Oggi è 15/02/2019

In Evidenza

Ganci (ex segretario PD): “Al posto della Quadrante avrei rassegnato le dimissioni”

Il PD locale si è disinteressato di amministrare la città e i suoi problemi, e ha iniziato una inutile quanto deprecabile guerra di poltrone

Pubblicato il 7 marzo 2018

Ganci (ex segretario PD): “Al posto della Quadrante avrei rassegnato le dimissioni”
Fabio Ganci

Monreale, 7 marzo 2018 – Fabio Ganci, segretario monrealese del Partito Democratico tra il 2012 e il 2013, lo scorso dicembre non ha rinnovato la tessera. Non ha mai nascosto la sua posizione critica con il percorso avviato dal partito, prima sotto la guida del commissario Antonio Rubino e poi con la nuova segreteria a firma Quadrante. A lui, attento osservatore delle dinamiche politiche, abbiamo chiesto un’analisi sul presente e sul futuro del PD che a Monreale, alle scorse consultazioni elettorali, ha raccolto un risultato deludente.

D: In Italia il Partito Democratico è al 18,7%, in Sicilia all’11%. Ancora meno fa a Monreale, dove si ferma al 7,8%. Nonostante fosse stato proposto agli elettori un candidato locale, l’ex deputato regionale Salvo Lo Giudice, nella nostra città il PD segna una delle peggiori percentuali d’Italia. Perché questo risultato? Era una disfatta annunciata?

R: Il PD, a Monreale, si è sciolto come neve al sole. Alle Regionali il partito era già crollato. Alle nazionali i risultati sono stati catastrofici. Occorre dire che questi risultati non possono essere spiegati e giustificati solo con il voto di protesta in favore del M5s. Altri partiti storici, come Forza Italia, infatti, non solo hanno mantenuto il loro consenso elettorale ma, addirittura, pur non avendo avuto un candidato locale, lo hanno aumentato. La verità è che da diversi mesi il PD locale si è disinteressato di amministrare la città e i suoi problemi, e ha iniziato una inutile quanto deprecabile guerra di poltrone. E la gente questo l’ha capito e l’ha punito. Il PD non ha neppure fatto un comizio in piazza, pur avendo il candidato locale. Il consenso elettorale personale di Renzi li aveva abituati a vincere facile. Nel momento in cui Renzi è caduto in disgrazia i politici locali sono stati costretti a dimostrare le loro capacità comunicative e le loro competenze: ed è stato un disastro.

D: Fin quando il partito è stato guidato dal commissario Antonio Rubino è riuscito a rimanere in giunta, determinando, nel bene o nel male, le sorti del paese. Con l’insediamento della nuova segreteria, a firma Quadrante, il partito si porta fuori dal governo della città, lasciato in mano al centro destra. Condivide la posizione assunta dall’attuale segreteria?

R: A Monreale il PD è stato determinante sia per l’elezione dell’attuale Sindaco sia per la guida del paese. I primi tre anni di amministrazione Capizzi sono stati importanti per la nostra città. Nonostante ciò una parte del partito, da sempre contraria alla segreteria di Toti Zuccaro, ma non ai suoi voti, ha deciso di chiedere, per esclusivi fini personali e interessi di corrente politica regionale, celati dietro una proposta di rilancio dell’azione amministrativa, la sostituzione della squadra assessoriale del PD. 

I primi tre anni di amministrazione Capizzi sono stati importanti per la nostra città

Con le dimissioni da Segretario di Toti Zuccaro e la nomina del Commissario Rubino è iniziato il declino del Pd Monrealese.

Il Commissario ha favorito l’inutile (per Monreale) guerra portata avanti dal gruppo consiliare del PD nei confronti degli assessori. E Rubino, assicuratosi l’appoggio per le successive sfide elettorali, ha sostituito gli assessori del PD, che sino ad allora si erano contraddistinti per l’importante azione svolta brillantemente sul territorio, con figure che non solo hanno ottenuto scarso gradimento da parte dei cittadini ma non sono riusciti minimamente ad incidere sull’azione amministrativa.

