Oggi è 25/04/2018

Politica

Populismo, declino della politica, riesumazione di un passato storico tragico, addobbato di valenze tanto inesistenti quanto pericolose

La politica che parla alla pancia degli italiani, alimentando messaggi xenofobi, razzisti, fascisti

Pubblicato il 25 febbraio 2018

Populismo, declino della politica, riesumazione di un passato storico tragico, addobbato di valenze tanto inesistenti quanto pericolose

Monreale, 25 febbraio 2018 – 

“Io, se fossi Dio,

non avrei fatto gli errori di mio figlio,

e sull’amore e sulla carità

mi sarei spiegato un po’ meglio.

Infatti non è mica normale

che un comune mortale

per le cazzate tipo “compassione” e “fame in India”,

c’ha tanto amore di riserva

che neanche se lo sogna,

che viene da dire:

ma dopo come fa a essere così carogna?”

“Io se fossi Dio” è un bellissimo brano di Giorgio Gaber del 1980. Il pezzo è uno di quelli particolarmente sofferti, un lungo e amaro atto di accusa alla società e alla politica italiana di quegli anni. Una poetica fatta di parole dure e affilate come lame, con le quali Gaber si rivolge ai politici, ai giornalisti e a tutti quelli che andavano (e vanno tuttora) avanti tra ipocrisia e disonestà intellettuale. Alla rabbia segue poi uno struggente senso di scoramento unito ad un’apparente rassegnazione e distacco.

Mi è sempre piaciuta questa canzone, come d’altronde tutta la produzione di Giorgio Gaber, poiché risulta essere  tristemente attuale a distanza di quasi quarant’anni.

Credo che Gaber stesso, quando scrisse questo testo, come tanti altri testi, non immaginasse (o forse sì) quanto esso potesse risultare reale e adattabile a possibili e ben più complessi scenari futuri.

In questo preciso momento della storia contemporanea si assiste forse al declino più evidente di quella politica finalizzata, almeno ideologicamente, al bene comune, alla tutela di ogni prerogativa sociale, la cosiddetta politica con la P maiuscola. A ciò corrisponde un’inesorabile, preoccupante e in parte giustificata sfiducia nelle istituzioni, sempre più generalizzata.

Una buona parte della società attuale ha perso la speranza e di conseguenza una vitale prospettiva futura

Ciò che rappresenta ormai il dato più allarmante, di fatto, nasce dalla constatazione di come una buona parte della società attuale abbia perso la speranza e di conseguenza una vitale prospettiva futura, incarnata nella voglia costante di impegnarsi per un mondo migliore.

La gente sembra sempre più rassegnata al declino e, di conseguenza, a un individualismo senza precedenti. Persino una cospicua porzione di quelli che hanno sempre creduto ai più radicati ed elevati valori legati a un impegno politico intellettualmente onesto ed efficace, mostra di essersi ormai arresa dinnanzi ai reiterati e macroscopici fallimenti.

L’individualismo fomentato dalla sfiducia nella politica e nelle istituzioni che della politica sono l’espressione, fa rima con populismo, l’autentico “termine-emblema” dei nostri tempi.

Consultando i significati che il dizionario Treccani attribuisce alla definizione di populismo leggiamo: “atteggiamento ideologico che, sulla base di princìpi e programmi genericamente ispirati al socialismo, esalta in modo demagogico e velleitario il popolo come depositario di valori totalmente positivi”.

Nel suo significato più esaustivo e non banalizzato dall’uso demagogico che si fa del termine stesso, esso, in buona sostanza, rappresenta l’idea che “il popolo” sia sempre dalla parte della ragione, e che affidarsi al popolo sia l’approccio migliore per affermare la “verità” rispetto alle proposte e alle decisioni, considerate non del tutto aderenti alle istanze popolari, proprie della politica “elitaria”.

