Oggi è 21/01/2019

Corleone

A Corleone il cronista antimafia Borrometi. Ai giovani: «Basta mafia, siete voi Corleone»

Per Borrometi «l’informazione rende liberi e consente di scegliere da che parte stare»

Pubblicato il 21 maggio 2018

A Corleone il cronista antimafia Borrometi. Ai giovani: «Basta mafia, siete voi Corleone»

Corleone, 21 maggio 2018 – Una preziosa testimonianza è stata quella di Paolo Borrometi oggi a Corleone. Il paese ormai ex culla di Cosa nostra e dove si respira un’aria nuova. Ne sono consapevoli soprattutto i giovani corleonesi, che stamattina hanno accolto il giornalista ragusano, all’interno dell’auditorium della scuola Don Colletto. Quella del giornalista, coraggioso direttore del giornale on line La Spia e collaboratore dell’Agenzia Agi, è stata una pura testimonianza di legalità e nient’altro. Borrometi, sul quale esisteva un piano di uccisione studiato dalla mafia di Pachino, non ha usato mezzi termini per raccontare ai liceali la propria esperienza da cronista di provincia, nata da una passione, quella di fare informazione, che si è trasformata poi in un incubo, in seguito alle minacce di morte e all’intenzione dei mafiosi di Pachino di «toglierlo di mezzo». Un incubo – Borrometi non nasconde di aver avuto paura – che però, oggi gli dà la spinta a perseverare nei racconti sui fatti e sulle vicende in maniera normale, come un normale cronista è chiamato a fare.

Questa mattina Borrometi ha vestito i panni del testimone, come ha detto la dirigente scolastica del Don Colletto, Natalia Scalisi. «Testimone – ha aggiunto – significa coerenza con i principi e i valori di cittadinanza attiva, in cui si crede e ai quali, nonostante le gravi minacce e i continui pericoli, si rimane fedeli». Borrometi per la dirigente rappresenta l’espressione vivente di un ruolo alla quale l’informazione non può abdicare. «Scavare ogni giorno nel sistema di potere criminale – ha detto Natalia Scalisi -, nei suoi intrecci con quello politico ed economico, per poi raccontarne le conseguenze sulla vita dei cittadini, sull’ambiente, sul tessuto sociale e istituzionale del Paese. Quella contro le mafie è una battaglia di libertà e per questa battaglia Paolo Borrometi è stato oggetto di ripetute minacce di morte, tanto gravi che oggi vive sotto scorta». All’incontro, Legalità e Libera informazione, assieme agli studenti hanno partecipato anche Salvatore Li Castri, vice presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Sicilia, Laura Biffi dell’Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente, Vincenzo Oliveri e Caterina Greco, rappresentanti del Cidma di Corleone e la Commissione Straordinaria del comune di Corleone.

Borrometi, nel corso del suo intervento, si è subito voluto spogliare delle vesti di eroe. «Sono un ragazzo come voi – ha esordito rivolgendosi agli studenti -. Non sono un eroe. Ho iniziato a parlare di ciò che non funzionava nel mio territorio e l’ho capito solo dopo che si trattava di mafia. A Ragusa mi dicevano però che mafia non ce n’era. Nel 2012 non pensavo che quelle che avevo subito fossero intimidazioni mafiose ma la situazione cambiò nel 2014, quando iniziai a parlare di inchieste della Scicli mafiosa, che avrebbero contribuito al cambiamento dell’opinione pubblica e allo scioglimento del comune». Borrometi in provincia nel Ragusano diviene ben presto, con i suoi articoli giornalistici, un ostacolo per i «galantuomini» locali. Il suo obiettivo non è combattere la mafia ma, più semplicemente, di raccontarla e modificare il modo di interpretare le vicende locali. «Peggio della mafia – ha detto agli studenti – c’è la cultura mafiosa che deve essere combattuta ogni giorno perché è insita in ognuno di noi. In noi deve fiorire la cultura della legalità, la cultura dei piccoli gesti».

