Oggi è 26/04/2018

Cronaca

Almaviva. Ipotesi bad company? I sindacati non ci stanno

“Quale azienda sarà disposta ad assumerci dopo la riconversione?”, replica Claudio Marchesini che chiede di garantire i livelli occupazionali dei dipendenti Alamaviva

Pubblicato il 11 aprile 2018

Almaviva. Ipotesi bad company? I sindacati non ci stanno

Palermo, 11 aprile 2018 – Continua discesa delle tariffe, contrazione dei volumi, crisi del mercato, ma anche una criticità finanziaria legata a crediti non esigiti per circa 7 milioni di euro. Sono queste le principali cause della fase negativa che sta attraversando Almaviva, il colosso societario che fornisce servizi di call center ad aziende terze. Presente in Italia con sedi a Milano, Palermo, Napoli, Catania, Rende e Cagliari, nel solo capoluogo siciliano impiega circa 3.400 persone, di cui 2.800 assunte a tempo indeterminato. E per loro si presenta concreto lo spettro della disoccupazione, come preannunciato nel comunicato del 3 aprile inviato dalla società alle parti sociali, al Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

A metà giugno scadrà un accordo sindacale che si fondava sull’ausilio di ammortizzatori sociali che hanno permesso alla società di uscire indenne dalla crisi economica e finanziaria dello scorso anno, ma che non saranno ulteriormente rinnovabili per disposizione di legge.
“Sul centro operativo di Palermo, ad oggi, – si legge nel comunicato aziendale -sono prevalentemente concentrate attività per cinque importanti clienti, tutte in fase di rinnovo contrattuale. Tuttavia, il continuo calo dei volumi e il livello raggiunto dalle tariffe, in alcuni casi ben al di sotto del puro costo del lavoro, seguitano a generare consistenti perdite mensili e una dimensione di esuberi dal carattere ormai strutturale. Una dimensione che, inoltre, in base alle pianificazioni di attività a medio termine ricevute dai clienti, e pur nella ottimistica previsione del perdurare delle lavorazioni sul sito, si stima sia destinata ad aumentare in termini significativi entro la fine del corrente anno”.
Per l’azienda lo scenario futuro è piuttosto fosco. Per uscire dalla crisi Almaviva prevede di avviare la cessione di ramo del sito di Palermo. La nuova società sarà controllata sempre da Almaviva Contact. Un’operazione finalizzata a invertire l’andamento negativo della società.

I sindacati attendono l’incontro con l’azienda per discutere il nuovo piano industriale, ma non nascondono il timore che l’operazione sia propedeutica alla creazione di una bad company, corrispondente al sito di Palermo appunto, dove Almaviva potrà interamente scaricare costi ed esuberi di personale. Intanto Giuseppe Messina, Segretario regionale dell’Ugl Sicilia, il Segretario provinciale della Federazione telecomunicazioni di Palermo, Antonio Vitti e il Coordinatore regionale Almaviva, Claudio Marchesini, hanno ottenuto audizione presso la Commissione Bilancio all’ARS. Dall’incontro con i deputati è emerso che una possibile soluzione per evitare i licenziamenti potrebbe trovarsi nella riconversione del personale, attraverso la digitalizzazione. Una ipotesi questa che consentirebbe all’azienda di attingere all’Agenda digitale con investimenti per 441 milioni di euro, ma che incontra lo scetticismo dei sindacati.