Nella realtà attuale il termine “populismo” ha assunto un significato molto più ambiguo e sfaccettato, una sorta di marchio ambivalente per delineare l’ascesa politica, figlia dell’insoddisfazione e della sfiducia generalizzate, di gruppi e movimenti diversi tra loro, alcuni dei quali ispirati da posizioni palesemente nazionaliste, conservatrici e di destra. Gruppi politici che fondano il loro “esistere” sulla contestazione, a volte un po’ pretestuosa e non del tutto sincera e autentica, delle classi dirigenti attuali. Una contestazione che, però, pare non voglia contrapporre alla politica tradizionalmente intesa l’idea originaria che ha plasmato la definizione autentica di populismo.

I messaggi cosiddetti populisti, che circolano e si intrecciano come corollario di questo traballante e incerto quadro politico italiano, non supportano, infatti, il dato comune secondo cui il popolo nel suo insieme unitario rappresenti la verità, anzi ritengono spesso che la ragione stia nelle fazioni più o meno estese a cui appartengono, in totale opposizione ad altre diverse fazioni populiste.

Tra le pieghe di tali messaggi troviamo tutto ciò che solletica, più o meno esplicitamente, la rabbia sofferente di molti italiani, quella rabbia di “pancia”, quella più immediata e tangibile.

Se é vero, però, che la “pancia” per certi versi può essere intesa come il nostro “secondo cervello”, è altrettanto vero che essa non ha memoria: la pancia soffre, ma non riflette, urla ma non comunica, rigurgita ma non si ferma a pensare.

La “pancia”, inoltre, non segue traiettorie riflessive, reali e di buon senso per cercare di stabilire una diagnosi certa ai sintomi delle gravi iniquità sociali, la “pancia” segue percorsi accidentati e vicoli ciechi che attribuiscono la responsabilità di ogni anomalia solo ad un versante, ovvero a determinate “categorie” di individui o a specifiche situazioni in maniera non di rado pretestuosa.

Tali pretesti sono convenienti e si prestano come oggetto prioritario per tessere la trama di supposizioni politiche spesso frutto di “visioni d’insieme” troppo soggettive e superficialmente interpretate. 

La “pancia” non si pone molti perché, la “pancia” sente come elementi propri solo i rigurgiti rabbiosi, che siano xenofobi, razzisti o fascisti poco importa, la “pancia” vomita bile … quello sa fare.

Su questa modalità si sta avviando uno stile piuttosto omologato e omologante di ipotizzare l’impegno politico, si nota, infatti, una sorta di “populizzazione” in chiave aggressiva di ogni ideale propositivo.

La “pancia” sente come elementi propri solo i rigurgiti rabbiosi, che siano xenofobi, razzisti o fascisti poco importa, la “pancia” vomita bile … quello sa fare

Si assiste alla manifestazione di ogni principio e del suo contrario, alla strumentalizzazione di qualsiasi pretesto, valore o fatto di cronaca, alla riesumazione di un passato storico che può definirsi universalmente tragico, per addobbarlo di valenze tanto inesistenti quanto pericolose.

La speranza, l’umanità, la condivisione (sempre che siano mai autenticamente esistite come valore intrinseco e imprescindibile) sembrano frantumarsi contro il muro dell’indifferenza e della rabbia, come se l’esistenza di alcuni esseri umani rappresentasse un grave danno per l’esistenza di altri esseri umani e che la rimozione della possibilità di una comune convivenza costituisse la panacea di tutti i problemi sociali ed economici.

La speranza basata esclusivamente su soluzioni sociali che sottendono l’esclusione, spacciate come percorsi equi e pseudo-solidali, sui quali, però, incombe, più o meno esplicitamente, l’ombra cupa del razzismo e della xenofobia, non è da ritenersi tale. 

