Oggi è 15/10/2018

Corleone

A Corleone il cronista antimafia Borrometi. Ai giovani: «Basta mafia, siete voi Corleone»

Per Borrometi «l’informazione rende liberi e consente di scegliere da che parte stare»

Pubblicato il 21 maggio 2018

A Corleone il cronista antimafia Borrometi. Ai giovani: «Basta mafia, siete voi Corleone»

Corleone, 21 maggio 2018 – Una preziosa testimonianza è stata quella di Paolo Borrometi oggi a Corleone. Il paese ormai ex culla di Cosa nostra e dove si respira un’aria nuova. Ne sono consapevoli soprattutto i giovani corleonesi, che stamattina hanno accolto il giornalista ragusano, all’interno dell’auditorium della scuola Don Colletto. Quella del giornalista, coraggioso direttore del giornale on line La Spia e collaboratore dell’Agenzia Agi, è stata una pura testimonianza di legalità e nient’altro. Borrometi, sul quale esisteva un piano di uccisione studiato dalla mafia di Pachino, non ha usato mezzi termini per raccontare ai liceali la propria esperienza da cronista di provincia, nata da una passione, quella di fare informazione, che si è trasformata poi in un incubo, in seguito alle minacce di morte e all’intenzione dei mafiosi di Pachino di «toglierlo di mezzo». Un incubo – Borrometi non nasconde di aver avuto paura – che però, oggi gli dà la spinta a perseverare nei racconti sui fatti e sulle vicende in maniera normale, come un normale cronista è chiamato a fare.

Questa mattina Borrometi ha vestito i panni del testimone, come ha detto la dirigente scolastica del Don Colletto, Natalia Scalisi. «Testimone – ha aggiunto – significa coerenza con i principi e i valori di cittadinanza attiva, in cui si crede e ai quali, nonostante le gravi minacce e i continui pericoli, si rimane fedeli». Borrometi per la dirigente rappresenta l’espressione vivente di un ruolo alla quale l’informazione non può abdicare. «Scavare ogni giorno nel sistema di potere criminale – ha detto Natalia Scalisi -, nei suoi intrecci con quello politico ed economico, per poi raccontarne le conseguenze sulla vita dei cittadini, sull’ambiente, sul tessuto sociale e istituzionale del Paese. Quella contro le mafie è una battaglia di libertà e per questa battaglia Paolo Borrometi è stato oggetto di ripetute minacce di morte, tanto gravi che oggi vive sotto scorta». All’incontro, Legalità e Libera informazione, assieme agli studenti hanno partecipato anche Salvatore Li Castri, vice presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Sicilia, Laura Biffi dell’Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente, Vincenzo Oliveri e Caterina Greco, rappresentanti del Cidma di Corleone e la Commissione Straordinaria del comune di Corleone.

Borrometi, nel corso del suo intervento, si è subito voluto spogliare delle vesti di eroe. «Sono un ragazzo come voi – ha esordito rivolgendosi agli studenti -. Non sono un eroe. Ho iniziato a parlare di ciò che non funzionava nel mio territorio e l’ho capito solo dopo che si trattava di mafia. A Ragusa mi dicevano però che mafia non ce n’era. Nel 2012 non pensavo che quelle che avevo subito fossero intimidazioni mafiose ma la situazione cambiò nel 2014, quando iniziai a parlare di inchieste della Scicli mafiosa, che avrebbero contribuito al cambiamento dell’opinione pubblica e allo scioglimento del comune». Borrometi in provincia nel Ragusano diviene ben presto, con i suoi articoli giornalistici, un ostacolo per i «galantuomini» locali. Il suo obiettivo non è combattere la mafia ma, più semplicemente, di raccontarla e modificare il modo di interpretare le vicende locali. «Peggio della mafia – ha detto agli studenti – c’è la cultura mafiosa che deve essere combattuta ogni giorno perché è insita in ognuno di noi. In noi deve fiorire la cultura della legalità, la cultura dei piccoli gesti».