Per Borrometi «l’informazione rende liberi e consente di scegliere da che parte stare». E adesso ne è ancora più convinto, soprattutto dopo aver scelto di andare avanti e continuare a scrivere nonostante le minacce di morte che lo costringono a convivere con una scorta. «Parlare di mafia non significa rovinare l’immagine della nostra terra – ha affermato il cronista – ma sconfiggere la cultura mafiosa. Ho continuato a farlo anche quando sono finito sotto scorta, quando hanno tentato di incendiare casa mia». L’intervento di Borrometi a Corleone ha assunto questa mattina una valenza non indifferente. «Riina e Provenzano devono essere dimenticati – ha urlato forte – perché rappresentano la feccia di questo comune e di questa regione perché di onore e rispetto le mafie non hanno nulla, hanno colpito donne e bambini e persone innocenti». Per Borrometi la nuova Corleone era presente questa mattina dentro l’auditorium del liceo corleonese. Quei giovani che, dopo aver ascoltato, in silenzio, la testimonianza del giornalista, hanno rotto la commozione con un fragoroso applauso, scacciando, in un sol colpo, i fantasmi di quei fantomatici «uomini d’onore», che ormai si stanno, via, via, allontanando dalla memoria collettiva: «Corleone sono i giovani».

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Volley, ancora una fantastica doppietta per la Primula

    Corleone

    Monreale, 20 gennaio 2019 - Soffre ma riesce a vincere la Primula che alla sua ottava giornata di campionato ha ospitato, sabato pomeriggio, la forte Vigor Mazara posizionata 6 punti più in alto nella classifica della Serie D.

    Alle ore 17 in punto nella palestra dell'A. Veneziano è s..

    Continua a Leggere

  • Incidente mortale a Castelvetrano, muore un 23enne di Contessa Entellina

    Corleone

    Castelvetrano, 20 gennaio 2019 - Ha perso la vita questa notte in un tragico incidente stradale Antonio Vilardi, 23enne di Contessa Entellina che viaggiava lungo la SS115 nei pressi di Marinella, frazione di Castelvetrano. Il giovane, dipendente dell’hotel Admeto di ..

    Continua a Leggere

  • Scontro tra un’auto e un furgone in contromano in viale Regione Siciliana

    Corleone

    Palermo, 20 gennaio 2019 - Un furgone bianco è stato inseguito dalla polizia mentre procedeva contromano in viale Regione Siciliana a Palermo. Diverse volanti hanno cercato di bloccare il mezzo che procedeva nei pressi del sottopassaggio di viale Leonardo da Vinci in direzione di Catania. T..

    Continua a Leggere

  • “C’è un complotto contro Papa Francesco per chiudere questo pontificato”

    Corleone

    "Ci sono persone alle quali semplicemente non piace questo pontificato. Vogliono che finisca il prima possibile, per poi avere – per così dire – un nuovo conclave. Vogliono anche questo termini a loro favore, con un risultato in linea con le loro idee". L’accusa è forte: un complotto cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Amministrative 2019. Tanti i candidati, pochi i contenuti

    Corleone

    Monreale, 19 gennaio 2019 - La piena assoluzione incassata dal sindaco Piero Capizzi con la sentenza di mercoledì scorso lascia cadere le sue ultime riserve sulla ricandidatura a sindaco di Monreale. Già preannunciata, adesso diviene una certezza. Non ci sono altri ostacoli alla sua corsa, per la ..

    Continua a Leggere

  • Giacalone, incidente stradale: auto si cappotta

    Corleone

    [gallery ids="89454,89453,89452"] Monreale, 19 gennaio 2019 - L'incidente stradale è avvenuto nella tarda mattinata di oggi, sulla SP20 in direzione San Giuseppe all'altezza del civico 23 nei pressi di Giacalone, in cui è rimasta coinvolta solo un'automobile. Il conducente non ha riportato feri..

    Continua a Leggere

  • Palermo vs Salernitana  1-2 

    Corleone

    Stadio Renzo Barbera (Palermo), 19 gennaio 2019 - Il Palermo stecca la prima di ritorno e si ferma la serie positiva che ha permesso di raggiungere quota 37 e titolo di campione d’inverno. Stellone a fine partita ha dichiarato che questa sconfitta ci può stare ma la testa e già a Cremona. Il ..

