Oggi è 17/01/2019

Cultura

“Io scelgo di restare. Mi fai da capitale”. È l’inno di Picciotto per Palermo

“Credo sia importante ripartire dalla scuola. A me non piace distinguere tra mafia e antimafia perché nel mezzo c’è un’infinità di sfumature”

Pubblicato il 30 maggio 2018

“Io scelgo di restare. Mi fai da capitale”. È l’inno di Picciotto per Palermo

Monreale, 30 maggio 2018 – Dall’incontro con il rapper Picciotto, dalle curiosità della redazione del Progetto Pon “Scrivere Libera…mente” del Pietro Novelli, un’interessante intervista sul ruolo della musica rap nella lotta contro la mafia e per il riscatto sociale.

  • Quanti dischi hai inciso?

Cinque e sto lavorando al sesto. In realtà sono tre quelli incisi con “Gente Strana Posse” e due come “Picciotto. Adesso arriverà “Terapia”. 

  • C’è un cantante a cui ti inspiri?

I “99 posse” sono stati certamente determinanti; oggi mi piace Murubutu, ma anche Caparezza con il quale spero di lavorare a breve.

  • Sei più famoso in televisione o sul web? 

Sul Web. A livello locale in televisione ci sono stato diverse volte però è una cosa estremamente locale. Ci sono state anche delle dimensioni nazionali con un programma che mi intervistava per il lavoro che faccio a Borgo Vecchio attraverso il rap. Il Web mi aiuta moltissimo.

  • Perché hai deciso di chiamarti “Picciotto”?

PC sono le mie iniziali: Paterniti Christian. Sono nato giorno otto. Mettendoli insieme “Picciotto”. Volevo inoltre riqualificare il termine picciotto che essendo un‘espressione palermitana, rimanda all’umile lavoratore che si sveglia la mattina presto va a lavorare al panificio o al mercato del pesce. Così anche nel rap ho voluto dare valore a questo termine.

  • Che cosa rappresenta la musica per te?

Ho dedicato alla musica il mio ultimo album che sta per uscire che si intitolerà “D’Amore e d’accordo”. Proprio adesso che sto iniziando a studiarla ho comprato una tastiera. Da piccolo avevo un pianoforte che per motivi economici la mia famiglia ha dovuto vendere, da quel momento è come se io avessi avuto un rigetto, avevo deciso che non dovevo suonare più anzi odiavo la musica. Poi ho iniziato a fare il rap. Da quando quest’anno ho iniziato a studiare il mio rapporto con la musica è cambiato, mi si è allargato l’orizzonte, ora infatti andiamo d’amore e d’accordo.

  • Secondo te i ragazzi capiscono il significato che tu vuoi dare con la musica?

Non lo so bisognerebbe chiedere ai ragazzi. Beh, in parte sì, ma in buona parte no. Tutto sta nell’espressività di ciò che provi a dire. Oggi, grazie (o purtroppo) ai social la comunicazione si è “abbreviata”. O scrivi uno slogan e fai sintesi oppure non sei ascoltato, non sei capito. La parola può essere un’arma molto efficace.

  • Puoi raccontarci la storia della tua carriera musicale? 

Io nasco come cantante della band “Gente Strana Posse”: eravamo due cantanti e un dj. Nel 2009, dopo che avevamo inciso tre dischi, diventiamo una band e facciamo un nuovo disco. Poi continuo la mia carriera come ‘Picciotto’. Adesso il premio che ho vinto, del valore di 15.000 €, mi obbliga a fare un bel po’ di concerti. È una bella fortuna, una bella possibilità.

  • Perché hai scelto il rap e non la musica commerciale?

In realtà quando ho iniziato è stata una scelta abbastanza automatica perché io ascoltavo quello. Io volevo fare il telecronista e tenevo spesso il microfono in mano. Registravo la mia voce sulle musicassette. Quando ho scoperto il rap mi è sembrata certamente la cosa meno musicale, ma più vicina alla mia modalità espressiva. Ho cominciato così. Oggi, in realtà, il rap è pop, molto pop, molto commerciale.

  • La musica può fare qualcosa contro la mafia? 

No, una canzone non basta. Ma nella canzone “Amarcord 2.0” il testo del ritornello richiama al noi: “Non ci rimane che puntare tutto su di noi”. Il noi è un richiamo a guardarci in faccia. Riprendiamoci per mano, guardiamoci in faccia e puntiamo tutto su di noi.

  • Tu hai vinto l’ottava edizione del premio “Musica contro le mafie”.  A chi hai dedicato questo premio?

Ho due dediche: la prima è a me stesso e la seconda a noi. Come recita il ritornello della canzone “Amarcord 2.0”: “Non ci rimane che puntare tutto su noi”. Riprendiamoci per mano, guardiamoci in faccia e puntiamo tutto su di noi.

  • Il tuo ultimo album “Capitale” è un inno alla città di Palermo. Che cosa rappresenta per te la tua città?

