Santo D’Alcamo. Da assessore a Monreale a Senatore della Repubblica?

D’Alcamo è inserito nel listino dopo Giulia Bongiorno, già candidata in un collegio uninominale “sicuro”. E’ come essere il primo in lista

Monreale, 30 gennaio 2018 – Santo D’Alcamo, assessore del comune di Monreale, tenta il grande salto. É candidato per la Lega al Senato della Repubblica italiana, inserito nel listino della circoscrizione Sicilia Occidentale.

Santo D’Alcamo, classe 1976, residente nella frazione di Pioppo, dipendente della Ericsson SPA, è stato candidato al consiglio comunale di Monreale nel 2014 nella lista “Alternativa Civica”. Primo dei non eletti con 228 preferenze, dall’11 ottobre 2016 è stato chiamato dal sindaco Capizzi a fare parte della giunta.

Nel suo percorso politico una esperienza di consigliere comunale, tra il 2009 e il 2014. Eletto nella lista civica “Insieme”, successivamente ha creato a Monreale il gruppo di Grande Sud, il partito fondato da Gianfranco Micciché. Adesso si candida con la Lega di Matteo Salvini. Perché?

“La mia candidatura – spiega D’Alcamo – viene fuori da un progetto elaborato da una confederazione di consorzi (UN.I.C.A.) di circa 3.600 autoscuole presenti in Italia. Un’associazione di categoria che, vivendo una serie di problematiche da tempo irrisolte, ha lanciato l’iniziativa di proporre una candidatura che potesse presentare le istanze della federazione nell’ambito del centro destra. Ha quindi cercato un confronto con diverse forze politiche e dopo un’attenta analisi ha deciso di dialogare con la Lega”.

Il percorso di D’Alcamo in seno alla Lega di Salvini è recente, non ha ancora la tessera. “Mi sono avvicinato da poco alla Lega, ho partecipato a Roma il 18 gennaio ad una conferenza. Della Lega apprezzo il radicamento con i territori, scelgono uomini presenti nel territorio e che hanno svolto ruoli negli enti locali. Ho militato in Grande Sud, credo in un partito federale, territoriale. Ma non è bastato che venissi indicato da UN.I.C.A. per essere candidato. I dirigenti del partito hanno esaminato il mio curriculum politico e professionale prima di dare il loro assenso”.

Della Lega apprezzo il radicamento con il territorio

D’Alcamo è Segretario della Scuola Diocesana di formazione Sociale e Politica dell’Arcidiocesi di Palermo, e Presidente dell’Associazione Culturale “Società Domani” impegnata nella difesa dei princìpi naturali e nella diffusione della Dottrina Sociale della Chiesa: “Mi ispiro ai princìpi della dottrina della Chiesa cattolica, la salvaguardia della persona umana, la sussidiarietà, il bene comune”.

Mi ispiro ai princìpi della dottrina della Chiesa cattolica

D’Alcamo è inserito nel listino al secondo posto, dopo Giulia Bongiorno, già candidata in un collegio uninominale “sicuro”. Di fatto quindi per il candidato monrealese è come essere il primo della lista. E se dovesse scattare anche un solo seggio alla Lega per la Circoscrizione Sicilia Occidentale il posto a Palazzo Madama per l’assessore monrealese costituirebbe una possibilità più che concreta.

In questa corsa per il Parlamento nazionale con la Lega D’Alcamo si trova in compagnia di una concittadina, Sabina Bonelli, candidata per il Collegio plurinominale alla Camera (Bagheria, Marsala, Trapani, Monreale).

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.