Oggi è 18/01/2019

Cultura

Chiusa a Bagheria la mostra di Sergio Mammina “Le meraviglie della natura”

Una sua opera è entrata a far parte della collezione del MUSEUM di Ezio Pagano

Pubblicato il 3 giugno 2018

Chiusa a Bagheria la mostra di Sergio Mammina “Le meraviglie della natura”

Bagneria, 2 giugno 2018 – Il 18 maggio del 1983 alle ore 18,30, presso la galleria Bateau Lavoir della capitale, in via Madonna del Monti, a ridosso dei Fori Imperiali, presenziavo all’inaugurazione di quella che, per i 35 anni successivi, sarebbe stata la mia “ultima” mostra personale, voluta e curata dallo stimatissimo prof. Renzo Bertoni

Di ritorno da quell’allettante esperienza una serie di combinazioni favorevoli indussero me e i miei strumenti di lavoro a trasferirci, senza alcun tentennamento, in un ambito affine: quello della grafica al servizio della comunicazione nei suoi più svariati aspetti, come l’editoria e la pubblicità. La produzione di lavori “senza committenza” diveniva, nel tempo, una pratica sempre più sporadica ma mai del tutto interrotta. La  maggiore disponibilità di tempo da “non sprecare” mi ha naturalmente riportato al tavolo da disegno e alla elaborata materializzazione di nuovi trasferimenti dal mio immaginario alla carta. 

La pubblicazione di taluni miei lavori sulle pagine di un social e la fortuna che su quelle immagini si adagiasse l’attenzione di Piero Montana, artista, critico d’arte e animatore dell’omonimo Centro d’Arte e Cultura di via Bernardo Mattarella 64 a Bagheria, hanno fatto si che assumesse reale consistenza quella che adesso è la mia (appena conclusa) “ultima” mostra personale – “Le meraviglie della natura”  –  e che quella voragine, larga e profonda 35 anni, si sia pressoché ricolmata nel rapido volgere di qualche mese. Ho rivissuto atmosfere ed emozioni ormai dimenticate. Ho visto rinverdire amicizie vere, con artisti e non, a quei tempi germogliate dall’humus della reciproca stima. Ho dato modo a qualche affezionato collezionista di “aggiornare” i motivi dell’attenzione all’epoca riservata alla mia attività. 

Oltre che al curatore della mostra, Piero Montana, rivolgo un ringraziamento particolare, a Ezio Pagano, direttore del MUSEUM, per aver deciso di accogliere un mio lavoro nella sua preziosa collezione: “La civetta sul comò” (inchiostri e acrilici su carta, cm 22 x 22 del 2017); ne sono sinceramente onorato ed orgoglioso. 

Ecco perché, se qualcuno mi chiede: «Com’è andata?», non posso che rispondere: «Una meraviglia…!». 

Il racconto della serata inaugurale. (Dal sito istituzionale del Comune di Bagheria)

Un momento della serata inaugurale

Si è inaugurata sabato 5 maggio, nei locali del Centro d’arte e cultura Piero Montana, la mostra di Sergio Mammina “Le meraviglie della natura”.

All’inaugurazione un grande afflusso di persone provenienti da ogni parte della Sicilia (Messina, Catania, Caltanissetta, Trapani oltre che evidentemente da Palermo e dalla nostra stessa città di Bagheria) ha fatto registrare un “pienone” ed un successo indiscutibile dovuto senza dubbio al grande richiamo esercitato dall’arte del maestro monrealese su artisti, addetti ai lavori e su un pubblico in generale più vasto ed eterogeneo.

En passant citiamo qui solo i nomi di importanti artisti nisseni come Giuseppina Riggi, Calogero Barba, Lillo Giuliana, Franco Spena nonché di Sebastiano Parasiliti (catanese), Totò Mineo e Calogero Piro (palermitani) e dei bagheresi, Giuseppe Alletto, Filly Cusenza e Giovanni Varisco. Presenti anche il nostro regista Nico Bonomolo (Premio, quest’anno, David di Donatello), lo scultore Giuseppe La Bruna, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, Elena Morena, docente di incisione presso l’Accademia veneziana, gli artisti Enza Di Fede, Franco Panella e tanti altri esponenti dell’arte e della cultura. Tra questi il responsabile della Biblioteca comunale Francesco Scaduto, l’architetto Vincenzo Sciré, il direttore di Guidasicilia, Federico Modica, il critico d’arte Giovanna Cavarretta.  