Il consigliere Quadrante, subentrata a Rubino, ha completato l’opera.

Il consigliere Quadrante avrebbe dovuto, sin da subito, dare un’impronta decisa alla sua segreteria, fornendo una proposta credibile e forte commisurata al nuovo scenario politico configuratosi dopo le regionali. E ciò per non tradire il mandato degli elettori che avevano assegnato al PD la guida del paese.

Il segretario Quadrante si è fatta commissariare da altri esponenti locali del PD

Invece si è fatta immediatamente commissariare da altri esponenti locali del PD, determinando, in modo inspiegabile, le condizioni per la fuoriuscita del partito dalla giunta.

Ha condotto una trattativa con il Sindaco in modo superficiale, fornendo nomi invece di parlare di programmi. Ha tentato di imporre al Sindaco, con un aut aut senza precedenti e senza giustificazioni logiche e politiche, tre assessori e il vicesindaco. E il Sindaco, politico navigato e furbo, ha fatto in modo che la rottura con il PD non si consumasse sui programmi o sul metodo, ma sui nomi dei tre futuri assessori.

La conseguenza? Questa trattativa è stata vista solo e soltanto come una guerra di poltrone portata avanti dal consigliere Quadrante e dai consiglieri. E i cittadini, ancora una volta, sono rimasti delusi e sconcertati.

D: Il segretario Manuela Quadrante ha commentato il risultato elettorale con un post su Facebook. Nessuna analisi del voto, nessuna autocritica. Se Lei oggi fosse il segretario locale del PD cosa farebbe alla luce del risultato elettorale conseguito?

R: Da socio fondatore del PD sono rammaricato per quanto accaduto e mi addolora dover assistere a questa disfatta. Ho dovuto prendere atto, già da tempo, che il PD di Monreale è il fratellastro del partito in cui ho militato per anni.

Se oggi fossi stato il segretario, a fronte del catastrofico risultato elettorale, avrei rassegnato le dimissioni e chiesto scusa ai militanti. Non aver fatto neppure un comizio testimonia come non si sia fatta alcuna campagna elettorale. Solo proclami e autocelebrazioni. E’ chiaro, infine, che il disastro elettorale si spiega col fatto che alcuni consiglieri, molti sedicenti maggiorenti e tanti componenti della segreteria non hanno fatto campagna elettorale. 

D: Uno sguardo fuori la Sicilia. Quale identità ha oggi il Partito Democratico? Si può definire ancora un partito di centro sinistra, o Renzi l’ha trasformato in qualcos’altro?

R: Sono d’accordo con Veltroni quando dice che il PD è rimasto imbrigliato nel senso di responsabilità. All’Italia serviva e serve una sinistra liberale, riformista e radicale nelle scelte e nei programmi.

Credo che il PD non rappresenti oggi una sinistra moderna e abbia perso con gli anni la voglia di comprendere i malesseri sociali che hanno alimentato invece i populismi, concentrandosi troppo sull’ampliamento dei consensi per sottrarre voti ai partiti di centro destra.

In parole povere la sinistra si è liquefatta. Sinceramente non ho mai approvato la visione monarchica del Renzismo. Devo dire che molti di quelli che oggi lo criticano, anche a livello regionale, hanno tratto beneficio dal Renzismo, sono stati miracolati dal Renzismo. Hanno idolatrato Renzi come un dio greco. Forse oggi farebbero bene a stare zitti e far parlare esclusivamente i non Renziani della prima ora, per dignità e coerenza.

Credo che il PD di oggi debba prima lavorare su stesso, interrogarsi, fare autocritica, cercare di tornare indietro per poter risorgere dalle ceneri ed essere credibile agli occhi dell’elettorato di sinistra prima di poter avanzare proposte credibili ai cittadini.

