi 20.000/30.000 volantini con l’indicazione del nome del candidato “Mario Caputo”, che aveva svolto personalmente tre comizi. A Monreale, a Camporeale e a Termini Imerese. Il video del comizio di Monreale era stato anche pubblicato sul profilo Facebook pubblico di Salvino Caputo.

I fratelli Caputo, singolarmente o insieme, – si legge nell’ordinanza di annullamento degli arresti domiciliari – avevano incontrato in diverse occasioni cittadini per rendere nota la candidatura di Mario. Un elemento che smentirebbe l’ipotesi accusatoria secondo cui Salvino avrebbe fatto campagna elettorale per sé, a prova invece che si sarebbe impegnato in un serrato tour elettorale per spiegare ai suoi elettori le ragioni della sua defezione e per presentare Mario come nuovo candidato da lui supportato.

Secondo i magistrati, anche alla luce delle dichiarazioni rese da persone informate sui fatti, emerge che molti elettori avevano saputo da Salvino stesso della candidatura del fratello Mario, e che questa nuova candidatura era sostanzialmente espressione dello stesso Salvatore e garanzia per gli elettori della sua constante presenza al fianco del fratello candidato. 

Infine i magistrati hanno accertato come più volte Mario avesse ricordato al fratello Salvino la necessità di chiarire agli elettori, nel corso dei vari incontri, che il candidato sarebbe stato lui, “per correttezza”.

Una serie di condizioni che hanno portato il Tribunale del Riesame ad annullare la misura di custodia cautelare degli arresti domiciliari, rigettando l’ipotesi accusatoria del Pubblico Ministero.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Arrivano i RIS. Il cimitero degli orrori chiude a tempo indeterminato

    Politica

    Monreale, 17 giugno 2018 - Chiude a tempo indeterminato il cimitero di San Martino delle Scale su cui la Procura della Repubblica di Palermo ha avviato un'inchiesta e iscritto nel registro degli indagati 11 persone, tra cui cinque attualmente sottoposte a misure cautelari. Sono tante le domande a..

    Continua a Leggere

  • Miss Monreale 2018. Le FOTO delle sfilate e della premiazione

    Politica

    [gallery ids="67770,67769,67768,67767,67766,67765,67764,67763,67762,67761,67760,67759,67757,67756,67755,67754,67753,67752,67751,67750,67749,67748,67747,67746,67745,67744,67743,67742,67741,67740,67739,67738,67737,67736,67735,67734,67733,67732,67731,67730,67729,67728,67727,67726,67725,67724,67723,6772..

    Continua a Leggere

  • Monreale, “3° Memorial Michele Guzzo”. Al via il 24 giugno. Più di 400 atleti presenti

    Politica

    Monreale, 17 giugno 2018 - La prossima domenica, 24 Giugno, col patrocinio gratuito del Comune di Monreale, si svolgerà la IV edizione per le vie di Monreale della corsa su strada, “3° Memorial Michele Guzzo”, in ricordo dell’atleta della ASD Marathon Monreale scomparso prem..

    Continua a Leggere

  • Sofia Badalamenti è Miss Monreale 2018. La fascia di Miss Social a Gabriella Fragasso

    Politica

    Monreale, 17 giugno 2018 - Sofia Badalamenti è Miss Monreale 2018. È stata incoronata ieri notte nel corso della seconda edizione “I Love Monreale” da Miss Monreale 2017, Simona Costanzo. Sul palco di piazza Guglielmo II si è tenuto ieri uno spettacolo di buon livello. Alle numerose sfilat..

    Continua a Leggere

  • Alzare la voce paga. L’uso distorto del diritto di parola e di espressione da parte dei politici

    Politica

    Monreale, 17 giugno 2018 - L'art. 21 della Costituzione recita così: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa..


  • Il Palermo resta in B. Perde una partita giocata da “Terza Categoria”

    Politica

    Il Palermo conferma gli undici dell’andata al Barbera, il Palermo cerca di giocare a calcio ma il Frosinone è teso come una corda di violino e ad ogni contrasto il direttore di gara è costretto a fermare il gioco. Dopo i primi dieci minuti si cominciano a vedere delle trame di gioco. Il Palermo ..

    Continua a Leggere

  • Anche Corleone vieta la presenza di bovini a Ficuzza

    Politica

    Corleone,16 giugno 2018 - "Immediato ritiro, da parte dei proprietari, dei bovini inselvatichiti dalle aree boschive della Ficuzza e dalle aree immediatamente boschive". Lo ha deciso la Commissione Straordinaria del Comune di Corleone. Con una ordinanza della Commissione prefettizia è stato disp..