L’inaugurazione ha avuto luogo con un ringraziamento a tutti i presenti, per la loro partecipazione all’evento, da parte di Piero Montana (direttore del Centro d’arte e cultura bagherese), che ha subito letto un intervento critico sull’opera di Sergio Mammina. A seguire, ha preso la parola, il Presidente dell’Unitré, Antonella Miloro Nasca, che invece si è soffermata sull’importanza del Centro d’arte Montana, che in una città come Bagheria viene ad ampliare gli stimoli e gli interessi prettamente culturali, mentre in conclusione ha parlato la professoressa Rosanna Balistreri, che è intervenuta sugli aspetti, a dir poco inquietanti, dell’arte di Mammina, che proietta sempre nelle sue opere l’ombra di nefaste conseguenze sulla natura da parte del progresso scientifico e tecnologico.

La mostra ha suscitato moltissimi consensi sul pubblico intervenuto, che ha apprezzato tantissimo la grande maestria di Mammina, che con raffinata abilità tecnica ripropone nelle sue opere una fantastica ed alchemica visione della natura ed in particolare del suo mondo entomologo.

Soddisfatto l’ideatore ed organizzatore della mostra Piero Montana che su Sergio Mammina ha espresso pareri molto lusinghieri, definendo la sua arte una rara ed autentica sopravvivenza, tra la tanta confusione ed inesperienza che regna sovrana nel panorama dell’arte contemporanea, del mestiere di grafico e di pittore. Montana, avanguardista tout court, ha pure affermato che l’arte di Mammina è molto preziosa per la sua testimonianza di un linguaggio artistico molto personale che mostra di non aver alcun debito nei confronti di nessuno, un linguaggio pertanto che, più che surrealista ed onirico, potremmo meglio definire fantascientifico con anticipazioni su quella che oggi viene definita arte Post Human.

Molto soddisfatto anche l’artista espositore, che constatato il successo di critica e di pubblico ottenuto con questa sua mostra da Piero Montana, si è detto disponibile ad esporre in avvenire nei locali del Centro d’arte e cultura bagherese.

Dalla presentazione della prof.ssa Rosanna Balistreri

L’intervento della prof.ssa Rosanna Balistreri

[…] In questo contesto spiccano le figure viventi che sfoggiano una varietà cromatica che va dal giallo al rosso carminio, dal verde all’azzurro. Queste creature: insetti, fiori, uccelli, rappresentano l’uomo che si adegua al vivere meccanizzato che lo circonda, ne diventa parte integrante trasformandolo in normalità, in habitat congeniale al suo vivere. Allora i fiori crescono sulla rete di cavi elettrici, la farfalla è attratta dal fiore che fuoriesce da una tubatura, la lucertola si scalda sotto la luce artificiale di un altro marchingegno e il gufo, amico della luna, è in compagnia di una lampada che lo inganna e ancora gli insetti gialli, delle formiche, chiamate grafotteri, perdendo ogni tratto di naturalezza divenendo insetti artificiali, dei pennini, che si sono forse naturalizzati.

L’uomo, mai ritratto nei quadri dell’artista, è un po’ in tutte queste creature e si è adattato a questo vivere solitario, senza relazione alcuna, ma occupato e preoccupato di condurre un’esistenza che non è più la sua, ma alla quale ha dovuto adattarsi trasformandosi per non sopperire ad essa.

È la rivoluzione tecnologica, il progresso che ha denaturato il vivere quotidiano, e segno per eccellenza di questo danno che l’uomo ha perpetrato ai danni della natura, sono proprio i graphotteri, formiche metalliche, nate dall’assemblamento di congegni e viti. Anche nei quadri dove  le creature sono più di uno, sembra che tra di essi con ci sia relazione, ma che ognuno segua una propria direzione. L’unica opera dove c’è una parvenza di scambio comunicativo, intitolata “luogo d’incontro” in realtà i due uccelli non si guardano, ma i loro occhi seguono traiettorie diverse.

L’uomo-creatura è in attesa: come il fiore, aspetta che nel suo calice sia custodito il messaggio della vita e come la civetta, cerca di guardare oltre la notte per scorgere il mistero che lo circonda.