“Quale azienda sarà disposta ad assumerci dopo la riconversione?”, replica Claudio Marchesini che chiede di garantire i livelli occupazionali dei dipendenti Alamaviva attraverso l’adozione di soluzioni strutturali in grado di rilanciare l’azienda. “Noi siamo contrari – prosegue Marchesini – alla creazione di una bad company. Si sa da almeno 5 anni che sarebbe stata la fine. Già nel 2013 l’UGL Sicilia non firmò per gli ammortizzatori sociali, che ci hanno permesso di vivacchiare, ma a costo di grossi sacrifici, sia in termini retributivi che di diritti. Già allora si aveva certezza che gli esuberi strutturali non sarebbero mai rientrati. Il comunicato aziendale di questi giorni è solo il preludio di una lenta sofferenza che porterà ad una certa chiusura del ramo d’azienda. Non vediamo alternative serie. L’intento dell’azienda è di riversare gli esuberi sul solo territorio palermitano anziché distribuirli in tutta l’Italia”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • “Il Cristo pantocratore domina con il suo sguardo”. Mons. Pennisi accoglie il Cardinale Parolin per il 750° anniversario della Cattedrale

    Cronaca

    [gallery ids="60181,60182,60183,60184,60185,60186,60187,60188,60189,60190,60191,60192,60193,60194,60195,60196,60197,60199,60200,60201,60202,60203,60204,60205,60206"] Monreale, 26 aprile 2018 - "Come 57° arcivescovo di Monreale ho l’onore di porgerle un cordiale benve..

    Continua a Leggere

  • Lo Zecchino d’Oro il 22 maggio sbarca a Monreale

    Cronaca

    Monreale, 26 aprile 2018 – Il 61° Zecchino d’Oro sbarca a Monreale. Nella sede dell’I.C.S. Antonio Veneziano, ..

    Continua a Leggere

  • Sit-in dei forestali a Monreale. L’avviamento si farà nel centro normanno

    Cronaca

    Monreale, 26 aprile 2018 - I forestali del comprensorio monrealese potranno procedere all'avviamento a Monreale. Stamattina una delegazione di lavoratori forestali di Pioppo e Monreale è salita al Palazzo di città per essere ricevuta dall’amministrazione comunale. Al Municipio si sono concentrat..

    Continua a Leggere

  • Ascesa e declino di Fancesco Balsano, capo mafia di Monreale per soli 10 giorni

    Cronaca

    Monreale, 26 aprile 2018 - Francesco Balsano, nato a Palermo il 23/12/1976, è stato condannato dal Gup Ferdinando Sestito alla pena di 12 anni e 6 mesi di reclusione.


  • La monrealese Dajana Roncione new entry de “La mafia uccide solo d’estate”. Stasera su Rai Uno

    Cronaca

    Monreale, 26 aprile 2018 - Stasera su Raiuno andrà in onda la seconda stagione de "La mafia uccide solo d'estate". Fra le new entry della serie televisiva ci sarà la monrealese Dajana Roncione. L'attrice interpreta una cantante sexy che fa perdere la testa all’alter ego di Francesco Scianna..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, ritrovato morto l’anziano scomparso tre giorni fa

    Cronaca

    San Cipirello, 25 aprile 2018 - Dopo tre giorni di ricerche è stato ritrovato morto il 76enne scomparso. I carabinieri hanno rivenuto il cadavere di G.D.L. impiccato a un albero nelle campagne di San Cipirello. L'uomo si era allontanato da casa sua per raggiungere Piana degli Albanesi, fare una ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità, per la conclusione dell’anno giubilare del 750° anniversario della dedicazione della Basilica Cattedrale

    Cronaca

    Monreale, 25 aprile 2018 - Si terrà domani pomeriggio, alle ore 17,00, la conclusione dell’anno giubilare del 750° anniversario della dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale. Il 25 aprile 1267, primo lunedì dopo l’ottava di pasqua, la cattedrale fu consacrata alla Madonna dal Car..


  • Monreale, dalla periferia alla città: erba alta e incuria

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 - Erba non tagliata, erbacce alte fino a un metro e mezzo, vegetazione incolta e degrado diffuso. Questa è la situazione che si presenta sia alle porte di Monreale che nei quartieri del centro storico. Manutenzione dei marciapiedi, delle strade e sfalcio d'erba as..