D: Per Antonello Cracolici il PD è divenuto ormai un autobus. Come valuta l’ingresso nel PD di Leoluca Orlando e di alcuni uomini provenienti dalle file del centro destra, come Dore Misuraca?

R: Non approvo né mai approverò coloro che sono approdati al PD solo per avere un comodo trampolino di lancio e, una volta ottenuta visibilità, consensi e magari anche qualche posto di rilievo, abbandonano il partito per tornare alle loro origini.

Credo che il partito avrebbe dovuto conservare un’identità forte, senza piegarsi a compromessi o scelte di comodo che, alla fine, penalizzano il partito e disorientano gli elettori. Il PD dovrebbe stare al passo con i tempi, cercando di dare risposte concrete ai problemi che affliggono i cittadini senza rivolgere l‘attenzione a personaggi che portano qualche dubbio voto a scapito della storia del partito.

D: Alla luce del risultato elettorale registrato a Monreale, quali effetti si potrebbero avere per le prossime amministrative?

R: Il 12 Marzo il Sindaco farebbe una cosa gradita a tutta la cittadinanza se rassegnasse le dimissioni. La città non può stare un altro anno in balia di un Sindaco che ormai da tempo ha cessato la sua funzione. Lo sanno tutti. Forse solo Lui non se ne è accorto. 

Il sindaco era stato eletto per amministrare la città di Monreale. Da tempo, ormai, fa solo ordinaria amministrazione e partecipa a cerimonie. Monreale, sin da subito, merita una amministrazione capace di ridarle quel posto di rilievo che da sempre ha occupato nella storia per merito soprattutto dei suoi monumenti lasciatici dai nostri avi.

Ricevi tutte le news

Lillo Sanfratello

Sentirel ‘avvocato Ganci dire queste cose è un offesa all’intelligenza degli uomini e delle donne che hanno creduto e che credono nel PD .Il suo parlare con lo stomaco parte da lontano lui dimentica che la sua segreteria nel 2013 si è inventata le primarie bluff di partito vinte da Di Salvo e le primarie di coalizione e vinte da Capizzi per poi consegnare il partito lui insieme ad altri nelle mani di Toti Zuccaro uno che con le sinistra non ci azzecca niente visto il suo passato e l’attuale presente di adesione al centro destra con Saverio Romano .Non capisco di cosa parla l’unica cosa chiare è che sino a quando sua moglie era in giùnta l’architetto Grana il PD amministrava bene dopo quando sua moglie è uscita dalla giunta perche è stata sostituita il PD fa schifo nella vita ci vuole coraggio nelle propri azioni e lui si è girato le sette chiese passando da Cracolici a Lupo a Faraone …..ecc per ora approdare da come si legge su Facebook ai M5s Ma cosa ci vuole venire ad insegnare ? Gente come lui non può stare nel PD le sue origini non sono queste e purtroppo alla lunga la verità esce fuori . Ma poi a che titolo parla e stato il peggior segretario che il PD abbia avuto inconsuete te e messo la da Tonino Russo lui che so definiva il ” colonnello ” Dell onorevole allora. Stai zitto e pensa alla tua professione .per gente come lui molti abbiamo lasciato il PD ma fatto il restailing non escludo un ritorno nel nostro partito.

7 marzo 2018 | 11:33 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Roberto Gambino: “Sarò il candidato sindaco”. E conferma: “Se andiamo al ballottaggio vinceremo”

    In Evidenza

    [gallery ids="92343,92342,92341,92340,92339,92338,92337,92332,92331,92330,92328,92327,92326"] Monreale, 15 febbraio 2019 - “Sarò il candidato sindaco”. Questo pomeriggio, all’interno di un’affollata aula consiliare, Roberto Gambino ha sciolto la riserva, visibilmente emo..