Per Borrometi «l’informazione rende liberi e consente di scegliere da che parte stare». E adesso ne è ancora più convinto, soprattutto dopo aver scelto di andare avanti e continuare a scrivere nonostante le minacce di morte che lo costringono a convivere con una scorta. «Parlare di mafia non significa rovinare l’immagine della nostra terra – ha affermato il cronista – ma sconfiggere la cultura mafiosa. Ho continuato a farlo anche quando sono finito sotto scorta, quando hanno tentato di incendiare casa mia». L’intervento di Borrometi a Corleone ha assunto questa mattina una valenza non indifferente. «Riina e Provenzano devono essere dimenticati – ha urlato forte – perché rappresentano la feccia di questo comune e di questa regione perché di onore e rispetto le mafie non hanno nulla, hanno colpito donne e bambini e persone innocenti». Per Borrometi la nuova Corleone era presente questa mattina dentro l’auditorium del liceo corleonese. Quei giovani che, dopo aver ascoltato, in silenzio, la testimonianza del giornalista, hanno rotto la commozione con un fragoroso applauso, scacciando, in un sol colpo, i fantasmi di quei fantomatici «uomini d’onore», che ormai si stanno, via, via, allontanando dalla memoria collettiva: «Corleone sono i giovani».

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • A Monreale si parla di Mafia e dei suoi rapporti con le istituzioni

    Corleone

    Monreale, 15 ottobre 2019 - A Monreale per parlare di mafia, ed in particolare modo dei rapporti tra mafia e istituzioni. Il libro scritto da Fabio Giallombardo, dal titolo “Cosa Vostra - Mafia e istituzioni in Italia”, editrice “Autodafé”, è un’antologi..

    Continua a Leggere

  • Tutti i nomi del “Mosaico”. Ma è presto per parlare di candidature e di alleanze

    Corleone

    [gallery ids="79261,79260,79259,79258,79257,79256,79255,79254,79253,79252,79251,79250,79185"] Monreale, 14 ottobre 2018 - Urbanistica, rifiuti, disabilità, associazionismo, progettazione turistica, gestione delle risorse umane del comune. Ed ancora gestione dell’ufficio legale, rapporti istitu..

    Continua a Leggere

  • Droga all’interno della carta per le caramelle

    Corleone

    Palermo, 14 ottobre 2018 - Ancora droga allo ZEN 2. Ma stavolta avvolta all’interno di carta di caramelle. Era questo l’escamotage adottato dai pusher per distogliere l’attenzione degli inquirenti. Una trovata geniale, ma che non è servita a Dario Piazza, trentenne residente allo ZEN 2, pe..

    Continua a Leggere

  • Monreale, madre e figlia arrestate per spaccio di droga

    Corleone

    Monreale, 14 ottobre 2018 - Sono finite agli arresti domiciliari per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di due donne monrealesi, una cinquantenne, L. M., e la figlia, N. L. di venti anni. Son stati i Carabinieri della Compagnia di Monreale a trarle in arresto dopo u..

    Continua a Leggere

  • “Il Mosaico”: Chi sono, quanti sono, chi li sostiene, quali idee, e le alleanze? Le risposte domani alla presentazione ufficiale del Movimento

    Corleone

    Monreale, 13 ottobre 2018 - C‘è molta curiosità intorno alla presentazione ufficiale del Movimento “Il Mosaico” che avverrà domani pomeriggio presso i locali di Villa Savoia alle ore 17,00. Chi sono i veri attori di questa nuova realtà politica? Quanti sono, chi..


  • Palermo – Amsterdam e Palermo – Capo Nord in gommone. Il sindaco consegna un encomio allo skipper Sergio Davì

    Corleone

    [gallery ids="79174,79175,79176"] Monreale, 13 ottobre 2018 - Palermo - Amsterdam e Palermo - Capo Nord in gommone. Ma anche l’attraversamento dell’Atlantico a bordo del piccolo natante di 10 metri. La storia dello skipper monrealese Sergio Davì ha fatto il giro del mondo, e questa mattina i..


  • Obiettivi raggiunti al 100%. 6.500 € liquidati al segretario generale del comune di Monreale

    Corleone

    Monreale, 12 ottobre 2018 - Obiettivi pienamente raggiunti, massimo punteggio assegnato, e quindi liquidazione del massimo premio di risultato previsto.


  • “Il Ben…essere attraverso il Movimento”: incontro domani a Monreale

    Corleone

    Monreale, 12 ottobre 2018 -“Il Ben…essere attraverso il Movimento” è il titolo del convegno che si terrà domattina nella Sala Consiliare del Complesso Monumentale Guglielmo II, inserito nell’ambito dell’’Assemblea Nazionale dei soci UNC del territorio Nazionale e prevede la presenza de..