    Continua a Leggere

  • Arrivano 6 elicotteri antincendio in Sicilia. Uno a Boccadifalco

    Politica

    Palermo, 16 giugno 2018 - Una flotta di sei elicotteri verrà schierata nei prossimi giorni dalla Regione Siciliana per la campagna antincendio boschivo. E’ andata a buon fine, infatti, la gara europea per il noleggio dei mezzi avviata dal Comando del Corpo forestale nel mese di febbraio. A gestir..

    Continua a Leggere

  • Papa Francesco a Palermo il 15 settembre, il programma completo della visita

    Politica

    Palermo, 16 giugno 2018 - È partita la macchina organizzativa in vista della visita di Papa Bergoglio a Palermo. La visita del Pontefice è prevista per il prossimo 15 settembre, per il XXV anniversario del martirio di don Pino Puglisi. L’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice ha nominato il ..

    Continua a Leggere

  • Cimitero degli orrori di San Martino. Scarcerati i Messina. Lunedì arrivano i Ris

    Politica

    Monreale, 16 giugno 2018 - I Messina escono dal carcere e vanno agli arresti domiciliari. Arriva un colpo di scena nella vicenda che ruota attorno alle raccapriccianti vicende del cimitero degli orrori di San Martino delle Scale. Il Tribunale per il Riesame di Palermo..

    Continua a Leggere

  • Stasera sfilate, musica, spettacolo, comicità. È “I LOVE MONREALE”

    Politica

    Monreale, 16 giugno 2018 - Il maltempo ci aveva messo lo zampino. Per evitare di rovinare la kermesse di moda e spettacolo, gli organizzatori di “I LOVE MONREALE” avevano deciso di sospendere la serata di oggi e rimandarla a sabato 23 giugno.  Rimane invece confermata la finale di “Mis..

    Continua a Leggere

  • Coltivava 191 piantine di cannabis. La villetta era stata trasformata in una piantagione (Il VIDEO dell’operazione)

    Politica

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=6ayuJQ4ccLo&feature=youtu.be[/embed]   Casteldaccia, 16 giugno 2018 - Sono stati i Carabinieri della Stazione di Palermo Villagrazia, ieri pomeriggio, a scoprire una maxi piantagione a Casteldaccia. Gaetano Di Gregorio, palermitano classe 1991..

    Continua a Leggere

  • Monreale, fondi per inquilini morosi incolpevoli

    Politica

    Monreale, 15 giugno 2018 - Pubblicato sul sito del Comune di Monreale il decreto dell'Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità con il quale è stato ripartito il fondo ministeriale destinato agli inquilini morosi incolpevoli relativo all'anno 2017. Reso pubblico anche l'avviso e ..

    Continua a Leggere

  • Monreale, aperto il bando per assistenza Igienico-personale, Autonomia e Comunicazione

    Politica

    Monreale, 16 giugno 2018 -Nel convulso momento sociale che stiamo vivendo, anche i servizi per la disabilità nell'anno scolastico che si sta per concludere hanno evidenziato una sofferenza in alcune scuole nel palermitano, sia per la mancanza di risorse di natura economica sia umana. Il com..


  • Capizzi accoglie don Merola, il prete anticamorra che ha salvato molti bambini dall’illegalitá

    Politica

    È stato accolto questo pomeriggio a Monreale, dal sindaco Piero Capizzi e dal presidente del parlamento della legalità internazionale Nicolò Mannino, don Luigi Merola sacerdote anticamorra e fondatore della fondazione A Voce De Creature. Don Luigi Merola da mesi condivide gli ideali e le finalit..


  • Domani il prete anticamorra Luigi Merola a Monreale e San Giuseppe Jato

    Politica

    Monreale, 15 giugno 2018 - Doppio appuntamento domani per il prete anticamorra Don Luigi Merola, invitato dallo staff del Parlamento della Legalità Internazionale, a chiudere un intenso anno di attività culturali. Merola domani sarà a San Giuseppe Jato e a Monreale. Don Luigi Merola è quoti..


  • Anticipati i saldi estivi in Sicilia. Dal 1 luglio al 15 settembre caccia all’affare

    Politica

    Palermo, 15 giugno 2018 - I saldi estivi in Sicilia si svolgeranno dal 1 luglio al 15 settembre, lo prevede il decreto dell’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano, firmato questa mattina. La decisione dell’assessore è arrivata al termine dell’incontro ..


  • Monreale. L’associazione Nati due volte mette in scena «Le disavventure di Pinocchio»

    Politica

    Monreale, 15 giugno 2018 - L’attività associative della Nati due volte onlus, non si ferma mai, e dopo la raccolta fondi Natalizia, ci rallegrerà la prossima settimana, mettendo in scena lo spettacolo Le disavventure di Pinocchio. Lo sceneggiato, realizzato con la collaborazione de..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com