    Continua a Leggere

  • Operaio muore schiacciato, tragedia a San Cipirello

    In Evidenza

    San Cipirello, 15 febbraio 2019 - È la terza in pochi giorni, ancora una

    Continua a Leggere

  • Incidente in via Pietro Novelli. Un malore improvviso gli fa perdere il controllo dell’auto

    In Evidenza

    Monreale, 15 febbraio 2019 - Un malore, probabilmente un capogiro, lo ha colpito all’improvviso mentre era alla guida della sua auto insieme alla moglie. L'uomo di 62 anni, ha perso il controllo della Fiat Punto su cui viaggiava finendo fuori strada. La vettura è finita contro un tubo del metano ..

    Continua a Leggere

  • Ars, approvata la finanziaria. Salvata Riscossione Sicilia e i precari dei comuni in dissesto passano a Resais

    In Evidenza

    Palermo, 15 febbraio 2019 - La finanziaria regionale è stata approvata nella notte. Come già accaduto molte altre volte in precedenza, l'esame del documento finanziario si è protratto fino a tarda ora e il voto finale è arrivato dopo le sette di mattina, con 44 voti a favore e 28 contrari. D..

    Continua a Leggere

  • Roberto Gambino candidato sindaco? Oggi scioglierà la riserva. La squadra sarà quasi tutta presente

    In Evidenza

    Monreale, 15 febbraio 2019 - C’è molto interesse intorno all’incontro che si terrà questo pomeriggio in aula consiliare, nel corso del quale Roberto Gambino scioglierà la riserva in merito alla sua decisione di accettare l’invito a candidarsi a sindaco di Monreale. Una riserva mantenuta fin..

    Continua a Leggere

  • Chi è Salvatore Milano, già arrestato nel 2008 nell’operazione Perseo. Al maxiprocesso, Buscetta e Contorno lo indicavano quale socio occulto del marchio “Bagagli”

    In Evidenza

    Palermo, 15 febbraio 2019 - È scattata questa mattina la confisca di svariati beni appartenuti a Salvatore Milano e Filippo Giardina, nei confronti dei quali il Tribunale ha anche disposto la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno in città, per 4 anni per il ..

    Continua a Leggere

  • Abbandono rifiuti e scarti edili, Lo Biondo (#OLTRE): “La mia proposta per prevenire il degrado del territorio”

    In Evidenza

    Monreale, 15 febbraio 2019 - Ancora una proposta amministrativa arriva da Massimiliano Lo Biondo, candidato a sindaco alle prossime consultazioni del 28 aprile con la lista #OLTRE. Stavolta l’obiettivo è il contrasto all’abbandono selvaggio di rifiuti e scarti edili. “Necessario prevenire ..

    Continua a Leggere

  • Confiscati i 3 punti vendita Bagagli di Palermo e beni per 8 milioni di euro. Secondo la Procura sono riconducibili a Cosa Nostra

    In Evidenza

    Palermo, 15 febbraio 2019 - L a Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito questa mattina un decreto di confisca, emesso dal Tribunale di Palermo, nei confronti di Salvatore Milano, 66 anni, e Filippo Giardina, 66 anni. Le indagini su Milano e Giardina ebbero inizio..

    Continua a Leggere

  • Fondi a favore degli inquilini morosi incolpevoli. Ecco come accedere

    In Evidenza

    Monreale, 15 febbraio 2019 - Scade il 31 dicembre 2019 il bando per accedere al “Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli”. Il contributo riservato a favore del Comune di Monreale è destinato a sostenere i conduttori morosi al fine di prevenire gli sfratti. La somma sarà erogata in mo..

    Continua a Leggere

  • Scenari post-apocalittici in via Pio La Torre: topi, cani randagi, spazzatura e televisori rotti (FOTO)

    In Evidenza

    [gallery ids="92216,92217,92218,92219,92220,92221"]

    Monreale, 14 febbraio 2019 - È capitato spesso, purtroppo, di parlare di rifiuti abbandonati, sporcizia e degrado, ma il caso di via Pio La Torre è uno dei più vergognosi. L’argomento è già stato trattato in a..