L’opera di Sergio Mammina ci presenta il vivere dell’uomo moderno, attraverso i personaggi meravigliosi del mondo naturale, protagonista, ma nello stesso tempo relegato ad una vita in cui le relazioni sono inesistenti e lo fa in modo puntuale e preciso richiamando costantemente l’artificialità del mondo tecnologico che egli stesso ha creato. Le creature, unico elemento vivo dei dipinti, mostrano tutta la solitudine di una vita che non ci appartiene più.

L’uomo come la lucertola aspetta che il sole, quello vero, torni a guarire la cecità dei suoi occhi.

L’intervento di Piero Montana per la presentazione del catalogo.

Il curatore della mostra, Piero Montana, durante la presentazione

Di Sergio Mammina non dirò mai abbastanza dell’importanza che l’artista ha per me soprattutto dal punto di vista grafico. Nella grafica Mammina infatti eccelle insuperato tra quanti oggi si cimentano in questo campo. Ma anche se non fosse così, a distinguerlo da tanti altri grafici è l’ironia, il distacco dal reale e soprattutto la sua fantasia, la sua immaginazione che tuttavia non porta l’artista all’evasione, ma al contrario ad impegnarlo, sia pure a suo modo, nel modo che all’arte è consentito, più che in una sorta di battaglia ecologica, in un’osservazione attenta ma distaccata della natura sempre più violentata dalla tecnologia moderna con la quale tuttavia è costretta a convivere. Di questo connubio abbiamo già parlato nella prima parte del nostro testo pubblicato in catalogo. Connubio questo che ha anticipato alcuni aspetti dell’Art Post Human, che li ha sviluppati, facendoli propri in riferimento ad un uomo sempre più ibrido, artificiale, che finirà per avere di certo un’anima di metallo.

Basterebbe questo per fare di Sergio Mammina un grande, un anticipatore visionario dei tempi.

Visioni queste che nascono dall’angolo appartato, a cui da tanti anni guarda in modo pacifico ma con spirito critico alle degenerazioni del mondo moderno, dal quale prende le distanze, disegnandolo e colorandolo però con molta ironia e fantasia.

Ma dire questo di Sergio non basta, perché egli ha affrontato anche il tema riguardante il suo modo originale di fare grafica.

Come Brecht a teatro, Mammina quasi sempre prende degli accorgimenti per far riflettere gli osservatori della sua opera, facendo loro notare che la sua arte non è imitazione della natura ma favola inventata dal suo ingegno grafico. Per questo nei suoi quadri sono visibili quei pennini, utilizzati dall’artista per dar luogo al suo universo magico. Questi pennini che si trasformano in insetti, detti grafotteri stanno alla base della poetica di Mammina, una poetica in cui l’artificiale ed il biologico si fondono per dar vita ironicamente ad un altro mondo, non più quello che ci è stato dato dal Creatore, da Dio, ma un mondo nuovo, il cui artefice, demiurgo è l’uomo stesso, che come Yahweh si ritrae dalla sua creazione, restando assente nella sua opera.

Attenzione! Questi grafotteri sono chiamati dall’ artista lettererotteri ossia grafotteri letterati, che amano la frequentazione dei libri e certamente anche della letteratura.

Si deve a loro lo sviluppo fiabesco nelle opere di Mammina. Di certo noi immaginiamo che essi tessono una trama letteraria, un libro di immagini fatto da finzioni, da inganni, da cui l’artista trae il suo divertimento, il suo piacere.

E’ il piacere del raccontare per immagini che ci suggerisce anche il senso ludico di queste opere di Mammina.

Roland Barthes ne sarebbe stato deliziato come pure Jorge Luis Borges, che sicuramente avrebbe incluso le carte di Mammina assieme alle pagine di un suo manuale di zoologia fantastica.

Una delle opere in mostra sarà esposta in permanenza nella collezione del MUSEUM di Ezio Pagano

L’opera di Sergio Mammina accolta nella prestigiosa collezione

La sede del MUSEUM di Bagheria, diretto da Ezio Pagano

Accedendo al sito Internet del MUSEUM di Bagheria si è accolti da un video in cui Gillo Dorfles, il grande critico d’arte, pittore e filosofo recentemente scomparso, così si esprime: «… è l’unica fonte di chi vuole studiare i contemporanei siciliani, perché la collezione di Pagano è estremamente interessante. Dalla Carla Accardi a Consagra a Sanfilippo; praticamente ci sono tutti i migliori contemporanei che sono ormai già noti nel resto dell’Italia…». 