  • Belmonte Mezzagno. Reintegrati al comune due geometri sospesi in seguito all’operazione Perseo

    Cronaca

    Belmonte Mezzagno, 24 aprile 2018 - I giudici del Tar Lazio hanno accolto il ricorso presentato da due geometri del Comune di Belmonte Mezzagno che erano stati rimossi dopo le ispezioni prefettizie su possibili infiltrazioni mafiose degli organi elettivi. Nel 2008, nel corso dell’operazione dei..


  • Autismo, l’acqua può sviluppare la fiducia in sé stessi

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 -Nell’aula Sarina Ingrassia, le settimane scorse si sono svolti una serie di incontri tra ..


  • Mafia di San Giuseppe Jato e Monreale. Condanne per oltre 2 secoli di carcere I NOMI e FOTO

    Cronaca

    [gallery ids="59992,59993,59994,59995,59996,59997,59999,60000,60001,60002,60003,60004,60005,60006,60007,60008,60009,60010,60011,60012,60013,60014,60015,60016,60017,60018,60019,60020,60021"] Palermo, 24 aprile 2018 - Il giudice Ferdinando Sestito del Tribunale ordinario di Palermo – sezione del Gi..


  • Grisì, un uomo impatta con due autovetture. Arrestato dai Carabinieri

    Cronaca

    Grisì, 24 aprile 2018 - Nella serata di lunedì 23 aprile, i militari della Stazione di Grisì (PA) hanno tratto in arresto un uomo, colto in flagranza del reato di danneggiamento aggravato di autovetture. L’uomo, alla guida della propria autovettura, andava ad impattare contro due autove..


  • San Cipirello, 76enne esce per comprare il pane e scompare

    Cronaca

    San Cipirello, 24 aprile 2018 - Da domenica 22 aprile non si hanno più notizie del 76enne Giuseppe De Luca. Era uscito di casa, San Cipirello, per raggiungere Piana degli Albanesi. Lì avrebbe dovuto comprare il pane, fare una passeggiata per il paese e passare al circolo ricreativo, ma dell'anzian..


  • Monreale. La donna nel corso dei secoli, attraverso il ritratto di Rosalia Novelli, la Virdimura e Mariannina Coffa

    Cronaca

    “La donna e l’intelligenza: una sfida lungo i secoli”. È questo il tema dell’incontro che si terrà sabato 28 aprile, alle ore 17,30, presso la Biblioteca Santa Maria La Nuova (sezione Fondo antico), nel complesso Guglielmo II. L’incontro sarà l’occasione per presentare il libro di Rit..


  • Villa comunale, un pool di esperti volontari per il ripristino dell’area in frana

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 - Stamattina si è svolto un sopralluogo tecnico all'interno della Villa comunale di Monreale finalizzato alla sua riapertura integrale. Il Giardino delle delizie monrealese, dal marzo 2011, a seguito del crollo di una porzione di muro della balconata del Belvedere, era stat..


  • Colpo al clan mafioso di Monreale, sequestrati i beni a Vincenzo Madonia

    Cronaca

    Palermo, 24 aprile 2018 - La sezione Misure di Prevenzione della Procura di Palermo ha deciso il sequestro di alcuni beni riconducibili a Vincenzo Madonia, uomo d’onore monrealese, ex parrucchiere, arrestato nel 2008 e condannato nell’ambito dell’operazione antimafia Perseo, che bloccò il ten..


  • Monreale, sindaco senza maggioranza solida. Va sotto in consiglio comunale

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 - La maggioranza non ha i numeri in consiglio comunale e non riesce ad approvare il regolamento per la gestione della galleria civica. Al momento della votazione una cospicua schiera di consiglieri di minoranza, nel corso della seduta di ieri, ha abbandonato l’aula non con..


  • Partirà con anticipo la campagna antincendio in Sicilia

    Cronaca

    Palermo, 23 aprile 2018 - Quest’anno saranno 15 i mezzi aerei a disposizione in Sicilia per fronteggiare gli incendi nella stagione estiva; nove sono messi a disposizione dal Dipartimento nazionale della Protezione civile, quattro dei quali finanziati dalla Regione siciliana in convenzione con for..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com