    Continua a Leggere

  • Branco di cani aggredisce due passanti in poche ore. È emergenza randagismo a Monreale

    In Evidenza

    Monreale, 14 febbraio 2019 -Continua l’emergenza randagismo. Due nuovi episodi di aggressione, nel giro di poche ore, ai danni di due persone, si sono verificati a Monreale, nello specifico in via linea Ferrata nei pressi della galleria dove i cani stazionano da tempo. U..

    Continua a Leggere

  • Far West a Palermo, un giovane rapina una farmacia in via Villagrazia e fugge in auto

    In Evidenza

    Palermo, 14 febbraio 2019 - Rapina a mano armata questa mattina a Palermo, dove in via Villagrazia un giovane munito di pistola ha fatto irruzione in un farmacia minacciando il titolare e alcuni clienti presenti. Non sono ancora totalmente chiare le dinamiche dell'accaduto, il tutto è avvenuto i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, psicologa tra i banchi di scuola. La dott.ssa Gaia Albano incontrerà gli studenti per prevenire disturbi dell’alimentazione

    In Evidenza

    Monreale, 14 febbraio 2019 - Negli ultimi giorni l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Serena Potenza, ha incontrato presso la Sala Rossa del Comune di Monreale i dirigenti e i referenti delle scuole primarie, secondarie e superiori della città al fine di organizzar..

    Continua a Leggere

  • Ars, bocciato il “modello Portogallo”, è polemica. Miccichè: “Clima di ostilità”

    In Evidenza

    Palermo, 14 febbraio 2019 - Stasera il Parlamento siciliano sarà impegnato nell'approvazione della legge di Stabilità regionale. La maggioranza in Aula da lunedì è andata sotto 4 volte e le polemiche hanno infiammato il Palazzo dei Normanni. Ieri i parlamentari si sono trovati ad affrontare u..

    Continua a Leggere

  • Al P. Novelli l’inaugurazione della Biblioteca Scolastica Innovativa. Le nuove tecnologie per avvicinare i giovanissimi e i meno giovani alla lettura

    In Evidenza

    [gallery ids="92125,92126,92127,92128,92129,92130,92131,92132,92133,92134,92135,92136,92137,92138,92139,92140"] Monreale, 14 febbraio 2019 - "Ho imparato a leggere a cinque anni, nella classe di fratel Justiniano, nel Colegio de la Salle, a Cochabamba, in Bolivia. È la cosa più importante ..

    Continua a Leggere

  • “Comitato Pioppo comune autonomo”: “Capizzi, Caputo, Lo Biondo, Russo e il PD a favore? Ma nel 2010 si schierarono contro”

    In Evidenza

    Monreale, 13 febbraio 2019 - Il progetto autonomista del “Comitato Pioppo comune autonomo” va avanti. I confini del nuovo territorio sono stati ben definiti. Includono un territorio ridotto rispetto al precedente progetto, ma con una popolazione decisamente accresciuta. In base ..

    Continua a Leggere

  • Massimiliano Lo Biondo (#OLTRE): “Premio chi differenzia”. Questa la mia proposta sulla raccolta differenziata

    In Evidenza

    Monreale, 14 febbraio 2019 - Sono in vista nuovi possibili sviluppi nella gestione della raccolt..

    Continua a Leggere

  • Monreale verso le comunali. Manutenzione strade, illuminazione, aree verdi. Cosa farà il futuro sindaco per San Martino?

    In Evidenza

    Monreale, 14 febbraio 2019 - Cosa farà il futuro sindaco per San Martino delle Scale? Se lo chiedono i residenti della frazione di Monreale che con l'avvicinarsi delle elezioni comunali stanno iniziando a valutare su chi riporre la propria fiducia elettorale. Strade sicure e senza buc..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com