Rappresenta tutto quello che racchiude le emozioni forti. Banalmente mi verrebbe di dire l’amore. In realtà con Palermo ho un conflitto di amore e di odio continuo. Quando ero più piccolo ogni qualvolta “litigavo” con questa città dovevo andarmene a Napoli che per me rappresentava una Palermo esasperata per potermi rinnamorare della mia città e poterci ritornare. Ciò perché purtroppo non è facile fare musica a Palermo. Mi arrabbio con la mia città perché penso che ci sia un potenziale infinito, ci sono delle teste meravigliose, è un posto meraviglioso dove anche chi sta male è disposto ad aiutare il proprio vicino di casa. Paradossalmente tuttavia non riusciamo mai ad emergere del tutto.

  • Nell’ultimo periodo tu hai incontrato molti studenti delle scuole. Puoi raccontarci in che cosa consiste il tuo impegno contro la mafia?

Io credo che sia importante ripartire dalla scuola. Mi impegno molto, infatti, contro la dispersione scolastica. Una sfumatura di quello che può degenerare in un atteggiamento mafioso. A me non piace distinguere tra mafia e antimafia perché nel mezzo ci sono un’infinità di sfumature. Tante persone sono quasi costrette a cadere nell’illegalità. La scuola pubblica è l’ultimo presidio di democrazia rimasta e i ragazzi hanno la fortuna di essere qui insieme all’interno di un posto.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Forestali senza stipendio, presidio Flai-Cgil sotto l’UST. Pisa: “Siamo stanchi delle false promesse del Governo regionale”

    Cultura

    Palermo, 16 gennaio 2019 - Nonostante le rassicurazioni i pagamenti e gli adeguamenti contrattuali non sono arrivati nè entro l'anno nè entro il 16 gennaio. Per problemi finanziari la Regione non ha pagato gli stipendi agli operai forestali della provincia di Palermo. Oggi sotto la sede dell'Uffic..

    Continua a Leggere

  • Centro per l’Impiego, domani torna operativo lo sportello

    Cultura

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da domani mattina sarà operativo l'ufficio per l’impiego di Monreale. Nella sede di via Venero verranno offerti i servizi di accoglienza, orientamento e consulenza, incontro domanda e offerta placement, inserimento lavoratori disabili e categorie protette, promozione t..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, tragedia sfiorata: crollati i solai di una palazzina

    Cultura

    San Cipirello, 16 gennaio 2019 - Crollo la scorsa notte in una palazzina a San Cipirello. Il peso di un grosso recipiente d’acqua ha fatto collassare i solai di una costruzione a due piani dove c’è una sartoria. Il crollo è avvenuto nella notte e in quel momento non c’era nessuno. I ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Strisce blu: da oggi pagamento anche tramite l’App di Poste Italiane

    Cultura

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da oggi anche i cittadini di Monreale potranno pagare la sosta sulle strisce blu in maniera più veloce. È stato abilitato il pagamento dei ticket per la sosta oraria sulla piattaforma di PostePay+. Sarà sufficiente scaricare dal proprio smartphone l’App Postepay, cli..

    Continua a Leggere

  • Centro di raccolta di Fiumelato. Contenitori tra il fango? A breve sarà un lontano ricordo

    Cultura

    [gallery ids="89150,89151,89152,89153,89154,89155,89156,89157"] Monreale, 16 gennaio 2019 - Da quando è stato istituito il centro di raccolta dei rifiuti differenziati all’ex Casello di Fiumelato per servire una parte della zona periferica di Monreale, tante sono state le lamentele dei residen..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Salme in attesa nel deposito del cimitero. Vittorino: “A breve procediamo con la tumulazione”

    Cultura

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Sulle condizioni in cui versa il cimitero monrealese abbiamo più volte scritto. Come in diverse occasioni alcuni cittadini hanno deciso di armarsi di attrezzi e buona volontà per ripulire e dare decoro al luogo. Mimmo Vittorino, neo assessore con delega ai servizi cimit..

    Continua a Leggere

  • Quartiere Carmine, tentato furto di rame. Staccata la grondaia della chiesa

    Cultura

    [gallery ids="89086,89085,89084"] Monreale, 15 gennaio 2019 -I ladri sono riusciti solo a staccare la grondaia ma non l'hanno portata via. Ancora una volta per pochi euro nel cuore della città avviene una manomissione ad un impianto pubblico. Un tentato furto di rame è avvenuto nel weekend all'..

    Continua a Leggere

  • L’assessore Potenza incontra i dirigenti scolastici. Stilato il calendario delle iniziative

    Cultura

    Monreale, 15 gennaio 2019 - Si è svolto stamane in Sala Rossa un primo incontro, promosso dall’assessore alla Pubblica Istruzione Serena Potenza, con i Dirigenti Scolastici degli istituti monrealesi, che ha avuto come obiettivo la programmazione di alcune iniziative sulla legalità, ..