Ed è lungo l’elenco degli artisti siciliani, protagonisti del ‘900 italiano ed internazionale, le cui opere figurano nella collezione ospitata dall’ambitissimo e certamente “unico” spazio espositivo. Per aggiungere qualche altro nome, cito Guccione, Guttuso, Patella, Isgrò, Marchegiani, Simeti, Samonà, Cappello, Migneco, Attardi, Fiume, Scroppo, Panseca, Cossyro e così via, fino ai carissimi amici e stimati artisti come, Lauricella, Carbone, Garraffa, Guardì, Giovanni Leto, Patti, Signorini, Alfonso Leto e pochi altri, con i quali Sergio Mammina (prima che tra lui e quel mondo si creasse la “voragine”) aveva condiviso partecipazioni a mostre collettive e cerimonie inaugurali. 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Meteo, da sabato finisce la tregua. Bufera di pioggia in arrivo

    Cultura

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Preparatevi ad un lungo e persistente periodo freddo e perturbato. Si tratterà di più giorni con temperature sotto media per quasi tutta la Sicilia. Gennaio ricorda a tutti che è il mese invernale per eccellenza. Da sabato finisce la tregua anticiclonica, piogg..

    Continua a Leggere

  • Blitz nel circo Sandra Orfei, sequestrata una tigre. Aveva il microchip di un altro animale

    Cultura

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Oggi I Carabinieri del Centro Anticrimine Natura di Palermo, a seguito di un controllo amministrativo presso una struttura circense, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria, V.C. classe 1974, gestore del circo presente in città, poiché deteneva un esemplare di panth..

    Continua a Leggere

  • Collegio di Maria, arrivano i ringraziamenti ma manca il nome del sindaco. “Le stufe sono state prese dalla Dirigente”

    Cultura

    Monreale, 17 gennaio 2019 -Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta in Redazione da parte di un gruppo di mamme che si sono battute affinché i figli potessero avere quello che una scuola normale offre. I genitori delle classi IV e V F dell'istituto Pietro Novelli chiedevano all'amministrazione u..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Cantieri di lavoro. Chi verrà chiamato (All’interno la graduatoria definitiva)

    Cultura

    Monreale, 17 gennaio 2019 - È stata pubblicata la graduatoria (CLICCA QUI PER LEGGERLA) definitiva dei soggetti che verranno occupati nei cantieri di lavoro per il Comune di Monreale.

    Continua a Leggere

  • Centri per l’impiego, 4mila posti di lavoro disponibili

    Cultura

    La Legge di Bilancio 2019 autorizza le Regioni ad assumere ben 4Mila unità di personale nei propri uffici che si occupano delle politiche attive per l’occupazione. Questo incremento dell’..

    Continua a Leggere

  • Ecco tutti i vantaggi dei servizi di carrozzeria online

    Cultura

    17 gennaio 2019 - Avete appena subìto un danno alla carrozzeria della vostra auto e non sapete cosa fare? La vostra officina di fiducia è chiusa, oppure è semplicemente lontana anni luce dal luogo in cui state patendo il problema di cui sopra? Ebbene, questo è l'articolo che fa al ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, emergenza loculi. Il sindaco procede alle estumulazioni anche di loculi con concessioni a 99 anni. Le opposizioni “Mancanza di progettualità e lungimiranza”

    Cultura

    Roccamena, 17 gennaio 2019 - “Ampliamento del cimitero comunale e sistemazione dell’esistente”. È uno dei punti programmatici con il quale il sindaco Ciaccio nel 2014 aveva vinto le amministrative del comune di Roccamena, alla guida della lista "Noi per Roccamena”. In paese quello della ..

    Continua a Leggere

  • Assolto perché il fatto non sussiste. Il sindaco Capizzi scagionato dall’accusa di omissione di atti d’ufficio (I DETTAGLI)

    Cultura

    Palermo, 17 gennaio 2019 – Si è conclusa positivamente per il primo cittadino di Monreale, Piero Capizzi, una vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto assieme al suo predecessore, Filippo Di Matteo. Per Capizzi, difeso dall’avvocato Giuseppe Botta che aveva scelto il ..