  • Sp57 nuova perdita di liquami. D’Alcamo: “Sostituiti i primi 100 metri di tubazione ma continueremo”

    Corleone

    San Martino delle Scale, 12 ottobre 2018 - Alle prime piogge, sulla Sp57 è fuoriuscita di liquami dai pozzetti d’ispezione della rete fognaria. Sull'annoso problema proprio ieri si è concluso l'intervento del comune di Monreale sulla strada che porta a San Martino delle Scale. Ma 200 metri ..


  • Il Basile di Monreale aderisce alla protesta degli studenti: “Stop allo sfruttamento, alternanza è formazione” (FOTO E VIDEO)

    Corleone

    [gallery ids="79100,79095,79094,79093,79092,79091,79090,79089,79088,79087,79086,79085,79084,79083,79082,79081,79080,79079,79078"] Palermo, 12 ottobre 2018 - Anche i licei monrealesi hanno partecipato questa mattina alla manifestazione indetta in tutt’Italia dalla Rete degli Studenti Medi e da U..


  • Grisì. Cedimenti, frane, pessime condizioni del manto stradale. Arriva all’ARS la pessima condizione della SP30

    Corleone

    Palermo, 12 ottobre 2018 - Cedimenti, frane, pessime condizioni del manto stradale, assenza di canali di raccolta delle acque. La pessima situazione della SP30, la strada provinciale che collega Partinico, San Cipirello e Grisì approda all’ARS. Ieri è stata depositata..


  • Rifiuti. Pubblicato il bando per il 2019. Inserita la clausola sociale a favore degli ex dipendenti dell’ATO

    Corleone

    Monreale, 12 ottobre 2018 - Pubblicato il bando relativo alla gara di appalto del servizio di spazzamento, raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani prodotti nell'intero territorio del Comune di Monreale per il 2019.  L’appalto avrà la durata di 12 mesi. Nel bando è stata inser..


  • Monreale, rinvio a giudizio dei 32 ex dipendenti dell’ATO. Il comune si costituisce parte civile

    Corleone

    Monreale, 12 ottobre 2018 - L’amministrazione comunale ha deciso di costituirsi parte civile nel processo contro i 32 ex dipendenti dell’ATO Alto Belice Ambiente, accusati di essersi assentati dal servizio, senza alcuna autorizzazione, durante le festività del Natale 2013. “I reati contest..


  • Secondo pareggio per l’Atletico Monreale contro il Redentino

    Corleone

    12 ottobre 2018 - Finisce 6-6 l’amichevole giocata nei giorni scorsi al campo Archimede contro il Team Redentino mai domo che rimonta in 5 minuti il risultato. Partita divisa in 3 tempi da 20 minuti, che vedono i primi l’Atletico sempre in vantaggio. Ma nei 5 minuti dell’ultimo tempo cam..


  • Partinico, sequestrate 6 tonnellate di marijuana. Arrestate 4 persone (IL VIDEO DELL’OPERAZIONE)

    Corleone

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=JuMnWr4ASIo&feature=youtu.be[/embed] Partinico, 12 ottobre 2018 - Sono Michele Vitale di Partinico, Salvatore Leggio di Palermo, Marco Antonio Emma di Sanremo e Vincenzo Cusumano di Partinico i 4 uomini arrestati a Partinico in seguito a..


  • Stop a trasferimento cani da ex mattatoio, Ferrandelli: “Portato a casa prima vittoria”

    Corleone

    "Oggi abbiamo portato a casa una prima vittoria: i cani resteranno a Palermo”. Così il leader dell’opposizione al Comune, Fabrizio Ferrandelli.


  • Allerta meteo in Sicilia, forti piogge e raffiche di vento

    Corleone

    La Protezione Civile Regionale ha diffuso un avviso per rischio meteo-idrogeologico e idraulico, valido dalle ore 16.00 di oggi, 11 ottobre, alle ore 24 di domani, 12 ottobre. Per la giornata di domani è previsto un livello di allerta arancione su tutta la Regione. In ..


  • Vuoi una villa come 007? Ecco dove trovarla

    Corleone

    Era l'autunno del 1962 quando nei cinema inglesi comparve il primo film dedicato a James Bond: si chiamava "Dr. No", e rappresentava il primo capitolo di una saga che, a distanza di più di mezzo secolo, si conferma ancora molto fortunata e apprezzata dal pubblico. Ecco perché..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com