La speranza per un mondo più giusto ed equo deve avere radici che affondano nel terreno fertile della moralità e dell’etica, perché, come dice Gaber: “se io fossi Dio non avrei proprio più pazienza inventerei di nuovo una morale e farei suonare le trombe per il Giudizio universale”

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • San Cipirello, ritrovato morto l’anziano scomparso tre giorni fa

    Politica

    San Cipirello, 25 aprile 2018 - Dopo tre giorni di ricerche è stato ritrovato morto il 76enne scomparso. I carabinieri hanno rivenuto il cadavere di G.D.L. impiccato a un albero nelle campagne di San Cipirello. L'uomo si era allontanato da casa sua per raggiungere Piana degli Albanesi, fare una ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità, per la conclusione dell’anno giubilare del 750° anniversario della dedicazione della Basilica Cattedrale

    Politica

    Monreale, 25 aprile 2018 - Si terrà domani pomeriggio, alle ore 17,00, la conclusione dell’anno giubilare del 750° anniversario della dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale. Il 25 aprile 1267, primo lunedì dopo l’ottava di pasqua, la cattedrale fu consacrata alla Madonna dal Car..


  • Monreale, dalla periferia alla città: erba alta e incuria

    Politica

    Monreale, 24 aprile 2018 - Erba non tagliata, erbacce alte fino a un metro e mezzo, vegetazione incolta e degrado diffuso. Questa è la situazione che si presenta sia alle porte di Monreale che nei quartieri del centro storico. Manutenzione dei marciapiedi, delle strade e sfalcio d'erba as..


  • Belmonte Mezzagno. Reintegrati al comune due geometri sospesi in seguito all’operazione Perseo

    Politica

    Belmonte Mezzagno, 24 aprile 2018 - I giudici del Tar Lazio hanno accolto il ricorso presentato da due geometri del Comune di Belmonte Mezzagno che erano stati rimossi dopo le ispezioni prefettizie su possibili infiltrazioni mafiose degli organi elettivi. Nel 2008, nel corso dell’operazione dei..


  • Autismo, l’acqua può sviluppare la fiducia in sé stessi

    Politica

    Monreale, 24 aprile 2018 -Nell’aula Sarina Ingrassia, le settimane scorse si sono svolti una serie di incontri tra ..


  • Mafia di San Giuseppe Jato e Monreale. Condanne per oltre 2 secoli di carcere I NOMI e FOTO

    Politica

    [gallery ids="59992,59993,59994,59995,59996,59997,59999,60000,60001,60002,60003,60004,60005,60006,60007,60008,60009,60010,60011,60012,60013,60014,60015,60016,60017,60018,60019,60020,60021"] Palermo, 24 aprile 2018 - Il giudice Ferdinando Sestito del Tribunale ordinario di Palermo – sezione del Gi..


  • Grisì, un uomo impatta con due autovetture. Arrestato dai Carabinieri

    Politica

    Grisì, 24 aprile 2018 - Nella serata di lunedì 23 aprile, i militari della Stazione di Grisì (PA) hanno tratto in arresto un uomo, colto in flagranza del reato di danneggiamento aggravato di autovetture. L’uomo, alla guida della propria autovettura, andava ad impattare contro due autove..


  • San Cipirello, 76enne esce per comprare il pane e scompare

    Politica

    San Cipirello, 24 aprile 2018 - Da domenica 22 aprile non si hanno più notizie del 76enne Giuseppe De Luca. Era uscito di casa, San Cipirello, per raggiungere Piana degli Albanesi. Lì avrebbe dovuto comprare il pane, fare una passeggiata per il paese e passare al circolo ricreativo, ma dell'anzian..


  • Monreale. La donna nel corso dei secoli, attraverso il ritratto di Rosalia Novelli, la Virdimura e Mariannina Coffa

    Politica

    “La donna e l’intelligenza: una sfida lungo i secoli”. È questo il tema dell’incontro che si terrà sabato 28 aprile, alle ore 17,30, presso la Biblioteca Santa Maria La Nuova (sezione Fondo antico), nel complesso Guglielmo II. L’incontro sarà l’occasione per presentare il libro di Rit..