    Continua a Leggere

  • La primavera tragica di Jan Palach. Cosa ne resta oggi?

    Corleone

    Monreale, 19 gennaio 2019 - Nel pomeriggio del 16 gennaio 1969 a Praga, in piazza San Venceslao, Jan Palach, studente di filosofia cecoslovacco, si cosparse il corpo di benzina immolandosi col fuoco (come i monaci buddisti in Vietnam, nel ’64, contro un altro impero: quello americ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, il consigliere Moscarelli passa alla Lega

    Corleone

    Roccamena, 18 gennaio 2019 - La Lega entr..

    Continua a Leggere

  • La Primula dona Kit Volley S3 alla Veneziano

    Corleone

    Monreale, 18 gennaio 2019- Lunedì 21 gennaio la Primula donerà alla Scuola “A.Veneziano”  il Kit Volley S3, contenente la rete per tre campi di gioco, palloni di volley e materiale didattico per i docenti. All’incontro saranno presenti i Dirigenti della S..

    Continua a Leggere

  • CPI di Monreale, poche offerte di lavoro e nessun servizio di inserimento per lavoratori disabili e categorie protette

    Corleone

    Monreale, 18 gennaio 2019 - È attivo il Centro per l’Impiego di Monreale, ma resta scarsa l'offerta lavorativa proposta, come anche nei centri delle altre città. L'ufficio di Monreale ha sede in via Venero presso l’ex Serit, e i cittadini monre..

    Continua a Leggere

  • Cancro io ti boccio

    Corleone

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Il 25 Gennaio 2019 la scuola Antonio Veneziano aderirà alla manifestazione promossa dell’associazione AIRC “Cancro io ti boccio” che vuole promuovere la prevenzione delle malattie oncologiche. Le classi seconde e terze, nell’arco della mattinata, parteciperanno a..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Tossicodipendente arrestato dai Carabinieri. A denunciarlo i suoi stessi genitori

    Corleone

    Monreale, 18 gennaio 2019 - A presentare formale denuncia presso la stazione dei Carabinieri di Monreale sono stati i suoi stessi genitori. E così F. I., un giovane di 25 anni residente a Monreale in via Aquino Molara, è stato tratto in arresto. I genitori erano stanchi, non riuscivano a sost..

    Continua a Leggere

  • Meteo, da sabato finisce la tregua. Bufera di pioggia in arrivo

    Corleone

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Preparatevi ad un lungo e persistente periodo freddo e perturbato. Si tratterà di più giorni con temperature sotto media per quasi tutta la Sicilia. Gennaio ricorda a tutti che è il mese invernale per eccellenza. Da sabato finisce la tregua anticiclonica, piogg..

    Continua a Leggere

  • Blitz nel circo Sandra Orfei, sequestrata una tigre. Aveva il microchip di un altro animale

    Corleone

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Oggi I Carabinieri del Centro Anticrimine Natura di Palermo, a seguito di un controllo amministrativo presso una struttura circense, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria, V.C. classe 1974, gestore del circo presente in città, poiché deteneva un esemplare di panth..

    Continua a Leggere

  • Collegio di Maria, arrivano i ringraziamenti per la soluzione raggiunta. Ma i genitori sono divisi

    Corleone

    Monreale, 17 gennaio 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta in Redazione da parte di un gruppo di mamme che si sono battute affinché i figli potessero avere quello che una scuola normale offre. I genitori delle classi IV e V F dell'istituto Pietro Novelli chiedevano all'amministrazione ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Cantieri di lavoro. Chi verrà chiamato (All’interno la graduatoria definitiva)

    Corleone

    Monreale, 17 gennaio 2019 - È stata pubblicata la graduatoria (CLICCA QUI PER LEGGERLA) definitiva dei soggetti che verranno occupati nei cantieri di lavoro per il Comune di Monreale.

    Continua a Leggere

  • Centri per l’impiego, 4mila posti di lavoro disponibili

    Corleone

    La Legge di Bilancio 2019 autorizza le Regioni ad assumere ben 4Mila unità di personale nei propri uffici che si occupano delle politiche attive per l’occupazione. Questo incremento dell’..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com