    Continua a Leggere

  • Monreale, previsto taglio alla retta degli asili nido. Il Comune riceve un contributo dalla regione

    Cultura

    Monreale, 15 gennaio 2019 - In arrivo un contributo di € 75.373,20 per il comune di Monreale. A beneficiarne saranno le famiglie con bambini iscritti agli asili nido. Il contributo, previsto dall’Avviso approvato dalla Regione Siciliana, è infatti finalizzato a sostenere la spesa per la gestion..

    Continua a Leggere

  • Via Ruffo di Calabria, conclusi i lavori. La strada è riaperta al transito

    Cultura

    Palermo, 15 gennaio 2019 - Intorno alle 13,00 è stata riaperta al transito Via Ruffo di Calabria. L’arteria stradale che collega Palermo con San Martino delle Scale, evitando l’attraversamento di Boccadifalco, era stata chiusa dopo il crollo del muro.  La messa in sicurezza della strada..

    Continua a Leggere

  • Terrasini. Ritrovato il corpo senza vita di Anthony Cascino, il ragazzo travolto dalle onde

    Cultura

    Terrasini, 15 gennaio 2019 - È stato trovato in questi minuti il corpo del giovane di Villabate, Anthony Cascino, che questa mattina è stato travolto da un’onda mentre stava pescando, assieme ad un amico, su uno scoglio di fronte all’hotel Perla del Golfo di Terrasini. Questa mattina si era..

    Continua a Leggere

  • Finanziaria regionale. Abolizione certificato medico entro i cinque giorni di assenza a scuola, biglietti gratuiti dell’AST per studenti universitari, forze dell’ordine e disabili

    Cultura

    Palermo, 15 gennaio 2019 - Collegato ai nastri di partenza all’Assemblea regionale siciliana. La giunta Musumeci ha approvato domenica scorsa i quattro disegni di legge di cui uno generale, che comprende 17 articoli, e che è stato trasmesso ieri all’Ars e che transiterà dalla ..

    Continua a Leggere

  • Differenziata al palo. Roccamena in coda alla classifica dei comuni

    Cultura

    Roccamena, 15 gennaio 2019 - Il comune di Roccamena vanta un triste primato. È tra i comuni siciliani meno virtuosi per quanto riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti. Tiene la posizione numero 348 su 390. Gli ultimi dati, aggiornati ad ottobre dello scorso anno, parlano di una raccolta d..

    Continua a Leggere

  • Ricordare tutte le vittime di mafia, un obbligo morale per chi si occupa dell’educazione e della formazione dei ragazzi

    Cultura

    Monreale, 15 gennaio 2019 - Uno dei più importanti doveri civili e morali di una società che suole identificarsi nei principi della Costituzione e della Legalità, non solo come fonti teoriche, a volte un po' astratte, ma come pratica reale e quotidiana, generalizzata ad ogni contesto sociale, è ..

    Continua a Leggere

  • Operatore del benessere e operatore della ristorazione, meccanico e segretaria d’azienda, ristorazione e preparazione del sushi. Open Day dell’Associazione Ted

    Cultura

    [gallery ids="88948,88949,88950,88951,88952,88953,88954,88955,88956,88957,88958,88959,88960"]   https://www.facebook.com/tedformazioneprofessionale/videos/353949572091693/ Monreale, 15 gennaio 2019 - Giovedì 17 gennaio dalle ore 9.00  al..

    Continua a Leggere

  • Pascucci: «Voglio ricordare alla famiglia Riina che Corleone non è più “Cosa Loro”. Le regole vanno rispettate e non interpretate»

    Cultura

    Corleone, 14 gennaio 2018 – Non si placano le polemiche intorno alla scelta di Lucia, la figlia di Totò Riina, di aprire un ristorante a Parigi richiamando nell’insegna il nome del padre e del comune di Corleone. “Corleone by Lucia Riina”, si leggeva sull'insegna del locale. Un’operazione..

    Continua a Leggere

  • Via Ruffo di Calabria. Domani al via i lavori di messa in sicurezza

    Cultura

    Palermo, 14 gennaio 2019 - Cominceranno domattina i lavori per abbattere il muro pericolante di via Ruffo di Calabria, l’arteria stradale che collega Palermo con San Martino delle Scale, evitando l’attraversamento di Boccadifalco. L’avvio dei lavori è stato stabilito con una ordinanza del com..

    Continua a Leggere

  • Sindrome della morte in culla? L’ipotesi più accreditata sulla causa della morte della neonata di San Cipirello. Indagati i genitori

    Cultura

    Monreale, 14 gennaio 2019 - Sarà l’autopsia disposta dal magistrato per questa mattina a stabilire se la neonata di San Cipirello sia deceduta a causa della sindrome della morte in culla (Sids), al momento la tesi più accreditata, o per altre ca..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com