  • Villa comunale, un pool di esperti volontari per il ripristino dell’area in frana

    Politica

    Monreale, 24 aprile 2018 - Stamattina si è svolto un sopralluogo tecnico all'interno della Villa comunale di Monreale finalizzato alla sua riapertura integrale. Il Giardino delle delizie monrealese, dal marzo 2011, a seguito del crollo di una porzione di muro della balconata del Belvedere, era stat..


  • Colpo al clan mafioso di Monreale, sequestrati i beni a Vincenzo Madonia

    Politica

    Palermo, 24 aprile 2018 - La sezione Misure di Prevenzione della Procura di Palermo ha deciso il sequestro di alcuni beni riconducibili a Vincenzo Madonia, uomo d’onore monrealese, ex parrucchiere, arrestato nel 2008 e condannato nell’ambito dell’operazione antimafia Perseo, che bloccò il ten..


  • Monreale, sindaco senza maggioranza solida. Va sotto in consiglio comunale

    Politica

    Monreale, 24 aprile 2018 - La maggioranza non ha i numeri in consiglio comunale e non riesce ad approvare il regolamento per la gestione della galleria civica. Al momento della votazione una cospicua schiera di consiglieri di minoranza, nel corso della seduta di ieri, ha abbandonato l’aula non con..


  • Partirà con anticipo la campagna antincendio in Sicilia

    Politica

    Palermo, 23 aprile 2018 - Quest’anno saranno 15 i mezzi aerei a disposizione in Sicilia per fronteggiare gli incendi nella stagione estiva; nove sono messi a disposizione dal Dipartimento nazionale della Protezione civile, quattro dei quali finanziati dalla Regione siciliana in convenzione con for..


  • Furto all’ospedale Cervello, rubati quattro computer per la ricerca (FOTO)

    Politica

    Palermo, 23 aprile 2018 - Ancora furti all’ospedale Cervello. La scorsa notte sono stati presi di mira dai ladri quattro computer in uffici e laboratori, utili al funzionamento di importanti macchinari per la diagnosi e la ricerca contro le leucemie e i linfomi.&n..


  • In vigore l’Edilizia libera 2018: 58 gli interventi che non necessitano più di autorizzazione

    Politica

    Una bella notizia per chi vorrebbe eseguire dei lavori di manutenzione, di installazione di impianti o semplicemente vuole ristrutturare la propria abitazione. È entrato in vigore il decreto del 22 marzo che contiene il glossario dell’edilizia libera. Il documento contiene l’elenco di tutte le ..


  • “Era un giardino meraviglioso: piante esotiche, alberi di banano, maestosi ficus e una vasca con calle e pesci rossi”. Il racconto di Maria, nipote del custode della Villa

    Politica

    Monreale, 23 aprile 2018 - In questo ultimo periodo la redazione di FiloDiretto Junior, insieme ai compagni delle classi I F e I E della scuola media di Aquino, ci siamo occupati di ricostruire la storia della villa Belvedere di Monreale. Le ultime vicende riguardanti i due ficus della villa ci hann..


  • Tragedia a Palermo, un ragazzo di 18 anni si lancia dal nono piano

    Politica

    Palermo, 23 aprile 2018 - Un'altra tragedia della disperazione a Palermo che provoca un grande dolore in parenti e amici. Un ragazzo di 18 anni è morto dopo essersi lanciato dal nono piano di un palazzo. La tragedia si è consumata nel rione Sperone di Palermo.   Ad avvertire la polizi..


  • La Confraternita SS. Crocifisso e l’impegno verso i giovani. Valentino Mirto: “Abbiamo solo una stanza dove riusciamo a fare tanto”

    Politica

    [caption id="attachment_59736" align="alignright" width="300"] Foto Massimo Palmigiano[/caption] M..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com