    Continua a Leggere

  • Finanziaria regionale. Salta l’accordo in Commissione Bilancio. Fava: “Spettacolo imbarazzante per il Governo”

    Cultura

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Si fa sempre più concreta la possibilità che venga autorizzato un altro mese di bilancio provvisorio. In commissione bilancio infatti non si trova l'accordo sul collegato e l'aula viene rinviata addirittura a data da destinarsi. I deputati riceveranno la convocazione al ..

    Continua a Leggere

  • Forestali senza stipendio, presidio Flai-Cgil sotto l’UST. Pisa: “Siamo stanchi delle false promesse del Governo regionale”

    Cultura

    Palermo, 16 gennaio 2019 - Nonostante le rassicurazioni i pagamenti e gli adeguamenti contrattuali non sono arrivati nè entro l'anno nè entro il 16 gennaio. Per problemi finanziari la Regione non ha pagato gli stipendi agli operai forestali della provincia di Palermo. Oggi sotto la sede dell'Uffic..

    Continua a Leggere

  • Centro per l’Impiego, domani torna operativo lo sportello

    Cultura

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da domani mattina sarà operativo l'ufficio per l’impiego di Monreale. Nella sede di via Venero verranno offerti i servizi di accoglienza, orientamento e consulenza, incontro domanda e offerta placement, inserimento lavoratori disabili e categorie protette, promozione t..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, tragedia sfiorata: crollati i solai di una palazzina

    Cultura

    San Cipirello, 16 gennaio 2019 - Crollo la scorsa notte in una palazzina a San Cipirello. Il peso di un grosso recipiente d’acqua ha fatto collassare i solai di una costruzione a due piani dove c’è una sartoria. Il crollo è avvenuto nella notte e in quel momento non c’era nessuno. I ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Strisce blu: da oggi pagamento anche tramite l’App di Poste Italiane

    Cultura

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da oggi anche i cittadini di Monreale potranno pagare la sosta sulle strisce blu in maniera più veloce. È stato abilitato il pagamento dei ticket per la sosta oraria sulla piattaforma di PostePay+. Sarà sufficiente scaricare dal proprio smartphone l’App Postepay, cli..

    Continua a Leggere

  • Centro di raccolta di Fiumelato. Contenitori tra il fango? A breve sarà un lontano ricordo

    Cultura

    [gallery ids="89150,89151,89152,89153,89154,89155,89156,89157"] Monreale, 16 gennaio 2019 - Da quando è stato istituito il centro di raccolta dei rifiuti differenziati all’ex Casello di Fiumelato per servire una parte della zona periferica di Monreale, tante sono state le lamentele dei residen..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Salme in attesa nel deposito del cimitero. Vittorino: “A breve procediamo con la tumulazione”

    Cultura

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Sulle condizioni in cui versa il cimitero monrealese abbiamo più volte scritto. Come in diverse occasioni alcuni cittadini hanno deciso di armarsi di attrezzi e buona volontà per ripulire e dare decoro al luogo. Mimmo Vittorino, neo assessore con delega ai servizi cimit..

    Continua a Leggere

  • Quartiere Carmine, tentato furto di rame. Staccata la grondaia della chiesa

    Cultura

    [gallery ids="89086,89085,89084"] Monreale, 15 gennaio 2019 -I ladri sono riusciti solo a staccare la grondaia ma non l'hanno portata via. Ancora una volta per pochi euro nel cuore della città avviene una manomissione ad un impianto pubblico. Un tentato furto di rame è avvenuto nel weekend all'..

    Continua a Leggere

  • L’assessore Potenza incontra i dirigenti scolastici. Stilato il calendario delle iniziative

    Cultura

    Monreale, 15 gennaio 2019 - Si è svolto stamane in Sala Rossa un primo incontro, promosso dall’assessore alla Pubblica Istruzione Serena Potenza, con i Dirigenti Scolastici degli istituti monrealesi, che ha avuto come obiettivo la programmazione di alcune iniziative sulla legalità, ..

    Continua a Leggere

  • Monreale, previsto taglio alla retta degli asili nido. Il Comune riceve un contributo dalla regione

    Cultura

    Monreale, 15 gennaio 2019 - In arrivo un contributo di € 75.373,20 per il comune di Monreale. A beneficiarne saranno le famiglie con bambini iscritti agli asili nido. Il contributo, previsto dall’Avviso approvato dalla Regione Siciliana, è infatti finalizzato a sostenere la spesa per la gestion..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com